9/14«È possibile che non pochi equivoci sul concetto di borghesia siano stati originati anche dalla identificazione, che spesso se ne è fatto, con il c.d. ceto medio. E, forse, la polemica dei legittimisti contro i borghesi, in uno dei suoi aspetti meno fondati e più discutibili, quello della apparente mediocrità di quei tempi e di quella società borghese, che tendeva ad assicurare al medio un predominio quasi incontrastato, ha dato l’avvio a questa erronea identificazione. Ma il concetto di classe media è così radicalmente diverso da quello di borghesia e, in generale, di classe o gruppo sociale, quanto un concetto quantitativo può esserlo nei confronti di uno qualitativo; sì che, quando si disconosce la effettiva omogeneità sociale ed ideologica della borghesia e si tenta, consciamente o inconsciamente, di definire questa con quel concetto di medio, i risultati non possono non essere approssimativi e confusi, il concetto di borghesia svanisce e si dissolve: diventa sinonimo di un aggregato di individui raggruppabili solo sulla base di una differenziazione meramente quantitativa tra i vari strati sociali.»

(G. Bolacchi, Osservazioni sul concetto di “borghesia”, p. 26)

error: