G. Bolacchi, Il concetto di organizzazione secondo il paradigma scientifico, in: U. Colombo, G. Lanzavecchia (a cura di ), Dalla tribù alla conquista dell'universo, Scheiwiller, Milano, 2000

Le problematiche organizzative si sono sviluppate, soprattutto nella seconda metà del secolo appena trascorso, in modo disordinato, secondo una prospettiva del senso comune, lontana dal rigore metodologico dell’analisi scientifica. La confusione metodologica è generalizzata e pone buona parte delle discipline sociali in una situazione di grave arretratezza nei confronti delle scienze naturali; questa arretratezza è utilizzata dai naturalisti per sottolineare la superiorità dei propri studi e dai filosofi per continuare a imporre l’intuizione come unico metodo conoscitivo sull’uomo, contro la prospettiva sperimentale galileiana.

Gli studiosi delle discipline sociali non sempre si rendono conto della debolezza delle proprie analisi, a stento protetti da un uso della statistica privo di ipotesi teoriche di riferimento riguardanti il contesto sociale, e spesso colgono ogni occasione per opporsi, con argomentazioni inconsistenti, all’analisi scientifica del comportamento. La delimitazione precisa del campo di ricerca, che consente al comportamentismo di costruire, su basi sperimentali, un linguaggio esplicativo intersoggettivo e sintatticamente coerente, fondato su un insieme di relazioni (funzioni) tra termini aventi ciascuno un significato univoco (a differenza dei termini del linguaggio comune che hanno ambiti di significatività del tutto indeterminati e generici), anziché apparire come un importante traguardo conoscitivo, è vista da molti ricercatori sociali come una eccessiva semplificazione.

I pregiudizi derivanti dal dualismo uomo-natura giocano un ruolo molto importante nell’orientare gli studiosi verso schemi particolaristici tra loro contrapposti, piuttosto che verso una rappresentazione generale e integrata. Inoltre, se le analisi sono particolari e specifiche si corre il rischio, come avviene nel campo degli studi organizzativi, di confondere l’aspetto teorico (esplicativo) dell’organizzazione col suo aspetto economico o col suo aspetto politico fondato necessariamente su paradigmi valutativi.

Autore
Giulio Bolacchi

Titolo

Il concetto di organizzazione secondo il paradigma scientifico


Pubblicazione
U. Colombo, G. Lanzavecchia (a cura di), Dalla tribù alla conquista dell’universo. Scienza, tecnologia e società

Editore
Libri Scheiwiller, Milano

Anno
2000

1. Premessa metodologica

2. L’analisi scientifica del comportamento e l’esplicazione del concetto di organizzazione

3. Alcune osservazioni critiche sugli studi organizzativi

Conclusioni

Howard E. Aldrich, Organizations evolving, Sage Pubblications, London, 1999

Robert Axelrod, Giochi di reciprocità, Feltrinelli, Milano, 1985

Giulio Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia. Critica di alcune prospettive metafisiche, in Studi di Economia, 1972, vol. III, n. 5

Giulio Bolacchi, Concorrenza, collettivismo e pianificazione, in Studi di Economia, 1974, vol. V, n. 3

Giulio Bolacchi, Le scatole vuote della sociologia, in J. Jacobelli (a cura di), Dove va la sociologia italiana? Laterza, Bari, 1988

Giulio Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, Dattena, Cagliari, 1998

Giuseppe Bonazzi, Storia del pensiero organizzativo, FrancoAngeli, Milano, 1998

Gibson Burrell, Gareth Morgan, Sociological Paradigms and Organizational Analysis, Heinemann Educational Books, Portsmouth, 1979

Edward Gross, Amitai Etzioni, Organizzazioni e società, Il Mulino, Bologna, 1996

Richard J. Herrnstein, Will, in Proceedings of the American Philosophical Society, 1964, vol. CVIII

Richard J. Herrnstein, On the Law of Effect, in Journal of the Experimental Analysis of Behavior, 1970, 13

Thomas A. Kochan, Michael Useem (eds.), Transforming Organizations, Oxford University Press, New York, 1992

James G. March, Herbert A. Simon, Teoria dell’organizzazione, Edizioni di Comunità, Milano, 1966

Henry Mintzberg, La progettazione dell’organizzazione aziendale, Il Mulino, Bologna, 1996

Gareth Morgan, Images, FrancoAngeli, Milano, 1998

Raoul C.D. Nacamulli, Andrea Rugiadini (a cura di), Organizzazione e mercato, Il Mulino, Bologna, 1985

Mancur Olson, La logica dell’azione collettiva, Feltrinelli, Milano, 1983

Charles Perrow, Le organizzazioni complesse, FrancoAngeli, Milano, 1988

Howard Rachlin, Behavior and Mind. The Roots of Modern Psychology, Oxford University Press, New York, 1994

Richard W. Scott, Le organizzazioni, Il Mulino, Bologna, 1994

Burrhus F. Skinner, Oltre la libertà e la dignità, A. Mondadori, Milano, 1973

Burrhus F. Skinner, La scienza del comportamento ovvero il Behaviorismo, SugarCo, Milano, 1976

Burrhus F. Skinner, Scienza e comportamento, FrancoAngeli, Milano, 1978

Burrhus F. Skinner, Selection by Consequences, in Science, 1981, vol. 213

Alan Sokal, Jean Bricmont, Imposture intellettuali, Garzanti, Milano, 1999

John E.R. Staddon, Behaviorism. Mind, Mechanism and Society, Duckworth, London, 1993

error: Protetto © Giulio Bolacchi