7/15«L’intersoggettività costituisce pertanto l’unico criterio che può essere utilizzato ai fini dell’ampliamento del discorso scientifico (che su questo punto differisce dal discorso in senso lato ideologico o valutativo, per definizione soggettivo); ampliamento che può essere realizzato: (1) mediante l’introduzione di nuovi predicati sperimentali; (2) mediante l’introduzione di predicati limitativi che, sotto un profilo metodologico allargano l’ambito di significatività di una data struttura, e sotto un profilo sintattico costituiscono una specificazione dei predicati più generali che qualificano la struttura (e in questo senso possono essere detti predicati limitativi); (3) mediante l’introduzione di predicati di livello più astratto rispetto a un insieme di predicati che caratterizzano una struttura preesistente, in modo tale che la nuova struttura sia in grado di esplicare anche i fenomeni esplicativi nella struttura meno astratta (che mantiene la propria validità limitatamente ai postulati che la qualificano) come una specificazione dei predicati più generali della nuova struttura (più astratta); (4) mediante l’introduzione di nuovi predicati con l’uso di definizioni nominali.»

(G. Bolacchi, L’analisi scientifica del comportamento di scelta, parte II, pp. 11-12)

error: Protetto © Giulio Bolacchi