sottosviluppo

Tra quanto è stato detto e ciò che è stato fatto per lo sviluppo del Mezzogiorno esiste una vasta discrepanza; spesso il discorso è stato deontologico e la ricerca socio-economica puramente descrittiva, priva della capacità di individuare le cause del sottosviluppo. Gli economisti, data la struttura logico-matematica e una maggiore anzianità della loro disciplina rispetto alle altre scienze sociali, riescono a influenzare gli orientamenti politici; ma non riescono a individuare le variabili che nelle aree non sviluppate determinano l’accumulazione endogena, limitandosi alle ipotesi fondate sul trasferimento di risorse dall’esterno. Gli interventi di politica economica fondati tali ipotesi si sono risolti nella localizzazione di attività industriali avulse dal contesto economico preesistente e, lungi dall’eliminarla, hanno determinato una accentuazione della dipendenza della struttura economica arretrata dal flusso continuo di risorse che provengono dall’esterno dell’area.

In realtà la variabile strategica dello sviluppo endogeno non è economica, bensì sociale. Il mercato oligopolistico individua, infatti, un processo di integrazione sociale complesso, che investe sia le aree sviluppate (le quali hanno interesse a mantenere gli equilibri delle aree sottosviluppate), sia le aree sottosviluppate (le quali hanno interesse a mantenere i propri equilibri di sottosviluppo, che tendono a trasformarsi in “equilibri di consumo” livellati a quelli delle aree sviluppate, ma non in “equilibri di produzione”). Il compito del sociologo è quello di individuare i fattori culturali e politici  che caratterizzano questa situazione.

Per risolvere il problema del passaggio dal sottosviluppo allo sviluppo occorre quindi superare le carenze teoriche dei modelli finora formulati e portare avanti una prospettiva scientifica che integri la componente economica e quella sociologica. L’economista controlla gli equilibri del sistema economico, indica le situazioni di disequilibrio e fornisce correttivi per eliminarle. Il sociologo dovrebbe fornire al politico un supporto altrettanto valido con riferimento al controllo degli equilibri sociali e della dinamica culturale nell’ambito di una società pluralistica.

Autore
Giulio Bolacchi

Titolo

Il passaggio dal sottosviluppo allo sviluppo tra analisi economica e analisi sociologica online


Pubblicazione
G. Costantini (a cura di), Per una storia della sociologia in Italia. Gli anni ’50 e il Mezzogiorno

Editore
Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli

Anno
1993

Il volume raccoglie i contributi della quinta Sessione del Forum permanente sulla questione meridionale, “Sociologia e sviluppo del Mezzogiorno negli anni ’50”, svoltasi a Bari il 19 e 20 luglio 1990 e promossa dall’Accademia di studi storici Aldo Moro.

error: Protetto © Giulio Bolacchi