G. Bolacchi, A New Paradigm for the Integration of the Social Sciences, in N.K. Innis (ed.), Reflections on Adaptive Behavior, MIT Press, 2008

  • 1/16«If the phenomena concerning humans and society are strictly related to each other, it appears difficult to justify the disjointness among economics, psychology and sociology. The disjointness, besides preventing the construction of a unitary theoretical reference paradigm, supports within the different disciplines such extensive “degrees of freedom” in research methods, theoretical schemata, and language tools that their languages often are not in accordance with the criteria for scientific (experimental) explanation (explication).» 

    (G. Bolacchi, A new paradigm for the integration of the social sciences, p. 316)

  • 2/16«The language of science must be logically consistent, in accordance with the more or less advanced processes of knowledge. When the language is totally or partly axiomatized, consistency is quite evident. Seeing that a scientific language necessarily implies a strict and univocal (experimental and/or statistical) semantic interpretation of its syntactic terms, consistency concerns, in the final analysis, semantic interpretation too, since the latter determines those properties to which the syntactic relations refer.»

    (G. Bolacchi, A new paradigm for the integration of the social sciences, p. 318)

  • 3/16«The reference paradigm is a strong one when the scientific language is constructed using the Galilean method of controlled (laboratory) experiment. In this case, the intersubjectiveness of the scientific language is guaranteed, together with its operativeness, because the scientific language is susceptible to experimental verification.»

    (G. Bolacchi, A new paradigm for the integration of the social sciences, p. 319)

  • 4/16«The scientific method imposes a clear-cut distinction between repetition time and evolution time, respectively related to reversibility and irreversibility. Every natural (physical), biological or behavioral phenomenon is characterized by evolution time, but the latter has to be considered as a parameter if one wants to explain the phenomenon in strict reversibility terms.»

    (G. Bolacchi, A new paradigm for the integration of the social sciences, p. 321)

  • 5/16«In spite of this axiomatization (now a basic reference point for which all other social sciences should aim), within economics many problems referable to the uniqueness and global stability of equilibrium remain unsolved. But even more critical problems (perhaps including the first two) exist. They concern the semantic interpretation of the theory and are closely associated with the exclusion of the psychological and social variables by economic analysis.»

    (G. Bolacchi, A new paradigm for the integration of the social sciences, p. 322)

  • 6/16«All these experiments suggest that the instability of the transitivity of preferences, i.e., the assignment of value by a subject to his own behaviors over time, derives from the processes of learning (reinforcement). Therefore, it should be social variables that determine preference ordering and its reversal, with special reference to the transitivity of the “is not preferred to” relation.»

    (G. Bolacchi, A new paradigm for the integration of the social sciences, pp. 324-325)

  • 7/16«Although economists tend to undervalue the set of other social behaviors that lie outside the language of economics, it is plain that if the assumption that all behaviors are in principle economic behaviors is rejected, then it is necessary to conclude that the set of factors distorting economic equilibrium is by definition exogenous to the economic system. It therefore becomes necessary to analyze the specific relations between the two sets and to define the functions between economic and other social operant-behavior sets, so as to enlarge the economic system by inserting specific variables external to the system without them losing their primary characterization (i.e., without making them endogenous according to the schemata currently used by economists.»

    (G. Bolacchi, A new paradigm for the integration of the social sciences, pp. 325)

  • 8/16«I.P. Pavlov and B.F. Skinner operated on the experimental level by totally isolating the system from the outside. However, this fact did not obstruct the finding of the basic laws of behavior; on the contrary, it helped. Nevertheless modern Aristotelians seem not to follow the lesson of science. They persist in doing experiments that contradict the scientific method, and do not keep under control the stimuli that conditioned the past history (learning as irreversible process) and that condition the current behaviors (learning as a reversible process) of the experimental subjects. Only “frictions” can emerge from these experiments, i.e., the behaviors clashing with the laws that should be verified.»

    (G. Bolacchi, A new paradigm for the integration of the social sciences, pp. 326-327)

  • 9/16«In the perspective of science, we can suppose that behavioral laws “exist”, but these latter are only learning laws and must not be confused with the environmental contingencies (i.e., the “contents” of reinforcement schedules) on which also economic behavior depends.»

    (G. Bolacchi, A new paradigm for the integration of the social sciences, p. 329)

  • 10/16«Perceiving states of consciousness as prime causes of behavior brings about a radical distortion of the knowledge man has about himself, since it leads to concentrating attention solely upon internal processes (that cannot be submitted to an intersubjective, quantitative and experimental scientific analysis) and to building up a cultural context and a pseudo-explicative language in conformity with this representation.»

    (G. Bolacchi, A new paradigm for the integration of the social sciences, pp. 329-330)

  • 11/16«All possible types of social interaction have to be explicated in terms of reinforcement, because the reinforcing stimuli for one subject’s social behavior sequences are, by definition, the behaviors of other subjects. As stated above, the set of social stimuli (the social environment) does not replace or remove the set of natural stimuli, but it widens the extent of control on behavior, determining a further constraint on the execution of instrumental sequences: in order that the subject can complete his sequence with the consummatory behavior, it is necessary that the instrumental behavior is compatible not only with the physical environment, but also with the social environment. In short, these are the basic reference points for the experimental analysis of social behavior.»

    (G. Bolacchi, A new paradigm for the integration of the social sciences, p. 332)

  • 12/16«One of the most important problems in the field of social studies is how to overcome conflict (negative involvement of interests). In fact, negative involvement expresses a situation of perfect social intertia, since neither of the two subjects is able to carry out autonomously his own operant sequence as the other subject, bringing into action the opposite operant sequence, blocks him (bars the reinforcement of the other subject’s instrumental sequence).»

    (G. Bolacchi, A new paradigm for the integration of the social sciences, p. 338)

  • 13/16«The explication of exchange within the theory of interests proves that the “is not preferred to” relation, which is the only one economists take into consideration, is coupled with the “is instrumental to” relation. As stated above, both the “is instrumental to” and the “is not preferred to” relations derive from the experimental analysis of behavior. Within the theory of interests, they are expressed by the instrumentality degree and the intensity level, respectively. Therefore it can be confirmed that economic behavior is a subset of social behavior.»

    (G. Bolacchi, A new paradigm for the integration of the social sciences, p. 342)

  • 14/16«This interpretation can be used to explicate the concepts of preference and utility within the more general behavioristic language. Preference expresses the order of intensity levels [of interests], whereas utility, in a general sense, does not express a property of one interest, but rather an instrumentality relation between two interests, one of which is sacrificed in order to gain the satisfaction of the other one. The utility of one interest is determined by the instrumentality of the sacrifice of another interest.»

    (G. Bolacchi, A new paradigm for the integration of the social sciences, p. 344)

  • 15/16«Organization is explicated in scientific terms by the positive involvement, with specific reference to the essential condition of the reciprocal complementarity of the two distinct instrumental interests sequences carried out by each subject. This reciprocal complementarity among instrumental interests belonging to different fields of interests is such that, in principle, each instrumental interest defines an organizational role and each tole, thus differentiated, is assigned to either subject whose interests are positively involved.»

    (G. Bolacchi, A new paradigm for the integration of the social sciences, p. 348)

  • 16/16«The free rider’s behavior can be generalized in a more abstract perspective within the theory of interests, as an element of the more general set of behaviors realized by the subjects who profit (without any positive involvement) by positive involvement among other subjects’ interests. With reference to the free rider, no cooperation can exist in the sense of immediate (direct) positive involvement.»

    (G. Bolacchi, A new paradigm for the integration of the social sciences, p. 352)

G. Bolacchi, On “Social Sciences” and Science, Behavior and Philosophy, 2004

  • 1/7«In short, research about man and society has to be redefined by overcoming the obstacles and the presuppositions of philosophical ideology and common sense. The so-called world of spirit (mind), which prevents us from building an experimentally based explanatory language of man univocally defined and implies in principle a multiplicity of often mutually contradictory perspectives, must be replaced by the world of behavior

    (G. Bolacchi, On “social sciences” and science, p. 467)

  • 2/7«Two kinds of histories of science therefore exist: (a) socio-psychological history concerning all the research methods, in whatever manner carried out, and the socio-psychological conditionings to which the researchers have been subjected in the social context where they worked; and (b) history, purified from socio-psychological connotations, concerning the research methods conforming to the constraints and to the cumulative results of science, i.e., the history of the deepening and widening of the domains of application of scientific language only.»

    (G. Bolacchi, On “social sciences” and science, p. 469)

  • 3/7«The history of scientific thought (and the Galilean revolution) shows us that “a shift in attitude that allows us to be more flexible” is by no means sufficient to construct, to widen, and to deepen the language of science, and even more the language of the social science. It is necessary to break the science away from the common sense; that is, to bear in mind the constraints settled first by Galileo and Newton.»

    (G. Bolacchi, On “social sciences” and science, p. 470)

  • 4/7«Controlled experiment entails a real methodological revolution (a revolution in the research methods) compared to the Aristotelian pre-scientific idea that still persists as a philosophical view of science and is seriously detrimental to the development of an actual social science. This revolution is founded on the rise of the Galilean and Newtonian concept of a closed or isolated system.»

    (G. Bolacchi, On “social sciences” and science, p. 471)

  • 5/7«A particular violation of semantic homogeneity criterion occurs in the field of psychology when behavioral variables and inner variables (expressing cognitive-type or, more specifically, emotional-type states) are related by pseudo-functions. The introduction of so-called intervening variables and hypothetical constructs, despite MacCorquodale’s and Meehl’s (1948) efforts, paves the way for a sort of anomalous functions (pseudo-functions) that do not conform to the semantic homogeneity criterion and are seriously prejudicial to scientific knowledge.»

    (G. Bolacchi, On “social sciences” and science, p. 476)

  • 6/7«Likewise, in economics the set of cognitive variables (upon which the explanation of choice is based) and the set of behavioral variables are mixed up, leading to a duplication of concepts and preventing translation of all the economic predicates into strictly behavioral predicates, which could have important repercussions on economic analysis as a whole and on so-called experimental economics. Moreover, this situation produces an anomalous dissociation between the logical–syntactic characterization of choice (which is identified with cognitive–rational choice) and the experimental–semantic characterization of choice behavior (behavioral choice), which is not considered at all by economists and cognitivists (with the obvious exclusion of cognitive-type “experiments”).»

    (G. Bolacchi, On “social sciences” and science, p. 477)

  • 7/7«The languages of neuroscience and behaviorism are characterized by completely different semantic interpretations, although they use the same syntactic structures founded on functions. It follows that, because of the lack of semantic homogeneity between the two disjoint languages, no functional relation can be given, by definition, between neuroscience and behaviorism.»

    (G. Bolacchi, On “social sciences” and science, p. 477)

G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, La programmazione in Sardegna, 2001

  • 1/43«Le zone di confine, quando non sono delimitate con precisione, tendono a trasformarsi in terre di nessuno sulle quali gli utilizzatori dei vari paradigmi conoscitivi tentano di imporre il proprio predominio, dando origine a una molteplicità di spiegazioni prive delle connotazioni tipiche dell’esplicazione scientifica. Queste spiegazioni, spesso fondate su forme palesi o latenti di anarchismo metodologico (più frequenti sul versante sociologico e psicologico), hanno finora rallentato una sistematizzazione degli studi sullo sviluppo, importanti non solo sul piano conoscitivo, ma anche perché incidono in modo diretto sul contenuto sociale ed economico e sulle politiche pubbliche di intervento, costrette a muoversi altrimenti senza punti di riferimento intersoggettivi, gli unici in grado di razionalizzare le propensioni a breve di gruppi sociali e politici in conflitto.»

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 69)

  • 2/43«A differenza dei modelli di crescita economica, quelle che genericamente vengono chiamate teorie dello sviluppo contengono un amalgama di variabili sociali ed economiche, nel quale incide negativamente il presupposto latente di una presunta relazione causale, o più spesso il presupposto di una interdipendenza non meglio precisata, tra i due tipi di variabili.

    Più correttamente, i modelli di crescita economica tentano di endogenizzare le variabili sociali (culturali) esplicandole, come può essere fatto per tutti i repertori di comportamenti, in termini strettamente economici, cioè trasformandole da predicati sociali in predicati economici

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 71)

  • 3/43«In questo senso, ad esempio, il concetto di progresso tecnico usato nell’ambito delle “scienze” sociali è del tutto diverso da quello usato nei modelli economici. Nel primo caso esso esprime l’innovazione tecnologica, è funzione di certe variabili sociali (quali tipologie di apprendimento e insegnamento, processi educativi, rinforzatori scientifici generalizzati nella società, gruppi di riferimento, mezzi di comunicazione orientati alla scienza) e a sua volta può essere variabile indipendente rispetto a qualche altra variabile sociale. Nel secondo caso, essa esprime semplicemente una forma di investimento effettuata mediante learning by doing, oppure mediante la produzione di nuove conoscenze (sacrificando una quota di consumi), oppure mediante processi che operano direttamente sul capitale umano. Rendere il progresso tecnico endogeno al linguaggio economico significa trasformarlo, in generale, in investimento

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 71)

  • 4/43«Tenendo presente il postulato di disgiunzione si può dire, usando un linguaggio da esplicare (explicandum) e non un linguaggio esplicativo scientifico (explicatum), che le variabili sociali sono una pre-condizione (o un pre-requisito) della crescita economica e, in generale, che lo sviluppo sociale è una pre-condizione della crescita economica. Dal postulato di disgiunzione consegue infatti che le variabili sociali (culturali) non sono cause della crescita economica, ma condizioni necessarie, seppur non sufficienti, perché questa crescita, che dipende esclusivamente da variabili economiche, si realizzi.»

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 71)

  • 5/43«L’idea che la dinamica dell’equilibrio possa essere estesa ai fattori umani, cioè alle variabili culturali (esogene rispetto alle variabili economiche), espressa da Clark, è tuttora molto comune anche se è fondata su una falsa generalizzazione, che non distingue tra le interazioni di scambio e di mercato oggetto dell’analisi economica e le altre e diverse tipologie di interazione sociale

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 73)

  • 6/43«Come si vede, lo schema di riferimento di Hirschman, pur essendo in questo libro più ampio, resta ambiguo e generico, in quanto i fatti sociali sono definiti come forze esterne al mercato, cioè come completamento dell’insieme delle forze di mercato. Una prospettiva del genere, molto radicata e diffusa, non è compatibile con le politiche pubbliche di intervento nel sociale in funzione dello sviluppo.»

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 75)

  • 7/43«Le politiche pubbliche di sviluppo sono tanto più incisive ed efficaci, quanto meglio e più correttamente riescono a individuare vincoli e ostacoli, facendo leva su variabili strategiche realmente funzionali rispetto allo sviluppo e alla crescita economica. Purtroppo, tutte le tipologie di intervento pubblico per lo sviluppo, da quelle tradizionali fondate su incentivi di localizzazione o di gestione, a quelle più recenti centrate sul progresso tecnologico e sull’innovazione, trascurano le variabili sociali. Si ritiene infatti, come già è stato detto, che l’operativizzazione di variabili economiche mediante politiche di intervento implichi necessariamente una modificazione delle variabili sociali. Ipotesi questa che non è sostenuta da alcuna teoria scientifica, che è costantemente falsificata dai fatti e che contraddice gli stessi postulati e la struttura logica dell’analisi economica

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 75)

  • 8/43«Quantunque il progresso tecnologico costituisca ancora, secondo la classica espressione di N. Rosenberg, una “scatola nera” che non è stata compiutamente esplorata, non può essere negata la stretta interconnessione esistente tra la dinamica tecnologica e l’innovazione: il progresso tecnologico è tale in quanto incorpora ed esprime un insieme di attività innovative.»

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 75)

  • 9/43«La grande innovazione ha un carattere di generalità che ne mette in ombra, per definizione, i molteplici contenuti analitici, i quali debbono essere progressivamente recuperati mediante un continuo allargamento della ricerca più astratta verso campi sperimentali di tipo operativo. La progressiva analiticità dei campi di applicazione della scienza e della tecnologia individua il confine, flessibile, tra una parte della ricerca più astratta, che potrebbe essere definita come scienza pura, e una parte della ricerca molto più analitica, specifica e settorializzata, che potrebbe essere definita come scienza applicata o tecnologia e che è suscettibile di inserimento operativo nella combinazione produttiva.»

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, pp. 78-79)

  • 10/43«Nelle componenti operative della tecnologia inserite nel processo produttivo si manifesta il carattere di continuità che caratterizza l’innovazione imprenditoriale. Conseguentemente non ha senso postulare, secondo la prospettiva schumpeteriana spesso acriticamente recepita, solo un progresso tecnologico discontinuo.

    La continuità del processo innovativo si manifesta primariamente nella logica della produzione, in quanto ogni specifico atto produttivo e ogni specifico fattore del processo produttivo, a meno che non vengano recepiti in termini puramente ripetitivi, incorporano un insieme di elementi migliorativi, sempre nuovi e diversi.»

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 79)

  • 11/43«Caratterizzare il processo innovativo come un continuum significa considerare l’innovazione come un elemento centrale dell’attività imprenditoriale, una modalità tipica tanto del capitale fisico (tecnologico), quanto del capitale umano (organizzativo). Entrambi, nelle società avanzate, sono combinati nell’impresa non in termini puramente ripetitivi, ma in una logica innovativa. Esiste infatti una differenza fra l’imprenditore di routine, che tendenzialmente non innova ma si limita a gestire stabilmente una combinazione di fattori produttivi, e l’imprenditore deviante, che realizza un atteggiamento innovativo in ogni segmento della catena produttiva, rispetto al capitale fisico e al capitale umano

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 79)

  • 12/43«Sotto questo profilo, la differenza fra aree in via di sviluppo e aree sviluppate consiste nel fatto che nelle prime la routine è generalizzata nell’impresa e nel sociale, mentre nelle seconde è l’atteggiamento innovativo ad essere generalizzato. Per attivare un reale processo di sviluppo è necessario che la routine d’impresa generalizzata venga sostituita da una innovazione di impresa altrettanto generalizzata. I processi di sviluppo e di crescita economica implicano una diffusione dell’innovazione e non semplicemente una sua attivazione sul piano di singole e specifiche attività imprenditoriali

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 79)

  • 13/43«Le caratteristiche dell’innovazione individuate da Rosenberg, quali la continuità che si esprime in una serie di aggiustamenti e di progressive modificazioni ad ogni stadio del processo produttivo, la stretta corrispondenza fra innovazione e diffusione, la capacità del contesto sociale in cui l’innovazione è generalizzata di generare innovazioni sostitutive, la corrispondenza tra l’innovazione tecnologica, l’industria dei beni capitali e l’influenza delle aspettative del cambiamento futuro sul comportamento degli agenti economici, sono in realtà altrettanti fattori sociali che influenzano i processi di sviluppo e di crescita economica. Le «determinanti sociali della capacità di una società di generare in primo luogo progresso tecnico» sono pre-condizioni sociali della crescita economica, cioè caratteristiche specifiche che l’innovazione deve presentare perché possa essere attivato un processo di sviluppo.

    In particolare, la dinamica tecnologica, per produrre effetti nel contesto sociale, deve essere endogena allo stesso, cioè diffusa e interiorizzata. La presenza dell’innovazione in termini di continuità, anziché in termini di discontinuità, è essenziale perché l’innovazione stessa possa manifestarsi come atteggiamento sociale generalizzato e diffuso (cultura dell’innovazione); solo in questo modo l’innovazione diviene un fattore attivo della dinamica socio-economica.»

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 79)

  • 14/43«Le pre-condizioni dello sviluppo indicano il grado di interiorizzazione (e generalizzazione) della cultura di mercato (cioè delle regole del gioco su cui il mercato si fonda) e il grado di interiorizzazione (e generalizzazione) della cultura dell’innovazione che devono necessariamente qualificare il contesto socio-economico affinché il mercato possa essere caratterizzato come mercato innovativo

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 80)

  • 15/43«Se la dinamica scientifica e tecnologica è puramente ripetitiva, il mercato può esprimere una situazione (competitiva) di equilibrio nell’allocazione delle risorse, ma dal punto di vista dell’innovazione nei contenuti dei processi e dei prodotti è assolutamente statico; esso in sintesi realizza il suo obiettivo primario, consistente nel raggiungimento dell’ottimo paretiano, ma è privo di dinamica cumulativa, la quale è per definizione esogena al mercato, ma lo qualifica storicamente in quanto dipende dalla cultura della società in cui il mercato opera e, in particolare, dal fatto che questa cultura abbia una più o meno ampia componente innovativa di tipo scientifico e tecnologico.»

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 80)

  • 16/43«Allo stato attuale, poiché nelle società industriali avanzate è presente una dinamica scientifica e tecnologica in continua espansione e poiché il mercato innovativo e competitivo che ne consegue tende a globalizzarsi, tutti i sistemi socio-economici sono costretti a compararsi e confrontarsi con le società che detengono posizioni di leadership economica. Di qui l’esigenza di sopperire alle carenze in termini di sviluppo relativo, individuando correttamente le variabili non solo economiche, ma anche e soprattutto sociali, che determinano tali carenze.»

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 81)

  • 17/43«La logica del mercato può essere esplicata in termini elementari rendendo endogena al linguaggio economico la variabile innovazione. In questo caso l’innovazione è espressa dalle scelte di investimento in ricerca e sviluppo che l’imprenditore realizza in funzione del rapporto costi/benefici privati di tale investimento e si diffonde primariamente mediante l’insieme di relazioni di concorrenza tra imprese, fondate su un apprendimento di tipo conoscitivo e imitativo. Attraverso questo processo, gli effetti dell’innovazione vanno oltre i benefici privati derivanti dall’attività imprenditoriale di ricerca e sviluppo e si riversano sull’intero sistema economico (produttori concorrenti e consumatori), determinando un insieme di benefici sociali indotti.

    Il mercato ha pertanto un ruolo determinante nella dinamica dell’innovazione: quanto maggiore è il suo allargamento e approfondimento, quanto più articolata e generalizzata è la sua struttura concorrenziale, tanto maggiore è la possibilità che l’innovazione abbia effetti diffusivi e determini un continuum innovativo esteso a tutti i livelli di ricerca, di produzione e di marketing.

    Tuttavia, nell’ambito del mercato possono determinarsi squilibri più o meno accentuati nella dinamica dell’innovazione, in quanto esistono vincoli che la ostacolano e ne impediscono la diffusione

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 81)

  • 18/43«La prima tipologia di vincoli è data dal fatto che le attività che determinano benefici sociali indotti eccedenti i benefici privati (esternalità) vengono sottodimensionate dal mercato, in termini di allocazione di risorse, rispetto al livello socialmente desiderabile (corrispondente alla massimizzazione del tasso di rendimento sociale). Il caso limite è quello della produzione dei beni pubblici, i cui benefici (sociali) sono tanto diffusi, che nessuna impresa operante nel mercato (in funzione della massimizzazione del tasso di rendimento privato) è disposta a investire in quel tipo di produzione.»

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 81)

  • 19/43«Il secondo caso è quello dei sistemi caratterizzati da fatti (fattori) innovativi discontinui (discreti) o nulli e, corrispondentemente, da un più o meno elevato grado di inerzia dei processi di accumulazione tecnologica. In questi sistemi la dinamica innovativa è scarsa o inesistente e si può parlare o di arretratezza economica quando questa situazione è collegata a un certo grado di interiorizzazione della cultura del mercato, oppure di sottosviluppo con riferimento a sistemi socio-economici che si discostano maggiormente dalle tipologie sociali che esprimono una cultura di mercato generalizzata.»

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 83)

  • 20/43«Tanto l’esistenza di esternalità positive connesse alle attività di ricerca e sviluppo, pure in presenza di alti gradi di interiorizzazione della cultura di mercato innovativo, quanto l’esistenza di bassi gradi di interiorizzazione della cultura di mercato innovativo (e quindi la tendenziale assenza di esternalità positive connesse alla ricerca e sviluppo), determinano squilibri nel processo di innovazione, che si traducono da un lato in conseguenti riduzioni della competitività del sistema e in ritardi nei processi di crescita economica, dall’altro lato in una persistente situazione di stazionarietà del sistema e nella conseguente impossibilità di avviare un processo di sviluppo.

    In entrambi i casi, sia pure con modalità diverse, sono necessari strumenti e interventi pubblici per orientare e rafforzare la dinamica dell’innovazione in funzione dello sviluppo e della crescita economica; tali interventi devono essere specificati in linee operative analitiche, corrispondenti alle diverse tipologie di vincoli che limitano la dinamica dell’innovazione nel mercato innovativo (con cultura di mercato e cultura dell’innovazione) delle aree industrializzate avanzate e nel mercato non innovativo (senza cultura di mercato e cultura dell’innovazione) delle aree arretrate o in via di sviluppo.»

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 83)

  • 21/43«L’esigenza di inquadrare il Parco scientifico e tecnologico entro un contesto esplicativo che ne analizzi il ruolo e gli obiettivi, cioè la rilevanza sul piano sociale ed economico e conseguentemente la sua dipendenza o indipendenza rispetto ai fenomeni che ad esso possono essere collegati, postula il superamento delle definizioni giuridico-descrittive che sono state sopra riportate.

    La veste giuridica del Parco niente dice circa il fatto che gli interessi perseguiti siano pubblici o privati. Un interesse pubblico può infatti essere perseguito anche se lo strumento utilizzato è di tipo privatistico, come può avvenire nel caso del Parco. D’altra parte non è immaginabile che il Parco possa avere obiettivi meramente privatistici; si creerebbe in tal modo una discriminazione di mercato tra imprese ammesse a fruire delle esternalità fornite dal Parco derivanti da risorse pubbliche e imprese escluse in base a criteri privatistici.

    Ma il problema è più generale. Se gli interessi perseguiti dal Parco sono pubblici, allora debbono avere necessariamente effetti che ricadono in modo diretto o indiretto sulla generalità delle imprese e sull’intera collettività. Gli effetti che si possono inquadrare in una logica di sviluppo sono appunto di questo tipo; se il Parco non fosse orientato a perseguirli, i benefici che potrebbero derivare dal Parco sarebbero gravemente compromessi.»

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 85)

  • 22/43«L’esplicazione del concetto di Parco scientifico e tecnologico con riferimento al rafforzamento della dinamica dell’innovazione in funzione dello sviluppo e della crescita economica consente di individuare l’appartenenza del Parco all’insieme più generale di fenomeni connotati dal concetto di capitale fisso sociale

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 85)

  • 23/43«Il capitale fisso sociale consiste in infrastrutture territoriali, organizzate in reti, che hanno il carattere della presenza continua nel contesto ambientale (trasporti, comunicazioni, condotte) e in infrastrutture (o attrezzature) puntuali.

    Le infrastrutture puntuali possono avere molteplici obiettivi, tutti qualificabili come obiettivi di servizio, che si suddividono in due insiemi:

    • il primo insieme è caratterizzato dal fatto che il servizio soddisfa interessi connessi allo stato attuale del contesto socio-economico; in questo caso il servizio si inquadra entro lo schema strutturale dei bisogni sociali e non è strettamente orientato allo sviluppo socio-economico;
    • il secondo insieme è caratterizzato dal fatto che il servizio soddisfa interessi connessi allo stato futuro del contesto socio-economico ed è strettamente orientato allo sviluppo; in questo caso il servizio segna il passaggio da uno stato attuale a uno stato futuro e si inquadra entro uno schema evolutivo dei bisogni sociali; inoltre, determina forme di spillover (esternalità positive) che incidono in modo diretto, tramite il mercato o incrementando la cultura del mercato e dell’innovazione, sui processi di sviluppo e di crescita economica

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 85)

  • 24/43«La definizione del Parco come infrastruttura puntuale caratterizzata da obiettivi di sviluppo (i quali debbono necessariamente tradursi in obiettivi di attivazione e diffusione del ciclo dell’innovazione, come componente tipica del contesto socio-economico di riferimento) ne mette in evidenza le specifiche caratteristiche, che consentono di differenziare il Parco come strumento di politica economica dalle altre possibili forme di intervento pubblico sul mercato. In questo senso, il Parco non può essere concepito come un mero contenitore di istituti e centri di ricerca, che appartengono all’insieme delle infrastrutture puntuali caratterizzati da obiettivi di servizio; né può farsi unicamente o prioritariamente portatore, in modo diretto o indiretto, di servizi alle imprese (pure importanti) che non possono esprimere una logica di sviluppo, in quanto questa tipologia di servizi è volta primariamente al sostegno delle imprese esistenti e quindi alla permanenza dello status quo, e prescinde normalmente dal tasso di innovatività delle imprese e ancor più dalla modificazione della cultura di impresa (che nelle aree in via di sviluppo è prevalentemente stazionaria) e, conseguentemente, dalla diffusione dell’innovazione in funzione dello sviluppo

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 86)

  • 25/43«Il fatto che il Parco possa essere definito come infrastruttura puntuale caratterizzata da obiettivi di sviluppo, focalizza la sua attività su due fattori sociali strettamente connessi allo sviluppo e alla crescita economica:

    • il fattore tecnologico, inteso come produzione endogena di innovazione tecnologica (suscettibile di trasformazione in capitale fisico e in corrispondente capitale umano) e conseguente diffusione delle tecnologie innovative realizzate;
    • il fattore culturale, inteso come produzione endogena di cultura innovativa e cultura di mercato (suscettibile di trasformazione in capitale umano di tipo organizzativo e imprenditoriale riferito a tutti i possibili ruoli sociali) e conseguente diffusione della cultura innovativa di mercato mediante la generalizzazione (all’intero gruppo sociale) di atteggiamenti (e comportamenti) positivi (socialmente condivisi) verso l’innovazione, il mercato competitivo e l’imprenditorialità attiva

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 86)

  • 26/43«I Parchi scientifici e tecnologici, come espressione di esigenze tipiche di società altamente industrializzate, presuppongono una cultura strettamente compatibile col mercato competitivo, un sistema produttivo dinamico, un’elevata potenzialità innovativa, la presenza di centri di ricerca innovativi e di imprese high-tech, università attive nell’interazione col mondo imprenditoriale, forza lavoro qualificata. Il loro obiettivo primario è quello di massimizzare il tasso di rendimento sociale dell’innovazione, connesso alle attività di ricerca e sviluppo realizzate dal contesto imprenditoriale e allo spillover che ne consegue. Tali attività, infatti, pur determinando economie esterne positive per l’intero contesto socio-economico nel quale le imprese operano, tendono a non adeguarsi al livello socialmente desiderabile, in quanto le imprese innovative commisurano gli investimenti in attività di ricerca e sviluppo al loro tasso di rendimento privato (di mercato), normalmente inferiore al tasso di rendimento sociale

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 87)

  • 27/43«L’efficacia degli interventi pubblici volti a correggere le anomalie del mercato che determinano un sottodimensionamento delle attività di ricerca e sviluppo dipende dalla tipologia delle economie esterne (tipologia degli spillover), dalla relazione fra rendimenti privati e rendimenti sociali dell’innovazione e dalla relazione fra risorse private e risorse pubbliche con riferimento ai possibili effetti di spiazzamento

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 87)

  • 28/43«In presenza di spillover conseguenti all’esistenza nel contesto socio-economico di imprese innovative, il Parco (e più in generale l’intervento pubblico orientato allo sviluppo e alla crescita economica) dovrebbe modificare (integrare) l’allocazione di risorse realizzata nell’ambito del mercato, modificando le convenienze economiche delle imprese private, in modo da rendere compatibili le loro scelte di investimento in attività di ricerca e sviluppo non solo con la massimizzazione del tasso di rendimento privato della ricerca, ma anche con la massimizzazione del suo tasso di rendimento sociale.

    Il rischio, tuttavia, è che l’immissione di risorse pubbliche non vada ad aumentare gli investimenti totali in ricerca e sviluppo, ma si sostituisca (totalmente o parzialmente) alle risorse private che verrebbero comunque allocate nel mercato (e che perciò avrebbero determinato, se destinate alla ricerca, benefici sociali anche in assenza di finanziamento pubblico).

    In questa seconda ipotesi si ha un effetto di spiazzamento, con una conseguente riduzione del tasso di rendimento sociale della spesa pubblica, cioè con una riduzione dell’incremento del tasso di rendimento sociale connesso all’immissione di risorse pubbliche.»

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 88)

  • 29/43«Le scelte di investimento pubblico in attività di ricerca e sviluppo (comprese quelle realizzate nell’ambito degli interventi attuati dal Parco) dovrebbero pertanto basarsi sull’individuazione dei fattori che fanno divergere il tasso di rendimento sociale dal tasso di rendimento privato e dovrebbero privilegiare attività di ricerca e sviluppo caratterizzate dal maggior effetto spillover

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 89)

  • 30/43«In particolare, il principio di precompetitività della ricerca è volto ad evitare che, in mancanza di regolamentazione, possano fruire di finanziamento pubblico attività non innovative di progettazione, sviluppo e sperimentazione di prodotti industriali, conferendo così alle imprese che riescono ad accedere al finanziamento pubblico un indebito vantaggio competitivo sulle altre.

    Il criterio generale è che quanto più la ricerca e sviluppo è prossima al mercato, tanto maggiore potrebbe essere l’effetto distorsivo dell’aiuto di Stato.»

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 90)

  • 31/43«L’intervento pubblico in materia di ricerca e sviluppo, in sintesi, deve essere caratterizzato da una relazione di complementarità (e non di sostituibilità) col mercato, in quanto deve essere orientato a riportare la ricerca al livello più generale della precompetitività, con conseguente maggiori benefici sociali indotti

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 91)

  • 32/43«In sintesi, la partnership tra investimento pubblico e investimento privato in funzione della ricerca tecnologica innovativa, o comunque il rapporto tra enti di ricerca e imprese private, trova nel mercato, e nelle esternalità positive (spillover) che esso determina, un indispensabile ambito di ampliamento e diffusione. Se questi effetti non vengono realizzati, gli investimenti pubblici si trasformano in vincoli assistenzialistici, che rallentano e impediscono i processi di sviluppo e di crescita, anziché accelerarli e promuoverli.»

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 91)

  • 33/43«Nei sistemi socio-economici in via di sviluppo l’obiettivo della massimizzazione del tasso di rendimento sociale dell’innovazione non può essere in linea di principio immediatamente perseguito, in quanto in tali aree manca un mercato concorrenziale che possa determinare la diffusione dei benefici dell’innovazione. Conseguentemente non si può parlare né di tasso di rendimento privato degli investimenti in ricerca e sviluppo, né di effetto spillover, e non possono essere realizzati processi di crescita economica strettamente coerenti con l’uso ottimo delle risorse date.

    A ciò consegue che il Parco scientifico e tecnologico in un’area in via di sviluppo non può realizzare esclusivamente o prioritariamente interventi che si riferiscono all’innovazione tecnologica endogena, in quanto non si può sostenere una ricerca innovativa che non esiste o esiste solo in modo sporadico e non generalizzato, tale da determinare scarsi o nulli effetti di spillover, cioè esternalità positive non rilevanti per il sistema e, conseguentemente, scarsi o nulli benefici sociali indotti

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, pp. 91-92)

  • 34/43«Non si può pensare alla ricerca tecnologica (e più in generale al progresso tecnico e agli investimenti pubblici in ricerca e sviluppo) come a una variabile in grado, da sola, di modificare atteggiamenti nei confronti del mercato innovativo, trasformandoli da negativi in positivi. Di fatto il continuum tecnologico che sta alla base sviluppo non può essere attivato dai processi di ricerca, necessariamente individualizzati e settorializzati a causa della scarsità delle risorse pubbliche, se mancano le pre-condizioni dello sviluppo, cioè se la cultura di impresa innovativa non è interiorizzata e generalizzata. Solo in quest’ultimo caso i processi innovativi si manifestano in ogni segmento, per quanto analitico, delle catene operative tecnologiche a tutti i livelli, dalla ricerca alla produzione finale, con riferimento sia alle tecniche fisiche (innovazioni di processo e di prodotto) sia alle tecnologie organizzative (innovazione sociale).»

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 92)

  • 35/43«Nell’ambito dell’analisi dei processi economici in una prospettiva evolutiva, l’impresa infatti è vista come il luogo di accumulazione di conoscenze, il cui sviluppo è condizionato dalla matrice tecnologica originaria e dall’insieme di routines che vengono adottate per il coordinamento delle attività; nel corso della sua evoluzione, l’impresa produce conoscenza e opportunità innovative superiori a quelle che possono essere realizzate internamente a causa della rigidità delle routines o della presenza di vincoli di incompatibilità con le attività preesistenti. Tali innovazioni ridondanti possono essere sfruttate solo a condizione che vengano inserite in una nuova impresa.»

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 94)

  • 36/43«Per favorire la convergenza fra ricerca tecnologica innovativa (e gli istituti pubblici o privati che la realizzano) e imprese locali, orientando tanto i primi quanto le seconde verso lo sviluppo e la crescita economica estesi all’intero sistema, occorre quindi considerare e rendere compatibili non solo i fattori della produzione di capitale fisico innovativo, ma anche i fattori della produzione di capitale umano innovativo. La dinamica dell’innovazione è infatti direttamente connessa sia alla dinamica del capitale fisico, sia alla dinamica del capitale umano.

    Tali dinamiche, che percorrono sentieri diversi e trovano la loro base nell’attività di ricerca e sviluppo per quanto riguarda il capitale fisico e nell’attività di formazione per quanto riguarda il capitale umano, dovrebbero trovare nel sistema delle imprese che operano in un dato contesto socio-economico un punto di perfetta congruenza, compatibile coi processi di sviluppo e di crescita economica

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 95)

  • 37/43«Realizzare processi innovativi (per giunta segmentati e individualizzati) o formazione specialistica orientata all’uso della tecnologia non implica affatto modificare eventuali atteggiamenti negativi verso l’innovazione presenti nel contesto sociale. Una cosa è porre in essere catene operative di intervento orientate alla realizzazione di innovazioni, altra cosa è porre in essere catene operative orientate alla modificazione di atteggiamenti sociali verso l’innovazione; altra cosa ancora è individuare le relazioni tra queste diverse tipologie di operazioni per rendere più efficace la realizzazione di entrambe, tenendo comunque presente il fatto che lo sviluppo innovativo presuppone logicamente un elevato grado di innovazione generalizzata nel sociale.»

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 96)

  • 38/43«Le imprese tendono infatti a non realizzare formazione, o a realizzare formazione solo a livelli molto specialistici, strettamente collegati agli specifici prodotti e processi produttivi, escludendo la formazione di base per via della sua maggiore generalità, alla quale direttamente conseguono (così come per la ricerca di base e precompetitiva) i maggiori tassi di rendimento sociale. Minore è il livello dell’attività formativa, cioè più specialistica è la formazione, minore è il tasso di rendimento sociale della stessa e quindi minori sono le esternalità positive (spillover) che essa genera, cioè i suoi benefici sociali indotti.

    È questo il motivo per cui la formazione necessita di un intervento pubblico volto a modificare l’allocazione di risorse in formazione realizzata dal mercato, in senso coerente col livello socialmente desiderabile. In assenza di intervento pubblico, le attività formative realizzate nell’ambito del mercato darebbero origine a benefici sociali largamente inferiori ai livelli socialmente desiderabili in funzione dell’attivazione dei processi innovativi (e dei benefici sociali derivanti dalla diffusione dell’innovazione nel mercato) e, conseguentemente, all’attivazione dei processi di sviluppo, di crescita economica e di competitività del contesto socio-economico nel quale la formazione è realizzata.»

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 97)

  • 39/43«Inoltre, se la formazione fosse gestita esclusivamente in una logica privatistica di mercato, si realizzerebbe un accesso alla formazione limitato ai soggetti e ai gruppi in possesso di una capacità di spesa che altri soggetti e gruppi potrebbero non avere; conseguentemente, si creerebbero risorse conoscitive non uniformemente diffuse, che a causa della discriminazione in base al reddito altererebbero il principio dei rendimenti marginali crescenti delle nuove conoscenze. Perché si possa avere un mercato privato della formazione, accessibile solo a determinate classi di reddito, è pertanto necessario che esista contestualmente una formazione sostenuta da politiche di intervento pubblico, che renda possibile la trasmissione della conoscenza, dato il merito, a tutte le classi di reddito

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 97)

  • 40/43«Nelle aree in via di sviluppo l’esigenza di fornire incentivi pubblici alla formazione risulta ancora più marcata, in quanto l’assenza di un mercato competitivo e innovativi fa sì che non esista neppure una rete di imprese alla quale possa essere ricollegata una domanda di professionalità di elevato livello, dalla quale origini un sistema formativo privato corrispondente. A domanda di professionalità medie o basse non può per definizione corrispondere un’offerta di servizi formativi di alto livello, gestita sul mercato in modo privatistico e collegata alla discriminante del reddito. In questo caso le esternalità positive si produrrebbero entro sistemi socio-economici esogeni rispetto a quello sul quale la formazione produrrebbe solo benefici privati; i benefici sociali indotti ricadrebbero tutti in aree sviluppate, accrescendo in tal modo il divario formativo (dotazione di capitale umano) tra le due tipologie di sistemi socio-economici.»

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 97)

  • 41/43«Il più ampio spazio riconosciuto in ambito comunitario e nazionale agli investimenti pubblici in formazione rispetto agli investimenti pubblici in ricerca e sviluppo, in funzione del potenziamento delle condizioni di competitività del mercato, è strettamente compatibile con lo schema utilizzato per esplicare il concetto di Parco e riflette la priorità attribuita agli interventi pubblici orientati alla produzione di capitale umano rispetto agli interventi pubblici orientali alla produzione di capitale tecnologico (con specifico riferimento alle tecnologie fisiche).

    In particolare, riflette l’esigenza che gli Stati nazionali (e per essi gli enti che perseguono interessi pubblici connessi ai processi di sviluppo e crescita economica) non si sostituiscano al mercato (al settore privato) nel porre in essere attività di ricerca innovativa (realizzando in questo caso una politica assistenzialistica di compensazione dei divari), ma attuino al contrario politiche di stimolo e sostegno dello sviluppo e dell’ampliamento del mercato, realizzando intervento volti a creare le pre-condizioni della competitività (superando discontinuità profonde nel contesto socio-economico); interventi che devono necessariamente incentrarsi sulla formazione di capitale umano innovativo e sulla attivazione di atteggiamenti positivi verso il mercato, l’imprenditorialità e l’innovazione generalizzati nel contesto sociale.»

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, pp. 98-99)

  • 42/43«Non considerare gli obiettivi concernenti l’attivazione delle pre-condizioni dello sviluppo e pretendere di perseguire obiettivi di massimizzazione del tasso di rendimento sociale dell’innovazione in un contesto socio-economico privo di industrializzazione diffusa, di ricerca e sviluppo generalizzati nelle imprese, di forza lavoro qualificata, di università in grado di interagire attivamente col mondo imprenditoriale, di propensione generalizzata all’innovazione e all’imprenditorialità, in cui il sistema produttivo è statico o tendenzialmente statico (privo di continuum innovativo), i centri di ricerca operano in termini di mero trasferimento di conoscenza (in quanto anche la loro propensione all’innovazione dipende dal grado di innovazione generalizzata esistente nel sistema, che in questo caso è tanto basso da rinforzare ricerche ripetitive), la cultura è sostanzialmente stazionaria e familistica e presenta livelli di conflittualità che impediscono di realizzare rapporti collaborativi (esternalità di network) funzionali ai processi innovativi, sarebbe come fondare questi obiettivi su un contesto ipotetico di riferimento (il mercato industrializzato e la sua dinamica innovativa) del tutto inesistente.»

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 99)

  • 43/43«Nelle aree sviluppate il fattore dell’innovazione tecnologica è generalizzato e diffuso mediante un’integrazione stretta tra imprese e centri di ricerca pubblici e privati che si realizza nel mercato e tramite il mercato. Al contrario, quando il Parco prefigura un’interconnessione tra dinamica produttiva e dinamica della ricerca entro un contesto protetto, totalmente avulso dal contesto socio-economico reale, rischia di replicare la metafora della cattedrale nel deserto, che ha connotato l’avvio dei processi di sviluppo nelle aree arretrate secondo il paradigma dell’industrializzazione ritardata, e viene a perdere la sua proprietà basilare, che è quella di massimizzare in modo diretto (nelle aree sviluppate) o indiretto (nelle aree in via di sviluppo) il tasso di rendimento sociale dell’innovazione

    (G. Bolacchi, Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici, p. 101)

G. Bolacchi, Il concetto di organizzazione secondo il paradigma scientifico, in U. Colombo, G. Lanzavecchia (a cura di), Dalla tribù alla conquista dell’universo. Scienza, tecnologia e società, Scheiwiller, 2000

  • 1/13«Le problematiche organizzative si sono sviluppate, soprattutto nella seconda metà del secolo ventesimo, in modo disordinato, secondo una prospettiva del senso comune, lontana dal rigore metodologico dell’analisi scientifica. La confusione metodologica è tuttora generalizzata e pone buona parte delle discipline sociali in una situazione di grave arretratezza nei confronti delle scienze naturali; questa arretratezza è utilizzata dai naturalisti per sottolineare la superiorità dei propri studi e dai filosofi per continuare a imporre l’intuizione come unico metodo conoscitivo dell’uomo, contro la prospettiva sperimentale galileiana.»

    (G. Bolacchi, Il concetto di organizzazione secondo il paradigma scientifico, p. 273)

  • 2/13«I persistenti pregiudizi concernenti il dualismo uomo-natura, nonché gli strumenti di ricerca conseguenti a questi pregiudizi, contrassegnati dall’incapacità di estendere il metodo delle scienze naturali allo studio dei fenomeni sociali, hanno limitato fortemente lo sviluppo di un linguaggio esplicativo unitario riferito all’uomo e alla società, associando alla ricerca un atteggiamento che considera la presenza di differenti punti di vista non come un indicatore negativo della mancanza di intersoggettività (requisito primario dell’analisi scientifica), ma piuttosto come un indicatore positivo di vitalità e di crescita.»

    (G. Bolacchi, Il concetto di organizzazione secondo il paradigma scientifico, p. 274)

  • 3/13«Dilthey non tiene conto del fatto che con Galileo la conoscenza scientifica elimina il ricorso al concetto aristotelico di essenza (privo di capacità esplicativa) e sostituisce ad esso la funzione matematica, cioè la relazione tra variabile indipendente e variabile dipendente, realizzando una rivoluzione metodologica che mostra un mondo di eventi naturali in coppie ordinate (non più singolarmente presi). Ma le essenze (nelle loro varie e molteplici configurazioni), escluse dal mondo della natura, persistono nel mondo degli stati interni dell’uomo, inquadrate entro uno schema che le considera (in termini di volontà e di intenzionalità) come anticipazioni mentalistiche dell’azione e le utilizza ancora oggi acriticamente per proporre la logica dell’uomo come agente iniziatore di una serie causalmente ordinata di eventi.»

    (G. Bolacchi, Il concetto di organizzazione secondo il paradigma scientifico, p. 274)

  • 4/13«La considerazione dei processi interni, data la loro intrinseca soggettività, implica un modello di riferimento di tipo valutativo, quale il relativismo culturale. Quando i processi interni (e gli stati di coscienza che li esprimono) vengono considerati come l’unica e esclusiva caratteristica dell’uomo, il relativismo culturale tende a trasferirsi dal piano valutativo a quello delle modalità conoscitive. Negli sviluppi più recenti, infatti, il dogma delle due metodologie si trasforma nel dogma delle molteplici metodologie: da un lato postulando una pluralità di metodi (fondati sulla intuizione e sul senso comune) corrispondenti alla molteplicità dei possibili oggetti della conoscenza e, dall’altro lato, negando o non riconoscendo la radicale diversità e incompatibilità del metodo scientifico rispetto a tutti gli altri metodi ipotizzabili. In questo modo la conoscenza sperimentale, per definizione operativizzabile in quanto intersoggettiva e cumulativa, viene posta sullo stesso piano della conoscenza esperienziale, segmentata in una molteplicità di prospettive senza paradigmi di riferimento intersoggettivi. Ne consegue una semplicistica equipollenza dei metodi conoscitivi, ai quali viene attribuita la stessa valenza euristica, che favorisce un uso molto tollerante dell’attributo “scientifico”, applicato e applicabile a tutti i possibili ambiti di ricerca.»

    (G. Bolacchi, Il concetto di organizzazione secondo il paradigma scientifico, p. 275)

  • 5/13«Gli studiosi delle discipline sociali non sempre si rendono conto della debolezza delle proprie analisi, a stento protetti da un uso della statistica privo di ipotesi teoriche di riferimento riguardanti il contesto sociale, e spesso colgono ogni occasione per opporsi, con argomentazioni inconsistenti, all’analisi scientifica del comportamento. La delimitazione precisa del campo di ricerca, che consente al comportamentismo di costruire, su basi sperimentali, un linguaggio esplicativo intersoggettivo e sintatticamente coerente, fondato su un insieme di relazioni (funzioni) fra termini aventi ciascuno un significato univoco (a differenza dei termini del linguaggio comune che hanno ambiti di significatività del tutto indeterminati e generici), anziché apparire come un importante traguardo conoscitivo, è considerata da molti ricercatori sociali come un’eccessiva semplificazione.»

    (G. Bolacchi, Il concetto di organizzazione secondo il paradigma scientifico, p. 283)

  • 6/13«All’analisi scientifica del comportamento si contrappone un tipo di ricerca sull’organizzazione (e sul fatto sociale) molto diffuso, che potrebbe essere definito come metodo del senso comune, del tutto privo di vincoli che ne garantiscano l’intersoggettività, nel quale l’esplicazione scientifica viene sostituita da un insieme di spiegazioni, in cui la componente descrittiva e quella valutativa costituiscono i prevalenti punti di riferimento. Ma la semplice descrizione di un qualsiasi fenomeno mediante il senso comune non equivale a una sua esplicazione. In tutti questi casi le analisi oscillano tra la filosofia sociale e le ipotesi fondate su premesse di tipo meramente esperienziale (non sperimentale).»

    (G. Bolacchi, Il concetto di organizzazione secondo il paradigma scientifico, p. 283-284)

  • 7/13«La funzionalità dell’organizzazione, corrispondente alla sua efficacia (visto che l’efficienza concerne la conformità dell’organizzazione al paradigma economico), si fonda sulla complementarità reciproca delle sequenze strumentali realizzate dai soggetti con riferimento ai ruoli organizzativi di cui sono titolari, garantita non dalla presenza o dalla assenza di ruoli discrezionali, ma unicamente dalla esistenza di una relazione di coinvolgimento positivo

    (G. Bolacchi, Il concetto di organizzazione secondo il paradigma scientifico, p. 285)

  • 8/13«Mentre l’ipotesi di Simon tenta di rendere esplicito il sistema degli scambi all’interno dell’organizzazione, la teoria di Williamson inquadra il problema dell’organizzazione entro il più generale problema dello scambio di mercato e dei costi di transazione che caratterizzerebbero quest’ultimo sul piano teorico più astratto. Dire però che le organizzazioni sono più efficienti del mercato con riferimento alle transazioni complesse e incerte, nel senso che tali transazioni avrebbero costi più bassi ricorrendo all’organizzazione piuttosto che al mercato, non significa definire e tanto meno esplicare il concetto di organizzazione, che viene preso in considerazione anche in questo caso, come un predicato primitivo indefinito

    (G. Bolacchi, Il concetto di organizzazione secondo il paradigma scientifico, p. 287)

  • 9/13«Se si studia l’organizzazione con riferimento al paradigma della massimizzazione dei risultati o minimizzazione dei costi (l’efficienza dell’organizzazione), le analisi debbono essere necessariamente circoscritte alle problematiche dello scambio di mercato. Ma il tentativo di spiegare il concetto di organizzazione utilizzando solo il predicato dello scambio presuppone che quest’ultimo sia l’unica relazione che caratterizzerebbe, senza eccezioni, tutte le interazioni sociali. In questa prospettiva non potrebbe, per definizione, esistere alcun insieme di comportamenti sociali non suscettibile di inclusione nel più generale insieme dei comportamenti di scambio.

    L’analisi scientifica del comportamento, e su un piano più astratto la teoria degli interessi, mostrano al contrario che l’approccio alle problematiche organizzative è molto più articolato e consente di individuare e superare gli errori, le contraddizioni e i punti di vista parziali della ricerca corrente.»

    (G. Bolacchi, Il concetto di organizzazione secondo il paradigma scientifico, p. 287)

  • 10/13«Ciò posto, dato che l’elemento fondante dell’organizzazione al livello più astratto è il coinvolgimento positivo primario di interessi, può darsi che l’accesso ai ruoli organizzativi, definiti mediante sequenze di comportamenti strumentali fra loro complementari, possa essere realizzato tramite lo scambio. In questo caso specifico, lo scambio opera come strumento per l’acquisizione o l’attribuzione di ruoli organizzativi, ma non qualifica questi ruoli, che invece trovano solo nel coinvolgimento positivo mediato dallo scambio il loro punto di riferimento. L’organizzazione non è lo scambio, ma il coinvolgimento positivo, che può anche derivare dallo scambio, quale specifico strumento di superamento del conflitto.»

    (G. Bolacchi, Il concetto di organizzazione secondo il paradigma scientifico, pp. 287-288)

  • 11/13«Il potere, così come viene esplicato dalla teoria degli interessi, può essere utilizzato nell’organizzazione per far sorgere un coinvolgimento positivo derivato (mediato). Anche in tale contesto, l’elemento fondante dell’organizzazione non è la scelta disgiuntiva posta al soggetto esterno fra il sacrificio di un interesse negativamente coinvolto con l’organizzazione (caratterizzata dalla forza sociale espressa dal coinvolgimento positivo primario) e il soddisfacimento di un interesse avente maggiore livello di intensità rispetto al primo, ma il coinvolgimento positivo derivato (mediato) fra questo secondo interesse e l’organizzazione.»

    (G. Bolacchi, Il concetto di organizzazione secondo il paradigma scientifico, p. 288)

  • 12/13«Sul piano storico è evidente che tanto gli obiettivi di equità, quanto gli obiettivi di efficienza possono essere molteplici e che il loro numero non può essere predefinito, data la pluralità dei fattori culturali che determinano analiticamente le situazioni in cui l’equità o l’efficienza si manifestano. Pertanto le ipotesi specifiche di equità o di efficienza che possono essere formulate con riferimento alle organizzazioni, cioè le specifiche tipologie di organizzazioni conformi a paradigmi di equità o di efficienza, esprimono obiettivi delle organizzazioni, che si traducono in altrettante politiche organizzative, ma poco o niente dicono sulle caratteristiche più astratte di ogni possibile tipo di organizzazione.»

    (G. Bolacchi, Il concetto di organizzazione secondo il paradigma scientifico, p. 288)

  • 13/13«I pregiudizi derivanti dal dualismo uomo-natura giocano un ruolo molto importante nell’orientare gli studiosi verso schemi particolaristici tra loro contrapposti, piuttosto che verso una rappresentazione generale e integrata. Inoltre, se le analisi sono particolari e specifiche si corre il rischio, come avviene nel campo degli studi organizzativi, di confondere l’aspetto teorico (esplicativo) dell’organizzazione col suo aspetto economico o col suo aspetto politico fondato necessariamente su paradigmi valutativi

    (G. Bolacchi, Il concetto di organizzazione secondo il paradigma scientifico, p. 288-289)

G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, Editrice Dattena, 1998

  • 1/52«L’etica sociale quando è controllata da un sistema sanzionatorio interpersonale, condiviso in modo primario o derivato (mediato), diventa norma giuridica; quest’ultima acquisisce un carattere impositivo generalizzato solo quando viene assunta come propria dallo stato, cioè da un ordinamento giuridico che in linea di principio non può essere contrastato o negato da un altro ordinamento giuridico che non sia esso stesso stato; in tal modo la norma viene istituzionalizzata

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 9)

  • 2/52«La caratteristica basilare della norma giuridica non è la sua istituzionalizzazione, ma la sua legittimazione da parte di una struttura organizzata alla quale la totalità dei soggetti appartenenti a un gruppo sociale culturalmente definito delega, con maggiori o minori garanzie (o addirittura senza garanzie), specifiche attribuzioni concernenti rapporti interpersonali nei quali tutti i soggetti in linea di principio sono coinvolti (detti altrimenti interessi collettivi).»

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 9)

  • 3/52«La presenza di norme giuridiche non istituzionalizzate, ma legittimate entro un dato gruppo sociale, configura un ordinamento giuridico non statuale, il quale può manifestare minori o maggiori istanze autonomistiche (fino a porsi addirittura come stato) a seconda della minore o maggiore importanza che tutti i soggetti attribuiscono agli interessi positivamente coinvolti (collettivi) che legittimano il sistema normativo, cioè a seconda della minore o maggiore importanza che tutti i soggetti attribuiscono alla propria cultura.

    Posso darsi quindi norme giuridiche non istituzionalizzate di diverso tipo e con diverse caratteristiche, compatibili o contrastanti con quelle dello stato; questo significa che la legittimazione sociale di una norma può coincidere o non coincidere con la sua legittimazione statuale, cioè con la sua istituzionalizzazione

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 10)

  • 4/52«Nei sistemi pluralistici le norme potenzialmente incompatibili con quelle istituzionalizzate possono esprimersi sul piano politico, in quanto la dinamica sociale è essa stessa istituzionalizzata e opera nello spazio sociale pre-istituzionale.

    Quando una cultura sub-statuale potenzialmente deviante varca i confini dello spazio sociale pre-istituzionale per realizzare un deviamento attuale, essa ha un livello di accettazione sociale molto elevato; in tal caso il gruppo sociale da cui è espressa non è disposto a sacrificare gli interessi positivamente coinvolti che lo caratterizzano (e che fondano il proprio sistema normativo) a favore della cultura statuale e delle corrispondenti norme istituzionalizzate.

    Di solito i fatti sociali di questo tipo vengono sottovalutati dalla cultura statuale egemone, la quale tende a minimizzare il deviamento considerandolo sempre alla stregua di un deviamento singolo, mediante una interpretazione restrittiva conforme al paradigma normativo-punitivo. Questo è un grave errore, originato dalla spiegazione dei fatti sociali in termini di senso comune

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 11)

  • 5/52«Se la considerazione dei fatti sociali fosse fondata su una esplicazione scientifica degli stessi, l’intervento statuale dovrebbe essere orientato in termini radicalmente diversi: verso un’eliminazione o modificazione delle cause del deviamento (con opportune politiche di intervento congiunte di tipo socio-culturale ed economico), anziché verso una punizione degli effetti del deviamento

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, pp. 11-12)

  • 6/52«A parte le situazioni emotive, gli atteggiamenti di insicurezza o di sfiducia, i comportamenti di fuga  o di difesa che il deviamento determina, quest’ultimo può generare o esprimere coinvolgimenti positivi di interessi riferiti a gruppi sociali più o meno vasti. In questi caso il deviamento diventa un fatto sociale.

    Ogni comportamento deviante compiuto da individui o da gruppi più o meno circoscritti diventa fatto sociale quando genera o esprime interessi collettivi che sostengono il deviamento, oppure che, in presenza di tale sostegno, si pongono in conflitto col deviamento. Il deviamento compiuto da un gruppo più o meno vasto di soggetti non è, per ciò solo, un fatto sociale; diventa un fatto sociale quando un gruppo sociale, diverso dal gruppo deviante, sostiene il deviamento; in questo caso può aversi anche un altro gruppo contrapposto che contrasta il gruppo sociale che sostiene il deviamento

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, pp. 21-22)

  • 7/52«Esistono almeno tre prospettive di riferimento, che possono essere utilizzate per spiegare il sequestro:

    1. una prospettiva prescrittiva (fondata sul paradigma valutativo-normativo) di tipo penalistico, la quale considera e analizza il sequestro, dal punto di vista dell’ordinamento giuridico, come elemento di una relazione istituzionalizzata del tipo: se deviamento, allora punizione;

    2. una prospettiva esplicativa (fondata sul paradigma scientifico), che considera e analizza il sequestro come elemento di una relazione funzionale del tipo: il deviamento è funzione di fatti sociali che lo determinano (condizionano);

    3. una prospettiva del senso comune (fondata sull’omonimo paradigma conoscitivo), la quale opera una commistione tra la prospettiva prescrittiva e una generica prospettiva che tenta di spiegare il sequestro su basi pseudo-sociologiche e pseudo-psicologiche meramente esperienziali

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 26)

  • 8/52«I fatti sociali devono essere definiti con riferimento alle relazioni tra ordinamento giuridico istituzionale e ordinamento sociale; ciò posto occorre tener presente che i due ordinamenti possono essere tra loro compatibili o non esserlo.

    In entrambi i casi può darsi che si abbiano gradi differenti di compatibilità (o incompatibilità), i quali determinano la misura della cooperazione (coinvolgimento positivo) o del conflitto (coinvolgimento negativo) esistente tra i due ordinamenti; la compatibilità e l’incompatibilità devono essere ovviamente definiti utilizzando concetti (termini) appartenenti al linguaggio della sociologia scientifica e non concetti del senso comune

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 30)

  • 9/52«Il deviamento (sia esso un fatto sociale o non lo sia) implica sempre il riferimento a un gruppo più vasto, normalmente istituzionalizzato. Tuttavia la caratterizzazione del deviamento come fatto sociale (deviamento sociale) non si riferisce alla implicita presenza dell’organizzazione istituzionalizzata (che sanziona appunto il deviamento), ma si riferisce all’esistenza nel contesto sociale istituzionalizzato di sub-gruppi più o meno ampi di soggetti (sub-culture) che operano in modo potenziale a favore del deviamento e conseguentemente contro gli interessi istituzionalizzati.

    Questo significa che il deviamento è un fatto sociale non per via del numero dei devianti o della tipologia che lo caratterizza, ma perché sorgono (o esistono) nel contesto sociale gruppi di soggetti diversi dai devianti che esprimono sub-culture di sostegno nei confronti dei devianti; cioè gruppi i quali pur non realizzando deviamenti attuali (come quelli dei devianti) pongono in essere forme di potere deviante (usando i ruoli pubblici, di cui sono titolari, a favore dei devianti) o realizzando, più in generale, forme di deviamento potenziale rispetto al contesto istituzionalizzato di cui fanno parte (fondate su un coinvolgimento positivo primario).»

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, pp. 31-32)

  • 10/52«Le forme di deviamento che si manifestano come fatti sociali (deviamenti sociali) presuppongono quindi sempre un rapporto di conflitto tra una cultura (normalmente istituzionalizzata) e una o più sub-culture che operano al suo interno.

    In questi casi, il deviamento può suscitare forti reazioni collettive (sotto forme di manifestazioni e proteste, come avviene per il sequestro in Sardegna o, estendendo in discorso, per la mafia, per l’usura, per le tangenti), cioè può generare anche sub-culture di contrapposizione al deviamento; può determinare un coinvolgimento positivo di interessi espresso da un sub-gruppo sociale i cui interessi comuni sono negativamente coinvolti con gli interessi del gruppo o dell’individuo deviante, e quindi positivamente coinvolti con gli interessi della cultura istituzionalizzata

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, pp. 32-33)

  • 11/52«Nel caso del conflitto tra una cultura istituzionalizzata e una sub-cultura di sostegno al deviamento si ha un coinvolgimento negativo di interessi tra le due culture, che ha ad oggetto azioni di accettazione nei confronti di comportamenti devianti compiuti da individui o da gruppi più o meno numerosi, per cui gli interessi di questi ultimi sono in conflitto con quelli istituzionalizzati, ma non sono in conflitto con gli interessi del sub-gruppo sociale che appoggia il deviamento. Si ha quindi un coinvolgimento negativo tra interessi della sub-cultura di sostegno e interessi istituzionalizzati e un coinvolgimento positivo tra interessi della sub-cultura di sostegno e interessi devianti, che esprimono comportamenti vietati e puniti dalla cultura istituzionalizzata

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 34)

  • 12/52«Nel caso della cooperazione tra una cultura istituzionalizzata e una sub-cultura di contrapposizione al deviamento si ha un coinvolgimento positivo di interessi tra le due culture, che ha ad oggetto azioni di prevenzione o di repressione nei confronti di comportamenti devianti compiuti da individui o da gruppi più o meno numerosi; per cui gli interessi di questi ultimi non solo sono in conflitto con gli interessi istituzionalizzati, ma anche con gli interessi del sub-gruppo sociale che si sente più direttamente danneggiato dal deviamento e/o non sufficientemente protetto dalla cultura istituzionalizzata. Si ha quindi un coinvolgimento positivo tra interessi della sub-cultura di contrapposizione e interessi istituzionalizzati e un coinvolgimento negativo tra questi interessi positivamente coinvolti e gli interessi devianti

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, pp. 34-35)

  • 13/52«Se esiste una sub-cultura di sostegno (che trova nell’omertà diffusa un indicatore sociale importante) è difficile che una azione normativa istituzionalizzata orientata alla prevenzione possa realizzare effetti dissuasivi generalizzati; ed è altrettanto difficile che possano aversi effetti dissuasivi derivanti dalla pena annunciata.

    Uno schema di riferimento sociale è quindi essenziale per l'esplicazione del sequestro, perché consente di definire le varie tipologie (tra loro molto diverse) di questa forma di deviamento

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, pp. 36-37)

  • 14/52«In una prospettiva scientifica non ha alcun senso postulare un unico schema di riferimento, quello normativo, da applicare in modo generalizzato a tutti i comportamenti devianti, dalla droga alle tangenti, dalla mafia alla devianza minorile, dal sequestro ad altre forme di deviamento socialmente rilevanti.

    Lo schema normativo (per definizione statico) unifica e uniforma tutte le tipologie di deviamento, differenziandole solo con riferimento alle quantità di pena da erogare. In realtà i deviamenti sono tutti fra loro profondamente diversi (anche quelli che appartengono alla stessa tipologia, come nel caso del sequestro) in quanto causati da contesti sociali e psicologici non comparabili.

    Capire le variabili sociali di ogni deviamento è quindi indispensabile per poter controllare il deviamento anche con mezzi che non sono esclusivamente penali e punitivi; per poterlo eliminare nelle sue cause reali e non per illudersi di eliminarlo sul piano delle semplici omologazioni formalistiche di tipo punitivo

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 38)

  • 15/52«I fatti sociali coinvolgono tutti, perché ciascun soggetto è un loro prodotto; coinvolgono perché nella personalità di ciascuno possono permanere atteggiamenti e propensioni difficilmente percepibili, che costituiscono aspetti residuali di una cultura endogena marginalizzata dalle stratificazioni di successive culture, ma pur sempre presente in qualche misura nell’ambiente sociale

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, pp. 39-40)

  • 16/52«Gruppi sociali allargati tendono a non vedere e a non sentire perché hanno interiorizzato la legge dell'omertà; volta appunto a salvaguardare, nei confronti dei modelli di comportamento imposti dall'esterno (cioè dallo stato), la identità culturale endogena e i principi della sua etica. Una omertà percepita non come fatto dannoso per la collettività, ma come comportamento dovuto alla collettività per preservarne i valori e l'immagine, contro le culture esogene che li mettono in discussione.

    Non si può capire il senso di questo tipo di omertà se non si tiene conto del fatto che tutti i modelli di organizzazione sociale, dalla società tribale alla società industriale avanzata, costituiscono altrettante risposte al basilare problema della distribuzione delle risorse scarse tra i membri di un gruppo e al conseguente problema della posizione che compete a ciascun individuo nel gruppo.»

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 41)

  • 17/52«Anche i gruppi sociali della nostra regione, che esprimono un contesto culturale endogeno molto diverso da quello di tipo statuale, tentano di rispondere al problema della distribuzione. Ma la risposta non è ottenuta mediante il ricorso al mercato, e neppure mediante il ricorso a politiche statuali ridistributive; bensì è ottenuta realizzando un tipo di sistema sociale fondato su un paradigma di riferimento (coinvolgimento positivo primario di interessi tra tutti i soggetti) nel quale l’unico valore socialmente condiviso è quello dell’egualitarismo distributivo delle risorse e l’unica attività sanzionatoria socialmente ammessa (legittimata) è quella realizzata da individui o gruppi non titolari di ruoli sanzionatori esplicitamente definiti, che presupporrebbero un’organizzazione formale (anche di tipo statuale), ma di ruoli sanzionatori non definiti in modo esplicito, appartenenti a ciascuno soggetto in grado di esercitarli nell’interesse collettivo

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 42)

  • 18/52«Il conflitto potenziale, derivante dalla scarsità delle risorse, è orientato primariamente al mantenimento dell’equilibrio statico che garantisce l’egualitarismo, tratto tipico di questa cultura. Tutti confliggono per acquisire o mantenere le risorse scarse, ma nessuno può impunemente accumulare più risorse di ciascun altro. Una forma di individualismo egualitario radicalmente diversa dall’individualismo di mercato, anch’esso conflittuale sul piano economico, ma non egualitario, in quanto riconosce l’accumulazione (tramite l’innovazione, la produzione e lo scambio) come sbocco naturale del conflitto; una accumulazione in teoria senza limiti, perché fondata sull’inserimento della dinamica tecnologica e organizzativa nel processo produttivo

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 43)

  • 19/52«Su quali basi culturali (antropologiche) si regge dunque questa società, così anomala e così diversa?

    Si regge su un principio minimo di organizzazione che regola e delimita il conflitto sociale con riferimento alla tutela di una specifica forma di equilibrio statico tra i ruoli proprietari ammessi nel sistema.

    Qualsiasi acquisizione di risorse da parte di individui o gruppi è legittima, sempre che non alteri il principio del tendenziale egualitarismo tra la quantità di risorse riconosciute a ciascuno. L’organizzazione, infatti, non regola le modalità di acquisizione delle risorse, ma valuta solo, secondo parametri tendenzialmente egualitaristici, il quantum di risorse acquisite o acquisibili.

    Ogni violazione dell’equilibrio statico è collegata a una norma sanzionatoria socialmente condivisa, il principio del contrappasso, che consente a ciascun individuo o gruppo di entrare in conflitto aperto con altri (trasformando il conflitto sociale da potenziale in attuale).»

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 44)

  • 20/52«La società fondata sul principio del contrappasso, nella sua forma più astratta, regola quindi tutti i tipi di rapporti tra i soggetti in termini di conformità o difformità (violazione) rispetto all’equilibrio statico, che si identifica nella tendenziale conservazione di un contesto sociale tradizionalmente definito. Qualsiasi alterazione di questo contesto, sia sul piano degli equilibri patrimoniali tra i soggetti, sia sul piano degli equilibri personali, deve essere ricomposta somministrando al soggetto che ha violato la norma una sanzione eguale e contraria alla violazione

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 45)

  • 21/52«Un simile modello di società non ammette che possa esistere una tutela di diritto privato dell’interesse leso, in quanto l’equilibrio statico nei rapporti tra i soggetti può essere reintegrato solo somministrando al deviante endogeno lo stesso danno che egli ha arrecato alla vittima, e quindi alla società.

    Pertanto all’interno di una cultura endogena di questo tipo ogni deviamento lede per definizione un interesse collettivo e nessun soggetto può permettersi di non applicare il principio del contrappasso, attribuendo al deviamento endogeno un carattere di diritto privato che la società non gli riconosce.»

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 46)

  • 22/52«Nel contesto sociale si possono individuare due insiemi di relazioni che si presentano tanto nei gruppi statuali, espressamente presi in considerazione con riferimento al deviamento al loro interno, quanto nei gruppi non statuali, rispetto ai quali il deviamento interno non è specificamente considerato:

    1. un insieme che esprime comportamenti (interessi) che si sono stabilizzati nella personalità durante il processo di socializzazione, cioè modelli (tipologie) di scelta che l’individuo ha interiorizzato e che è disposto a realizzare spontaneamente (senza costrizioni di tipo punitivo); in questo caso i suoi interessi non solo in conflitto, ma sono coinvolti positivamente in modo primario con gli interessi istituzionalizzati (nell’ipotesi di gruppo statuale);

    2. un insieme che esprime comportamenti (interessi) che l’individuo realizza, non perché li ha interiorizzati (avendo al contrario interiorizzato modelli di scelta con essi incompatibili), ma perché si conformano a una costrizione di tipo punitivo; in questo caso l’individuo, pur avendo interiorizzato interessi coinvolti negativamente con gli interessi istituzionalizzati, per evitare la punizione è costretto (dalla logica dell’azione punitiva) a non soddisfare i suoi interessi interiorizzati (che potrebbero essere soddisfatti solo in presenza di una modificazione più o meno radicale della normativa statuale). Gli interessi istituzionalizzati che non possono essere soddisfatti configurano altrettanti deviamenti potenziali, che l’individuo non trasforma in deviamenti attuali in quanto sceglie di conformarsi alla norma istituzionalizzata, realizzano in tal modo un coinvolgimento positivo derivato (mediato) con gli interessi istituzionalizzati.

    Nell’ambito di questo secondo insieme, a volte confuso e contraddittorio, a volte chiaro ed esplicito, di relazioni interpersonali (che rappresenta lo spazio sociale pre-istituzionale) si sviluppa la dinamica sociale, che nei sistemi democratici e pluralistici è essa stessa istituzionalizzata

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, pp. 54-55)

  • 23/52«Tanto la dinamica sociale evolutiva (cioè la dinamica storica) quanto la dinamica sociale strutturale si sviluppano, nello spazio sociale pre-istituzionale, mediante continui ampliamenti o riduzioni dei gruppi di soggetti che riconoscono i propri interessi nell’uno o nell’altro dei due insiemi di interessi positivamente coinvolti: gli interessi istituzionalizzati e gli interessi contrapposti, potenzialmente devianti

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 56)

  • 24/52«Se il coinvolgimento positivo si realizza con riferimento a interessi devianti che hanno alto livello di intensità (come, ad esempio, nel caso in cui un gruppo sociale sia particolarmente sensibile a criteri di equità o giustizia distributiva definiti ovviamente secondo i paradigmi culturali tipici del gruppo), se gli interessi istituzionalizzati definiti dall’élite del potere non si modificano conformemente alle istanze sociali che emergono nel pre-istituzionale e se gli interessi devianti hanno una base di accettazione tendenzialmente ampia o molto ampia, allora può darsi che il deviamento potenziale superi i confini del pre-isituzionale e si trasformi in deviamento attuale, dando luogo a comportamenti in aperto conflitto con gli interessi istituzionalizzati. In tal caso il potere sanzionatorio istituzionalizzato non è più efficace nei confronti degli interessi devianti».

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, pp. 56-57)

  • 25/52«Da notare, a proposito dei comportamenti inadeguati dello stato, che l’interesse pubblico alla prevenzione del deviamento può essere soddisfatto dallo stato in quattro modi, due diretti e due indiretti, mediante:

    1. sequenze operative orientate alla modificazione del contesto sociale entro cui il comportamento deviante è appreso;

    2. sequenze operative orientate a proteggere i soggetti contro i quali può essere indirizzato un comportamento deviante;

    3. sequenze operative di tipo meramente punitivo;

    4. sequenze operative che realizzano una forza dissuasiva generalizzata non collegata alla punizione intesa come somministrazione di una pena, ma intesa come sottrazione (o impedimento nell’acquisizione) di un vantaggio (di una risorsa).»

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 60)

  • 26/52«L’eliminazione del conflitto mediante il potere e la conseguente norma penale, non è una eliminazione reale, assimilabile a un cambiamento della cultura, quanto piuttosto una parvenza di cambiamento, una illusione derivante dal senso comune che considera la punizione come l’unico strumento per modificare i comportamenti. La logica punitiva non modifica la personalità dei singoli individui; ancora meno modifica le culture, i comportamenti sociali

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 63)

  • 27/52«I conflitti fra diverse culture non si risolvono e non si possono risolvere usando solo gli strumenti del potere (in particolare del potere penale). Al massimo col potere penale si può risolvere (male) un conflitto tra stato e deviamento singolo; ma quando il deviamento è radicato profondamente in un contesto sociale, sarebbe opportuno chiedersi perché mai il deviamento sia tale solo per lo stato e non anche per la cultura endogena

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, pp. 63-64)

  • 28/52«L’effetto dissuasivo della punizione trova un limite grave nelle disfunzionalità dell’organizzazione statuale: se la pena non viene somministrata immediatamente dopo la realizzazione del deviamento essa perde, in tutto o in parte, la sua forza dissuasiva generalizzata (essendo quest’ultima tanto maggiore quanto minore è l’intervallo temporale tra deviamento e punizione); se poi la stessa legge prevede modalità di attenuazione della pena successive alla sua attribuzione, la forza dissuasiva generalizzata della punizione si abbassa ancora di più.»

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, pp. 66-67)

  • 29/52«La forza dissuasiva generalizzata della punizione può tendere a zero se il comportamento che lo stato considera deviante è profondamente radicato in una cultura che esprime un insieme di interessi negativamente coinvolti con gli interessi istituzionalizzati. In questo caso il comportamento che per la cultura istituzionalizzata è deviante viene considerato addirittura legittimo dalla cultura non istituzionalizzata (endogena) e l’interesse che lo stato protegge viene considerato antigiuridico dalla cultura endogena

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 67)

  • 30/52«In realtà il sequestro a scopo di estorsione è un reato che mette a dura prova la coerenza dei principi su cui si fonda l’ordinamento penale. Posto che ogni norma penale deve essere fondata su un interesse pubblico, cioè su un interesse riconosciuto e accettato come proprio da ciascun soggetto appartenente a una data collettività statuale, quale interesse pubblico viene sacrificato nel caso del sequestro?

    Se quest’ultimo non implicasse la negoziazionesequestro contro riscattonulla questio, nessun problema: il sequestro sarebbe a pieno titolo un reato contro la persona. Ma siccome il sequestro (quello a scopo di estorsione) implica che la liberazione del sequestrato sia subordinata al versamento del riscatto, si realizza uno spostamento dell’oggetto del reato dalla persona al patrimonio; infatti la privazione della libertà personale ai danni del sequestrato è solo uno strumento per l’acquisizione di un vantaggio patrimoniale da parte dei sequestratori

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, pp. 75-76)

  • 31/52«Entro qualsiasi gruppo sociale (legittimato in forma statuale o no) l’interesse collettivo (pubblico nel caso di gruppo statuale) che si esprime come coinvolgimento positivo primario deve essere visto in una prospettiva che superi in linea di principio i singoli individui, i quali devono essere disposti a sacrificare qualsiasi loro interesse, se questo è strumentale per la tutela dell’interesse collettivo

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 84)

  • 32/52«La norma penale serve limitatamente (data la incerta rilevanza della punizione in presenza di interessi devianti aventi alti livelli di intensità) entro una cultura in cui non esiste deviamento sociale, ma solo deviamento singolo; non serve se si tenta di imporla a una cultura ad essa eterogenea, in cui la norma venga usata contro il deviamento sociale

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 89)

  • 33/52«Determinare cambiamenti nelle culture intervenendo sulle stesse mediante variabili esogene che non siano di tipo normativo-punitivo non è facile, soprattutto quando l’ordinamento politico è pluralistico e democratico; la classe politica tende infatti ad adeguarsi agli interessi della base del consenso, escludendo dal repertorio degli interessi pubblici qualsiasi atto che possa modificare le situazioni sociali esistenti.

    Anche in questo caso il problema si pone in termini di coinvolgimento positivo di interessi. Se l’interesse collettivo al cambiamento della cultura endogena fosse stato prevalente, o se la classe politica l’avesse avvertito come prevalente, una operazione graduale e programmata di trasformazione si sarebbe potuta attuare, primariamente sul piano delle politiche sociali, attivando qualche forma di pianificazione sociale, non impositiva ma interattiva, orientata al depotenziamento del conflitto tra cultura endogena e cultura statuale.

    Ma nulla è stato fatto in questo senso negli ultimi cinquant’anni. Evidentemente l’interesse al cambiamento non era prevalente, o se lo era nessuno si rendeva conto del fatto che il cambiamento per definizione investe globalmente il contesto sociale, tutta la cultura di un gruppo (così come investe globalmente la personalità); per cui non si può attivare alcun processo di sviluppo economico se non si realizzano le pre-condizioni sociali dello sviluppo, consistenti nello stretto adeguamento dei modelli tradizionali di organizzazione sociale ai nuovi modelli di organizzazione (industriale).

    Il fatto che la classe politica non abbia avvertito alcuna esigenza di cambiamento che non fosse compatibile con interventi di tipo strettamente economico, dimostra che essa aveva (e ha) forti limiti nella percezione dei fatti sociali; limiti i quali hanno dato agli interventi pubblici un carattere di intrinseca contraddittorietà che ha aggravato il conflitto tra cultura endogena e cultura statuale, anziché attenuarlo o quanto meno tenerlo sotto controllo.»

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, pp. 100-101)

  • 34/52«Come hanno operato le contraddittorie politiche economiche della Regione sarda? Da un lato con l’industrializzazione forzata delle cosiddette “zone interne” (così come di diverse altre aree), che si è risolta in un tentativo di imporre la cultura industriale; dall’altro lato sostenendo al di fuori del mercato, e quindi in modo assistenzialistico, l’economia tradizionale di tipo agro-pastorale.

    In sintesi sono mancate tanto le pre-condizioni sociali, quanto le pre-condizioni economiche dello sviluppo; più correttamente, c’è stata una scelta distorta esprimente una caratteristica forma di potere deviante della classe politica; quest’ultima, anziché porsi come obiettivo lo sviluppo economico (e sociale), si è posta come obiettivo la massimizzazione della propria base del consenso, subordinando l’efficacia degli interventi pubblici alla persistenza nella gestione del potere

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 102)

  • 35/52«La crisi che ha colpito negli ultimi decenni le localizzazioni industriali ha reso ancora più grave la già precaria situazione, determinando un forte depotenziamento della cultura industriale di mercato, viziata fin dall’origine dalle gravi disfunzioni dell’organizzazione politica in termini di potere deviante e dal fatto che non si poteva pretendere di sovrapporre sic et simpliciter il nuovo industrialismo alla cultura endogena, senza tentare contestualmente di modificare quest’ultima.

    Il risultato di tutte queste operazioni è stato che, in presenza della crisi dell’industria da un lato e dell’endemica crisi del settore agro-pastorale dall’altro lato, la cultura endogena non si è modificata, con gravi conseguenze sul contesto sociale, che trovano nello stato di malessere di vaste aree, cioè nel deviamento potenziale o attuale generalizzato che in esse si riscontra, una delle espressioni più significative.»

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 103)

  • 36/52«La storia studia i fatti passati nella loro irreversibilità individualizzata. La scienza sociale assume i fatti sociali come parametri o come variabili dipendenti o indipendenti e li inserisce nel proprio modello esplicativo (caratterizzato da una logica strutturale riferita a relazioni funzionali tra comportamenti), supponendo che le variabili (e a maggior ragione i parametri) si configurino nel contesto sociale considerato in modo statico (cioè non esprimano ambiti di variazione possibili: è questo il caso del cosiddetto equilibrio statico). Oppure assume il fatto sociale nella sua dinamica strutturale o evolutiva.

    La dinamica strutturale esprime processi che prevedono una variazione nei valori della funzione alla quale consegue necessariamente un ristabilimento dei valori iniziali (è questo il caso del cosiddetto equilibrio stabile); oppure una variazione nei valori della funzione ai quali conseguono necessariamente valori diversi da quelli iniziali (è questo il caso del cosiddetto equilibrio instabile). La dinamica evolutiva non riguarda il fatto (inteso come insieme di relazioni tra comportamenti) nella sua individualizzazione, ma si riferisce al cambiamento della funzione nella quale il fatto compare come variabile indipendente, variabile dipendente o parametro, cioè alla modificazione della relazione che collega il fatto ad altri fatti

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, pp. 105-106)

  • 37/52«Si è visto che lo studio di una cultura secondo un paradigma dinamico presuppone un modello esplicativo di tipo strutturale. Con riferimento a tale modello, l’analisi dinamica individua le sequenze operative specifiche di una cultura, in una logica di modificazione intertemporale; in modo tale da poter evidenziare, ove esistano, con riferimento alle variabili e ai parametri del modello, anche le corrispondenti modificazioni significative e inoltre le eventuali modificazioni delle funzioni che le collegano, entro intervalli temporali definiti. La modificazione delle funzioni esprime infatti la dinamica evolutiva, così come la modificazione delle variabili indipendenti e dipendenti (e dei parametri), data la funzione che le collega, esprime la dinamica strutturale

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 113)

  • 38/52«Tutti i problemi sociali del deviamento, nella prospettiva ingenua ma purtroppo generalizzata del senso comune, diventano esclusivamente problemi penali. Di qui il ruolo della magistratura, necessariamente ampio. Molti si stupiscono oggi di questo ruolo tendenzialmente senza confini; ma esso è solo la conseguenza di una premessa quasi da tutti accettata: quella secondo cui i comportamenti possono essere soltanto buoni o cattivi, leciti o illeciti.

    L’esperienza più immediata dell’uomo tende infatti a costruire punti di riferimento di facile comprensione. Separare il bene da male è la cosa più essenziale e gratificante, perché consente di mettere ordine in un mondo che appare molto disordinato: e il deviamento è sempre percepito come disordine

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, pp. 120-121)

  • 39/52«Purtroppo non si riesce ancora a capire che ogni fenomeno sociale non nasce dal nulla, quasi fosse una manifestazione estemporanea di personalità isolate, ma è l’effetto di cause che bisogna ricercare nei processi interattivi; in breve, ogni comportamento umano è l’effetto diretto o indiretto di variabili sociali che lo determinano, cioè di altri comportamenti coi quali coesiste e interagisce.

    L’idea che l’uomo sia una specie di monade, libera nelle sue scelte e nelle sue valutazioni, capace di rispondere solo a sé stessa, alla propria coscienza, o a una qualche realtà trascendente che ne costituisca il punto di riferimento e il traguardo, è un’idea metafisica molto rassicurante e coinvolgente, ma troppo semplicistica e del tutto priva di capacità esplicativa. Non spiega niente, ma tranquillizza tutti, perché sposta il problema della ricerca delle cause alla presunta eliminazione degli effetti

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 122)

  • 40/52«Il processo di unificazione nazionale che ha sovrapposto con la forza una cultura regionale egemone a una molteplicità di altre culture, anch’esse regionali ma meno innovative, è sempre stato impostato in termini repressivi e punitivi e ha sempre preteso di imporre una unificazione tra contesti sociali radicalmente diversi, servendosi proprio, come strumento primario, di quel formalismo giuridico che può essere visto come punto di arrivo di un processo di unificazione, ma mai, come punto di partenza o come strumento per ottenere una qualche unificazione

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 125)

  • 41/52«Il relativismo culturale costituisce uno degli aspetti più rappresentativi della società attuale. Di fronte alla pluralità degli atteggiamenti e dei valori, che rendono diversi i gruppi sociali e ne specificano i modelli di comportamento e di organizzazione generalizzati, bisognerebbe porsi il problema della integrazione dei molteplici sistemi di interazione sociale in una prospettiva di reciproco rispetto; che è poi la prospettiva su cui si fonda il concetto stesso di autonomia.

    Il rispetto delle diverse culture trova appunto nella esigenza di integrazione un limite non superabile. Se si integra l’ordinamento sociale endogeno sardo con la cultura statuale, bisogna necessariamente modificarlo. Se viene modificato, in qualche modo viene distrutto. È legittimo distruggerlo senza la consapevolezza generalizzata dei gruppi sociali che lo interiorizzano e lo rappresentano? E come fare per ottenere questa consapevolezza

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, pp. 126-127)

  • 42/52«Il dogma inespresso che sta a fondamento del paradigma prescrittivo e del concetto stesso di norma giuridica, nella sua accezione punitiva, consiste nel considerare il conflitto, tanto sul piano conoscitivo, quanto sul piano sociale, come una caratteristica ineliminabile dell’interazione umana.

    Al dogma della conflittualità consegue il dogma della punizione, che trova nel diritto (naturale e positivo) un quadro di riferimento nobilitante, al quale normalmente ci si riferisce quando si parla del problema dell’ordine, che Hobbes ha risolto nel modo più radicale, postulando il Leviatano, e che Parsons ha tentato di risolvere in termini funzionalistici

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 141)

  • 43/52«Il potere istituzionalizzato si trasforma in potere deviante quando viene usato in funzione della persistenza di una data classe politica, cioè viene usato da quest’ultima per rendere statica (sul piano strutturale) e stazionaria (sul piano evolutivo) la propria base del consenso

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 144)

  • 44/52«La storia passata, che qui viene presa in considerazione con riferimento alla dinamica strutturale (rispetto alla quale è considerata come parametro) e non alla dinamica evolutiva, è stata caratterizzata non solo dal persistente coinvolgimento negativo tra gli interessi della cultura endogena e quelli delle culture statuali esogene (di potere), ma anche dal contestuale atteggiamento di totale acquiescenza al dominio esterno da parte delle élites locali; e, inoltre, dal fatto che la stessa cultura endogena non è mai riuscita a esprimere in modo innovativo alcun ordinamento normativo di tipo statuale che manifestasse un’autonoma capacità organizzativa del contesto sociale, ma ha espresso solo forme primitive di organizzazione che non sono mai riuscite a superare i ristretti confini della famiglia estesa e del clan.

    In questa situazione, caratterizzata tra l’altro da una tendenziale stazionarietà sociale ed economica, la società endogena non poteva che riproporre e tentare di realizzare i propri valori egualitaristici in forme del tutto anomale e nascoste

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 146)

  • 45/52«In breve, la storia (sociologica e antropologica) della cultura endogena (che non è storia di res gestae, di fatti direttamente o indirettamente istituzionalizzati, che hanno nella forma organizzativa statuale il proprio punto di riferimento, non è storia concernente l’evoluzione di modelli di interazione sociale) mostra che questa cultura, non solo non è mai riuscita ad esprimersi autonomamente, ma si è sempre trovata in situazioni di conflitto con culture di tipo statuale che mutuavano dall’esterno il proprio principio di autorità. Anche nel periodo giudicale, che è considerato il momento in cui la cultura endogena si sarebbe espressa in forma statuale, il ruolo del giudice non è mai stato espressione diretta di autorità legittimata da questa cultura, ma un’espressione di autorità fondata su un potere originario esterno. Non è mai esistita una legittimazione endogena dell’élite politica, ma sempre quest’ultima è stata costretta a fondarsi su una legittimazione esogena.

    La statualità di una cultura infatti non è espressa solo dalla forma organizzativa, ma dal fatto che il principio di legittimazione che fonda la forma organizzativa sia realmente endogeno, cioè dal fatto che l’élite politica abbia una base del consenso che si identifichi nella cultura endogena che l’élite esprime. Se ciò non accade si può avere forma o parvenza di stato, ma non in senso proprio stato, in quanto i punti di riferimento di una tale organizzazione sono diversi da quelli compatibili con la cultura endogena, tanto nei contenuti, quanto nel modello normativo proposto.»

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, pp. 146-147)

  • 46/52«Se l’ordinamento istituzionalizza l’etica socializzante deve per coerenza dare realmente a ciascun soggetto un ruolo sociale ed economico. Di solito ciò non avviene, in quanto le modalità di acquisizione dei ruoli, legittimate (o istituzionalizzate) nel contesto sociale, non garantiscono situazioni paritetiche tra tutti i soggetti, data la diseguaglianza nella distribuzione delle risorse determinata dal sistema proprietario e dalla dinamica dell’accumulazione nel mercato.

    Per esigenze di controllo non strettamente punitivo del deviamento, i gruppi che fondano la propria etica socializzante istituzionalizzata sui ruoli sociali ed economici (particolarmente riferiti alla proprietà privata e al mercato) di solito istituzionalizzano anche principi di etica individualizzante volti ad attribuire a ciascun soggetto un valore intrinseco; tale attribuzione, come si è detto, determina incoerenze e contraddizioni, che sono particolarmente rilevanti nel caso del sequestro

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, pp. 157-158)

  • 47/52«Il tentativo di riscrivere la storia (sarda e italiana) fondandola su un concetto formalistico-giuridico di stato realizza un’arbitraria separazione tra forma-stato e cultura-stato. In Sardegna la forma-stato non è mai stata collegata a una cultura-stato endogena, ma sempre a culture-stato esogene. Per questo motivo il Regno di Sardegna del 1324 e, più recentemente, il Regno d’Italia non esprimono fasi evolutive del medesimo stato, ma connotano culture statuali radicalmente differenti, e quindi stati diversi.

    Le fasi evolutive di una forma-stato non sempre si accompagnano a corrispondenti fasi evolutive della cultura-stato iniziale; anzi può accadere che la forma-stato iniziale si colleghi a una diversa e nuova cultura-stato. In questo caso cambia lo stato, come espressione contestuale di una forma-stato e di una cultura-stato

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, pp. 161-162)

  • 48/52«La modificazione degli interessi (e delle relazioni tra gli stessi) esprime i cambiamenti legittimati nel contesto sociale, che configurano un equilibrio dinamico; quando questi cambiamenti non sono ammessi si ha un equilibrio statico (il quale può essere alterato dal deviamento e ricomposto dalla punizione). La norma giuridica e il principio del contrappasso presuppongono per definizione un equilibrio statico (che l’interpretazione della norma tenta di adeguare alla dinamica sociale).»

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, p. 164)

  • 49/52«La punizione, nell’ambito del senso comune, di solito è presa in considerazione (e somministrata) prescindendo da una individuazione esplicita degli obiettivi ai quali è resa strumentale. Questo errore è, a volte, compiuto dagli stessi studiosi del comportamento. A seconda del quadro di riferimento in cui opera, la punizione assume, infatti, connotazioni e produce effetti diversi. Essa può essere resa strumentale, in linea di principio, a obiettivi di contrappasso, a obiettivi di controllo sociale e a obiettivi educativi.

    Il fatto che la punizione venga presa in considerazione (e somministrata) senza un quadro di riferimento esplicitamente determinato non significa, comunque, che questo riferimento non sia logicamente presupposto, sia pure in modo latente, non potendosi altrimenti parlare di punizione; significa piuttosto che gli obiettivi del contrappasso, del controllo sociale e dell’educazione non vengono differenziati, in quanto normalmente si assume che l’unico quadro di riferimento della punizione (e l’unico obiettivo al quale la punizione possa essere resa strumentale) sia il principio del contrappasso (così come è recepito nella norma giuridica e, in particolare, nella norma penale).»

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, pp. 193-194)

  • 50/52«La riabilitazione ha costi sociali molto elevati rispetto ai benefici che determina; per questo motivo la privazione della libertà personale può essere ammessa, anche prescindendo dalla riabilitazione, non come pena ma come pura e semplice misura di prevenzione e tutela sociale, collegata a una patologia del comportamento derivante da un processo di socializzazione anomalo; ma per far questo bisogna rinunciare a interpretare la pena mediante il principio del contrappasso

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, pp. 196-197)

  • 51/52«Se al deviamento viene associata la riabilitazione, la punizione deve essere necessariamente interpretata e usata entro una logica di controllo sociale e non di contrappasso. In questo senso l’antinomia della pena risente della confusione tra contrappasso e controllo sociale.

    È difficile modificare una situazione consolidata, anche se i dibattiti sulla pena e sulla rieducazione associata alla pena, pur nell’equivoco concettuale che manifestano, mostrano un progressivo depotenziamento, sul piano culturale (storico), dell’ideologia del contrappasso (depotenziamento che non può essere espresso compiutamente nella prospettiva formalistica di Kelsen). Pena e riabilitazione sono, comunque, concetti mutuamente esclusivi, in quanto postulano quadri di riferimento non compatibili.»

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, pp. 197-198)

  • 52/52«Il mancato effetto dissuasivo indica che la punizione non ha funzionato come variabile indipendente rispetto all’interruzione dei comportamenti strumentali devianti e che, con probabilità molto alta, in situazioni equivalenti, non funzionerà per il futuro.

    In questa prospettiva, poiché il significato comportamentistico della pena non è l’espiazione, ma l’interruzione degli operanti strumentali che realizzano il deviamento, la operatività della pena rispetto al deviamento è nulla. Tuttavia la sua somministrazione, ancorché inutile per il deviante, è utile per conferire significato reale alla pena annunciata, cioè per impedire futuri deviamenti in soggetti che abbiano atteggiamenti devianti potenziali rispetto a quelli del deviante attuale.

    È questo il significato sociale della pena e in questo significato si manifesta la sua antinomia: la pena non serve per (contro) il deviante attuale, ma serve per (contro) il deviante potenziale, per contrastare il deviamento (futuro) bisogna applicarla anche quando essa non è riuscita a impedire il deviamento (passato).»

    (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, pp. 199-200)

G. Bolacchi, Le scatole vuote della sociologia, in J. Jacobelli (a cura di), Dove va la sociologia italiana?, Laterza, 1988

  • 1/9«Le argomentazioni con le quali si tenta di giustificare l’aristotelismo sociologico sono di due tipi: quelle che trovano la loro origine nel contesto della filosofia della scienza e quelle che si ricollegano alla immagine dell’uomo tramandataci dalla tradizione filosofica. Esse si specificano in un vasto insieme di corollari pseudo-esplicativi e si completano vicendevolmente.»

    (G. Bolacchi, Le scatole vuote della sociologia, p. 49)

  • 2/9«Le argomentazioni del primo tipo presumono - su basi intuitive - che ogni metodo di ricerca implichi necessariamente una presa di posizione valutativa; conseguentemente negano al discorso scientifico, qualificato dalla relazione funzionale tra variabili (indipendente e dipendente) e dalla verifica sperimentale, il carattere dell’intersoggettività. In questo modo il problema dell’applicazione del metodo galileiano alle scienze sociali, considerate valutative per definizione, diviene privo di senso.»

    (G. Bolacchi, Le scatole vuote della sociologia, p. 49)

  • 3/9«Le argomentazioni del secondo tipo presumono - sempre su basi intuitive - che l’autocoscienza determini una radicale differenziazione tra “persona” e “natura”; conseguentemente considerano il comportamento umano come irriducibile a qualsiasi analisi implicante l’uso dei metodi delle scienze naturali, in quanto “libero”, “volontario”, “storicizzato”, ovvero “aleatorio” dato l’enorme numero di variabili inconoscibili che lo caratterizzerebbero.»

    (G. Bolacchi, Le scatole vuote della sociologia, pp. 49-50)

  • 4/9«All’intuizione come “principio della scienza” Galileo contrappone il metodo sperimentale qualificato dalla relazione funzionale, mostrando come “i princìpi” possano essere giustificati all’interno della scienza. Fondare la scienza sull’“induzione astrattiva”, cioè sull’intuizione, significa negare la scienza, perché l’intuizione, avendo il carattere della soggettività, rende non comparabili in linea di principio le posizioni dei diversi osservatori. Per Galileo, inoltre, l’evento singolo ha una rilevanza primaria, poiché l’esperimento controllato si riferisce a fenomeni specifici, rispetto ai quali la conformità a legge è presupposta.»

    (G. Bolacchi, Le scatole vuote della sociologia, p. 51)

  • 5/9«Mentre Aristotele risponde alla domanda “che cosa è l’evento”, e concepisce la scienza come conoscenza per dimostrazione fondata su «cause» intese come «essenze necessarie», Galileo risponde alla domanda “come opera l’evento (variabile dipendente)” rispetto ad altri eventi, e concepisce la scienza come conoscenza per relazione fondata su cause intese come variabili indipendenti.»

    (G. Bolacchi, Le scatole vuote della sociologia, p. 52)

  • 6/9«Quantunque tutti i risultati raggiunti dalla scienza stiano a dimostrare che solo il metodo galileiano possiede capacità esplicative, è sconcertante constatare come la prospettiva metodologica di Aristotele persista tuttora e sia largamente sostenuta nell’ambito delle scienze sociali. Ovviamente i moderni cultori di queste discipline non parlano più di Aristotele, ma tutto è aristotelico nelle più accreditate e diffuse concezioni dell’uomo e della società.»

    (G. Bolacchi, Le scatole vuote della sociologia, p. 52)

  • 7/9«La tesi della radicale separazione tra scienze della natura e scienze dell’uomo, spesso condivisa acriticamente dagli scienziati naturali più sprovveduti dal punto di vista metodologico, viene riproposta in modo apparentemente non filosofico quando si afferma che vi sarebbero due tipi di scienza entrambi in linea di principio caratterizzati dalla relazione funzionale: la scienza naturale che ammette la verifica sperimentale e la scienza sociale che, non potendo ammettere la verifica sperimentale, dovrebbe utilizzare unicamente il metodo statistico.»

    (G. Bolacchi, Le scatole vuote della sociologia, p. 53)

  • 8/9«Il concetto di legge statistica in fisica è diverso dal concetto di legge statistica nella analisi sociologica ed economica in quanto con riferimento ai fenomeni sociali si assume che, a differenza della fisica, le correlazioni tra variabili e le generalizzazioni empiriche abbiano un ambito di significatività limitato nel tempo e nello spazio.»

    (G. Bolacchi, Le scatole vuote della sociologia, p. 55)

  • 9/9«Il postulato acritico della radicale incompatibilità dei metodi delle scienze naturali rispetto ai fenomeni sociali accredita l’idea delle scienze sociali come “scienze non sperimentali” (H.M. Blalock, jr.). Esso costituisce una specie di “blocco mentale” che tuttora falsa sul nascere la ricerca sociale, impedendo allo studioso di leggere il “gran libro della natura” sociale. Si tratta della stessa prospettiva aristotelica che ostacolò per due millenni la conoscenza scientifica della natura.»

    (G. Bolacchi, Le scatole vuote della sociologia, p. 55)

G. Bolacchi, G. Sabattini, T. Usai, Oligopolio e crescita economica, Franco Angeli, Milano, 1985

  • 1/44«La modellistica dello sviluppo presuppone uno “specifico sviluppo”, caratterizzato da variabili e da parametri che si riferiscono in linea di principio a società industriali avanzate, ovvero a società nelle quali la razionalità economica sia generalizzata. Ma che succede se il fatto economico-sociale da spiegare, come avviene nella maggior parte dei sistemi economici del terzo mondo e del mondo parzialmente industrializzato, non si conforma a questi caratteri? Bisogna forse aspettare che questi sistemi economici diventino suscettibili d’essere esplicati sulla base degli attuali modelli formalizzati di sviluppo o non è forse il caso di cambiare i modelli, concentrando gli sforzi conoscitivi sulla costruzione di teorie più astratte, che facciano compiere all’analisi del sottosviluppo quel salto esplicativo che le consenta di realizzare un discorso unificante tra variabili economiche e variabili socio-psicologiche?»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, pp. 17-18)

  • 2/44«L’ipotesi secondo cui le molteplici tipologie in cui si esprime il passaggio dal sottosviluppo allo sviluppo e in cui si esprimono i vari stadi di sviluppo di un sistema economico avanzato abbiano molteplici e fondamentali punti di compatibilità, può essere accettata con notevole grado di attendibilità. Se questo è vero, risulta necessario formulare un modello onnicomprensivo di sviluppo nel quale possano essere fatti rientrare anche i primi stadi dello sviluppo, cioè l’avvio o l’inizio del processo di sviluppo.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 18)

  • 3/44«In sintesi, i processi di sviluppo non vengono chiaramente distinti dai processi di passaggio dal sottosviluppo allo sviluppo. Inoltre, il fatto che il passaggio dal sottosviluppo allo sviluppo venga affrontato utilizzando gli strumenti metodologici tipici della teoria economica dello sviluppo conduce, sul piano degli interventi di politica economica, a molteplici contraddizioni che hanno inciso negativamente sulla credibilità esplicativa dell’approccio economico al sottosviluppo che negli anni cinquanta ha avuto la sua massima rilevanza.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 19)

  • 4/44«Alle condizioni dello “sviluppo” proposte negli anni cinquanta erano comuni, secondo Hirschman, due fondamentali postulati: quello del rifiuto della pretesa monoeconomica e quello dell’asserzione della tesi del beneficio reciproco.

    Il rifiuto della pretesa monoeconomica implica che il gruppo dei paesi sottosviluppati si differenzi, per un certo numero di caratteristiche economiche comuni, dai paesi industriali avanzati e che l’analisi economica tradizionale, elaborata in riferimento ai paesi industriali, debba essere riformulata per aspetti molto importanti quando affronta i paesi sottosviluppati.

    Il beneficio reciproco implica che le relazioni economiche tra paesi sottosviluppati e paesi industriali avanzati possano “essere configurate in modo tale da assicurare vantaggi ad entrambi”.

    Per Hirschman, il postulato monoeconomico e quello del beneficio reciproco caratterizzano tutti i possibili tipi di teorie esplicative del passaggio dal sottosviluppo allo sviluppo.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, pp. 20-21)

  • 5/44«Tutti i tentativi di analisi “economica” che si fondano sul concetto di scambio ineguale e che da questo concetto traggono i corollari della diversità strutturale, in termini socio-economici, del paese periferico rispetto a quello centrale e della diversità delle leggi di sviluppo del paese periferico rispetto a quello centrale fanno ricorso a postulati anomali, sia rispetto ai postulati della scienza economica, sia rispetto ai postulati della scienza sociale; fanno cioè ricorso a postulati ideologici.

    Le analisi neomarxiane di questo tipo ipotizzano implicitamente due schemi di spiegazione economica tra loro alternativi: lo scambio in regime di equilibrio, valido anche entro sistemi economici sottosviluppati, o lo scambio ineguale, valido con riferimento ai rapporti tra sistemi sottosviluppati e sistemi sviluppati. Un superamento di questa contraddizione all’interno dei confini delle analisi marxiane implicherebbe l’assunzione del concetto di scambio ineguale come postulato-base, su cui rifondare tutto il discorso economico.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, pp. 22-23)

  • 6/44«Poiché il discorso keynesiano è assunto spesso come punto di riferimento da coloro che si occupano di problemi del sottosviluppo, è opportuno precisarne la corretta dimensione metodologica, al fine di evitare fraintendimenti concernenti la capacità esplicativa della scienza economica. Come si è visto Hirschman parla della rivoluzione keynesiana in termini di nuova economia e fonda questa affermazione sulla premessa, che emerge spesso nel suo discorso in modo palese o latente, secondo cui “economie di tipo diverso richiedono diversi tipi di scienza economica”.

    Questo modello di ragionamento è abbastanza comune, ma è suscettibile di ingenerare equivoci che limitano o rendono poco chiaro il senso del discorso economico.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 24)

  • 7/44«La configurazione di equilibrio nella teoria neoclassica viene realizzata mediante un insieme di relazioni di tipo logico-matematico, prive di connotazione storico-temporale. A tal fine si richiama l’idea – abbastanza rozza sotto il profilo metodologico – del cosiddetto “banditore walrasiano” o “mano invisibile”, cioè di una specie di meccanismo attraverso il quale possa ipoteticamente realizzarsi un flusso di informazioni tale da consentire in ogni istante dato la compatibilità tra le diverse funzioni esprimenti il principio marginale, logicamente antecedenti ma temporalmente simultanee rispetto al raggiungimento delle posizione di equilibrio.

    Da queste considerazioni è sorta l’idea che l’equilibrio neoclassico ristretto sia un puro esercizio formale di logica economica astratta, incapace di dar conto della “concretezza” dei fatti economici. Su questa linea, l’opera di Keynes è stata considerata come un tentativo volto a dare una dimensione “storica” al discorso economico. Il problema del “tempo storico” non ha però alcun significato metodologico, sia nell’ambito della teoria neoclassica, sia nell’ambito della teoria neoclassica allargata (sistema keynesiano).»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 26)

  • 8/44«Queste considerazioni debbono essere inquadrate nel contesto del linguaggio economico, il quale presenta, come tutti i linguaggi, un aspetto logico-sintattico e un aspetto semantico. Nel campo dell’economia questa distinzione è particolarmente importante dal punto di vista metodologico. Il discorso logico-sintattico è espresso in termini matematici e si traduce, con riferimento all’ipotesi neoclassica, nelle equazioni generali dell’equilibrio economico. Il discorso semantico consiste invece negli specifici significati comportamentistici che si associano a queste equazioni e che consentono una operativizzazione del discorso economico.

    Molto spesso, gli economisti non avvertono questa distinzione di fondo e procedono portando esclusiva attenzione allo svolgimento matematico-deduttivo, senza tener presente che la capacità esplicativa del linguaggio economico, oltre che la sua capacità di essere utilizzato in termini di “tecnologie” e di politiche economiche, dipendono da una corretta caratterizzazione semantica di ciascuna funzione, cioè dalla corretta associazione di specifici comportamenti a ciascun insieme di valori che compare nelle equazioni.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 27)

  • 9/44«Hirschman individua due grandi filoni di analisi delle condizioni di sottosviluppo: quello che pone l’accento sul concetto di sottoccupazione rurale e che quindi considera la sottoccupazione come caratteristica principale del sistema sottosviluppato e quello che pone l’accento sul concetto di industrializzazione ritardata, cioè sul fatto che un sistema sottosviluppato sia caratterizzato dall’assenza o dal grave ritardo del processo di industrializzazione.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, pp. 29-30)

  • 10/44«Il modello keynesiano esteso utilizzato da Lewis e ripreso sostanzialmente dal Hirschman, Simon e Leibenstein, è un modello che esprime una dinamica strutturale di equilibrio riferita a una combinazione produttiva data. Il passaggio dal sottosviluppo allo sviluppo esprime una relazione dinamica del tutto diversa, che concerne non già il tendenziale passaggio dall’impiego parziale al pieno impiego dei fattori con riferimento a una combinazione data, ma la progressiva modificazione della combinazione dei fattori, cioè la dinamica cumulativa della combinazione produttiva.

    In questa prospettiva il problema del passaggio dal sottosviluppo allo sviluppo consiste non tanto, come dice Leibenstein nella “capacità di reperire e di arruolare risorse e abilità nascoste, disperse o mal utilizzate” data una combinazione produttiva, quanto nella individuazione delle variabili indipendenti che determinano i modi di variazione della combinazione produttiva mediante i quali si realizzano i processi di accumulazione e di sviluppo

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, pp. 30-31)

  • 11/44«Anche l’approccio al sottosviluppo fondato sulle problematiche connesse ai processi di industrializzazione si muove nell’ambito dello schema teorico dell’equilibrio neoclassico. È questo il motivo per cui tutti i tentativi di costruire modelli di sviluppo fondati sull’immissione di risorse esterne nelle aree sottosviluppate in funzione dell’industrializzazione, prefigurano in realtà situazioni di stazionarietà anziché situazioni di sviluppo endogeno. La logica di tali modelli implica infatti che la produttività degli investimenti effettuati debba essere compatibile unicamente con funzioni economiche di operatori esogeni all’area sottosviluppata in cui vengono realizzati gli investimenti, tanto nel caso in cui questi operatori agiscano nell’ambito della sfera privata, quanto nel caso in cui essi agiscano nell’ambito della sfera pubblica.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, pp. 31-32)

  • 12/44«I flussi di capitali esterni verso l’area sottosviluppata non possono essere orientati allo sviluppo endogeno di questa area, se la loro utilizzazione si svolge senza condizionamenti nell’ambito del mercato.

    I parametri in base ai quali valutare la produttività dei capitali esterni potrebbero essere definiti con riferimento a una funzione di crescita dell’area arretrata solo se i flussi di capitali esterni fossero delle pure e semplici “donazioni”, se l’area arretrata disponesse in modo autonomo di innovazioni tecnologiche, se avesse la forza politica per contrattare quote di mercato nell’ambito di un mercato oligopolistico.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 32)

  • 13/44«L’imprenditore che opera nel sottosviluppo, non disponendo in modo autonomo di innovazioni tecnologiche e organizzative, e non possedendo forza politica per contrattare quote di mercato oligopolistico, può solo realizzare combinazioni produttive di tipo ripetitivo. Egli ha quindi due possibilità: o rinuncia a immettere nella combinazione produttiva un fattore tecnologico avente lo stesso grado di indivisibilità di quello immesso nelle combinazioni produttive delle aree sviluppate, nel qual caso si pone in una situazione di extramarginalità; o immette nella combinazione produttiva un fattore tecnologico avente lo stesso grado di indivisibilità di quello immesso nelle combinazioni produttive delle aree sviluppate, realizzando un’equazione della produttività sovradeterminata rispetto al mercato cui l’impresa può accedere, nel qual caso si pone ugualmente in una situazione di extramarginalità. La tendenziale extramarginalità in cui l’imprenditore dell’area sottosviluppata è costretto a operare può essere definita come antinomia della funzione della tecnica.

    L’antinomia della funzione della tecnica spiega le difficoltà degli imprenditori che operano in aree sottosviluppate nella soluzione del problema commerciale. La ricerca o l’ampliamento dei mercati è infatti l’obiettivo fondamentale che questi imprenditori non riescono a realizzare; il mancato raggiungimento di questo obiettivo costituisce il limite più rilevante all’avvio di un processo di accumulazione endogena.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 34)

  • 14/44«La localizzazione di una combinazione monoproduttiva di “vertice” nell’area sottosviluppata determinerebbe il sorgere di un continuum economico-tecnologico indotto, costituito da imprese strumentali rispetto alla combinazione produttiva terminale del continuum; quest’ultima eserciterebbe in tal modo una funzione “trainante” e provocherebbe il venir meno dell’antinomia della funzione della tecnica. Per questi motivi essa può essere definita anche come combinazione produttiva a orientamento endogeno.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 37)

  • 15/44«Il grado di monopolio delle imprese operanti nell’area sviluppata facente parte, assieme all’area sottosviluppata, di un sistema di mercato, determina il sorgere di barriere contro la localizzazione nell’area sottosviluppata di combinazioni monoproduttive a orientamento endogeno, cioè il sorgere di barriere contro la realizzazione nell’area sottosviluppata di un processo di verticalizzazione monoproduttiva.

    Occorre quindi la disponibilità, da parte dell’area sottosviluppata, di un’adeguata forza politica di contrattazione, volta non solo a ottenere la localizzazione nell’area di una combinazione monoproduttiva a orientamento endogeno di dimensione adeguata alle indivisibilità tecnologiche che caratterizzano il settore economico prescelto come settore trainante, ma anche a ottenere che gli effetti siano conseguenti alla localizzazione nell’area sottosviluppata di tutte, o del massimo numero di combinazioni produttive operanti ai livelli intermedi del continuum verticalizzato.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, pp. 40-41)

  • 16/44«Nel caso della verticalizzazione monoproduttiva il mercato delle combinazioni produttive intermedie verticalizzate è dipendente dalla combinazione che opera nel punto terminale del processo; nel caso della verticalizzazione pluriproduttiva il mercato delle combinazioni produttive intermedie verticalizzate non è dipendente dalla combinazione che opera nel punto iniziale del processo: è autonomo rispetto alla combinazione pluriproduttiva iniziale. Da ciò consegue che quest’ultima combinazione non è trainante nel senso in cui lo è la combinazione monoproduttiva terminale

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 41)

  • 17/44«Una combinazione pluriproduttiva iniziale localizzata nell’area sottosviluppata è sempre in linea di principio a orientamento esogeno. L’orientamento esogeno consegue al fatto che le combinazioni produttive verticalizzate ad essa collegate debbono essere compatibili con gli standards di indivisibilità tecnologica tipici delle aree sviluppate.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 42)

  • 18/44«Da quanto si è detto risulta che:

    a. subordinare la realizzazione di investimenti derivanti da flussi di capitali esterni a una funzione di produzione endogena rispetto all’area sottosviluppata è compatibile con una funzione-obiettivo consistente nell’accumulazione endogena, ma è incompatibile con una funzione-obiettivo consistente nella massima occupazione;

    b. subordinare la realizzazione di investimenti derivanti da flussi di capitali esterni a una funzione di produzione esogena rispetto all’area sottosviluppata, in particolare a una funzione di produzione degli operatori che finanziano i flussi di capitali, è compatibile con una funzione-obiettivo consistente nella massima occupazione, ma è incompatibile con una funzione-obiettivo consistente nella accumulazione endogena;

    c. utilizzare lo strumento dell’incentivo monetario sostanzialmente finalizzato all’occupazione, non serve a rimuovere le anomalie strutturali delle combinazioni produttive a orientamento endogeno, anzi le accentua, rendendo il sistema economico regionale sempre più dipendente rispetto al sistema economico sviluppato che gestisce e orienta i flussi di capitali esterni.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 46)

  • 19/44«Gli effetti dell’incentivo monetario a favore di combinazioni produttive a orientamento endogeno sono radicalmente diversi; in questo caso infatti all’incentivo monetario corrispondono effettivamente diseconomie esterne derivanti dalle antinomie della funzione della tecnica; le economie esterne create dall’incentivo non costituiscono un sovrappiù.

    Comunque, in questa seconda ipotesi, l’incentivo monetario, pur attivando economie esterne essenziali alla produttività delle combinazioni a orientamento endogeno, non è sufficiente a modificare la struttura anomala di queste combinazioni nel sottosviluppo in quanto non agisce come variabile indipendente rispetto alla eliminazione dell’antinomia della funzione della tecnica che determina la tendenziale sub marginalità di questo tipo di combinazioni produttive.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 47)

  • 20/44«La esplicazione del sottosviluppo formulata in questo studio mostra come qualsiasi tentativo di modificazione della situazione di arretratezza economica, operata utilizzando i predicati del sistema neoclassico ristretto o allargato, sia priva di significatività. Stando all’interno del sistema neoclassico si può solo dire che aree sviluppate e aree sottosviluppate presentano equazioni della produttività tra loro disomogenee e che questa disomogeneità deriva da un vincolo strutturale, tipico dell’area sottosviluppata, imposto dal mercato e consistente nella non corrispondenza tra funzione della tecnica e mercato.

    La teoria neoclassica nulla può dire circa i modi in cui può essere realizzato il passaggio dal sottosviluppo allo sviluppo e può essere eliminato il vincolo concernente l’antinomia della funzione della tecnica. Il vincolo infatti compare nella teoria neoclassica come dato derivante direttamente dalla specifica struttura socio-economica del sistema sottosviluppato; non come variabile dipendente. Non sono ipotizzabili all’interno della teoria variabili indipendenti capaci di modificarlo.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, pp. 47-48)

  • 21/44«Come si è detto, all’interno della teoria neoclassica non può essere esplicato il passaggio dal sottosviluppo allo sviluppo; ma il fatto che il vincolo concernente la non corrispondenza tra funzione della tecnica e mercato venga assunto entro il sistema neoclassico come postulato esplicativo del sottosviluppo, impone che qualsiasi ipotesi di modificazione o eliminazione di questo vincolo sia priva di scientificità entro tale sistema e debba essere posta necessariamente entro un sistema diverso nel quale il vincolo si trasformi da postulato in variabile dipendente.

    L’inserimento di questa variabile dipendente in una relazione funzionale pone il problema della individuazione della variabile indipendente. Si può ipotizzare, a questo livello di analisi, che le variabili indipendenti siano costituite dalla funzione politica e dalla funzione di ricerca scientifica.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 49)

  • 22/44«Tanto la funzione politica, quanto la funzione di ricerca scientifica e tecnologica sono a loro volta dipendenti da altre variabili sociali quali, ad esempio, la funzione organizzativa e la funzione scolastica.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 50)

  • 23/44«Al fine di eliminare le barriere oligopolistiche che impediscono un processo di sviluppo endogeno dell’area sottosviluppata, è necessario prendere in considerazione macrovariabili indipendenti rispetto al passaggio dal sottosviluppo allo sviluppo, che stanno al di fuori del sistema economico ristretto, sia di tipo neoclassico, sia di tipo keynesiano, entro il quale sono stati fino ad ora formulati i modelli di sviluppo. Le macrovariabili che consentono di formulare un discorso economico allargato, riferito al passaggio dal sottosviluppo allo sviluppo, potrebbero essere sinteticamente designate come precondizioni dello sviluppo. Queste variabili indipendenti orientate all’attivazione di un processo di sviluppo appartengono a un modello più astratto rispetto ai modelli neoclassico e keynesiano.

    Le macrovariabili che possono creare situazioni sfavorevoli alle barriere oligopolistiche operanti in un’area sottosviluppata sono: a) le innovazioni tecnologiche e organizzative concernenti le combinazioni monoproduttive a orientamento endogeno; b) le economie esterne concernenti le combinazioni monoproduttive terminali a orientamento endogeno; c) la forza politica di contrattazione concernente la localizzazione nell’area sottosviluppata di combinazioni monoproduttive a orientamento endogeno.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 52)

  • 24/44«La creazione di economie esterne, cioè di incentivi diretti o indiretti alla localizzazione di imprese industriali nell’area sottosviluppata, non è da sola sufficiente, nell’ambito del mercato, a far sorgere condizioni di sviluppo endogeno.

    Se le economie esterne non sono accompagnate da una forza politica di contrattazione che ne orienti gli effetti indotti, determinando la creazione nell’area sottosviluppata di una verticalizzazione monoproduttiva, esse producono sono effetti compatibili col mercato, consistenti nella localizzazione nell’area sottosviluppata di combinazioni produttive a orientamento esogeno.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 53)

  • 25/44«Un sistema economico ad accumulazione endogena non presenta in linea di principio flussi di capitali esterni.

    Questa asserzione consegue alla definizione che è stata data nel corso del presente lavoro del concetto di “flusso di capitale esterno”. I capitali infatti sono stati considerati “esterni” non già in quanto affluiscono dall’esterno verso l’area sottosviluppata, ma in quanto la loro produttività viene determinata sulla base di parametri esogeni rispetto all’area sottosviluppata, cioè sulla base della funzione di produzione degli operatori esterni che finanziano questi capitali.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 57)

  • 26/44«Il passaggio dal sottosviluppo allo sviluppo implica, non già l’assenza di afflusso di capitali dall’esterno verso l’area sviluppata (ipotesi che non ha rilevanza nell’ambito di questo studio), bensì il fatto che i parametri in base ai quali valutare la produttività dei capitali utilizzati nell’area sottosviluppata (capitali esterni, in termini di senso comune) siano collegati a una funzione di produzione endogena o esogena all’area sottosviluppata. Come è stato detto, nel sistema neoclassico, ristretto o allargato, la funzione di produzione è necessariamente esogena. Nel modello esplicativo proposto in questo studio la funzione è endogena all’area sottosviluppata.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 58)

  • 27/44«Il sistema regionale si presenta pertanto come anomalo rispetto agli schemi esplicativi utilizzati con riferimento alle aree economiche sviluppate. Questa anomalia non può essere intesa nel senso che le leggi economiche non sono applicabili alle aree sottosviluppate, ma nel senso che l’ambito di significatività delle leggi economiche deve essere di volta in volta precisato mediante l’inserimento di predicati limitativi corrispondenti ai vincoli che i sistemi economici presentano. In questo senso può dirsi che i modelli macroeconomici più astratti hanno gli ambiti di significatività più vasti e conseguentemente sono privi in linea di principio di predicati limitativi. Quando però questi modelli vengono utilizzati per esplorare sistemi economici “reali” è necessario “adeguarli” o “adattarli” a questi sistemi, che presentano vincoli specifici i quali debbono essere inseriti nel modello esplicativo senza alterarne la coerenza logica. Molto spesso gli economisti non tengono conto di queste esigenze metodologiche e nelle loro analisi dei sistemi “reali” pretendono di applicare i modelli astratti senza inserire in questi modelli i vincoli emergenti dal sistema “reale”. Il modello astratto in tal modo non appare esplicativo del sistema “reale” e questo fatto porta a respingere in modo acritico qualsiasi modello esplicativo e quindi a contestare l’uso dei modelli in quanto “troppo astratti” rispetto ai sistemi “reali”, oppure porta a costruire modelli alternativi e di conseguenza a configurare l’analisi economica in termini segmentati e parziali negando valore metodologico ad uno schema esplicativo unitario che esprima un continuum di ambiti di significatività: dall’ambito di significatività più astratto che si adatta a un numero estremamente ristretto di fenomeni “reali” a un ambito di significatività più allargato o il più allargato possibile che si adatta a un numero di fenomeni estremamente vasto.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, pp. 67-68)

  • 28/44«Pertanto, i flussi di capitali esterni verso un’area sottosviluppata possono essere orientati verso una funzione-obiettivo di accumulazione endogena, ovvero verso una funzione-obiettivo incompatibile con l’accumulazione endogena; in questa seconda ipotesi si può realizzare una funzione-obiettivo consistente nella massima occupazione. In Sardegna gli interventi di politica economica e conseguentemente i flussi di capitali esterni sono stati orientati verso la funzione-obiettivo della massima occupazione e contestualmente la produttività degli investimenti realizzati è stata vincolata a parametri esogeni al sistema economico regionale e incompatibili con la funzione di crescita di questo sistema.

    La funzione-obiettivo della massima occupazione risulta quindi non coerente in linea di principio con la funzione-obiettivo dell’accumulazione endogena.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 71)

  • 29/44«Le premesse, che si discostano dalle correnti ipotesi esplicative concernenti il passaggio dal sottosviluppo allo sviluppo, prendono in considerazione il fatto che gli effetti determinati dalla immissione di flussi di capitali esterni nell’area sottosviluppata non possono essere correttamente analizzati se si utilizzano come schemi di riferimento modelli esplicativi tipici delle aree sviluppate, come ad esempio il più generale modello Harrod-Domar, il quale contiene variabili quali il saggio di crescita del reddito, il saggio di accumulazione, il rapporto capitale/prodotto, il risparmio interno. L’utilizzazione di tali modelli esplicativi presuppone che gli ostacoli oligopolistici allo sviluppo, tipici di un’area sottosviluppata, siano già stati superati, cioè comporta che si considerino come inesistenti questi ostacoli che infatti non trovano collocazione nel modello.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 73)

  • 30/44«Per esplicare correttamente e conclusivamente il problema del passaggio dal sottosviluppo allo sviluppo non è sufficiente affermare che i flussi di capitali esterni rallentano l’accumulazione endogena e che quest’ultima tendenzialmente crescere al decrescere dei flussi di capitali esterni; bisogna chiarire il perché di questi fenomeni e per far ciò è necessario ovviamente ampliare il modello introducendovi variabili speciali di nuovo tipo.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 74)

  • 31/44«La nuova variabile introdotta nel modello utilizzato nel presente studio, e che non è mai stata utilizzata in nessun altro modello sino ad oggi elaborato, concerne la specifica caratterizzazione dei flussi di capitali esterni in termini di funzione di produzione. Normalmente, questi flussi di capitali esterni vengono presi in considerazione come funzioni di produzione (pubblica o privata) endogena all’area sottosviluppata. Questi flussi di capitali realizzano, infatti, o attività direttamente produttive o capitale fisso sociale; la loro immissione nell’area sottosviluppata viene pertanto presa in considerazione prescindendo da qualsiasi vincolo che li possa caratterizzare. Tutti i modelli esplicativi presuppongono in tal modo che i flussi di capitali esterni operino all’interno dell’area economica sottosviluppata senza parametri vincolanti.

    Il modello proposto si differenzia dagli altri modelli su questo punto; si suppone infatti che i flussi di capitali esterni immessi in un’area sottosviluppata siano caratterizzati da un vincolo fondamentale, derivante dal fatto che la specifica destinazione dei flussi di capitali esterni è connessa in modo stretto a una funzione di produzione esogena rispetto all’area sottosviluppata, cioè alla funzione di produzione dei finanziatori pubblici e privati dei flussi di capitali esterni.

    Il modello esplicativo del passaggio dal sottosviluppo allo sviluppo deve quindi includere necessariamente questa nuova variabile, la quale sola consente di spiegare perché mai i flussi di capitali esterni immessi in aree sottosviluppate, quali l’area della Sardegna, non attivino un processo di accumulazione endogena.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, pp. 80-81)

  • 32/44«Il fatto che nelle aree sottosviluppate, nonostante la immissione di consistenti flussi di capitali esterni, le relazioni funzionali fra reddito e investimenti e fra occupazione e investimenti non risultino verificate, è connesso in linea di principio alla presenza del vincolo oligopolistico. Affermare che possono esistere paesi arretrati nei quali queste relazioni funzionali siano verificate significa riconoscere che con riferimento a questi paesi non operano o operano in misura minore le barriere oligopolistiche connesse ai flussi di capitali esterni; si tratta in altre parole di paesi che sono riusciti ad annullare l’incidenza delle funzioni di produzione esogene dei finanziatori su questi flussi di capitali. Il passaggio dal sottosviluppo allo sviluppo avviene anche mediante la eliminazione delle barriere oligopolistiche. La verifica delle relazioni funzionali tra reddito e investimenti e tra occupazione e investimenti segna in questa prospettiva il confine al di là del quale l’area “arretrata” realizza le condizioni della crescita economica.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, pp. 81-82)

  • 33/44«L’attivazione di un processo di sviluppo implica necessariamente una modificazione della funzione di domanda delle aree sviluppate. Qualsiasi flusso di capitali esterni verso le aree sottosviluppate deve essere pertanto compatibile con la stabilità della funzione di domanda delle aree sviluppate se queste aree finanziano i flussi di capitali esterni. Se così non fosse le aree sviluppate realizzerebbero un comportamento per esse svantaggioso. L’analisi del passaggio dal sottosviluppo allo sviluppo deve pertanto tener conto di questo elemento.

    I flussi di capitali esterni attivano un processo di sviluppo se la funzione di domanda delle aree sviluppate che finanziano questi flussi viene modificata in conseguenza dei flussi di capitali esterni; non attivano alcun processo di sviluppo reale, ma sono un processo di sviluppo dei consumi, se mediante i flussi di capitali esterni non viene modificata la funzione di domanda delle aree sviluppate.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 83)

  • 34/44«Il venir meno del principio dell’acceleratore esprime sul piano dell’analisi economica una modificazione della funzione di produzione, in quanto il collegamento tra reddito atteso e investimento è implicato nella definizione economica della funzione di produzione. Se la funzione di produzione non implica il collegamento funzionale tra reddito atteso e investimento, evidentemente la funzione di produzione presenta vincoli specifici.

    Con riferimento alla situazione dell’economia della Sardegna, e in generale di un’economia sottosviluppata, si potrebbe ipotizzare che il comportamento economico degli imprenditori privati sia caratterizzato da una funzione concernente la massimizzazione dell’acquisizione degli incentivi pubblici connessi alla realizzazione di nuove combinazioni produttive. Questo significa che l’obiettivo del comportamento degli imprenditori privati non dovrebbe essere l’investimento, cioè una combinazione dei fattori produttivi implicante primariamente la crescita della capacità produttiva, ma la acquisizione degli incentivi pubblici, cioè una combinazione dei fattori produttivi implicante primariamente la stabilità del saggio di profitto senza crescita della capacità produttiva.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, pp. 88-89)

  • 35/44«Allo stesso modo si potrebbe ipotizzare che il comportamento economico degli imprenditori pubblici (inclusa la pubblica amministrazione) sia caratterizzato da una funzione concernente la massimizzazione dell’occupazione. Anche in questo caso può dirsi che l’obiettivo del comportamento degli imprenditori pubblici non dovrebbe essere l’investimento, cioè una combinazione dei fattori produttivi implicante primariamente la crescita della capacità produttiva, ma una combinazione dei fattori produttivi implicante primariamente l’occupazione.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 89)

  • 36/44«Al fine di rendere più specifico e quindi maggiormente esplicativo il modello proposto è essenziale introdurre all’interno dello stesso la distinzione tra funzione pubblica e funzione privata.

    La funzione pubblica non è in linea di principio compatibile con la produzione, ma è caratterizzata da un processo di ridistribuzione. In tal modo la definizione si sposta da un piano giuridico-formale verso un piano strettamente economico, concernente non i soggetti “pubblici” o “privati” che realizzano la funzione, ma il modo in cui la funzione viene realizzata. Può dirsi pertanto che la funzione pubblica opera sempre come funzione di ridistribuzione, mentre la funzione privata opera sempre come funzione di produzione. In base a questa definizione la impresa pubblica realizza una funzione di ridistribuzione anziché una funzione di produzione, ma potrebbe anche ipotizzarsi una impresa pubblica che realizzi una funzione di produzione.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 90)

  • 37/44«Si può pertanto distinguere, con riferimento al passaggio dal sottosviluppo allo sviluppo, una ipotesi concernente la realizzazione di questo passaggio in presenza di una funzione di ridistribuzione, da un’ipotesi in assenza di una funzione di ridistribuzione. Nel primo caso, la funzione di ridistribuzione pubblica coesiste con la funzione di produzione privata, mentre nel secondo caso tanto il settore pubblico quanto il settore privato sono caratterizzati da una funzione di produzione. Il modello proposto in questo studio considera in modo specifico l’ipotesi del passaggio dal sottosviluppo allo sviluppo che implica una funzione di ridistribuzione.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 91)

  • 38/44«In Sardegna la politica di sviluppo è stata orientata verso la funzione-obiettivo della massima occupazione e i parametri assunti quale base di valutazione della produttività degli investimenti hanno avuto come punto di riferimento una funzione di produzione esogena al sistema economico regionale, cioè tipica degli operatori (pubblici e privati) che hanno finanziato i flussi di capitali esterni.

    Questa situazione ha determinato:

    a. un’assenza di accumulazione endogena conseguente alla scelta primaria di una funzione-obiettivo consistente nella massima occupazione;

    b. la prevalente localizzazione nel sistema economico isolano di un insieme di combinazioni pluriproduttive a orientamento esogeno;

    c. l’assenza di verticalizzazione monoproduttiva e quindi di interdipendenza generalizzata fra combinazioni produttive all’interno del sistema economico regionale;

    d. la non corrispondenza tra funzione della tecnica e mercato con riferimento alle combinazioni produttive a orientamento endogeno realizzate nel sistema economico regionale;

    e. un aumento generalizzato della domanda di beni finali conseguente all’aumento del reddito e un corrispondente squilibrio della bilancia commerciale, con allargamento dei mercati degli operatori finanziatori dei flussi di capitali esterni e una realizzazione a loro favore degli effetti moltiplicativi degli investimenti, riferiti ai beni finali, ai beni intermedi.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, pp. 96-97)

  • 39/44«La presenza di un flusso costante di capitali esterni, la produzione di effetti moltiplicativi non vincolati all’area sottosviluppata e l’accentuato squilibrio della bilancia commerciale, individuano quella che può essere definita come situazione di dipendenza, in quanto i livelli di reddito conseguiti all’interno dell’area sottosviluppata sono variabili dipendenti dirette dei flussi di capitali esterni e non degli investimenti; venendo a mancare questi flussi, come si è detto, i livelli di reddito calano in corrispondenza e l’area sottosviluppata si ritrova in una situazione di totale stagnazione.

    La situazione di dipendenza configura una crisi strutturale del sistema regionale, in quanto a un aumento generalizzato della domanda conseguente a un aumento del reddito non corrisponde una situazione di interdipendenza generalizzata tra combinazioni produttive. Il sistema presenta infatti accentuati squilibri determinati dalla prevalente presenza di combinazioni produttive ad orientamento esogeno e dalla limitata presenza di combinazioni produttive ad orientamento endogeno, caratterizzate dalla antinomia della funzione della tecnica.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 97)

  • 40/44«La situazione di tendenziale submarginalità che caratterizza in linea di massima tutte le combinazioni produttive di tipo privatistico operanti in Sardegna deriva dalla struttura di dipendenza tipica del sistema economico regionale, cioè è connessa all’antinomia della funzione della tecnica che l’imprenditore regionale, in linea di principio, non è in grado da solo di superare, non potendo modificare unilateralmente la struttura del sistema economico regionale.

    Le difficoltà lamentate dagli imprenditori regionali soprattutto con riferimento al sistema del credito, al sistema dei trasporti, alla ristrettezza dei mercati sono tutte riconducibili alla antinomia della funzione della tecnica, ovvero alla non corrispondenza strutturale tra funzione della tecnica e mercato.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 98)

  • 41/44«Se, al contrario, si esplica il passaggio dal sottosviluppo allo sviluppo mediante variabili specifiche quali quelle contenute nel modello proposto in questo studio, assumono un particolare rilievo la distribuzione della popolazione nel territorio e la dinamica temporale di questa distribuzione.

    Si può dire infatti che le fasi di crescita economica implicano corrispondenti fasi di distribuzione della popolazione nel territorio.

    Nella prospettiva più astratta possono essere individuate due fasi estreme di questa distribuzione. Una fase corrispondente a una dispersione della popolazione in un numero molto vasto di piccoli agglomerati di dimensione tendenzialmente eguale e una fase corrispondente a una concentrazione della popolazione entro un unico agglomerato di grande dimensione. Nel primo caso gli agglomerati sono sostanzialmente autosufficienti e rappresentano altrettanti sistemi sociali con marcate caratteristiche di autonomia, assenza di specializzazione del lavoro, combinazioni produttive che incorporano tecnologie di basso livello, mancanza di attitudine alla innovazione, stazionarietà delle strutture economiche. Nel secondo caso ci si trova di fronte a una struttura sociale che realizza un modello organizzativo complesso fondato sulla divisione del lavoro, con combinazioni produttive che incorporano tecnologie avanzate, attitudine alla innovazione generalizzata, strutture economiche dinamiche.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, pp. 208-209)

  • 42/44«È evidente che la distribuzione della popolazione in un dato territorio deve essere considerata, a sua volta, come variabile dipendente rispetto a uno o più altri fattori che si presentano come variabili indipendenti di tipo socioeconomico. Questi fattori possono essere sintetizzati, in termini astratti, nel livello dell’attitudine generalizzata all’innovazione entro una data area socioeconomica. Si può supporre in tal modo che la distribuzione della popolazione in un territorio sia funzione della attitudine all’innovazione di questa popolazione.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 213)

  • 43/44«Nell’analisi del passaggio dal sottosviluppo allo sviluppo è necessario quindi operare una distinzione tra vincoli di tipo esterno, quali gli ostacoli oligopolistici allo sviluppo orientati all’incremento della funzione di domanda nelle aree sviluppate, che sono certamente i vincoli più importanti e più generalizzati, e i vincoli di tipo interno, tipici di specifiche strutture economiche che presentano una stazionarietà nel tempo delle curve di distribuzione della popolazione secondo il rango.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, pp. 220-221)

  • 44/44«La eliminazione di questi vincoli interni allo sviluppo comporterebbe innanzitutto una loro precisa determinazione nell’ambito di un submodello analitico, e in secondo luogo imporrebbe l’avvio di una politica di intervento non solo sul piano economico ma anche e prioritariamente sul piano sociale, al fine di modificare gli atteggiamenti delle popolazioni nei confronti della cultura industriale e realizzare rinforzatori sociali positivi generalizzati a favore dell’innovazione e della dinamica socioeconomica.»

    (G. Bolacchi et al., Oligopolio e crescita economica, p. 227)

G. Bolacchi, G. Sabattini, Zona di produzione franca: Una proposta per la Sardegna, Franco Angeli, Milano, 1984

  • 1/15«Il modello illustrato consente di individuare gli elementi che hanno inciso negativamente sull’investimento e sull’accumulazione endogena e positivamente sull’occupazione, sul reddito e sul consumo; l’aumento generalizzato del reddito e quello del consumo costituiscono però fattori positivi di tipo congiunturale e non di tipo strutturale, in quanto sono variabili dipendenti non della accumulazione endogena, ma del flusso di capitali esterni. Perché i livelli del reddito e del consumo non regrediscano è necessario che questo flusso di capitali esterni si realizzi in modo costante. Se esso viene a mancare i fattori positivi di tipo congiunturale immediatamente si annullano.»

    (G. Bolacchi et al., Zona di produzione franca, p. 32)

  • 2/15«La presenza di un flusso costante di capitali esterni, la produzione di effetti moltiplicativi non vincolati all’area sottosviluppata e l’accentuato squilibrio nella bilancia commerciale, individuano quella che può essere definita come situazione di dipendenza, in quanto i livelli di reddito conseguiti all’interno dell’area sottosviluppata sono variabile dipendente diretta dei flussi di capitali esterni e non degli investimenti; venendo a mancare questi flussi, come si è detto, i livelli di reddito calano in corrispondenza e l’area sottosviluppata si ritrova in una situazione di totale stagnazione.»

    (G. Bolacchi et al., Zona di produzione franca, p. 32)

  • 3/15«La situazione di dipendenza configura una crisi strutturale del sistema regionale, in quanto a un aumento generalizzato della domanda conseguente a un aumento di reddito non corrisponde una situazione di interdipendenza generalizzata tra funzioni produttive. Il sistema presenta infatti accentuati squilibri determinati dalla prevalente presenza di combinazioni produttive a orientamento esogeno e dalla limitata presenza di combinazioni produttive a orientamento endogeno, caratterizzate dalla non corrispondenza tra funzione della tecnica e funzione della distribuzione.»

    (G. Bolacchi et al., Zona di produzione franca, p. 32)

  • 4/15«Come si è detto, le linee di politica economica regionale di intervento a favore delle piccole e medie imprese hanno utilizzato lo strumento dell’incentivo monetario sostanzialmente finalizzato all’occupazione, cioè hanno utilizzato uno strumento di politica economica incompatibile con la funzione-obiettivo dell’accumulazione endogena. In questo modo, le anomalie strutturali delle combinazioni produttive a orientamento endogeno non solo non sono state rimosse, ma sono state accentuate e il sistema economico regionale è stato reso sempre più dipendente rispetto al sistema economico sviluppato che gestisce e orienta i flussi di capitali esterni.»

    (G. Bolacchi et al., Zona di produzione franca, p. 34)

  • 5/15«Il passaggio da una situazione di sottosviluppo a una situazione di sviluppo non può essere, per definizione, realizzato in un sistema sottosviluppato se, entro quest’ultimo, non sono presenti le precondizioni dello sviluppo, dirette a eliminare o a limitare gli effetti delle barriere oligopolistiche. Si può dire pertanto che in un sistema di mercato, ove non si realizzino le precondizioni dello sviluppo, non può aversi alcun passaggio dal sottosviluppo allo sviluppo.»

    (G. Bolacchi et al., Zona di produzione franca, pp. 57-58)

  • 6/15«Le precondizioni dello sviluppo consistono nella presenza entro l’area sottosviluppata di un know-how tecnologico o organizzativo che renda possibile l’immissione di un fattore innovativo nelle combinazioni produttive dell’area sottosviluppata; in questa ipotesi, il problema del trasferimento delle quote di mercato dall’area sviluppata all’area sottosviluppata viene risolto autonomamente in quanto alla combinazione innovativa viene collegato, in linea di principio, un nuovo mercato. Le precondizioni consistono inoltre nella esistenza, entro l’area sottosviluppata, di economie esterne di tipo monetario o reale ed inoltre nella presenza di forza politica di contrattazione concernente la localizzazione nell’area sottosviluppata di combinazioni terminali monoproduttive a orientamento endogeno e conseguentemente la cessione di quote di mercato collegate alle combinazioni terminali monoproduttive.»

    (G. Bolacchi et al., Zona di produzione franca, p. 58)

  • 7/15«Riassumendo può dirsi che le economie esterne possono distinguersi in economie esterne reali e in economie esterne monetarie e che queste ultime a loro volta possono distinguersi in sussidi monetari diretti e in sussidi monetari indiretti o incentivazioni fiscali. Sotto il profilo della loro incidenza sulla vita dell’impresa, le economie esterne di tipo reale sono collegate normalmente al momento gestionale, mentre le economie esterne di tipo monetario, ove consistano in sussidi monetari diretti, sono collegate normalmente al momento localizzativo; ove consistano in sussidi monetari indiretti o incentivazioni fiscali, sono collegate anch’esse normalmente al momento localizzativo, ma talvolta anche al momento gestionale.»

    (G. Bolacchi et al., Zona di produzione franca, pp. 59-60)

  • 8/15«La distinzione tra momento localizzativo e momento gestionale con riferimento alle economie esterne monetarie o reali deriva dalla specificità di singole politiche di sviluppo più che da un’esigenza di inquadramento teorico. Questa specificità ha portato molto spesso a una concezione delle economie esterne che risentiva delle carenze della politica di sviluppo concepita unicamente in funzione dell’incremento dell’occupazione. Una politica di questo tipo che ha investito il Mezzogiorno d’Italia, e della quale la Sardegna è uno degli esempi più probanti, in realtà non può essere considerata come una politica dello sviluppo, ma come una politica del reddito, in quanto gli investimenti sono stati unicamente orientati verso l’espansione dell’occupazione. In tale ipotesi l’obiettivo dell’efficienza della combinazione produttiva e quindi dello sviluppo non è assunto come parametro della combinazione produttiva, in quanto quest’ultima viene presa in considerazione prevalentemente in funzione dell’occupazione.»

    (G. Bolacchi et al., Zona di produzione franca, pp. 62-63)

  • 9/15«Queste considerazioni rendono evidente l’incompatibilità tra le politiche esclusivamente orientate all’incremento della occupazione e le politiche orientate all’attivazione di un processo di accumulazione endogena. Le prime si muovono entro un modello nel quale il postulato della rimunerazione dei fattori in base alla loro produttività marginale non compare o è sottoposto a vincoli derivanti da scelte dell’ente pubblico con esso incompatibili.»

    (G. Bolacchi et al., Zona di produzione franca, p. 63)

  • 10/15«Le economie esterne monetarie dirette presentano in sintesi numerosi effetti disfunzionali rispetto alla crescita economica; esse possono essere anzitutto orientate verso obiettivi non compatibili con la crescita, come quando – è il caso della Sardegna – sono state realizzate in funzione dell’obiettivo della massima occupazione. La flessibilità d’uso delle economie esterne monetarie dirette in funzione della gestione politica degli investimenti rende inoltre possibile in molto casi un loro utilizzo in termini di potere deviante da parte della classe politica, la quale attraverso le economie esterne monetarie dirette è in grado, utilizzando una prospettiva distorta nella gestione del potere, di far gravare sulle imprese “oneri impropri” a vantaggio di specifici gruppi politici.»

    (G. Bolacchi et al., Zona di produzione franca, p. 64)

  • 11/15«Parlare di effetto di localizzazione è improprio dal punto di vista economico, in quanto ci si deve riferire in questa ipotesi non tanto alla localizzazione di tipo geografico, quanto alla possibilità di funzionamento di una combinazione produttiva nell’area sottosviluppata rispetto alle possibilità esistenti in un’area sviluppata. La variabile economica che può essere utilizzata per esplicare in termini più rigorosi questi concetti è quella della produttività globale media (nell’area sviluppata) del settore al quale la combinazione monoproduttiva trainante che si localizza nell’area sottosviluppata appartiene. A questo proposito, occorre osservare che è necessario un livellamento della produttività della combinazione monoproduttiva trainante, localizzata o localizzabile nell'area sottosviluppata, alla produttività media del settore cui essa appartiene nell'area sviluppata perché si possano avere effetti indotti di localizzazione; in questo caso si realizza infatti una situazione di indifferenza.»

    (G. Bolacchi et al., Zona di produzione franca, p. 67)

  • 12/15«La individuazione delle due macrovariabili concernenti i valori della produttività media del settore nell’area sviluppata e quelli della produttività media delle combinazioni monoproduttive nell’area sottosviluppata associati ai valori delle esenzioni fiscali, tenendo fisse ovviamente le economie esterne reali e le economie esterne monetarie dirette, implica un’analisi volta a individuare da un lato gli specifici settori di appartenenza delle combinazioni monoproduttive a orientamento endogeno localizzate o localizzabili nell’area sottosviluppata e dall’altro lato le economie esterne monetarie indirette (cioè il quantum e la incidenza dell’esenzione fiscale) necessarie al fine di livellare la produttività media delle combinazioni monoproduttive dell’area sottosviluppata a quella delle combinazioni monoproduttive dell’area sviluppata. Questo significa che il quantum e l’incidenza dell’esenzione fiscale debbono essere equivalenti alla differenza tra valori della produttività media del settore nell’area sviluppata e valori della produttività media delle combinazioni monoproduttive (terminali o intermedie) che dovrebbero operare nell’area sottosviluppata.»

    (G. Bolacchi et al., Zona di produzione franca, p. 68)

  • 13/15«La variabile EF (esenzione fiscale) esplica il concetto di zona franca orientata alla produzione in funzione dell’accumulazione endogena. Questo concetto presuppone la connotazione della zona franca come strumento di politica economica, cioè come macrovariabile indipendente dello sviluppo, come risulta dal complesso modello formalizzato in questo studio. Il problema della zona franca non può quindi essere risolto, né la zona franca può essere correttamente definita, se si prescinde da un modello di riferimento, all’interno del quale la zona franca compaia come variabile dinamica. Definire la zona franca significa infatti chiedersi come essa funzioni; e per determinarne il funzionamento occorre definire un insieme di variabili nelle quali la zona franca sia inclusa, collegate da relazioni funzionali dinamiche.»

    (G. Bolacchi et al., Zona di produzione franca, p. 71)

  • 14/15«In base a queste relazioni risulta evidente la radicale differenziazione esistente tra il concetto di zona franca come macrovariabile di politica economica in funzione dell’attuazione di un processo di accumulazione endogena che è stato individuato in questo studio e il concetto corrente di zona franca intesa come esenzione fiscale generalizzata non vincolata a specifici obiettivi di accumulazione endogena. In questo secondo caso l’esenzione fiscale, comunque realizzata, non opera come precondizione dello sviluppo, cioè non riesce a rimuovere le barriere oligopolistiche che impediscono l’attivazione del processo di accumulazione endogena, ma al contrario risulta compatibile con l’antinomia della funzione della tecnica, e quindi con la persistenza della situazione di dipendenza dell’area sottosviluppata. Questo significa che la zona franca intesa come pura e semplice esenzione fiscale generalizzata non vincolata a specifici obiettivi di sviluppo incide positivamente solo sulla localizzazione nell’area sottosviluppata di combinazioni produttive a orientamento esogeno.»

    (G. Bolacchi et al., Zona di produzione franca, p. 75)

  • 15/15«Una conclusione di questo studio, che va sottolineata, mostra che la piena occupazione non può essere realizzata, nel passaggio dal sottosviluppo allo sviluppo, utilizzando strumenti di politica economica che operino entro un sistema economico caratterizzato da una dinamica strutturale tendenzialmente stazionaria. Occorre, come si è detto, modificare le relazioni funzionali basilari del sistema, cioè modificare la struttura delle funzioni di produzione del sistema orientandole allo sviluppo, perché possa realizzarsi una politica economica di piena occupazione compatibile col superamento della logica di dipendenza economica. Senza lo sviluppo, cioè senza l’attivazione di un processo di accumulazione endogena, qualsiasi politica di piena occupazione si trasforma in una politica di assistenzialismo in regime di dipendenza

    (G. Bolacchi et al., Zona di produzione franca, p. 87)

G. Bolacchi, Un’autonomia in regime di dipendenza, in: P. Savona (a cura di), Per un’altra Sardegna, Franco Angeli, Milano, 1984

  • 1/16«Tutte le ideologie, insomma, essendo di natura esogena rispetto alla cultura sarda e rispetto a qualsiasi cultura locale o regionale dell’intera nazione, presentavano una caratterizzazione in termini di universalità che si storicizzava all’interno di tutto il territorio nazionale e che pertanto doveva necessariamente presupporre quella impostazione unitaria dello Stato che era sostanzialmente l’unico elemento della tradizione risorgimentale. Da questo punto di vista, una nazione come l’Italia, che nel corso della sua storia non aveva saputo o potuto maturare altra cultura che non fosse quella risorgimentale dell’unificazione, non poteva lasciar spazio a culture autoctone di altro tipo e tanto meno a quelle culture autoctone che sostanzialmente si contrapponevano in modo esplicito o latente, negandola, alla cultura unitaria risorgimentale.»

    (G. Bolacchi, Un’autonomia in regime di dipendenza, p. 21)

  • 2/16«Il sardismo nasce non come ideologia fondata su una ipotesi di negazione del dominio di uno stato esterno, non come portatore di valori di “sardità” diversi e contrapposti ai valori dell’unità, in quanto questi valori se vi fossero stati sarebbero certamente emersi ben prima della fine della guerra mondiale del 1915-1918; esso nasce come movimento dei combattenti sostanzialmente fondato, anche nelle sue formulazioni più mature, su una richiesta di risarcimento alla nazione per i sacrifici dei sardi durante la grande guerra; nasce quindi su una ipotesi rivendicazionistica che come tale non negava, ma presupponeva, lo stato nazionale.»

    (G. Bolacchi, Un’autonomia in regime di dipendenza, pp. 21-22)

  • 3/16«Questi limiti culturali e politici del sardismo pesarono sempre negativamente su questo movimento anche quando esso assunse al suo interno istanze di partecipazione e istanze riformistiche, sia sul piano economico che su quello statuale. In realtà, tanto il riformismo quanto la partecipazione non potevano essere considerati come istanze tipiche del sardismo perché erano accettati da quasi tutti i movimenti politici che operavano nel territorio dell’intero stato. Restava l’idea autonomistica: troppo poco perché essa potesse costituire un’alternativa alle ideologie sociali e politiche di grande respiro portate avanti dai partiti nazionali; troppo poco perché concepita in termini di risarcimento, riscatto o rivendicazionismo che sostanzialmente presupponevano la struttura unitaria dello stato. Il sardismo non seppe o non poté darsi in tal modo una ideologia; non seppe o non poté porsi al centro di aggregazioni stabili di interessi che poggiassero su elementi culturali e sociali alternativi rispetto alle grandi ideologie europee e nazionali.»

    (G. Bolacchi, Un’autonomia in regime di dipendenza, p. 22)

  • 4/16«La dipendenza politica presenta un aspetto ideologico-culturale e un aspetto operativo. L’aspetto ideologico culturale viene usato in funzione dell’acquisizione del consenso; esso risulta quindi strumentale rispetto al momento operativo della dipendenza politica che concerne l’espressione specifica della volontà politica, ovvero i limiti e le compatibilità delle scelte politiche. Nella realizzazione di queste scelte operative, i grandi partiti nazionali si sono sempre fondati su modelli di comportamento politico nei quali gli interessi regionali, e in particolare l’interesse della Sardegna, avevano un peso commisurato alla limitata forza politica e alla limitata forza partitica del contesto sociale sardo.»

    (G. Bolacchi, Un’autonomia in regime di dipendenza, pp. 24-25)

  • 5/16«La politica in Sardegna, quindi, non si realizzava come momento dialettico di partecipazione e di confronto con le grandi scelte nazionali, che avrebbero sempre dovuto interessare positivamente la regione, ma si realizzava come momento di emarginazione e di convergenza su problematiche locali prive di dimensioni nazionali, cioè totalmente ancorate ai confini geografici e culturali dell’isola. In questo modo, anziché attuare una propria integrazione nella dimensione nazionale, la Sardegna si è sempre più isolata; ma questo isolamento non ha avuto le caratteristiche della riconquista di un’autonomia culturale, economica e politica sempre negata, ma ha avuto le caratteristiche di una situazione di strumentalità e subordinazione rispetto alle grandi scelte nazionali che hanno considerato la Sardegna come elemento di contorno del tutto ininfluente rispetto alla politica nazionale.»

    (G. Bolacchi, Un’autonomia in regime di dipendenza, pp. 26-27)

  • 6/16«Sulla base di queste premesse non ci si deve stupire se la politica della regione sarda si è sempre sviluppata attraverso fasi successive e ripetitive di sterile rivendicazionismo e di accattonaggio politico nei confronti dello stato e ha determinato in sede locale una esasperata frantumazione dell’azione politica resa evidente dalle giunte regionali che si sono avvicendate sino ad oggi; è stato in tal modo rinforzato l’esclusivo concentrarsi della lotta politica nell’isola sulla dinamica del potere deviante, accompagnata dalla distribuzione clientelare, a tutti i livelli, delle scarse risorse disponibili. Di qui la politica dell’assistenzialismo generalizzato, nell’agricoltura e nell’industria, dell’appoggio alla classe agro-pastorale senza alcun tentativo di modificare la combinazione produttiva delle attività di allevamento; di qui il sorgere, come momento sintetico dell’intervento dell’ente pubblico nel campo della politica economica, dell’incentivo monetario quale strumento fondamentale di dipendenza economica.»

    (G. Bolacchi, Un’autonomia in regime di dipendenza, p. 27)

  • 7/16«Le difficoltà incontrate dall’attività di programmazione in Sardegna debbono essere ricondotte alla presenza di questi fattori disfunzionali; una volontà politica frantumata e concentrata esclusivamente sull’uso del potere deviante non poteva non accentuare il momento del consumo come momento base di utilizzazione dei trasferimenti monetari che la regione era riuscita ad ottenere dallo stato. Questo fatto favorì, dal punto di vista istituzionale, la suddivisione territoriale della Sardegna in aree troppo numerose e ristrette e impedì di cogliere la dimensione globale dei più importanti problemi dell’isola.»

    (G. Bolacchi, Un’autonomia in regime di dipendenza, p. 27)

  • 8/16«Il destino tragico e certamente anomalo della Sardegna fu quello di aver maturato nei secoli una cultura e una società che sostanzialmente si autogovernavano in quanto prive di autocoscienza nazionale. Una miriade di culture locali tra loro perfettamente bilanciate, perché tutte troppo anguste in quanto stereotipate e ripetitive, escludevano ovviamente il formarsi dell’idea di nazione, che avrebbe implicato la leadership di una cultura con conseguente processo di assorbimento e riconversione di tutte le altre da parte della cultura locale egemone.»

    (G. Bolacchi, Un’autonomia in regime di dipendenza, p. 31)

  • 9/16«Inesistente in Sardegna la classe borghese, intesa come gruppo sociale caratterizzato da un interesse allo sviluppo e quindi dalla attitudine all’imprenditorialità e all’innovazione. Il mercante-imprenditore non avrebbe potuto trovare spazio in un’economia di sussistenza non ancora orientata al mercato, nella quale la combinazione dei fattori produttivi non emergeva come interesse legato alla divisione del lavoro sociale, ma era realizzata nell’ambito delle singole unità familiari in funzione dell’autoconsumo. Soprattutto l’inesistenza di una classe borghese, cioè di un gruppo sociale caratterizzato da un interesse primario alla combinazione dei fattori produttivi in funzione del mercato, ha inciso pesantemente e negativamente sulla evoluzione sociale e politica dell’isola. Tutto questo mentre la borghesia innovatrice nell’acquisire coscienza della propria forza sociale si trasformava in Francia, con la rivoluzione del ’89, da terzo stato in stato, determinando un radicale cambiamento delle strutture sociali.»

    (G. Bolacchi, Un’autonomia in regime di dipendenza, pp. 35-36)

  • 10/16«Se si ripercorre la storia della Sardegna dalla fine del 1700 all’abolizione del feudalesimo, appare evidente come le rare occasioni di ribellione non abbiano mai coinvolto una classe sociale borghese; […] Questi tentativi mostrano, infatti, da un lato una minoranza di uomini coraggiosi che non hanno esitato a sacrificare la propria vita o a sopportare atroci torture per portare avanti un ideale rivoluzionario di stampo illuministico del quale l’Angioi, forse l’unico sardo ad avere capito il senso della rivoluzione del ’89, era certamente il più maturo rappresentante; dall’altro lato, un clero e una nobiltà totalmente chiusi ad ogni istanza culturale moderna, incapaci di comprendere il senso della storia, e una massa popolare completamente priva di conoscenza, di consapevolezza, di coraggio, di intelligenza.»

    (G. Bolacchi, Un’autonomia in regime di dipendenza, p. 36)

  • 11/16«Quantunque fosse emersa dal contesto sociale, la leadership di rivoluzionari coraggiosi operò senza classe; la storia della Sardegna in fondo si può sintetizzare in queste caratterizzazioni di base: una leadership culturale senza classe che tenta disperatamente e ripetutamente di operare come se una classe esistesse; una miriade di gruppi sociali totalmente privi di coscienza di classe, legati solo dalla esigenza di realizzare le condizioni più favorevoli alla gestione del proprio status-ruolo, privi quindi di obiettivi politici generali, privi della consapevolezza che le strutture sociali potessero essere mutate attraverso un’azione collettiva, convinti che il governo regio fosse un dato non eliminabile, quasi un elemento non modificabile dell’ambiente naturale. Da questa incapacità a concepire un’azione di classe, da questa attitudine a considerare la società e le istituzioni come effetti di una logica del consenso che affonda le proprie radici culturali in un esasperato particolarismo al quale è estraneo il concetto di interesse collettivo, sorge la propensione rivendicazionistica come unica manifestazione dell’azione di gruppo.»

    (G. Bolacchi, Un’autonomia in regime di dipendenza, pp. 39-40)

  • 12/16«Il problema della modificazione dell’ambiente, che storicamente segna il passaggio dalla cultura nomade alla cultura agricola, in Sardegna non ha mai costituito un dato rilevante del contesto sociale. […] La considerazione dell’ambiente come dato e non come variabile ha portato a concepire la combinazione dei fattori produttivi in termini di equilibrio di povertà. Sotto questo profilo la azienda pastorale, così come storicamente si è venuta configurando, costituisce la combinazione più razionale possibile con riferimento all’ambiente dato. Questo tipo di azienda prescinde ovviamente dall’assetto proprietario e si realizza dal punto di vista istituzionale mediante una utilizzazione comune del fattore pascolo. La società sarda caratterizzata dalla forma economica pastorale, la quale non incorpora in sé il rapporto proprietario, è una società sostanzialmente atomistica, priva di organizzazione sociale che superi i confini della famiglia estesa, del clan, e, come ultimo limite, del villaggio. In una società in cui l’uomo non risponde all’ambiente in modo innovativo risulta difficilmente concepibile una organizzazione statuale, che costituisca una risposta attiva alla situazione ambientale.»

    (G. Bolacchi, Un’autonomia in regime di dipendenza, pp. 42-43)

  • 13/16«L’idea storica di una autonomia senza dipendenza è stata affermata in Sardegna da una ristretta élite rivoluzionaria che non ha mai avuto una base di legittimazione popolare. Le cause di questa mancanza di legittimazione, di tipo socio-culturale, consistono nel fatto che la cultura pastorale non esprime alcun tipo di organizzazione sociale; essa è fondata unicamente sullo scambio tra singoli soggetti o famiglie entro il clan e tra singoli clan entro il villaggio. Il venir meno della legge sociale dello scambio implica la vendetta. La cosiddetta “balentia” è una manifestazione della possibilità o capacità di vendetta che serve a rendere socialmente stabile in termini punitivi il rapporto di scambio sociale.»

    (G. Bolacchi, Un’autonomia in regime di dipendenza, p. 46)

  • 14/16«L’autonomia senza dipendenza non ha mai varcato i confini dell’utopia in quanto non era sorretta da una classe sociale che la ponesse a fondamento della propria interrelazione congiunta. Una società fondata sullo scambio che non esprimeva alcun interesse comune istituzionalizzato non poteva infatti generare alcuna classe sociale, intendendo per classe un gruppo più o meno vasto di soggetti che interiorizzino un interesse comune e realizzino strutture sociali di tipo organizzativo strumentali rispetto al soddisfacimento di questo interesse. L'élite rivoluzionaria che in Sardegna portò avanti l'idea di autonomia senza dipendenza fu un'élite senza classe.»

    (G. Bolacchi, Un’autonomia in regime di dipendenza, pp. 46-47)

  • 15/16«Ma un’élite senza classe fu anche quella che gestì il potere in modo subalterno rispetto alle varie potenze egemoni che nel corso della storia si impadronirono della Sardegna. Questa élite locale subalterna non poteva avere alcuna base di accettazione popolare per lo stesso motivo per cui non l’aveva l’élite rivoluzionaria; la cultura sarda era contraria o indifferente rispetto a qualsiasi tipo di cultura socialmente organizzata. Questo fatto spiega la relativa facilità con cui le potenze egemoni riuscirono di volta in volta ad affermare la propria supremazia sulla Sardegna senza mai realizzare alcuna possibilità di incontro o di dialogo tra la loro cultura e la cultura sarda. L’élite subalterna si reggeva su questo spazio sociale di indifferenza e di incomunicabilità tra cultura esogena e cultura endogena e quindi sulla incapacità della società sarda a esprimere un modello organizzativo statuale da contrapporre ai modelli organizzativi che venivano imposti dall’esterno.»

    (G. Bolacchi, Un’autonomia in regime di dipendenza, p. 47)

  • 16/16«Nella autonomia in regime di dipendenza, l’insularità diventa l’unico elemento culturale capace di rendere specifico un modello autonomistico che è completamente integrato nelle strutture sociali ed economiche dello stato nazionale. Come si vede è un’autonomia culturalmente molto povera e molto diversa rispetto all’idea storica maturata nel XVIII secolo; un’autonomia così concepita non può non riconoscere lo stato nazionale e non può non realizzare situazioni economiche di dipendenza ampiamente sottolineate dalle anomalie che hanno caratterizzato lo sviluppo industriale sardo negli ultimi trent’anni e che hanno impedito la accumulazione endogena e la crescita dell’economia regionale e delle strutture sociali.»

    (G. Bolacchi, Un’autonomia in regime di dipendenza, p. 48)

G. Bolacchi, Problemi concernenti una campagna di promozione sociale contro gli incendi, Edizioni Sardegna da Scoprire, Cagliari, 1984

  • 1/13«La caratteristica fondamentale delle metodologie pubblicitarie usate nell’attività di marketing dei prodotti industriali consiste nel fatto che la pubblicità non è realizzata in funzione della creazione di nuovi interessi, ma in funzione della canalizzazione di interessi generali verso prodotti specifici. La pubblicità trova infatti il bersaglio naturale in un gruppo di soggetti predisposto in linea generale al messaggio.»

    (G. Bolacchi, Problemi concernenti una campagna di promozione sociale contro gli incendi, p. VII)

  • 2/13«La predisposizione generale di base, ovvero l’interesse a una classe di prodotti o di comportamenti, delimita il gruppo al quale il messaggio pubblicitario deve essere indirizzato e individua la forza persuasiva della comunicazione, cioè la sua effettiva capacità di orientare il comportamento dei destinatari verso gli obiettivi prefissati. Da ciò discende che il messaggio pubblicitario appartiene sempre a una classe di messaggi che possono essere scelti alternativamente; poiché infatti il messaggio presuppone una predisposizione generale di base, esso può essere suscettibile di differenti orientamenti in quanto esistono differenti modi per rendere specifica la predisposizione di un comportamento specifico conseguente al messaggio pubblicitario con essa compatibile.»

    (G. Bolacchi, Problemi concernenti una campagna di promozione sociale contro gli incendi, p. VIII)

     
  • 3/13«Valutare l’adeguatezza del messaggio pubblicitario rispetto a un gruppo di soggetti che non abbia la predisposizione generale di base è del tutto inutile; se questa predisposizione di base appartiene ad esempio a un insieme di persone di ceto medio-alto, oppure a un insieme di persone che ha un determinato status sociale o che professa certi valori, bisogna orientare il messaggio pubblicitario con riferimento ai repertori standardizzati di comportamento di questi gruppi di persone.»

    (G. Bolacchi, Problemi concernenti una campagna promozionale contro gli incendi, p. IX)

  • 4/13«Il senso di una campagna promozionale sociale concerne il fatto che la campagna è diretta verso un gruppo sociale che non ha alcuna predisposizione generale di base; non si tratta in questa ipotesi di persuadere un gruppo di soggetti già orientati verso l’acquisto di una lavatrice o di un televisore a comprare l’elettrodomestico X piuttosto che l’elettrodomestico Z; è come se si trattasse di fare sorgere in questo gruppo di soggetti la predisposizione generale ad acquistare un elettrodomestico, che poi si dovrebbe specificare, mediante la pubblicità, nell'orientamento all'acquisto dell’elettrodomestico A piuttosto che dell’elettrodomestico B. Ma il sorgere di questa predisposizione generale è collegata a variabili indipendenti diverse da quelle contenute nel messaggio pubblicitario, nella sua forma normale. Si tratta infatti di variabili economiche e sociali, quali la propensione al risparmio e la propensione al consumo, il livello del reddito, il comportamento imitativo, i valori sociali e le ideologie esistenti nel gruppo, il livello culturale, gli atteggiamenti positivi o negativi verso le nuove tecnologie, il livello di aspirazione dei soggetti, il tipo di controllo sociale esistente nel gruppo, ecc. Tutti questi elementi evidentemente sono esogeni al messaggio pubblicitario nella sua dimensione normale e non possono essere incorporati nello stesso.»

    (G. Bolacchi, Problemi concernenti una campagna di promozione sociale contro gli incendi, p. X)

  • 5/13«Nella maggior parte dei casi in cui si deve realizzare una campagna promozionale di tipo sociale, l’approccio persuasivo volto a ottenere da un gruppo di soggetti risposte funzionali rispetto agli obiettivi della campagna promozionale è radicalmente diverso dall’approccio pubblicitario di mercato. Ci si trova infatti di fronte a gruppi di soggetti che in linea di principio non hanno una predisposizione generale di base su cui possa innestarsi il discorso pubblicitario. La peculiarità delle campagne promozionali di tipo sociale consiste nel fatto che le stesse debbono, o dovrebbero operare, in funzione della creazione di una presi posizione generale di base.»

    (G. Bolacchi, Problemi concernenti una campagna di promozione sociale contro gli incendi, p. XI)

  • 6/13«La predisposizione generale di base di cui si è parlato sinora è un concetto che corrisponde a quello di propensione o atteggiamento usato nel campo della psicologia sociale; in questa prospettiva, il discorso che è stato formulato in precedenza può essere espresso dicendo che la pubblicità opera tentando di modificare gli interessi del soggetto (comportamenti specifici) e presuppone l’esistenza di atteggiamenti (che sono normalmente orientati in senso positivo verso un certo tipo di situazione o di prodotto).

    Le campagne promozionali sociali non hanno come obiettivo la modificazione degli interessi dei soggetti, bensì la modificazione degli atteggiamenti; questo fatto implica che il messaggio comunicativo debba essere strutturato in modo radicalmente diverso rispetto al messaggio pubblicitario.»

    (G. Bolacchi, Problemi concernenti una campagna di promozione sociale contro gli incendi, p. XII)

  • 7/13«Gli atteggiamenti si sviluppano durante il processo di socializzazione che ha luogo soprattutto nell’età evolutiva; quando il soggetto ha stabilizzato la propria personalità, il suo campo psicologico tende a divenire rigido e gli atteggiamenti acquisiti durante il processo di socializzazione si cristallizzano ed acquistano la caratteristica di stereotipi culturali. Questi ultimi non sono altro che atteggiamenti stabilizzati nel campo psicologico del soggetto; essi condizionano la percezione selettiva dei messaggi. Questo significa che il soggetto recepisce solo le comunicazioni compatibili con i propri stereotipi culturali che normalmente vengono caratterizzati anche come pregiudizi o propensioni positive o negative nei confronti dell’ambiente.»

    (G. Bolacchi, Problemi concernenti una campagna di promozione sociale contro gli incendi, p. XIII)

  • 8/13«Gli atteggiamenti sono essenziali nell’orientare il comportamento dei soggetti in quanto fissano le modalità e le direttrici entro cui il comportamento si sviluppa. Dagli atteggiamenti dipendono i giudizi e le percezioni sugli altri soggetti, i valori ai quali si uniformano i comportamenti, il carattere conflittuale o non conflittuale dei rapporti intersoggettivi, la aggressività, la frustrazione; in sintesi, il modo di porsi del soggetto nei confronti della realtà che lo circonda. Sotto questo profilo, qualsiasi comportamento viene influenzato dagli atteggiamenti, cioè dagli stereotipi culturali che caratterizzano la personalità del soggetto; gli atteggiamenti esprimono il suo modo standardizzato di rispondere agli stimoli che gli provengono dall’ambiente esterno. Gli atteggiamenti sono le “modalità” tipiche attraverso le quali i comportamenti si realizzano.»

    (G. Bolacchi, Problemi concernenti una campagna di promozione sociale contro gli incendi, p. XIII)

  • 9/13«Il fanciullo è al centro di un complesso processo di stimolazioni che gli provengono dai gruppi coi quali egli interagisce; i flussi di stimolazioni provenienti dai vari gruppi possono essere continui o segmentati, possono avere maggiore o minore forza di incidenza, a seconda che il gruppo venga assunto o meno come gruppo di riferimento. L’elemento temporale e l’elemento della forza dello stimolo sono le due variabili che consentono di individuare la capacità di persuasione dei singoli gruppi nei confronti del fanciullo, cioè il potenziale di incidenza dei singoli gruppi nei confronti dello sviluppo degli atteggiamenti.»

    (G. Bolacchi, Problemi concernenti una campagna di promozione sociale contro gli incendi, p. XV)

  • 10/13«L’unica istituzione che presenta una certa elasticità di utilizzazione da parte dell’ente pubblico in funzione di una modificazione o di uno sviluppo guidato degli atteggiamenti infantili è la scuola, la quale però ha lo svantaggio di realizzare un flusso segmentato di stimolazioni ed una minore forza di incidenza in quanto, normalmente, non viene assunta dal fanciullo come gruppo di riferimento, e quindi non rinforza comportamenti imitativi. Questo si verifica soprattutto quando la scuola appare come una istituzione in qualche modo estranea all’ambiente in cui opera il fanciullo.»

    (G. Bolacchi, Problemi concernenti una campagna di promozione sociale contro gli incendi, p. XVI)

  • 11/13«A parte gli interventi sulle istituzioni sociali, mediante i quali si può ottenere una compatibilità degli stimoli informativi che influiscono sull'apprendimento rispetto agli obiettivi di una campagna promozionale volta allo sviluppo o alla modificazione degli atteggiamenti, si deve osservare che i metodi per modificare questi ultimi sono abbastanza complessi; a questo proposito si può dire, in linea di principio, che «gli atteggiamenti sono particolarmente resistenti al cambiamento: (a) se sono stati appresi nei primi anni di vita; (b) se sono stati appresi tramite associazione e trasmissione; (c) se contribuiscono alla soddisfazione di bisogni; (d) se sono stati integrati nella personalità e nello stile del comportamento di un individui». Pertanto, nel tentativo di modificare gli atteggiamenti bisogna tener conto di queste quattro modalità che possono aver caratterizzato il rapporto stimolo-risposta riferito al comportamento di apprendimento del soggetto. Bisogna cioè utilizzare nei limiti del possibile tecniche di modificazione degli atteggiamenti che riflettano i modelli di apprendimento mediante i quali gli atteggiamenti che si vogliono modificare si sono sviluppati.»

    (G. Bolacchi, Problemi concernenti una campagna di promozione sociale contro gli incendi, p. XVI-XVII)

  • 12/13«Due sono gli aspetti peculiari del tipo di cultura (cioè dei modi di vita istituzionalizzati) esistente nelle zone agro-pastorali, che sono quelle, come si è visto, in cui si manifesta con maggiore intensità il fenomeno degli incendi.

    Un primo aspetto concerne il fatto che la interazione sociale è normalmente limitata al gruppo primario, quale quello della famiglia estesa e in generale del clan, che ricomprende interrelazioni tra parenti, alle quali viene ammesso, ma sempre sotto condizione, qualche estraneo legato da lunghe tradizioni di amicizia o di rapporti di scambio che si sostanziano soprattutto nella domanda o nell’offerta di omertà.

    Un secondo aspetto, strettamente interconnesso al precedente, è dato dal fatto che la situazione di conflittualità che caratterizza i rapporti tra i singoli piccoli gruppi, visti come nuclei elementari del corpo sociale, incide in modo determinante sulla personalità dei soggetti durante il processo di socializzazione. Nella società agro-pastorale (e, in genere, in quasi tutte le società sottosviluppate) il processo di acquisizione dei valori è fondato sulla punizione, cioè, in senso tecnico, sulla somministrazione di rinforzatori negativi o la sottrazione di rinforzatori positivi al fine di controllare il comportamento del soggetto e far sì che esso si adegui ai valori del gruppo. Il soggetto è altresì sottoposto a una serie di stimoli elicitanti condizionati che si assommano a quelli derivanti dalla somministrazione di operanti punitivi e che sono volti a provocare forti reazioni emotive ogni volta che la struttura della famiglia estesa o del clan viene messa in discussione o viene alterata da qualche soggetto estraneo. Il soggetto è pertanto sottoposto, fin dai primissimi anni di vita, a una serie continua di frustrazioni emergenti dalla socializzazione di tipo esclusivamente punitivo.»

    (G. Bolacchi, Problemi concernenti una campagna di promozione sociale contro gli incendi, p. XXII)

  • 13/13«È interessante notare a questo proposito che il rigoroso controllo sociale cui ogni soggetto è sottoposto nell'ambito del gruppo primario entro cui opera, nonché le limitatissime opportunità offertegli dall'ambiente, determinano in lui un livello di aspirazione estremamente rigido, cioè una incapacità a reagire alle difficoltà ambientali e sociali modificando il proprio campo di interessi (incapacità a prospettarsi alternative di azione). Questo fatto, unito alle frustrazioni accumulate durante il processo di socializzazione e successivamente rinforzato nel contesto sociale, fa sì che la frustrazione sia sempre seguita da qualche forma aperta di aggressività.»

    (G. Bolacchi, Problemi concernenti una campagna di promozione sociale contro gli incendi, p. XXII-XXIII)

G. Bolacchi, Concorrenza, collettivismo, pianificazione, in: Studi di Economia, vol. V, n. 3, dicembre 1974, pp. 3-49

  • 1/15«È importante rilevare che la definizione di massimo di ofelimità data da Pareto e Barone non fa alcun riferimento al modo in cui le risorse sono distribuite tra i soggetti. Il principio del massimo collettivo non si riferisce a una ipotetica distribuzione di risorse la quale rispetto a tutte le possibili distribuzioni sarebbe quella ottima, ma al contrario stabilisce quali sono le condizioni che consentono ai soggetti di massimizzare le proprie funzioni di ofelimità, data una certa distribuzione di risorse, qualunque essa sia. La forma della distribuzione può quindi riflettere una forte diseguaglianza di condizioni oppure una uguaglianza di condizioni tra i soggetti. Ciò non ha rilievo dal punto di vista della teoria economica, poiché quest’ultima assume il problema della distribuzione come risolto. Infatti la distribuzione è determinata dalle strutture sociali che stabiliscono i limiti e i modi di appropriazione dei fattori produttivi e dei capitali da parte dei soggetti.»

    (G. Bolacchi, Concorrenza, collettivismo e pianificazione, p. 4)

  • 2/15«L’identificazione, operata da Pareto e Barone sul piano formale della teoria economica, tra sistema della concorrenza e sistema collettivistico, risulta quindi inesatta. Nel sistema della concorrenza i soggetti massimizzano le proprie funzioni di ofelimità modificando la distribuzione personale dei beni di consumo mediante lo scambio; mentre nel sistema collettivistico i bisogni che devono essere soddisfatti sono bisogni comuni a tutti i soggetti e la misura in cui essi debbono essere soddisfatti (compatibilmente con le risorse disponibili) è stabilita sulla base dell’accordo comune di tutti i soggetti.»

    (G. Bolacchi, Concorrenza, collettivismo e pianificazione, p. 10)

  • 3/15«Possiamo caratterizzare pertanto il sistema della concorrenza e il sistema collettivistico, dal punto di vista sociologico, prendendo in considerazione due diversi tipi di relazioni tra gli interessi dei soggetti: il primo tipo è quello della interrelazione congiunta, per cui ogni soggetto non solo ha interesse a soddisfare la propria scala di bisogni ma ha anche interesse a che tutti gli altri soggetti soddisfino le loro scale di bisogni (e ciò implica una identità delle scale di bisogni); il secondo tipo è quello della interrelazione disgiunta, per cui i soggetti hanno scale di bisogni differenti e ciascuno cerca di soddisfare i propri bisogni prescindendo dal fatto che gli altri soggetti possano soddisfarli o meno.»

    (G. Bolacchi, Concorrenza, collettivismo e pianificazione, p. 12)

  • 4/15«Un terzo tipo di sistema può essere definito facendo l’ipotesi che vi sia un insieme di interessi (identici per tutti i soggetti) i quali siano interrelati in modo congiunto e che inoltre i soggetti abbiano altri interessi, identici o differenti, tra i quali possano stabilirsi interrelazioni disgiunte o anche congiunte, ma senza che queste ultime coinvolgano tutti i soggetti (poiché se così fosse tali interessi apparterrebbero al primo insieme). Chiamiamo sistema misto questo terzo tipo di sistema.»

    (G. Bolacchi, Concorrenza, collettivismo e pianificazione, p. 37)

  • 5/15«Limitatamente alla sfera degli interessi congiunti la pubblica amministrazione svolge nel sistema misto la stessa funzione che l’ufficio centrale della pianificazione svolge nel sistema collettivistico con riferimento a tutti gli interessi dei soggetti (che sono gli stessi per tutti i soggetti e tutti interrelati in modo congiunto). Esempi di attività svolte dalla pubblica amministrazione sono la produzione dei cosiddetti servizi pubblici e l’organizzazione della giustizia. L’attività della pubblica amministrazione non deve essere confusa con l’attività dello stato diretta a produrre beni per lo scambio.»

    (G. Bolacchi, Concorrenza, collettivismo e pianificazione, pp. 37-38)

  • 6/15«Riassumendo possiamo distinguere:

    (a) un settore privato, caratterizzato dal fatto che la produzione di beni e servizi per lo scambio è posta in essere da soggetti singoli;

    (b) un settore pubblico, caratterizzato dal fatto che la produzione di beni e servizi per lo scambio è posta in essere dallo stato (monopolista o no);

    (c) un settore della pubblica amministrazione, caratterizzato dal fatto che la produzione di beni e servizi è effettuata dallo stato e non è diretta allo scambio, in quanto soddisfa bisogni che sono comuni a tutti i soggetti e relativamente ai quali sussiste una interrelazione congiunta.»

    (G. Bolacchi, Concorrenza, collettivismo e pianificazione, p. 40)

  • 7/15«Una volta chiarite le differenze sul piano economico e sociologico tra sistema dello scambio e sistema collettivistico si rende necessaria una analisi del concetto di pianificazione, il cui significato è generalmente identificato con quello di sistema collettivistico. Questa identificazione costituisce l’origine di numerosi pseudo-problemi, i quali hanno indotto alcuni economisti a ritenere che la teoria economica, così come è stata formulata da Walras, presenti contraddizioni insuperabili; contraddizioni che – secondo questi economisti – potrebbero essere eliminate solo riformulando in termini completamente nuovi l’intera teoria economica. Le difficoltà della teoria walrasiana possono essere tutte ricondotte alla impossibilità di questa teoria di fornire una spiegazione coerente della accumulazione di capitale.»

    (G. Bolacchi, Concorrenza, collettivismo e pianificazione, p. 40)

  • 8/15«La prospettiva del tempo come direzione o irreversibilità individua appunto l’evoluzione o dinamica cumulativa. L’accumulazione del capitale non può essere considerata altrimenti che sotto questa prospettiva. Ciò spiega perché l’accumulazione non può costituire oggetto di indagine della scienza economica, allo stesso modo in cui la irreversibilità degli stati non costituisce oggetto di analisi della fisica. Così come la fisica si limita a postulare la irreversibilità degli stati ma non cerca di spiegarne il perché (questo problema è filosofico non scientifico), allo stesso modo l’economia può, al massimo, esprimere un principio della accumulazione del capitale.»

    (G. Bolacchi, Concorrenza, collettivismo e pianificazione, p. 43)

  • 9/15«Il fatto che il secondo principio della termodinamica condiziona lo sviluppo del discorso della fisica nel senso che ogni proposizione della fisica deve essere compatibile col principio dell’entropia, non significa che l’esplicazione della irreversibilità costituisce oggetto di studio della fisica. Al contrario, come osserva Born, la termodinamica si riferisce soprattutto agli equilibri. “In effetti – egli dice – l’espressione ‘termodinamica’ induce in errore. Le uniche affermazioni di natura dinamica possibili riguardano i passaggi irreversibili da uno stato di equilibrio a un altro e sono di carattere alquanto modesto, poiché danno l’accrescimento totale dell’entropia oppure la diminuzione dell’energia libera F=U-TS. Il processo irreversibile in sé è al di fuori dell’ambito della termodinamica.”»

    (G. Bolacchi, Concorrenza, collettivismo e pianificazione, p. 43)

  • 10/15«In conclusione la dinamica cumulativa e la stazionarietà si riferiscono a una serie di stati individuata mediante un indice che esprime la variazione nel contenuto degli stati (per cui ogni stato è singolare e non ripetibile); se vi è dinamica cumulativa l’indice in questione assume valori crescenti (in fisica l’indice è l’entropia); se vi è stazionarietà l’indice rimane costante. L’accumulazione del capitale può essere assunta per esprimere la dinamica cumulativa (o la stazionarietà) di un sistema economico.»

    (G. Bolacchi, Concorrenza, collettivismo e pianificazione, p. 45)

  • 11/15«L’impostazione scientifica prescinde da una considerazione di tipo storico relativa al fatto che i bisogni dell’uomo sono finora andati progressivamente sviluppandosi e manifestano una tendenza a svilupparsi. Dal piano storico non si può passare al piano causale funzionale; non si può cioè utilizzare la prospettiva storica (evoluzionistica) per dimostrare che la teoria economica è contraddittoria. Il criterio di scelta per passare dal processo di indefinito sviluppo dei bisogni a una stuttura determinata di bisogni è dato dall’attività del soggetto che postula una struttura di bisogni. Ciò significa che l’esplicazione in termini scientifici dell’azione economica deve sempre postulare una struttura dei bisogni assunta come un dato e un insieme di risorse limitate mediante le quali è possibile soddisfare quei bisogni.»

    (G. Bolacchi, Concorrenza, collettivismo e pianificazione, p. 45)

  • 12/15«Come abbiamo precedentemente rilevato, a parte le differenze relative al modo in cui il consumo e la produzione sono determinati nel sistema collettivistico rispetto al sistema dello scambio, le condizioni di efficienza per la produzione sono le stesse nei due sistemi. Si tratta, in questo caso, del primo concetto di efficienza che si riassume nel principio del minimo costo.»

    (G. Bolacchi, Concorrenza, collettivismo e pianificazione, p. 46)

  • 13/15«La costruzione di modelli come quello di Leontief è connessa all’esigenza, che storicamente si è venuta formando, di dare una interpretazione del sistema collettivistico. Perciò il modello di Leontief non costituisce un superamento della teoria walrasiana, ma semplicemente uno schema che interpreta una realtà diversa da quella della concorrenza. L’elemento comune ai due schemi è costituito dalla formulazione del principio di efficienza per la produzione che assume in entrambi la stessa forma. Ma la diversità di impostazione relativa al consumo esprime la differenza nelle strutture sociali cui i due sistemi possono essere riferiti. Solo apparentemente il modello di Leontief non contiene alcuna ipotesi concernente le strutture sociali. In realtà, se lo si vuole utilizzare come schema esplicativo, allora l’assunzione che il consumo sia dato riflette dal punto di vista sociologico l’esistenza di una interrelazione congiunta totale degli interessi dei soggetti.»

    (G. Bolacchi, Concorrenza, collettivismo e pianificazione, pp. 46-47)

  • 14/15«Come abbiamo detto è opportuno distinguere tra sistema collettivistico in cui vi sia pianificazione e sistema collettivistico senza pianificazione. La distinzione può essere data in quanto abbiamo definito la pianificazione come differimento nel futuro dei consumi a favore dell’accumulazione del capitale. Perciò è possibile ipotizzare un sistema collettivistico in cui i soggetti decidono unitariamente di destinare tutte le risorse disponibili alla produzione per il consumo, nel qual caso non si avrà accumulazione. Ciò che caratterizza il sistema collettivistico e l’interrelazione congiunta degli interessi e non l’esistenza o meno dell’accumulazione. Abbiamo anche visto che ha senso riferire l’accumulazione all’intero sistema solo se si considera il sistema collettivistico (o il soggetto isolato), poiché nel sistema dello scambio le decisioni relative all’accumulazione sono atomistiche e non possono riflettere una interrelazione congiunta.»

    (G. Bolacchi, Concorrenza, collettivismo e pianificazione, pp. 47-48)

  • [15/15]

    «In conclusione il sistema walrasiano e il modello di Leontief hanno in comune un principio di efficienza ma differiscono nelle ipotesi relative al consumo. La teoria walrasiana ipotizza implicitamente una interrelazione disgiunta e quindi una separazione tra l’aspetto del consumo e quello della produzione. Il modello di Leontief si riferisce implicitamente a un sistema con interrelazione congiunta in cui il consumo è determinato a priori e non esiste separazione tra l’aspetto del consumo e quello della produzione. Nell’ambito di questo modello è quindi possibile prendere in considerazione la formazione di capitale, e cioè l’accumulazione, come riferita al sistema. I due modelli presuppongono quindi un riferimento preciso al quadro istituzionale, poiché ciascuno contiene implicitamente una ipotesi relativa alla interrelazione degli interessi.»

    (G. Bolacchi, Concorrenza, collettivismo e pianificazione, pp. 48-49)

G. Bolacchi, Processo d’apprendimento e strutture ideologiche, in: Studi di Economia, vol. V, n. 1, aprile 1974, pp. 3-54

  • 1/23«Le società collettivistiche tendono pertanto a limitare al massimo l’insieme delle situazioni sociali riservate alla privata autonomia di singoli o di gruppi. In questi tipi di società si ha una tendenza a considerare tutte le possibili situazioni sociali o in termini funzionali o in termini disfunzionali rispetto al sistema. L’insieme dei comportamenti indifferenti rispetto al sistema viene quindi ristretto al massimo ed i soggetti possono svolgere entro il sistema sono funzioni compatibili con i fini comuni. In breve, tutti i possibili status-ruoli dei soggetti entro il sistema debbono essere status-ruoli organizzativi tra loro compatibili e funzionali rispetto al sistema.

    Le società di questo tipo tendono ad essere società statiche, società, cioè, in cui gli interessi dei soggetti hanno un alto grado di permanenza. Se così non fosse il sistema non potrebbe reggersi; l’organizzazione presuppone infatti divisione del lavoro sociale, cioè specificità e determinatezza dei singoli status-ruoli. Ogni variazione negli interessi dei soggetti implica in queste società una modificazione dell’intero sistema, in quanto l’organizzazione postula che gli status-ruoli siano tutti tra loro compatibili e complementari.»

    (G. Bolacchi, Processo d’apprendimento e strutture ideologiche, p. 5)

  • 2/23«La modificazione dei fini del sistema costituisce il fenomeno centrale in cui si manifesta con particolare evidenza la distinzione tra società collettivistica e società atomistica o pluralistica. La differenza tra i due tipi di società non dipende dalla presenza o dall’assenza di interrelazione congiunta; ma nel fatto che nel primo tipo la interrelazione congiunta concerne tutti gli interessi di tutti i soggetti, mentre nel secondo tipo concerne solo un insieme limitato di interessi di tutti i soggetti. Esiste pertanto in questo secondo tipo di società un insieme di interessi interrelati e congiunti appartenenti a tutti i soggetti, che delimita la sfera dei comportamenti istituzionalizzati entro il sistema; ed esiste inoltre un insieme di interessi che possono essere interrelati in modo congiunto o disgiunto, ma con riferimento ai quali non può mai aversi una interrelazione congiunta tra tutti i soggetti. Questo secondo insieme di interessi individua lo spazio sociale pre-istituzionale.

    Lo spazio pre-istituzionale ha la massima ampiezza nei sistemi di tipo atomistico o pluralistico, mentre è per definizione nullo nei sistemi collettivistici.»

    (G. Bolacchi, Processo d’apprendimento e strutture ideologiche, p. 6)

  • 3/23«Nel sistema pluralistico l’interesse deviante del soggetto può essere soddisfatto in modo indiretto nell’ambito dello spazio sociale pre-istituzionale entro cui il soggetto può agire tentando di modificare le strutture del sistema. Il regime democratico costituisce un esempio di istituzionalizzazione del mutamento che consente agli interessi in conflitto con quelli istituzionalizzati di esprimersi nell’ambito del pre-istituzionale al fine di una modificazione del sistema.»

    (G. Bolacchi, Processo d’apprendimento e strutture ideologiche, p. 7)

  • 4/23«Nel caso del sistema collettivistico non è possibile alcun soddisfacimento indiretto degli interessi del deviante potenziale, in quanto non esiste uno spazio sociale pre-istituzionale che il deviante potenziale possa utilizzare per porre in essere comportamenti volti alla modificazione del sistema. Dobbiamo quindi concludere che in questo sistema è impossibile il mutamento sociale? La risposta è negativa. Anche nel sistema collettivistico gli interessi dei soggetti si modificano; tale modificazione può avvenire in due modi: (1) gli interessi di tutti i soggetti si modificano istantaneamente nello stesso senso, per cui si passa senza soluzione di continuità da una struttura ad un'altra fondata su interessi differenti; (2) il mutamento avviene mediante la dinamica del deviamento. […] La seconda ipotesi si riferisce a società collettivistiche nelle quali il consenso sia fondato su interessi comuni di tipo ideologico; in tal caso il mutamento dà sempre luogo a un rapporto conflittuale, non essendo possibile utilizzare criteri intersoggettivi per stabilire la verità o la falsità dei giudizi di valore.»

    (G. Bolacchi, Processo di apprendimento e strutture ideologiche, pp. 7-8)

  • 5/23«Il deviamento potenziale trova peraltro la possibilità di attuarsi nell’ambito degli status-ruoli istituzionali, mediante una utilizzazione di questi status-ruoli in modo disfunzionale rispetto agli interessi che li caratterizzano. Ciò può avvenire in quanto le funzioni sociali connesse ai singoli status-ruoli presentano normalmente un ambito di discrezionalità, consistente nel fatto che le circostanze in presenza delle quali debbono essere realizzati i comportamenti strumentali, in cui si specificano le funzioni connesse agli status-ruoli, non sono esattamente definite; nel caso in cui non lo siano compete al titolare dello status-ruolo stabilire se e in che misura esse sussistano. E nel far questo il soggetto può conformarsi agli interessi comuni istituzionalizzati; ovvero può conformarsi ad interessi devianti (cioè negativamente coinvolti con quelli istituzionalizzati), rendendo compatibili le funzioni dello status-ruolo con gli interessi alla modificazione delle strutture del sistema, che caratterizzano la sua posizione di deviante potenziale

    (G. Bolacchi, Processo d’apprendimento e strutture ideologiche, p. 8)

  • 6/23«La società collettivistica in cui l'interrelazione congiunta tra gli interessi sia fondata su presupposti ideologici è anch'essa una società conflittuale. Ma a differenza della società pluralistica, la quale ammette un insieme di status-ruoli (non istituzionalizzati) concernenti interessi che possono anche essere interrelati in modo disgiunto con gli interessi istituzionalizzati (spazio sociale pre-istituzionale), nella società collettivistica di tipo ideologico, pur potendo esistere questo insieme di interessi interrelati in modo disgiunto, non esiste uno spazio sociale pre-istituzionale che i devianti potenziali possano utilizzare ai fini della modificazione del sistema.

    Questo significa che dal punto di vista della eliminazione del conflitto nessun progresso viene realizzato dalle strutture sociali di tipo ideologico-collettivistico nelle quali la dinamica sociale si svolge mediante il potere deviante, rispetto alle strutture di tipo pluralistico nelle quali la dinamica si svolge anche nel pre-istituzionale.»

    (G. Bolacchi, Processo d’apprendimento e strutture ideologiche, pp. 9-10)

  • 7/23«L’asimmetria della relazione docente-discente è intrinseca alla situazione di apprendimento; si può modificare il contenuto di ciò che viene appreso, ma non si può annullare la differenza di funzioni tra docente e discente. Come vedremo attraverso l'analisi psicologica del rapporto di apprendimento, la funzione del docente è quella di programmare le fasi di apprendimento e di rinforzare con opportuni stimoli certi comportamenti del discente.»

    (G. Bolacchi, Processo d’apprendimento e strutture ideologiche, p. 11)

  • 8/23«È necessario piuttosto precisare che la distinzione tra l’aspetto psicologico-strutturale del rapporto di apprendimento e i contenuti dell’apprendimento è di fondamentale importanza perché, mentre da un lato pone in luce la contraddittorietà dell’azione contestativa volta a eliminare una relazione che ha una base psicologica analizzabile scientificamente, dall’altro lato consente di porre a fuoco il vero nucleo del problema delle strutture scolastiche attuali, cioè il potere deviante dei docenti e il fatto che gli stessi ricoprono all’interno della scuola status-ruoli di tipo politico che si cumulano con gli status-ruoli di tipo didattico e normalmente vengono confusi con questi.»

    (G. Bolacchi, Processo d’apprendimento e strutture ideologiche, p. 12)

  • 9/23«Come abbiamo visto, una situazione di frustrazione è sempre implicata nel rapporto punitivo. Il concetto di frustrazione è caratterizzato da diversi fattori: (a) il livello di aspirazione del soggetto, cioè il grado di fungibilità esistente tra i suoi interessi finali; (b) il livello di intensità dell’interesse finale del soggetto cui si ricollega il comportamento strumentale frustrato o impedito; (c) lo stimolo frustrante.

    Se il livello di aspirazione del soggetto è rigido, ovvero il grado di fungibilità esistente tra i suoi interessi finali è poco elevato, permane nel soggetto, nonostante l’impedimento che blocca il comportamento strumentale, lo stato di deprivazione (interesse finale) frustrato. Ove quest’ultimo interesse abbia un alto livello di intensità, lo stimolo frustrante che determina il blocco del comportamento strumentale agisce come stimolo elicitante nei confronti di un corrispondente comportamento emotivo (elicitato) del soggetto. Tale comportamento elicitato può essere di tipo ansioso o anche di tipo aggressivo. La presenza dell’ostacolo può quindi provocare risposte emotive che si manifestano al livello del comportamento operante.»

    (G. Bolacchi, Processo d’apprendimento e strutture ideologiche, p. 21)

  • 10/23«Nell’ambito delle attuali istituzioni scolastiche, oltre alla normale frustrazione prodotta dal controllo degli esami, i soggetti possono essere sottoposti a frustrazioni permanenti o non facilmente superabili: ciò accade nel caso in cui essi vengano socializzati secondo schemi difformi da quelli istituzionalizzati espressi dalla scuola. In tal caso l’istituzione scolastica, anziché un mezzo per il soddisfacimento degli interessi finali che il soggetto ha acquisito nell’ambiente in cui è stato socializzato, diventa un ostacolo al soddisfacimento di tali interessi. Ne deriva una situazione che, data la sua costanza, può sfociare in comportamenti aggressivi devianti in modo aperto (deviamento attuale) rispetto alle strutture istituzionalizzate.»

    (G. Bolacchi, Processo d’apprendimento e strutture ideologiche, p. 22)

  • 11/23«L’uso di metodi punitivi nell’ambito del rapporto didattico presuppone, al contrario, l’esistenza di due interessi finali: un interesse a non studiare, punito, e un interesse, rinforzato positivamente, che consiste nella memorizzazione (interesse alla memorizzazione). La punizione con alternativa rinforzata positivamente fa sorgere quest’ultimo interesse e non già un interesse a studiare (interesse alla conoscenza).

    Per esplicare senza ambiguità il processo di apprendimento occorre quindi specificare l’interesse finale del discente rispetto al quale lo “studiare” è strumentale. Nella ipotesi sopra formulata, il comportamento del discente è strumentale rispetto a un comportamento finale connesso alla acquisizione del rinforzatore primario positivo predisposto dal docente; cioè è strumentale rispetto all’ottenimento di un rinforzatore positivo estrinseco allo studiare; viene a mancare, pertanto, nel processo di apprendimento, il rinforzamento primario connesso alla attività consistente nel risolvere problemi.

    Intuitivamente possiamo dire che il dicente memorizza l’informazione senza assimilarne il contenuto, per il fatto che l’unico suoi interesse finale è quello di conseguire una certa ricompensa (la quale è generalmente di natura sociale: ad esempio un titolo di studio che conferisce prestigio).»

    (G. Bolacchi, Processo d'apprendimento e strutture ideologiche, p. 38)

  • 12/23«Il processo di apprendimento scolastico implica tre fattori fondamentali:

    (a) un interesse alla conoscenza (interesse alla soluzione dei problemi) acquisito durante il processo di socializzazione;

    (b) un insieme di comportamenti strumentali volti al soddisfacimento dell’interesse alla conoscenza, collegati a un insieme di informazioni da apprendere le quali operano come rinforzatori secondari;

    (c) un insieme di rinforzatori primari positivi collegati all’interesse alla conoscenza, che operano mediante la programmazione dell’insegnamento (consistente in una successione di rinforzatori primari).

    Il punto (a) concerne lo stato di deprivazione; il punto (b) il comportamento operante; il punto (c) il rinforzatore.»

    (G. Bolacchi, Processo d’apprendimento e strutture ideologiche, pp. 40-41)

  • 13/23«L'errore fondamentale delle attuali strutture educative è quello di ritenere che l'interesse alla conoscenza possa essere suscitato mediante l'uso di tecniche punitive, utilizzate singolarmente o associate a ricompense estrinseche di natura individuale o sociale. Ma, come si è visto, mediante l'uso di queste tecniche viene rinforzato solo un interesse alla memorizzazione.

    La modificazione delle strutture didattiche implica quindi come elemento fondamentale una sostituzione dell’interesse alla conoscenza con l’interesse alla memorizzazione. Ma a tale sostituzione conseguono mutamenti nelle strutture sociali che vanno molto al di là di un puro e semplice mutamento nelle sole strutture didattiche. Infatti l’interesse alla conoscenza deve essere acquisito mediante il processo di socializzazione.»

    (G. Bolacchi, Processo d’apprendimento e strutture ideologiche, pp. 41-42)

  • 14/23«Il fatto che in una società pluralistica le strutture sociali siano caratterizzate in termini ideologici implica che il consenso su cui si fondano gli status-ruoli istituzionalizzati, risultante da interessi interrelati in modo congiunto, sia un consenso ideologico. Ma gli interessi istituzionalizzati possono essere in conflitto con gli interessi, anch’essi di natura ideologica, di gruppi di soggetti che operano nello spazio sociale pre-istituzionale. La prevalenza di una ideologia sulle altre deriva quindi dalla maggiore forza sociale (consenso) che legittima l’esercizio del potere nei confronto dei devianti; è questo l’unico metodo possibile di soluzione dei conflitti, essendo le ideologie prese di posizione soggettive, non razionalizzabili e non suscettibili di verifica empirica.»

    (G. Bolacchi, Processo d’apprendimento e strutture ideologiche, p. 42)

  • 15/23«Pertanto, in una società pluralistica, i soggetti sono influenzati da tanti tipi di socializzazione quanti sono gli interessi ideologici in conflitto. Il conflitto tra gli interessi istituzionalizzati da una parte e gli interessi dei gruppi che agiscono nel pre-istituzionale dall’altra, si ritrova anche nell’ambito delle istituzioni scolastiche, in quanto la scuola costituisce lo strumento più importante mediante il quale si realizza il processo di socializzazione istituzionalizzato.»

    (G. Bolacchi, Processo d’apprendimento e strutture ideologiche, p. 42)

  • 16/23«Si potrebbe obiettare che il conflitto nell'ambito delle istituzioni scolastiche può concernere solo la trasmissione dei valori (interessi ideologici) istituzionalizzati e non la trasmissione della conoscenza scientifica. Nel secondo caso, infatti, sebbene il discente possa non avere un interesse alla conoscenza del discorso scientifico, non avrebbe senso parlare di un conflitto ideologico tra interessi istituzionalizzati alla trasmissione della conoscenza scientifica e interessi devianti del discente. Senonché è importante rilevare che vi può essere un conflitto tra chi chiede che un certo discorso scientifico (una scienza specifica) sia incluso nel processo di apprendimento istituzionalizzato e chi ha interesse a che quella scienza non sia insegnata. Questo conflitto si è manifestato con riferimento non solo alle scienze naturali, le quali per molto tempo e fino all'affermazione definitiva della rivoluzione galileiana furono osteggiate nell'ambito delle società fondate su interessi ideologici, ma si manifesta ancora oggi con riferimento alla scienza sociale. L’opposizione contro la scienza sociale, in contesti culturali fortemente ideologizzati, deriva dal fatto che esiste una interrelazione disgiunta tra interessi (istituzionalizzati) all’analisi di tipo ideologico e interessi (non istituzionalizzati) all’analisi di tipo scientifico dei fenomeni sociali.»

    (G. Bolacchi, Processo d’apprendimento e strutture ideologiche, p. 43)

  • 17/23«Una conseguenza importante delle istituzioni scolastiche fondate su metodi punitivi è che esse, rinforzando solo il comportamento di memorizzazione, tendono a determinare l’estinzione dell’interesse alla conoscenza anche in quei soggetti che hanno acquisito tale interesse durante il processo di socializzazione.»

    (G. Bolacchi, Processo d’apprendimento e strutture ideologiche, pp. 43-44)

  • 18/23«La trasmissione delle informazioni e la soluzione dei problemi sono quindi inseparabili nel processo di apprendimento. Come abbiamo visto questo processo si realizza però, nelle attuali strutture scolastiche, in modo anomalo. L’apprendimento è connesso infatti non a un interesse alla conoscenza (come dovrebbe essere se le funzioni della scuola fossero di tipo conoscitivo, cioè fossero volte all’apprendimento di contenuti culturali), bensì a un interesse alla acquisizione di gratificazioni sociali che consentono al soggetto di occupare – sulla base del possesso del titolo di studio – status-ruoli cui altrimenti non avrebbe accesso.

    Avviene pertanto che lo studente apprende un genere di informazioni e impara a risolvere un genere di problemi che sono connessi alla acquisizione di rinforzatori sociali (impara, ad esempio, a superare gli esami con il minor sforzo, ad accattivarsi la stima del docente, a memorizzare i contenuti culturali che gli vengono trasmessi).»

    (G. Bolacchi, Processo d’apprendimento e strutture ideologiche, p. 45)

  • 19/23«Più esattamente, in un sistema educativo fondato su metodi punitivi che rinforzano comportamenti di memorizzazione, il controllo dell’adeguatezza della trasmissione delle informazioni con riferimento alle capacità del discente non ha alcun significato. In tal modo l’attività del docente diventa un’attività di routine e l’esame anch’esso un controllo di routine sulla memorizzazione.

    La funzione sociale del sistema didattico non è più dunque il soddisfacimento di un interesse alla conoscenza ma di un interesse all’acquisizione di prestigio sociale. Il discente partecipa a un rapporto didattico non per apprendere ma per poter acquisire prestigio sociale. L’ottenimento del titolo di studio diventa l’interesse finale del discente perché ad esso la cultura della nostra società associa un certo livello di prestigio sociale.»

    (G. Bolacchi, Processo d’apprendimento e strutture ideologiche, p. 46)

  • 20/23«In questa prospettiva, il cosiddetto “diritto allo studio” non esprime un interesse a che tutti possano apprendere i contenuti culturali trasmessi dalla scuola, bensì un interesse ideologico ad acquisire quel prestigio sociale che il sistema educativo conferisce ai discenti quando siano stati superati i controlli della memorizzazione (gli esami). La scuola di massa realizza in tal modo la ideologia dell’eguale diritto di tutti i soggetti al prestigio sociale che il sistema educativo conferisce; non soddisfa l’interesse alla conoscenza.»

    (G. Bolacchi, Processo d’apprendimento e strutture ideologiche, p. 46)

  • 21/23«L’esistenza di interessi di tipo ideologico presuppone infatti – in linea di principio – la possibilità che questi interessi vengano contestati, sempre sul piano ideologico; mentre ciò – in linea di principio – è escluso con riferimento a strutture sociali caratterizzate da predicati scientifici. Nel primo caso la dinamica si svolge mediante un conflitto di classe sempre fondato su basi ideologiche. Nel secondo caso si svolge senza conflitto, in quanto la modificazione degli interessi deriva dalla possibilità di verificare empiricamente la compatibilità o meno degli stessi con l’insieme delle conoscenze scientifiche.»

    (G. Bolacchi, Processo d’apprendimento e strutture ideologiche, p. 49)

  • 22/23«Il fenomeno del potere caratterizza le strutture sociali fondate su base ideologica (siano esse pluralistiche o collettivistiche), cioè le strutture sociali fondate sul conflitto di valori (interrelazione disgiunta tra interessi non compatibili col discorso scientifico). Il potere è infatti il mezzo attraverso il quale una ideologia prevale su un’altra, in quanto l’unico modo per risolvere il conflitto di valori è quello di confrontare la forza sociale delle ideologie in conflitto, non essendo possibile utilizzare criteri obiettivi (intersoggettivi).»

    (G. Bolacchi, Processo d’apprendimento e strutture ideologiche, p. 50)

  • 23/23«Quando il potere connesso a uno status-ruolo viene esercitato in modo non conforme agli interessi istituzionalizzati da un gruppo di soggetti titolari di status-ruoli identici, si realizza tra questi soggetti una interrelazione congiunta concernente gli interessi devianti e l’attività del gruppo è volta a impedire che l’accesso agli status-ruoli avvenga sulla base di interessi diversi da quelli comuni al gruppo. Il fondamentale interesse interrelato e congiunto del gruppo deviante è quello di conservare la sfera di discrezionalità connessa agli status-ruoli; ciò può avvenire facendo in modo che gli status-ruoli vengano occupati da soggetti i quali garantiscano che la discrezionalità verrà esercitata in modo deviante e non in modo conforme agli interessi istituzionalizzati.»

    (G. Bolacchi, Processo d’apprendimento e strutture ideologiche, p. 52)

G. Bolacchi, L’analisi scientifica del comportamento di scelta, in: Studi di Economia, vol. III, n.2/3, dicembre 1972, pp. 137-160 (parte I); vol. IV, n.1, aprile 1973, pp. 5-33 (parte II); vol. IV, n.2, agosto 1973, pp. 149-168 (parte III)

  • 1/15«Dal punto di vista metodologico la psicologia comportamentistica afferma che la differenza tra l’uomo e gli animali non è qualitativa, ma semplicemente una questione di gradi di complessità. Considerare l’uomo qualitativamente diverso significa infatti far ricorso a elementi di valutazione metafisica che devono essere riconosciuti e eliminati dall’ambito dell’analisi scientifica. Una volta ammesso che la differenza è di grado è evidente che gli animali appaiono come gli organismi più adatti per analizzare sperimentalmente la struttura dei processi psicologici. In questo modo la psicologia si trasforma da analisi metafisica dei processi mentali in analisi scientifica del comportamento; diventa una scienza sperimentale nello stesso senso in cui lo sono la fisica e la biologia.»

    (G. Bolacchi, L’analisi scientifica del comportamento di scelta, I, p. 137)

  • 2/15«Per concludere, l’analisi scientifica del comportamento consente di distinguere due tipi fondamentali di comportamento: il comportamento rispondente e il comportamento operante. La caratterizzazione dei due tipi di comportamento è priva di ogni riferimento mentalistico e ha natura strutturale in quanto risponde alla domanda “come opera lo stimolo?” e non alla domanda “che cosa è lo stimolo?”.»

    (G. Bolacchi, L’analisi scientifica del comportamento di scelta, I, p. 147)

  • 3/15«Il termine “interesse” viene in tal modo introdotto come definizione nominale dell’operazione terminale di una serie operativa e non come concetto esplicativo del comportamento operante. Infatti, se si dicesse che un soggetto pone in essere un dato comportamento in quanto egli ha un certo interesse a effettuare quel comportamento, il concetto di comportamento verrebbe esplicato in termini mentalistici poiché si assumerebbe una ipotetica variabile interna, l’interesse, come causa del comportamento. Quando parliamo di interessi del soggetto facciamo perciò esclusivamente riferimento a operazioni terminali di certe serie operative che sono seguite da certi rinforzatori.»

    (G. Bolacchi, L’analisi scientifica del comportamento di scelta, I, p. 148)

  • 4/15«Ricordiamo ancora che nell’analisi delle leggi del rinforzo l’operazione di deprivazione è sempre presupposta. La relazione tra le modificazioni del comportamento e le contingenze di rinforzo (dato un certo stato di deprivazione) è quindi solo un aspetto del complesso processo di rinforzo. Il secondo aspetto è costituito dalla relazione tra le modificazioni del comportamento e le variazioni nello stato di deprivazione (restando costanti le contingenze del rinforzo). Il processo di rinforzo deve quindi essere esplicato non solo con riferimento alle variazioni nelle contingenze del rinforzo ma anche con riferimento alle variazioni nello stato di deprivazione.»

    (G. Bolacchi, L’analisi scientifica del comportamento di scelta, I, p. 154)

  • 5/15«Abbiamo definito l’intensità dell’interesse sulla base della compattezza delle serie operative. Quest’ultima può a sua volta essere considerata come una funzione dello stato di deprivazione. Ci si deve aspettare che un soggetto fortemente deprivato ponga sempre in essere una serie operativa (che porta a un certo rinforzatore) escludendo ogni altra interferenza di altre serie operative.»

    (G. Bolacchi, L’analisi scientifica del comportamento di scelta, parte I, pp. 154-155)

  • 6/15«Quando poi l’intersecarsi delle serie operative diventa evidente si dovrebbe concludere che il comportamento del ratto è casuale e pertanto non prevedibile. In realtà ogni serie operativa è connessa ad un interesse e l’alternanza delle serie può esser dovuta ad una variazione molto piccola nell’intensità degli interessi corrispondenti, per cui prevede alternativamente l’uno o l’altro interesse. In questo caso è possibile che lo sperimentatore non sia in grado di individuare con certezza i differenti stati di deprivazione. Tuttavia anche nell’ipotesi in cui le serie operative si intersecano, ogni serie operativa autonomamente considerata è compatta nello stesso modo in cui lo è la serie operativa che porta al soddisfacimento di un interesse con intensità molto più grande di tutti gli altri.»

    (G. Bolacchi, L’analisi scientifica del comportamento di scelta, parte I, p. 160)

  • 7/15«L’intersoggettività costituisce pertanto l’unico criterio che può essere utilizzato ai fini dell’ampliamento del discorso scientifico (che su questo punto differisce dal discorso in senso lato ideologico o valutativo, per definizione soggettivo); ampliamento che può essere realizzato: (1) mediante l’introduzione di nuovi predicati sperimentali; (2) mediante l’introduzione di predicati limitativi che, sotto un profilo metodologico allargano l’ambito di significatività di una data struttura, e sotto un profilo sintattico costituiscono una specificazione dei predicati più generali che qualificano la struttura (e in questo senso possono essere detti predicati limitativi); (3) mediante l’introduzione di predicati di livello più astratto rispetto a un insieme di predicati che caratterizzano una struttura preesistente, in modo tale che la nuova struttura sia in grado di esplicare anche i fenomeni esplicativi nella struttura meno astratta (che mantiene la propria validità limitatamente ai postulati che la qualificano) come una specificazione dei predicati più generali della nuova struttura (più astratta); (4) mediante l’introduzione di nuovi predicati con l’uso di definizioni nominali.»

    (G. Bolacchi, L’analisi scientifica del comportamento di scelta, parte II, pp. 11-12)

  • 8/15«L’impostazione del problema scientifico in termini strutturali elimina la problematica metafisica relativa alla convenzionalità dei postulati. Il significato metodologico che può darsi al concetto di convenzionalità dei postulati è dato dalla possibilità di inserire sempre nuovi postulati nel discorso della scienza. Ma questo fatto non compromette, all’interno di tale discorso, la validità dei postulati già esistenti, i quali vengono solo caratterizzati in termini di maggiore o minore livello di astrazione rispetto ai nuovi. Da ciò consegue che il discorso scientifico è un discorso aperto, nel senso che i postulati, e più in generale i predicati, che lo compongono non escludono la possibilità di un suo ampliamento, che non altera mai la validità delle strutture preesistenti, ma le inquadra entro contesti esplicativi di più vasta portata.»

    (G. Bolacchi, L’analisi scientifica del comportamento di scelta, parte II, p. 12)

  • 9/15«La caratterizzazione dello schema fondamentale dell’esperimento scientifico come una relazione tra variabile indipendente (Vi), variabile dipendente (Vd) e variabile vincolata (Vv) implica che il linguaggio della scienza debba essere costruito partendo dall’individuazione di certi predicati sperimentali (variabili) e delle loro relazioni. La costruzione teorica deve poggiare su questi predicati fondamentali e nuovi predicati possono essere introdotti solo come predicati aventi livello di generalizzazione superiore a quello dei predicati sperimentali. Questo in altre parole significa che i cosiddetti predicati primitivi che si assumono come aventi il massimo livello di generalizzazione entro una data struttura teorica – avente a sua volta un dato livello di astrazione – possono essere introdotti solo se esprimono attributi (proprietà e relazioni) tipici anche dei predicati sperimentali.»

    (G. Bolacchi, L’analisi scientifica del comportamento di scelta, parte II, p. 21)

  • 10/15«Il problema del rapporto tra enunciati descriventi letture di apparecchi osservabili ed enunciati teorici, non può porsi come problema concernente il rapporto tra termini del vocabolario teorico e termini osservativi. Si tratta infatti di un rapporto concernente da un lato i termini teorici e dall’altro la misurabilità degli stessi. Da questo punto di vista qualsiasi problema concernente la necessità di individuare proposizioni interpretative o regole (definizioni) di corrispondenza tra termini del vocabolario teorico e termini osservativi è privo di significato. Il problema della osservatività in termini di percezioni sensoriali non può porsi con riferimento al discorso scientifico. L’unico problema è quello concernente la misurabilità dei concetti teorici. In questo senso tutti i concetti teorici sono anche osservativi, cioè misurabili.»

    (G. Bolacchi, L’analisi scientifica del comportamento di scelta, parte II, pp. 24-25)

  • 11/15«Il problema metafisico del passaggio dai dati sensoriali ai termini teorici, tipico delle posizioni di Hempel, deve pertanto essere sostituito dal problema metodologico dell’individuazione di diversi livelli di generalizzazione (implicanti, sotto il profilo sintattico, l’introduzione di predicati limitativi), nonché di diversi livelli di astrazione dei predicati appartenenti al linguaggio della scienza. Questo discorso può ripetersi a proposito delle regole di corrispondenza, le quali sono state introdotte da numerosi studiosi di metodologia della scienza al fine di spiegare la strana proprietà che avrebbe il linguaggio teorico di non fare alcun riferimento ad osservabili e contemporaneamente di esplicare fenomeni osservabili, cioè al fine di spiegare il problema concernente la natura empirica dei termini teorici.»

    (G. Bolacchi, L’analisi scientifica del comportamento di scelta, parte II, p. 27)

  • 12/15«La sostituzione di un predicato di secondo livello con un predicato di primo livello consente di passare da un livello di generalizzazione più elevato a uno meno elevato (e quindi di risolvere problemi particolari). A questa considerazione è connesso anche il problema della verifica. Infatti la legge scientifica al livello più generale non può essere direttamente verificata; perché ciò sia possibile è necessario specificare il predicato di secondo livello o di livello n che compare nella legge in modo da ottenere un’esplicazione di fenomeni individualizzati.»

    (G. Bolacchi, L’analisi scientifica del comportamento di scelta, parte III, p. 151)

  • 13/15«L’asserzione secondo cui le leggi sperimentali avrebbero una vita propria deriva dal presupposto della osservatività delle leggi sperimentali. Se queste ultime con riferimento alla osservatività sono diverse dalle leggi teoriche, allora il fatto che una legge sperimentale possa essere incorporata in una o in un’altra teoria può apparire come una conferma della diversità dei due tipi di leggi. Eliminato però il presupposto metafisico della osservatività, dal fatto che una legge sperimentale può essere ricompresa in più di uno schema teorico non può desumersi che la legge sperimentale sia autonoma rispetto alla teoria. Si tratta solamente di un mutamento dei postulati della teoria entro la quale la legge sperimentale risulta ricompresa. Ma questo mutamento dei postulati ha come unico effetto una riformulazione della legge nei termini della nuova teoria.»

    (G. Bolacchi, L’analisi scientifica del comportamento di scelta, parte III, p. 159)

  • 14/15«Non si può affermare pertanto che esiste una legge sperimentale avente vita propria rispetto alla teoria in quanto la legge sperimentale è sempre espressa in termini teorici, anche se questi termini teorici a un certo stadio della conoscenza scientifica possono avere un livello di astrazione molto basso rispetto al più elevato livello di astrazione di uno schema teorico avente un ambito maggiore di significatività.»

    (G. Bolacchi, L’analisi scientifica del comportamento di scelta, parte III, p. 160)

  • 15/15«L’introduzione dei postulati limitativi consente di applicare la teoria a un problema particolare e di fornire una esplicazione di una legge sperimentale. La modificazione dei postulati limitativi consente di applicare la teoria alla soluzione di problemi diversi, ovvero di esplicare più leggi sperimentali che si riferiscono a fenomeni diversi.»

    (G. Bolacchi, L’analisi scientifica del comportamento di scelta, parte III, p. 167)

G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, in: Studi di Economia, vol. V, 1972, pp. 3-53

  • 1/28«La diffusione delle scienze dell’uomo è ostacolata non solo dalle strutture di potere ma anche da errate impostazioni teoriche che hanno la loro origine, sia nella metafisica tradizionale, sia nella metodologia filosofica delle scienze sociali di Weber e in genere nel pensiero dei filosofi appartenenti alla cosiddetta scuola dello storicismo tedesco contemporaneo [P. Rossi, Einaudi, 1956]; pensiero che da molti, per via della sua contrapposizione con la metafisica tradizionale e delle sue aperture in termini di relativismo culturale, è tuttora considerato come un punto di arrivo insuperato della riflessione metodologica sul comportamento umano.»

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, p. 4)

  • 2/28«In definitiva la problematica weberiana volta a fondare la avalutatività delle scienze storico-sociali, per la intrinseca contraddizione che la caratterizza, si presta ad essere interpretata esattamente nel modo contrario; ed infatti essa ha rinforzato positivamente tutte le teorie metafisiche che negano la possibilità di un’analisi scientifica e quindi intersoggettiva del comportamento umano. Negazione che è stata estesa anche al discorso scientifico in generale, il quale risulterebbe in tal modo caratterizzato dall’atteggiamento valutativo del ricercatore che tra le infinite prospettive di analisi opererebbe una scelta arbitraria ancorché giustificata dai valori culturali esistenti in un dato momento storico.»

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, pp. 6-7)

  • 3/28«La relazione di causalità della scienza implica che il fenomeno analizzato sia determinato ma non individualizzato; la relazione causale ha infatti carattere di ripetibilità. Ma la ripetibilità esclude che, con riferimento alla determinazione dei predicati sperimentali del discorso scientifico, si possa parlare di scelta da parte del ricercatore, nello stesso senso in cui, tra la molteplicità infinita di cause di cui parla Weber, se ne trascelgono alcune per costruire la relazione di causalità. L’attività del ricercatore non è attività di scelta, in quanto l’individuazione delle variabili e delle relazioni (ipotesi) che le collegano non può essere arbitraria, ma è condizionata dal fatto che le relazioni postulate esplichino i fenomeni, cioè li inquadrino entro schemi sempre più comprensivi (che esplicano classi di fenomeni sempre più ampi) aventi un livello di astrazione sempre più elevato, e consentano una verifica di questi schemi sul piano operativo.»

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, pp. 7-8)

  • 4/28«La storicità delle motivazioni che hanno orientato il ricercatore e i valori sociali che lo hanno spinto a intraprendere una data ricerca non implica che il discorso scientifico formulato sia soggettivo; al contrario esso è intersoggettivo in quanto è operativizzabile ed esprime proprietà tipiche di classi di fenomeni e non di fenomeni individualizzati. Questa intersoggettività sopravvive per così dire alla cultura nell’ambito della quale il discorso scientifico viene formulato ed i successivi ampliamenti del discorso scientifico non sono il prodotto di nuove scelte effettuate in un nuovo contesto storico implicanti un rifiuto delle scelte precedenti, ma costituiscono invece un ampliamento dell’applicabilità del discorso scientifico a fenomeni che non potevano essere esplicati utilizzando la precedente formulazione più ristretta.»

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, p. 8)

  • 5/28«Quando si considera il discorso della scienza nella sua intersoggettività, i predicati di tale discorso vengono presi in considerazione senza alcun riferimento a un concreto insieme di comportamenti storicamente determinati quali quelli posti in essere dal ricercatore nella sua attività di ricerca; ed i successivi stadi in cui storicamente si diversifica il discorso della scienza vengono analizzati con riferimento ai livelli di astrazione dei postulati fondamentali e dei nuovi postulati la cui inserzione in sostituzione dei precedenti determina un ampliamento di significatività del discorso. I nuovi postulati hanno un livello di astrazione più elevato dei precedenti, per cui questi ultimi appartengono sempre al discorso della scienza come casi particolari di un sistema più comprensivo; è questo il caso, nella fisica, della teoria di Newton rispetto a quella di Einstein.»

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, p. 8)

  • 6/28«Per Weber la differenza dovrebbe consistere nel fatto che le scienze storico-sociali sarebbero orientate verso l’individualità, mentre le scienze naturali sarebbero orientate verso la generalità. Si avrebbero pertanto due tipi di schemi causali: uno schema causale individualizzante e uno schema causale generalizzante, una causalità riferita a fenomeni non ripetibili e individualizzati (cioè inseriti in una dinamica irreversibile evolutiva) e una causalità riferita a classi di fenomeni, cioè a un rapporto ripetibile e generalizzato tra fenomeni esprimenti una dinamica reversibile. È evidente che in tal modo il concetto di causalità risulta del tutto travisato rispetto all’explicandum che è preso in considerazione nel linguaggio metodologico della scienza.»

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, p. 11)

  • 7/28«Tutto il pensiero di Weber è viziato dalla confusione che egli opera sul piano metodologico tra momento storico considerato come orientamento verso l’individualità e momento scientifico o strutturale mirante alla determinazione di un sistema di leggi. È evidente come dal punto di vista del senso comune i fenomeni sociali ci si presentino nel loro continuo flusso, cioè come sottoposti a un mutamento di tipo irreversibile. Questo non implica però l’impossibilità di costruire una prospettiva strutturale, analoga (metodologicamente) a quella delle scienze naturali, in base alla quale sia possibile individuare relazioni tra fenomeni sociali non riducentisi al mero ordine temporale definito in termini di irreversibilità. Il fatto che nel linguaggio comune, cioè nell’esperienza comune, questi due momenti non vengano sempre consapevolmente distinti non deve far credere che non sia possibile sul piano della teoria sociale distinguere esattamente le due prospettive. L’interesse conoscitivo della ricerca può essere infatti orientato, sia verso una prospettiva strutturale, sia verso una prospettiva storica, cioè verso una delimitazione dell’analisi in termini evoluzionistici. Ecco quindi che mentre per il senso comune i due fenomeni possono apparire anche indistinti, la metodologia della scienza ci consente di individuare due specifici punti di vista che caratterizzano due differenti tipi di conoscenza.»

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, p. 12)

  • 8/28«Ora concepire la spiegazione causale come individuazione della totalità delle cause che determinano un dato fenomeno significa appunto considerare la causalità in termini metafisici. Weber non si è reso conto di questo fatto e non ha pertanto compreso che lo schema di spiegazione funzionale è valido tanto nell’ambito delle scienze sociali quanto in quello delle scienze naturali. È evidente infatti come i due concetti di causalità, quello metafisico concernente il modello classico di spiegazione causale e quello funzionale, siano radicalmente diversi. Da un lato il concetto classico di causalità come rapporto necessario tra fenomeni, cioè come spiegazione volta a risalire alla infinità dei rapporti causali la quale riflette una struttura ontologica della realtà implicante un sistema di leggi generali cioè un determinismo necessario che si traduce in un sistema di principi forniti di validità incondizionata; dall’altro lato il concetto di schema funzionale il quale ovviamente risulta incompatibile con il concetto di causalità come rapporto necessario tra i fenomeni, in quanto presuppone l’impossibilità di risalire alla totalità dei fattori che hanno contribuito a produrre un dato fenomeno.»

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, pp. 13-14)

  • 9/28«Nell’ambito del discorso scientifico, si tratti di scienze sociali o di scienze naturali, il postulato dell’infinita molteplicità di elementi, che è un postulato metafisico, non ha alcuna rilevanza. Pertanto, la molteplicità dei fattori causanti sia che la si voglia riferire solo all’ambito dei fenomeni sociali, sia che la si voglia riferire anche all’ambito dei fenomeni naturali non può essere assunta come un postulato della metodologia della scienza. Nell’ambito del discorso scientifico rilevano solo le relazioni strutturali esattamente caratterizzate come serie finite di rapporti i quali individuano le specifiche strutture logiche del discorso di ogni scienza.»

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, pp. 14-15)

  • 10/28«In altre parole, la concezione metafisica della causalità come rapporto tra fenomeni caratterizzati in termini di ordine universale e di necessarietà ovvero come rapporto tra una molteplicità infinita di fattori e un fenomeno dato costituisce una caratterizzazione erronea del discorso scientifico, sia che si tratti delle scienze naturali che delle scienze sociali, in quanto la struttura del discorso scientifico è costituita da relazioni funzionali. Questo significa che il determinismo valido all’interno del discorso scientifico non è un determinismo metafisico ma un determinismo metodologico. Esso non implica l’attribuzione di un qualche valore di verità all’alternativa tra determinismo e indeterminismo con riferimento ai processi reali, cioè con riferimento a una prospettiva metafisica; il determinismo metodologico esprime solo una condizione di adeguatezza del discorso scientifico, nel senso che quest’ultimo, per poter essere considerato scientifico, deve essere qualificato in termini di relazioni funzionali e di ordine seriale. Viene in tal modo esclusa dall’ambito della metodologia scientifica qualsiasi caratterizzazione metafisica concernente l’esistenza o l’inesistenza di un ordine necessario tra i fenomeni.»

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, p. 15)

  • 11/28«Vi è quindi una radicale distinzione sul piano della metodologia della scienza tra la prospettiva evoluzionistica che considera i fenomeni in termini di irreversibilità e la prospettiva strutturale che considera i fenomeni sulla base di un ordine seriale indeterminato rispetto alle modificazioni nel contenuto degli stati (reversibilità). Il non aver visto questa distinzione ha determinato in Weber una serie di contraddizioni che sostanzialmente si riflettono nella teoria del tipo ideale e nella determinazione dell’oggetto della sociologia.»

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, pp. 17-18)

  • 12/28«Se si supera la prospettiva metafisica storicistica e si analizza il comportamento in termini strutturali, allora l’esplicazione dei fenomeni umani può avvenire prescindendo completamente dalla storia la quale cessa di essere, come invece credeva presumibilmente Weber, il grande laboratorio in cui dovrebbe operare a posteriori lo scienziato sociale. L’irrilevanza della considerazione storica per la costruzione di una scienza sociale non implica ovviamente che i fatti già avvenuti non possano essere esplicati scientificamente. La spiegazione avviene tuttavia in base a leggi verificate in laboratorio ed espresse in termini funzionali per cui il fatto da esplicare viene caratterizzato non più in termini di individualità bensì in termini di ripetibilità o riproducibilità.»

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, p. 23)

  • 13/28«L’esplicazione scientifica dei fenomeni consiste nell’individuazione di un insieme di variabili e delle relazioni che sussistono tra queste variabili. Il perché certe variabili vengano assunte come variabili tipiche non costituisce un problema all’interno del linguaggio della scienza in quanto resta sempre aperto il campo all’individuazione di nuove variabili aventi un livello di astrazione meno elevato (predicati limitativi) o un livello di astrazione più elevato dei predicati fondamentali che a un dato tempo caratterizzano il discorso scientifico.

    L’unica condizione posta all’introduzione di nuovi predicati è data dal fatto che i predicati introdotti debbono essere sempre tra loro collegati secondo le regole che caratterizzano la struttura del linguaggio della scienza. Questa struttura è data dalla relazione funzionale tra tre tipi di variabili (dipendente, indipendente e parametri) che si ritrova tanto al livello dei predicati sperimentali quanto al livello dei predicati più astratti: Rf (x, y; p1, p2, …, pn).

    Il linguaggio della scienza risulta pertanto caratterizzato: (1) dalla relazione strutturale fondamentale Rf (x, y; p1, p2, …, pn); (2) dalla possibilità di introdurre in esso nuovi predicati purché tra loro compatibili in base alla relazione fondamentale; (3) dal diverso livello di astrazione dei predicati che porta a distinguere tra predicati sperimentali, predicati limitativi e predicati fondamentali.»

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, p. 24)

  • 14/28«Lo schema strutturale Rf (x, y; p1, p2, …, pn) può contenere o può non contenere un riferimento alla variabile tempo. Tuttavia la variabile tempo non appare nel discorso scientifico come variabile indipendente effettiva in quanto non è controllata nello stesso modo in cui lo sono le variabili che figurano nella relazione Rf (x, y; p1, p2, …, pn).

    La variabile tempo si presenta pertanto con uno status metodologico diverso dalle variabili che esprimono predicati tipici delle singole scienze. Inserire il tempo come variabile indipendente implicita nelle leggi scientifiche significa infatti ordinare gli stati secondo una serie aperta. A questo livello di analisi gli stati sono caratterizzati dal tempo come ordine

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, p. 26)

  • 15/28«Le analisi scientifiche formulate dal punto di vista della statica o dal punto di vista della dinamica si fondano, quindi, entrambe sulla relazione fondamentale Rf (x, y; p1, p2, …, pn) che in un caso è vista solo come pura e semplice relazione asimmetrica esprimente una interdipendenza tra i fattori che si considerano e dalla quale non è ricavabile un ordine (temporale) degli stati; mentre nell’altro caso, poiché contiene il tempo come variabile indipendente implicita, è vista anche come relazione d’ordine dalla quale si ricava una successione (temporale) degli stati.»

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, p. 26)

  • 16/28«Possiamo osservare a questo punto che sulla considerazione del tempo come ordine non può fondarsi uno schema esplicativo della storia, cioè della dinamica cumulativa (o evolutiva). Quest’ultima infatti consiste in una successione di stati ordinati serialmente nella quale il tempo è considerato non come ordine ma come direzione. In questo caso gli stati del sistema sono ordinati con riferimento al mutamento nel contenuto degli stati; il mutamento è cioè caratterizzato in termini di evoluzione (processo cumulativo).»

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, p. 27)

  • 17/28«Ogni relazione asimmetrica, transitiva e connessa stabilisce un verso. Si può quindi porre una distinzione tra la relazione d’ordine e la sua inversa; distinzione che consente di caratterizzare da un lato l’ordine, dall’altro la controdirezionalità della serie. All’ordine seriale risulta pertanto connesso il concetto di reversibilità, inteso come possibilità di inversione dell’ordine degli stati. In altre parole, in questo caso, con riferimento a un insieme ordinato di stati si ha identità strutturale tra la descrizione nel verso della relazione originaria e la descrizione inversa; cioè si ha la possibilità di descrivere l’ordine seriale nel verso contrario

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, p. 27)

  • 18/28«Consideriamo ora una serie aperta e prospettiamoci l’ipotesi che con riferimento alla serie non sia possibile supporre un’inversione dell’ordine degli stati. In questo caso si avrebbe una diversità strutturale tra la descrizione nel verso della relazione originaria e la descrizione inversa. Qual è l’elemento che caratterizza questa diversità strutturale? Si tratta di un vincolo che noi poniamo alla relazione d’ordine come serie aperta. Il vincolo esprime, in termini metodologici, un particolare tipo di specificazione dell’ordine seriale ottenuta caratterizzando l’ordine degli stati con riferimento alla diversità nel contenuto degli stati. In tal modo l’ordine degli stati è determinato rispetto al mutamento nel contenuto degli stati. Si può parlare in tal caso di irreversibilità

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, p. 27)

  • 19/28«Tanto nel caso della reversibilità quanto nel caso dell’irreversibilità è ipotizzabile una descrizione inversa del processo. Ma mentre nel caso della reversibilità le due descrizioni sono strutturalmente identiche in quanto il significato della relazione permane invariato nelle due descrizioni (possibilità di descrizione del processo nel verso contrario), nel caso dell’irreversibilità la descrizione inversa (descrizione nel tempo negativo) è strutturalmente diversa da quella originaria (descrizione nel tempo positivo), cioè il significato della relazione è diverso nelle due descrizioni in quanto il processo può essere descritto solo nel verso originario

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, p. 28)

  • 20/28«Il fatto che, nell’ambito delle scienze sociali, la relazione Rf (x, y; p1, p2, …, pn) possa contenere un riferimento al tempo come variabile indipendente implicita non implica che le leggi sociali possano essere espresse in termini analoghi a quelli della dinamica nella fisica.

    A questo proposito è necessario, anzitutto, precisare che le analisi da noi svolte sulla struttura del discorso della scienza hanno carattere metodologico, cioè concernono l’individuazione su un piano semantico delle relazioni più astratte che caratterizzano qualsiasi tipo di discorso scientifico e quindi non solo il discorso delle scienze sociali ma anche quello delle scienze naturali. Questo fatto però non deve far erroneamente supporre che il discorso delle scienze sociali possa essere costruito sulla base di ingenue analogie con quello della fisica.»

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, p. 29)

  • 21/28«Quanto abbiamo detto ci consente di precisare che, nell’ambito delle scienze sociali, quando la relazione Rf (x, y; p1, p2, …, pn) contiene la variabile tempo come variabile indipendente implicita possiamo parlare di analisi dinamica, ma dobbiamo tener presente che si tratta di un’analisi dinamica che non ha niente a che vedere con la meccanica. In quanto pur utilizzando sul piano metodologico la relazione funzionale (allo stesso modo della fisica), questa relazione assume un significato radicalmente diverso e si pone tra predicati (variabili) radicalmente diversi.

    In altre parole, concepire la dinamica sociale in termini di equilibri e di forze è del tutto sterile dal punto di vista scientifico in quanto tali concetti non possiedono alcuna capacità esplicativa dei fenomeni sociali.»

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, p. 31)

  • 22/28«Analizzando lo status conoscitivo attuale della sociologia ci si rende conto che non esiste una prospettiva teorica unitaria. Non basta per criticare una teoria assumere come punto di partenza una propria particolare prospettiva: occorre che questa prospettiva sia scientifica, cioè compatibile con i postulati metodologici della scienza.»

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, p. 32)

  • 23/28«Se il sistema culturale costituisce un elemento che deve essere preso in considerazione nell’ambito della scienza sociale, deve essere possibile esplicarlo utilizzando i predicati fondamentali che stanno alla base di questa scienza. E se assumiamo l’interesse come predicato fondamentale vediamo come il così detto sistema culturale altro non è che un insieme di interessi interrelati.»

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, p. 34)

  • 24/28«La ricerca di predicati astratti che unificano differenti predicati sperimentali ci costringe ad abbandonare i significati empirici del linguaggio comune e a ricercare concetti che spesso possono sembrare molto poco compatibili con i concetti tratti dall’esperienza comune. Come avviene questo passaggio? Soffermiamoci ancora sull’esempio della meccanica, che ha un grande significato metodologico, analizzando il primo passo (compiuto da Galileo) per arrivare alla unificazione del moto dei corpi celesti e di quello dei corpi sulla terra utilizzando predicati più astratti.

    Galileo rese possibile questa unificazione formulando la sua legge di inerzia che dice: quando nessuna forza agisce su un corpo questo resta fermo o si muove in linea retta con velocità costante. Come si vede questa ipotesi è sorprendentemente lontana dall’esperienza del senso comune in quanto postula che un moto rettilineo uniforme non richieda nessuna forza. L’ipotesi di Galileo, che consentì poi a Newton di scoprire i predicati ancora più astratti su cui fondare le leggi valide per ogni tipo di moto, costituisce un esempio di inserimento nel linguaggio della scienza di un predicato teorico avente un livello di astrazione tale da consentirgli di unificare differenti predicati sperimentali.»

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, p. 37)

  • 25/28«Il discorso è metafisico e rivela il tentativo di pervenire, utilizzando il metodo intuitivo, a una definizione di certe categorie al fine di rispondere alla domanda che cosa è e non come opera il fenomeno in esame. “Che cosa è il sistema psicologico?” si domanda Parsons, e risponde nel modo indicato sopra. Ma la risposta risulta ovviamente caratterizzata da questa impostazione iniziale del problema che non è compatibile col metodo scientifico.»

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, p. 42)

  • 26/28«Gli ostacoli culturali che interferiscono sullo sviluppo delle scienze sociali sono dello stesso tipo di quelli che anche Galileo dovette superare. Anche allora un certo tipo di fisica prescientifica, cioè la fisica aristotelica, era istituzionalizzata e caratterizzava le strutture sociali, nel senso che l’ambito degli interessi sociali era così vasto da ricomprendere anche l’accettazione di certi presupposti filosofici concernenti i fenomeni fisici.»

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, p. 44)

  • 27/28«Questo punto fondamentale non è stato rilevato neanche dai critici più acuti di Parsons come Homans, il quale sebbene affermi giustamente che la teoria di Parsons è meramente tassonomica e non ha valore esplicativo, sbaglia laddove afferma che la individuazione delle categorie è il primo passo della costruzione di una scienza, che deve successivamente essere completato dalla individuazione delle proposizioni (le relazioni tra le categorie). La distinzione tra questi due momenti (individuazione delle categorie e individuazione delle relazioni tra le categorie) è in contrasto col metodo scientifico. Il primo momento, cioè quello della individuazione delle categorie, è metafisico in quanto non è possibile individuare relazioni funzionali tra le essenze, ma è solo possibile collegare queste essenze con relazioni di tipo radicalmente diverso.»

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, p. 46)

  • 28/28«Da un punto di vista metodologico la caratteristica fondamentale della relazione funzionale è data quindi dal fatto che essa può essere utilizzata per individuare relazioni aventi differenti livelli di astrazione, cioè può essere specificata con riferimento a relazioni funzionali meno astratte. Questa caratterizzazione metodologica è tipica della relazione funzionale e non può essere riferita a nessun’altra relazione; ad esempio non possono essere specificate con riferimento a una classe di relazioni meno astratte le relazioni logiche, quali quelle di eguaglianza e di diseguaglianza utilizzate nel linguaggio matematico.»

    (G. Bolacchi, Il problema del metodo nella sociologia, p. 52)

G. Bolacchi, La struttura del potere, Edizioni Ricerche, Roma, 1964

  • 1/14«La considerazione del potere in termini di legittimità espressa dal Ferrero, che riassume sostanzialmente le argomentazioni della scienza giuridica e della scienza politica, si fonda su un equivoco fondamentale comune a tutte le teorie del potere. L’equivoco consiste nel postulare una accettazione del potere da parte di coloro nei cui confronti esso viene esercitato.»

    (G. Bolacchi, La struttura del potere, p. 6)

  • 2/14«La prospettiva del Ferrero può essere formulata in questi termini: l’accettazione delle regole e dei principi del gruppo determina un regime legittimo, la mancata accettazione determina un regime illegittimo. Ma su che cosa si fonda l’organizzazione di quest’ultimo? Secondo il Ferrero si fonda sulla forza; ecco quindi che la mancanza di accordo unanime determina il ricorso alla forza. È evidente, però, come in questo caso si introduca una variabile non sociologica, quale quella della forza fisica. Ove si consideri in luogo della forza fisica la forza sociale, risulta chiaro come su queste basi non possa porsi alcuna differenziazione tra regimi legittimi e regimi illegittimi, in quanto l’organizzazione, in entrambi i tipi di regime, deve necessariamente poggiare sulla forza sociale.»

    (G. Bolacchi, La struttura del potere, p. 12)

  • 3/14«In altre parole, il potere viene visto sempre come una relazione qualificata da una disposizione a obbedire da parte dei sottoposti; e anche nel caso in cui il potere venga esercitato tramite un gruppo costituente un apparato amministrativo, Weber considera questo gruppo come vincolato all’obbedienza rispetto al detentore del potere e non come un gruppo di soggetti, organizzato sulla base di un interesse comune. Il concetto di interesse comune come base della legittimità del potere esercitato dal gruppo esula dalla considerazione del Weber, per il quale la legittimità del potere è fondata esclusivamente sulla disposizione all’obbedienza dei sottoposti.»

    (G. Bolacchi, La struttura del potere, p. 18)

  • 4/14«L’esplicazione del potere deve fondarsi sulla considerazione del rapporto di accettazione come elemento intrinseco e del rapporto di potere come elemento estrinseco alla organizzazione del gruppo; in tal modo il potere viene dissociato dalla accettazione, nel senso che il rapporto di accettazione, in quanto intrinseco all’organizzazione, può fondarsi solo su un insieme di interessi comuni; mentre il rapporto di potere – in quanto estrinseco all’organizzazione, cioè non qualificabile all’interno delle strutture organizzative – non può essere caratterizzato da una disposizione a obbedire dei sottoposti (accettazione del potere).»

    (G. Bolacchi, La struttura del potere, p. 20)

  • 5/14«La teorizzazione di Triepel mostra come la dissociazione tra dominio (potenza secondo Weber) e autorità (potere secondo Weber), ove venga portata alle estreme conseguenze, sia inconsistente. Essa, infatti, non spiega in che cosa consistano la forza esteriore e l’adattamento incondizionato, sui quali si basa il dominio inteso come comando e costrizione.»

    (G. Bolacchi, La struttura del potere, p. 23)

  • 6/14«L’elemento più interessante dell’indagine di Lasswell e Kaplan è dato dal concetto sociologico di base di influenza (e base di potere) che può essere assunto a fondamento della legittimazione del potere. Ciò non risulta del tutto chiaro ai due autori in quanto gli stessi parlano di legittimazione del potere con riferimento all’autorità e non alla base di influenza (e di potere).»

    (G. Bolacchi, La struttura del potere, p. 29)

  • 7/14«L’errore fondamentale che vizia l’analisi di Oppenheim è dato dal fatto che essa è svolta con metodo tassonomico, mediante una catalogazione dei diversi usi che i termini “controllo”, “influenza”, “impedimento”, “non-libertà”, “preclusione”, “punibilità”, “potere”, “libertà”, hanno nel linguaggio comune, senza neppure tentare di esplicare gli stessi sulla base di uno schema teorico unitario. La sua analisi presenta quindi le medesime incongruenze e ambiguità del linguaggio comune, e può essere considerata solo come una raccolta di significati ed esemplificazioni di natura pre-scientifica (explicanda).»

    (G. Bolacchi, La struttura del potere, pp. 39-40)

  • 8/14«Il secondo esempio di impedimento, consistente nell’alterazione dell’ambiente del reagente, resta anch’esso escluso dalla sociologia in quanto può essere assimilato alla violenza fisica. Oppenheim, a questo proposito, fa l’esempio del proprietario che erige una palizzata per impedire a chiunque lo tenti di attraversare la sua proprietà. L’aspetto sociale dell’azione del proprietario che erige una palizzata, non è dato, come ritiene Oppenheim dalla alterazione dell’ambiente operata mediante la palizzata, bensì dall’interrelazione congiunta esistente tra gli interessi del proprietario e gli interessi degli altri membri del gruppo; costoro pongono in essere una azione di accettazione nei confronti del proprietario, la quale si fonda su un interesse comune a che ciascuno possa godere in modo esclusivo dei beni che gli vengono attribuiti.»

    (G. Bolacchi, La struttura del potere, pp. 41-42)

  • 9/14«La coercizione è vista di solito in termini di impedimento o di costrizione mediante la assegnazione di una pena. Su questo punto Dahl si discosta dagli altri autori affermando che la coercizione può essere negativa o positiva: la prima si fonda sulla minaccia di una grave punizione, la seconda sulla prospettiva di vantaggi molto grandi. Per Dahl tanto la coercizione positiva quanto quella negativa costituiscono aspetti del potere.

    La caratterizzazione di Dahl con riferimento a sanzioni positive e negative costituisce un indice della genericità delle definizioni del potere adottate dagli autori citati. Essi, infatti, si limitano a dare un concetto di coercizione con riferimento all'applicazione di sanzioni e tentano di formulare una tipologia delle sanzioni.»

    (G. Bolacchi, La struttura del potere, p. 51)

  • 10/14«L’esplicazione del potere come azione di condizionamento elimina la contraddizione relativa alla considerazione del potere in termini di accettazione del potere, e consente di risolvere il problema del fondamento (o giustificazione) del potere, cioè il problema della legittimazione del potere.

    La possibilità di porre alternative di azione deriva a un soggetto S1 non già dalla forza fisica, ma dalla forza sociale di cui dispone; forza sociale che individua il campo delle possibilità di S1 di porre alternative a S2, cioè con l’insieme degli status-ruoli di potere che S1 occupa nel sistema e di cui il soggetto S2 è corrispondentemente privo.»

    (G. Bolacchi, La struttura del potere, pp. 66-67)

  • 11/14«La forza sociale di un gruppo che pone in essere una azione di condizionamento è data dal grado di interrelazione congiunta esistente tra gli interessi dei membri del gruppo, che dipende dal grado di mediazione degli interessi implicati nelle azioni di accettazione sulle quali si fonda il gruppo sociale. Se gli interessi hanno un alto grado di mediazione, se cioè la interrelazione investe gli interessi prossimi a quelli iniziali e gli altri che seguono fino all’interesse finale, si ha un alto grado di coesione sociale e quindi di organizzazione; grado di organizzazione che all’interno del gruppo si manifesta in termini di azioni di accettazione e quindi di  interessi a che gli interessi comuni vengano soddisfatti; mentre all’esterno del gruppo si manifesta in termini di azioni di condizionamento esercitate dal gruppo.

    L’elemento fondamentale che caratterizza la forza sociale del potere di un gruppo è dato quindi non tanto dal numero degli individui che appartengono al gruppo, quanto al grado di mediazione degli interessi comuni interrelati e quindi dal grado di organizzazione del gruppo.»

    (G. Bolacchi, La struttura del potere, p. 67)

  • 12/14«La caratterizzazione dei rapporti sociali in termini di azione di condizionamento da parte di un gruppo nei confronti di uno o più soggetti singolarmente presi, presuppone la esistenza di un comportamento deviante, cioè di un mancato adeguamento del comportamento di un soggetto ai valori vigenti entro il gruppo sociale che esercita il potere. In altre parole, il deviamento consiste nel fatto che un soggetto non accetta alcuni o tutti i comportamenti nei quali si traducono gli interessi che stanno alla base dell’organizzazione di un dato gruppo, cioè non ha interesse a che alcuni o tutti gli interessi su cui si fonda l’organizzazione del gruppo che esercita il potere vengano soddisfatti.»

    (G. Bolacchi, La struttura del potere, pp. 69-70)

  • 13/14«Quando entro una società sembra che si manifesti una dissociazione tra capacità dei soggetti e funzioni esplicate da questi ultimi, in realtà si verifica o si sta verificando un mutamento nel contenuto delle funzioni. Entro questa prospettiva deve essere svolta tutta la problematica connessa al concetto di élite, cioè la problematica relativa ai modi di acquisizione degli status-ruoli da parte dei soggetti entro una data organizzazione sociale. Questo problema deve essere distinto da quello relativo alla modificazione delle strutture organizzative di un gruppo sociale.»

    (G. Bolacchi, La struttura del potere, p. 73)

  • 14/14«L’esistenza del deviamento (potenziale o attuale) nell’ambito di un gruppo sociale determina la qualificazione di tutti gli status-ruoli organizzativi in termini di status-ruoli di potere nei confronti dei soggetti devianti. Questo concetto può essere espresso anche dicendo che, mentre con riferimento ai soggetti che pongono in essere azioni di accettazione fondate su una interrelazione congiunta la struttura del gruppo sociale è costituita da un insieme di status-ruoli organizzativi, con riferimento ai soggetti che pongono in essere azioni devianti fondate su una interrelazione disgiunta la struttura del gruppo sociale è costituita da un insieme di status-ruoli di potere.»

    (G. Bolacchi, La struttura del potere, p. 74)

G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, Edizioni Ricerche, Roma, 1963

  • 1/66«Le ragioni di questa arretratezza metodologica delle scienze sociali potrebbero esse stesse costituire oggetto di una ricerca che ci consentirebbe di affrontare i problemi con molta maggiore consapevolezza e accortezza critica; ma che forse non servirebbe ad esplicare su un piano scientifico le strutture sociali, in quanto se è vero che la scienza è consapevolezza metodologica, è anche indubitabile che bisogna distinguere dalla scienza il discorso intorno alla scienza. Questo fatto non deve però portare a confinare gli studi sul metodo e sulla teoria entro una dimensione filosofica o metascientifica di ricerca. La distinzione non comporta, infatti, dissociazione tra i problemi, ma costituisce al contempo un elemento di chiarezza, in quanto ne mette in luce la reciproca implicazione. Solo distinguendo tra scienza e metodologia della scienza ci si rende conto che non può esistere scienza senza metodologia e metodologia senza scienza, e che lo scienziato, prima di proporre a sé stesso e agli altri un discorso sugli oggetti, deve porre in essere un discorso sull’oggetto primo della sua attività, cioè sulla scienza: un discorso sul metodo.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, pp. 1-2)

  • 2/66«Dalla premessa sopra sviluppata, relativa alla enorme complessità del dato sociale ed economico nei confronti del dato fisico, non può trarsi infatti la conclusione che le scienze sociali siano scienze stocastiche e la conoscenza economica e sociale in genere una mera conoscenza statistica o probabilistica. Il punto non è tanto quello di ammettere o negare simili metodi, o anche di discuterne o precisarne l’applicazione nell’ambito delle scienze sociali; quanto quello – si badi bene – di negare che il contesto sociale non sia intrinsecamente suscettibile di individuazioni certe e costanti per mancanza di invariabilità e uniformità nelle condizioni che concorrono alla determinazione dei singoli fenomeni.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 5)

  • 3/66«La prospettiva metodologica che bisogna adottare, al fine di pervenire ad una esatta caratterizzazione delle scienze sociali, è radicalmente diversa. Essa tiene conto, infatti, di due fattori fondamentali: a) esistono diversi tipi di comportamento sociale che possono essere inquadrati entro differenti schemi teorici; b) in quanto i soggetti singoli in tempi successivi o i diversi soggetti nelle reciproche interazioni possono porre in essere differenti tipi di comportamento, qualsiasi concreto fenomeno sociale può essere suscettibile di inquadramento entro uno o più schemi teorici.

    In tal modo, l’affermazione più volte ripetuta circa l’assenza di invariabilità e uniformità che caratterizzerebbe i fenomeni sociali, assume una dimensione più appropriata e precisa: la variabilità e la non uniformità, infatti, sono relative non già alla caratterizzazione formale del comportamento – che, se si conforma a determinati schemi che come tale lo caratterizzano, non può non essere uniforme e univoco, quali che siano le condizioni concrete che ne costituiscono il substrato – bensì alla molteplicità di schemi formali di comportamento, che possono caratterizzare qualsiasi fenomeno sociale.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 6)

  • 4/66«Da quanto si è detto emergono alcune ulteriori considerazioni: anzitutto, nelle varie scienze, e, quindi, anche nelle scienze sociali, uno schema teorico generale che individui e qualifichi la struttura dell’intero sistema è indispensabile; in secondo luogo, questo schema esige una rigorosa determinazione dei postulati che ne stanno alla base, per cui non se ne può tentare alcuna applicazione se prima non si è certi che quei postulati effettivamente caratterizzino le strutture concrete alle quali lo schema si vuole applicare.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 8)

  • 5/66«Due sono, d’altra parte, le imprecisioni che abbiamo rilevato nell’ambito degli studi sulle discipline sociali: la prima è data dalla confusione del problema relativo alla empiricità o meno dei postulati, con il ben diverso problema riguardante la costruzione di una teoria astratta, univoca e coerente. La seconda dipende dal fatto che non si distingue tra un dato sistema sociale caratterizzato da una particolare struttura, e quindi, da specifici postulati, e altri tipi di sistemi sociali: per cui si pretende di applicare il primo a comportamenti concreti che sono sì sociali, ma non nel senso proprio di quel sistema, in quanto caratterizzati da schemi formali di differente natura.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 9)

  • 6/66«È pur vero che, nella concreta realtà sociale, i vari tipi di comportamento si presentano all’osservatore simultaneamente, quasi come elementi di una trama fittissima che è estremamente difficile districare. Ma questo fatto non deve e non può impedire una prospettiva metodologica la quale, in sede teorica, tenti la individuazione degli aspetti e degli schemi costanti che caratterizzano i diversi tipi di comportamento sociale. A meno che non ci si voglia confinare entro una sterile e atomistica descrittiva, teoricamente inconsistente e pragmaticamente inutile.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, pp. 9-10)

  • 7/66«Il passaggio alle proposizioni osservative si può ottenere specificando l’ambito di significatività dei postulati del sistema teorico mediante la introduzione di postulati supplementari limitativi. Naturalmente, questa specificazione non comporta che il sistema linguistico ristretto poggiante sulla stessa si ponga al di fuori del primitivo inquadramento teorico. I termini del linguaggio ristretto, pur denotando fenomeni molto più particolari, resteranno sempre inquadrati entro il più ampio sistema teorico, anche se da quest’ultimo non potranno essere in senso proprio dedotti. La presenza dei postulati limitativi non elimina l’inquadramento teorico, ma sposta solo la prospettiva dell’indagine verso contenuti più dettagliati e più ricchi, che, ripetiamo, non si ricavano deduttivamente da postulati di grado più elevato, ma si ottengono mediante la specificazione di questi ultimi per mezzo di postulati aggiuntivi che ne limitano la portata, ma allo stesso tempo arricchiscono il linguaggio osservativo di significati particolari.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 26)

  • 8/66«La necessità di una teoria generale del comportamento sociale, inquadrata entro una ancor più generale teoria della azione, nonché la necessità di una integrazione – che si fa sempre più sentita – tra le varie scienze del comportamento, discende appunto in linea di principio dalla esigenza di coordinare i vari schemi formali che le stesse scienze hanno via via elaborato; cadono così le pretese di esplicazione esclusiva del comportamento mediante singole strutture teoriche e si comprende come, in concreto, nessuna di queste riesca da sola a chiarire i molteplici aspetti della azione, nelle sue dimensioni individuali e sociali.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 29)

  • 9/66«Ora, la discordanza che a volte si nota tra teoria economica (teoremi, leggi economiche) e comportamento dei soggetti entro un dato gruppo sociale, può dipendere – come si è visto – unicamente da un duplice ordine di considerazioni: o i postulati economici assunti alla base del sistema teorico sono falsi o quantomeno incompleti e, in ogni caso, inadeguati ad esplicare i fenomeni empirici perché dagli stessi strutturalmente difformi; oppure entro quel gruppo sociale concretamente esistente non operano e quindi non sono rilevabili i postulati economici. Il che significa che i soggetti del gruppo, nella loro totalità o in larghi strati, pongono in essere comportamenti sociali che non sono in senso proprio comportamenti economici; per cui entro il gruppo non sussisteranno strutture economiche, ma la organizzazione dei rapporti tra i membri sarà fondata su interazioni di tipo diverso.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 32)

  • 10/66«In altre parole, mentre Marx individua quel particolare momento della dinamica sociale che si traduce nella lotta di classe, ma non ne esplica la struttura in termini scientifici, in quanto non isola la categoria del potere, Weber fonda, al contrario, la sua teoria della stratificazione sociale su una esplicazione del “potere” come categoria sociologica, quantunque non riesca a vederne l’aspetto centrale in termini dinamici e lo consideri, quindi, non già quale fenomeno autonomo, bensì come derivazione dello status. In tal senso, appunto, la sua teoria delle classi è essenzialmente una teoria della stratificazione sociale e lo status è riguardato come categoria fondamentale su cui poggia il concetto di “classe”. Prospettiva questa, come si è detto, molto simile a quella di Marx, la cui dinamica della lotta di classe è anch’essa legata a un conflitto che ha le sue radici in uno status sociale qualificato dal sistema della proprietà privata.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 47)

  • 11/66«Vedremo nel corso della presente indagine come la prospettiva della lotta di classe e quella del potere, visto come momento dinamico non riconducibile a un tipo determinato di situazione sociale, vengano fuse da Dahrendorf, il quale tenta appunto di fondare la dinamica del conflitto in termini di potere e il potere in termini di struttura di autorità in associazioni coordinate da norme imperative. Ma anche la posizione di Dahrendorf, quantunque egli faccia uso di concetti quali “interesse manifesto” e “interesse latente”, poggia sostanzialmente su una caratterizzazione del potere in termini di situazioni sociali, proprio in quanto quest’ultimo è ricollegato alla distribuzione della autorità nell’ambito delle associazioni coordinate da norme imperative.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 47)

  • 12/66«Abbiamo visto, a proposito della teoria parsoniana della stratificazione sociale, come la strutturazione e la posizione degli status-ruoli entro il sistema prescinda completamente da una considerazione degli interessi dei soggetti, né possa dinamicamente esplicarsi in funzione dell’esercizio di un qualche potere appartenente a questi ultimi. Ciò discende dal fatto che la stratificazione è concepita da Parsons in stretta connessione con la totale integrazione funzionale del sistema, all’interno del quale, pertanto, gli unici interessi suscettibili di essere presi in considerazione saranno quelli relativi all’esercizio dei ruoli istituzionalizzati.

    In altre parole, all’interno di un sistema siffatto non potrà essere formalizzato né l’interesse all’acquisizione o al mantenimento di un ruolo, e neppure l’interesse al cambiamento o al mantenimento delle strutture dei ruoli del sistema, bensì solo, come si è detto, l’interesse funzionale connesso all’esercizio di un ruolo, che, in questo caso, dovrà, ovviamente, essere riferito a un ruolo istituzionalizzato. Da ciò consegue come, anche nella prospettiva di Parsons, il concetto di “classe sociale” debba risolversi necessariamente in quello di un insieme di attori aventi ed esplicanti il medesimo status-ruolo: “classe sociale” diventa, cioè, sinonimo di “strato sociale”.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, pp. 65-66)

  • 13/66«In effetti, dalla natura della coercizione, dipendente dalla imperatività della norma, non è possibile derivare logicamente alcun conflitto, proprio perché la coercizione costituisce in ogni caso un elemento che legittima, anziché la lotta e il conflitto, la coerenza, la continuità e la certezza dell’ordinamento giuridico, che è coercitivo per definizione. Il fenomeno delle classi, che si manifesta concretamente nella divisione della società in due gruppi antagonistici dotati di un certo potere che lottano per acquisire o conservare posizioni di dominio, o meglio per modificare o meno le strutture sociali, non può essere, pertanto, formalizzato ricollegandolo ai concetti di “autorità” e “coercizione”, cioè, inserendolo in un sistema in cui il principio di autorità sia l’unico fattore che presiede alla stratificazione degli status-ruoli. Per questo motivo, derivare le classi dal principio di autorità costituisce un controsenso, in quanto porta a svuotare l’autorità stessa del suo contenuto; poiché non è possibile porre l’autorità, che sta alla base della coesione sociale, a fondamento del conflitto di classe.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 78)

  • 14/66«Dati questi presupposti, l’esplicazione del conflitto di classe non potrà non essere ricercata su basi diverse, cioè al di fuori della dinamica connessa all’esercizio dell’autorità; in particolare, vedremo che essa poggia più precisamente sull’interesse ad accelerare o rallentare la dinamica del sistema sociale, intendendo tale interesse non già nel senso di interesse di ruolo, tipico dello schema di Dahrendorf (interesse all’esercizio e al mantenimento di un ruolo), ma come un interesse alla modificazione o alla permanenza della struttura dei ruoli. È, appunto, quest’ultimo tipo di interesse che costituisce il fine per cui si esplica il potere deviante quale mezzo utilizzato dalle classi sociali nella loro azione volta a modificare le strutture del sistema.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 78)

  • 15/66«È necessario, a questo punto, sottolineare un altro aspetto caratteristico del concetto di “autorità”, e cioè il fatto che essa si esplica, come già è stato osservato, esclusivamente nel senso di un movimento di tipo pendolare per cui, nel caso di una violazione, il meccanismo proprio di tale tipo di struttura sociale procede al ripristino dell’interesse leso o, più in generale, alla reintegrazione delle condizioni preesistenti al fatto lesivo. Con ciò si intende dire che il concetto di “autorità” appartiene a quello stadio di considerazione della struttura che si limita a studiare quei mutamenti che si verificano all’interno della stessa e che si traducono in processi di auto-riequilibramento; questi processi consistono, appunto, in movimenti pendolari, per cui rompendosi l’equilibrio strutturale, intervengono forze interne alla struttura che riequilibrano il sistema riportandolo alla condizione iniziale.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, pp. 79-80)

  • 16/66«Nello studio delle strutture sociali si possono distinguere tre stadi di analisi e, in relazione a questi ultimi, tre tipi di mutamento delle strutture. Il primo tipo consiste in quei mutamenti che si verificano all’interno di una struttura e si traducono in processi regolari, i quali costituiscono una caratteristica essenziale di ogni struttura. Tali processi consistono in un movimento pendolare intorno ad un punto di equilibrio; quando l’equilibrio strutturale viene rotto, intervengono automaticamente forze interne alla struttura che tendono a riportare il sistema nello stato iniziale. Non si ha cioè un fenomeno dinamico in senso proprio, intendendo questo come processo cumulativo che si svolga in termini culturali ed istituzionali.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 82)

  • 17/66«Il secondo tipo di mutamento [delle strutture sociali] è collegato a una modificazione delle funzioni; è questo il tipo di mutamento che viene esplicato dalla teoria funzionalistica, e lo strumento teorico è il metodo di analisi strutturale-funzionale. Con tale metodo si analizza il processo attraverso il quale gli elementi di una struttura, in seguito a una modificazione funzionale di uno di essi, che si ripercuote anche in una modificazione nella struttura dei rapporti tra gli stessi, tendono a ricostituire tale struttura sulla base di una qualità invariante che la caratterizza.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 83)

  • 18/66«Il terzo stadio di analisi [delle strutture sociali] è quello in cui si considera il processo dinamico nel senso proprio di modificazione delle strutture; in questo stadio si studiano le leggi della dinamica, cioè della evoluzione del sistema in termini di flusso, verso o direzione del tempo

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 84)

  • 19/66«Si è visto anzitutto come la precedente discussione abbia messo in evidenza, sostanzialmente, un punto centrale, relativo alla importanza fondamentale che il concetto di “gruppo sociale” assume nell’ambito delle singole teorie sulle classi sociali; a seconda delle diverse formulazioni di queste ultime, noi abbiamo infatti altrettante e differenti caratterizzazioni del gruppo sociale.

    Di fronte a questa complessa situazione teorica, evidentemente giova poco il dire che un gruppo di teorie può riportarsi a una considerazione della classe in termini di comunanza di status o situazioni sociali, mentre l’altro formula il concetto di “classe” in termini di conflitto di interessi tra gruppi sociali. E già a questo punto bisognerebbe prestare attenzione all’aspetto semantico del complesso problema, perché, se è vero che nei due casi il termine “classe” possiede due significati distinti e radicalmente diversi, evidentemente esso denota o è usato per denotare due fenomeni altrettanto diversi.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, pp. 87-88)

  • 20/66«Un’altra precisazione preliminare è necessario fare a questo punto, prima di passare alla considerazione esplicita di alcuni specifici elementi su cui dovrebbe fondarsi una coerente e unitaria teoria delle classi sociali. Si tratta del fatto che, in modo avvertito o inavvertito, le classi sono sempre considerate sotto un profilo dinamico, nel senso che individuano un fenomeno che in qualche modo si inquadra entro gli schemi della dinamica sociale. Occorre quindi vedere, anche sommariamente, in che modo la dicotomia coercizione-integrazione si esplichi sotto un profilo dinamico.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 90)

  • 21/66«Si può essere d’accordo sul fatto che il mutamento e il conflitto possano essere considerati come onnipresenti, a patto anzitutto di distinguere il mutamento dal conflitto, che rappresenta una particolare forma di mutamento ma che non esaurisce certo la complessa problematica di quest’ultimo. E vedremo come il conflitto, in una teoria integrata della società a un livello di massima generalità, si risolva in un particolare rapporto di condizionamento sociale volto ad accelerare o a rallentare la dinamica del sistema.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 90)

  • 22/66«Tanto la sociologia, quale scienza dei rapporti interindividuali, quanto l’economia, quale scienza delle scelte (individuali e sociali), come pure tutte le altre scienze che studiano singoli aspetti del comportamento, abbisognano, per essere compiutamente esplicate, di un inquadramento più comprensivo che è dato dalla teoria generale dell’azione. Quest’ultima poggia sulla considerazione dell’interesse come fondamentale dimensione pragmatica: è, infatti, l’interesse o disposizione a rispondere che sta alla base dell’azione e la qualifica in senso formale, attribuendole quella natura e quella significazione che le sono proprie.

    La disposizione a rispondere viene qui considerata come un fattore comportamentistico in senso stretto, del tutto privo di caratterizzazioni di ordine psicologico. Una tale considerazione, serve a fissare il contenuto del concetto in esame, nonché il livello di indagine in cui si vuole operare.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, pp. 109-110)

  • 23/66«La reazione allo stimolo viene, infatti, filtrata attraverso il campo disposizionale del soggetto, il che significa che la stessa si traduce sempre nel sorgere di un insieme di alternative di azione. La disposizione a rispondere non può essere, infatti, considerata come fattore singolo e indipendente, ma è sempre collegata all’intero campo disposizionale e questo collegamento postula appunto l’emergenza di scelte fondate su norme di azione; essa, pertanto, non risulta connessa allo stimolo mediante un rapporto causale, ma opera in un contesto dal quale emergono sempre molteplici alternative di azione. Da ciò consegue che per il soggetto lo stimolo ha sempre un carattere significante; la risposta si fonda, infatti, sulla associazione di un significato allo stimolo.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 114)

  • 24/66«La reiezione di una qualsiasi esplicazione causale del rapporto stimolo-disposizione a rispondere non esclude necessariamente il fatto che tra i due fattori esista una qualche relazione. Posto, infatti, che il campo disposizionale del soggetto sia caratterizzato in termini di regolarità strutturale tra i vari interessi che lo compongono, e ammessa l’esistenza di una eguale regolarità strutturale relativamente ai fattori esterni che operano come stimoli per il soggetto, la relazione tra i due momenti dello stimolo e della disposizione a rispondere non potrà non essere vista che come una corrispondenza biunivoca d’ordine logico tra due strutture qualificate da un diverso livello d’astrazione. In altre parole, la caratterizzazione di un fenomeno come stimolo comporta che questo venga preso in considerazione in funzione della sua corrispondenza biunivoca con una qualche disposizione a rispondere.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 114)

  • 25/66«I sistemi di valori individuali hanno una diretta rilevanza sull’organizzazione sociale, in quanto la comunione degli interessi scaturisce dalle interazioni tra i soggetti; per cui si ha un rapporto immediato tra grado di organizzazione sociale e grado di interrelazione degli interessi. Poiché, infatti, il frazionamento dei sistemi di valori nell’ambito di un contesto sociale, cioè il fatto che esistano più individui ciascuno con un proprio sistema di valori, determina la interrelazione dei sistemi di valori, una qualsiasi interazione tra i membri del gruppo postula la esistenza di tale interrelazione nel senso che la stessa situazione coinvolgerà interessi contrastanti di più soggetti – o anche che ciascun soggetto considera come mezzo per il soddisfacimento di un proprio interesse (e quindi come oggetto di quest’ultimo) un interesse di un altro soggetto – determinando in tal modo una impossibilità strutturale al soddisfacimento degli interessi in modo diretto e personale da parte dei soggetti. Per il soddisfacimento occorrerà, quindi, la collaborazione di tutti i soggetti interessati; ma la collaborazione importa ovviamente la rinuncia da parte degli individui a una dose di libertà, cioè la rinuncia a soddisfare direttamente e personalmente i propri interessi.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 117)

  • 26/66«Il campo disposizionale comporta una considerazione unitaria di tutti i fattori che operano al livello della dinamica del soggetto. Esso è detto disposizionale, in quanto si suppone costituito dall’insieme delle disposizioni a rispondere o interessi del soggetto. La utilizzazione dello schema teorico del “campo”, relativamente alla caratterizzazione dell’insieme di interessi del soggetto, si giustifica con la considerazione che le variazioni degli interessi, e quindi il venir meno o il sorgere di nuovi schemi di azione, determinano e coinvolgono una modificazione nel contenuto e nelle relazioni tra tutti gli altri interessi; non si tratta quindi di una mera caratterizzazione quantitativa, ma dell’emergenza di una situazione complessiva volta per volta nuova rispetto alle precedenti, per i contenuti e per i rapporti tra i vari fattori.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 118)

  • 27/66«L’ordine delle disposizioni, emergenti dal campo, non si realizza direttamente entro il medesimo, poiché in esso tutti gli interessi sono istantaneamente e contemporaneamente presenti. Questi ultimi si dispongono e si ordinano nell’esperienza del soggetto in relazione a un insieme di fattori che ne condizionano la priorità relativa e quindi i rapporti di intermediazione. Tali fattori sono dati dalle circostanze di sostegno e dagli stimoli (situazioni di fatto) che consentono alla disposizione a rispondere di tradursi in risposta effettiva ed attuale; dalla situazione tecnologica (o status tecnologico) in cui si trova il soggetto, cioè dall’insieme delle regolarità naturali e delle tecniche che ne guidano il comportamento; dalla situazione sociale (status) in cui opera il soggetto, cioè dall’insieme delle norme, in senso lato sociali, delle quali egli deve tener conto nell’orientare il proprio comportamento; dalle norme di azione dettate dal calcolo economico che opera nel senso di massimizzare i risultati delle scelte poste in essere dal soggetto, non in relazione ai singoli comportamenti ma in rapporto, anche qui, all’intero campo disposizionale.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 119)

  • 28/66«La prospettiva d’ordine operativo che sta alla base delle disposizioni a rispondere del soggetto, si struttura nel rapporto mezzo-fine, che consente la perfetta traducibilità dei fatti in operazioni e quindi giustifica la significatività nello studio dei fatti: uno studio dei fatti si traduce sempre in un universo di significati; questi ultimi si accoppiano sempre a un momento disposizionale che ne consente la traducibilità in termini operativi. Su questo piano si deve presupporre l’ipotesi dell’identità strutturale degli schemi mezzo-fine e causa-effetto. Se non si supponesse questa identità strutturale verrebbe meno la traducibilità degli schemi fattuali in schemi operativi

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, pp. 119-120)

  • 29/66«La gerarchia dei fini, cioè la struttura dei rapporti tra i differenti e molteplici interessi entro l’esperienza del soggetto, può essere vista come una logica conseguenza della nozione di “disposizione a rispondere”; la presenza di un insieme contemporaneo e molteplice di interessi nel campo disposizionale, postula infatti, necessariamente, un definito processo di integrazione tra gli stessi. E l’esistenza di una disposizione, adeguata a specifiche circostanze di sostegno, presuppone a sua volta una intermediazione, una qualche caratterizzazione in funzione dello schema mezzo-fine

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 122)

  • 30/66«Ma il concetto di “classe sociale” denota un fenomeno notevolmente diverso da quelli sopra indicati: non già una situazione sociale della persona implicata in un qualche ordine o organizzazione di gruppo, bensì una situazione individuale comune a un insieme di soggetti: in particolare un interesse comune di cui tutti i soggetti siano coscienti e per il cui soddisfacimento sia indispensabile il loro comune concorso.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 128)

  • 31/66«È vero, pertanto, che la struttura più o meno complessa di una società è strettamente dipendente dalle specie di situazioni sociali in essa rilevabili; situazioni che, quando siano comuni a un dato insieme di individui, lo qualificano come categoria sociale. Ed è anche vero che i membri delle differenti categorie in media considerano la vita e le sue implicazioni in modo diverso, proprio perché le situazioni sociali condizionano la personalità, in virtù di quella intermediazione degli interessi per cui ogni interesse (e, quindi, anche quelli originati dalle situazioni sociali) si riflette in misura maggiore o minore sull’intero campo disposizionale, cioè sulla totalità degli interessi del soggetto.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 129)

  • 32/66«Il fatto che i due fenomeni siano strettamente connessi e interrelati, e di solito si manifestino congiuntamente, non deve falsarne una esatta e chiara comprensione e impedirne una appropriata e radicale distinzione: il concetto di “categoria sociale” come insieme di individui i quali si trovino in situazioni sociali simili, non è quindi da confondersi col concetto di “classe sociale” come insieme di individui i quali posseggano interessi comuni e interrelati.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 130)

  • 33/66«Per concludere, mentre sull’interesse comune si fondano le classi sociali e i valori sociali, sull’interesse interrelato poggiano fondamentalmente i gruppi sociali organizzati e le corrispondenti istituzioni, cioè i sistemi di relazioni e di regole che determinano la struttura del gruppo. Ma l’esistenza di una classe postula qualcosa di più che una mera comunione di interessi: è infatti necessario che tutti gli individui siano coscienti di questa comunione ed è soprattutto indispensabile, ai fini del soddisfacimento degli interessi, il comune concorso di tutti i soggetti. La intercognizione ha appunto la sua ragion d’essere in questo elemento: poiché la stessa non deve essere considerata come pura e semplice coscienza degli altrui interessi, ma come coscienza del fatto che l’interesse comune non può essere soddisfatto senza il concorso di tutti coloro che singolarmente ne sono titolari.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 131)

  • 34/66«Una mera comunione di interessi, senza una qualche interrelazione tra gli stessi, al di là di una pura e semplice intercognizione, non sarebbe infatti un fenomeno sociale, poiché non darebbe luogo ad azioni sociali da parte dei titolari degli interessi e, quindi, a disposizioni a rispondere in funzione del comportamento degli altri soggetti. D'altra parte, questo primo grado di interrelazione o mutualità degli interessi non comporta alcun sistema di norme coercitivamente fondate, proprio in quanto l'interesse di ciascuno nei confronti di tutti ha pur sempre per fine il soddisfacimento di un interesse a tutti comune.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 132)

  • 35/66«Gli interessi di classe, anche se comuni e interrelati al minimo grado di interrelazione possibile, postulano di solito un accordo rappresentativo che consenta a uno o più individui di porsi quali portatori degli interessi medesimi, al fine di agevolarne il soddisfacimento che – come si è detto – non può ottenersi senza il comune concorso di tutti i soggetti.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 132)

  • 36/66«La considerazione della classe in termini di interesse comune e interrelato ne illustra un aspetto fondamentale che potrebbe dirsi strutturale, ma, come si è detto, non ne esaurisce la complessa problematica, che ricomprende anche un momento dinamico; nel senso che l’interesse comune è dinamicamente volto verso la modificazione delle strutture del sistema sociale entro cui opera.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, pp. 132-133)

  • 37/66«Spostando il concetto di “classe” dal “ruolo” o dallo “status”, all’”interesse alla modificazione del ruolo o dello status”, si viene a dare a questo concetto una caratterizzazione dinamica, che sta al di fuori della dinamica dei ruoli intrinseca ad un dato sistema di situazioni sociali (mutamento di persone nei ruoli); nel senso che si ha riguardo alla stessa legittimazione o attendibilità o mutabilità di un tale sistema di situazioni sociali.

    L’interesse di classe è relativo, in tal modo, non già direttamente ai ruoli ed alle situazioni, bensì al mutamento o consolidamento degli stessi. Esso opera al di fuori delle strutture sociali in qualche modo istituzionalizzate e, nell’ambito del pre-istituzionale, tende a fornire a queste strutture gli elementi sociali che ne consentano una permanenza, oppure a condizionare queste strutture nel senso di un loro mutamento.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 133)

  • 38/66«Alla base delle due fondamentali relazioni in cui si specifica l’azione sociale e cioè quella di accettazione  e l’altra di condizionamento, di cui ora tratteremo, sta un concetto molto importante del quale chiariremo quelli che ci sembrano gli aspetti fondamentali. Si tratta del concetto di “libertà”, che può interpretarsi in due sensi che, però, debbono tenersi esattamente distinti. In un primo senso, “libertà” significa possibilità di soddisfare direttamente i propri interessi e in questo significato può ben contrapporsi al concetto di “organizzazione”, nel senso che in corrispondenza a una massima interdipendenza dei soggetti su un piano organizzativo, si ha una minima libertà degli stessi di soddisfare i propri interessi e viceversa. In un altro senso, il concetto di “libertà” può essere inteso come un insieme di possibili azioni riservate al soggetto nell’ambito dell’ordinamento sociale in cui opera, cioè quale insieme di azioni sociali riconosciute come attendibili o lecite al soggetto entro un sistema istituzionalizzato.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 134)

  • 39/66«La “comunione” e la “interrelazione” degli interessi sono concetti differenti, e in un certo senso più generali, di quelli di “azione di accettazione” e “azione di condizionamento”; infatti, tanto nel condizionamento reciproco, quanto nella accettazione reciproca, gli interessi su cui si fondano i corrispondenti rapporti debbono essere interrelati, anche se nel primo caso in modo disgiunto e nel secondo in modo congiunto o comune. Per quanto riguarda la forza sociale del condizionamento, essa è determinata dalla esistenza di una azione di accettazione caratterizzata dalla presenza di una interazione in termini di interessi comuni e interrelati; alla base della legittimità o forza sociale del condizionamento si ha, cioè, una azione immediata di accettazione.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 137)

  • 40/66«Ciò posto, il concetto di “potere condizionante” può quindi specificarsi in due momenti distinti, a seconda che venga esplicato in funzione della attuazione di valori sociali il cui ambito di comunione e interrelazione si estenda a tutti i soggetti entro cui il potere opera (il che significa che, entro il gruppo nel quale si esplica, il potere condizionante può dirsi istituzionalizzato quando dispone di un massimo di forza sociale); ovvero in relazione a un valore individuale o sociale estraneo al sistema, cioè non istituzionalizzato. Nel primo caso potrà appunto parlarsi di potere istituzionale, mentre nel secondo avremo la tipica figura del potere deviante. […] Tuttavia dei tre tipi di interessi relativi: all’acquisizione o al mantenimento di un ruolo, all’esercizio di un ruolo, al mutamento o alla conservazione delle strutture sociali e, quindi, al rallentamento o all’acceleramento dei processi dinamici che le caratterizzano, va preso in considerazione solo quest’ultimo, ove si voglia esattamente esplicare il tipo di potere deviante utilizzabile ai fini della caratterizzazione del concetto di “classe".»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 138)

  • 41/55«La staticità o meno del sistema di valori, non potrà quindi ricondursi alla organizzazione o alla integrazione, e neppure al potere istituzionale; ma, se ha un senso parlarne nell’ambito del linguaggio scientifico, essa non potrà essere caratterizzata che in termini di libertà, come insieme di possibili azioni riconosciute al soggetto; e, nell’ambito di tali azioni, come potere deviante esplicato dal soggetto in vista della trasformazione o conservazione delle strutture del sistema.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, pp. 139-140)

  • 42/66«L’analisi di Lasswell e Kaplan mette in luce due elementi essenziali del fenomeno potere: (1) il potere è una relazione; (2) esso si applica a una certa area del comportamento, in rapporto a una certa sfera di valori. Questi elementi si ritrovano in quasi tutte le definizioni di “potere”; il contributo di Lasswell e Kaplan consiste nell’averli isolati e resi espliciti.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 141)

  • 43/66«Cominciamo dalla considerazione di un sistema sociale perfettamente integrato in termini di accettazione e postuliamo, nell'ambito di tale sistema, il sorgere di una azione deviante. In base alla logica dell’accettazione il rapporto tra l’azione deviante e il sistema potrà porsi solo in funzione di due alternative, consistenti in un mutamento di tutto il sistema nel senso di una sua adeguazione all’azione deviante, oppure nella pura e semplice esclusione di quest’ultima dal sistema. Il che significa che, non esistendo entro il sistema strutture di potere e quindi dinamica pendolare, l’unica possibilità di rilevanza dell’azione deviante consiste appunto nel mutamento dei sistema. La dinamica sociale si svolge, in questa ipotesi, in termini di adeguamento del sistema o di pura e semplice irrilevanza dell’azione deviante nei confronti del sistema.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 146)

  • 44/66«La situazione che si presenta nel caso di un sistema sociale integrato in termini di potere condizionante è, invece, radicalmente diversa. In questo caso, infatti, nei confronti dell’azione deviante opera non più la dinamica fondata sui due poli dell’adeguamento e della irrilevanza, bensì la dinamica fondata sul movimento pendolare di reintegrazione; un’azione deviante non potrà quindi essere irrilevante, ma dovrà necessariamente inquadrarsi nella logica della reintegrazione pendolare

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, pp. 146-147)

  • 45/66«Poiché il potere deviante si esplica in una sfera sociale che esula dalla dinamica reintegratrice del sistema, la sua esistenza non può essere ricollegata ad alcuna situazione che possa essere qualificata nell’ambito di quella dinamica pendolare. In questo senso il potere deviante non è una situazione correlata al potere istituzionalizzato, o che comunque si ponga in connessione o sulla base di quest’ultimo. Non è insomma potere istituzionalizzato utilizzato per fini diversi da quelli che lo legittimano entro il sistema: potere sviato o distorto, eccesso o abuso di potere. Se fosse caratterizzabile in questi termini, rientrerebbe, infatti, nella logica della reintegrazione; non sarebbe più potere deviante operante in funzione della modificazione del sistema istituzionalizzato al di fuori della dinamica pendolare. Si tratta quindi di un fenomeno particolare, il quale appartiene a una sfera che si trova al di fuori dei rapporti istituzionalizzati entro il sistema sociale.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 148)

  • 46/66«Riformulando questi problemi in termini di gruppi sociali possiamo osservare che, ove i confini del gruppo che detiene il potere non siano tanto vasti da ricomprendere l’intera collettività (nel qual caso il potere deviante non esisterebbe), tale gruppo sarà necessariamente costretto a bilanciare e contrastare il potere deviante, posto in essere dai gruppi oppositori in vista delle modificazioni delle strutture del sistema; a meno che non si serva del potere istituzionale, non nel senso di contrapporre quest’ultimo al potere deviante, ma per limitare la sfera sociale esclusa dall’ambito del potere istituzionale, abolendo in tal modo o restringendo lo spazio sociale extra-istituzionale di cui il potere deviante ha bisogno per poter operare. Occorre tener presente, a tale proposito, che l’ampliamento della sfera del potere istituzionale non può trovare la propria genesi e la propria giustificazione nell’ambito di quest’ultimo, ma deve necessariamente essere ottenuto operando nella sfera sociale del pre-istituzionale e utilizzando, anche in questo caso, un potere condizionante non istituzionalizzato, bensì deviante

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 149)

  • 47/66«Il potere deviante contro il sistema non potrà mai essere annullato su un piano concreto, e di fatto si potrà andare da un massimo di potere deviante contro il sistema istituzionale, bilanciato da un massimo di potere deviante a favore del sistema (ed è questo il caso dei regimi democratici), a un minimo di potere deviante contro e a favore del sistema, limitato da una estensione massima del potere istituzionale (come nel caso di regimi assoluti e dittatoriali). Il regime democratico, a questa stregua, ci appare come un mezzo per limitare il potere istituzionale e agevolare la dinamica dando la maggiore ampiezza al realizzarsi del potere deviante

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, pp. 149-150)

  • 48/66«Mentre il potere istituzionale agisce in funzione della attuazione di dati valori, il potere deviante si esplica invece – ove sia fatto proprio da una classe – in funzione della creazione di nuovi valori, in quanto tende alla modificazione delle strutture del sistema. Visto funzionalmente, il potere ci appare quindi come diretto alla attuazione o alla creazione di valori comuni.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 150)

  • 49/66«Abbiamo quindi una serie di fenomeni che debbono essere considerati separatamente: anzitutto la istituzionalizzazione, che consiste in una struttura organizzata di potere o di accettazione, estesa a tutti i componenti di una data collettività.

    In secondo luogo la internalizzazione di un sistema di valori; tale internalizzazione sta alla base della forza sociale del potere, sia che si tratti di potere finalizzato verso la attuazione, sia che si tratti di potere finalizzato verso la creazione di interessi comuni. Non si deve quindi confondere la internalizzazione con la istituzionalizzazione, potendoci essere la prima senza la seconda, come nel caso di valori internalizzati di classe; e neppure si devono confondere questi due momenti con il potere in generale.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, pp. 151-152)

  • 50/66«Scompare, in tal modo, il dualismo tra “società come conflitto” e “società come integrazione”, dualismo che è stato forse originato da una inesatta caratterizzazione dei due concetti di “internalizzazione” e di “comunione ottenuta tramite la coercizione”; e dal fatto che non è stato visto con sufficiente esattezza l’elemento tipico di queste due posizioni, dato dalla comunione di interessi in termini di interrelazione. I due aspetti della società in cui dovrebbero alternativamente tradursi tutti i fenomeni sociali, vengono in tal modo inquadrati in una prospettiva unitaria, nel senso appunto che la comunione può essere attuata con la internalizzazione o col potere e che quindi tutti i fenomeni sociali debbono, in ultima analisi, essere esplicati in termini di interessi comuni interrelati. E la classe [...] poggia su una comunione non istituzionalizzata fondata sulla internalizzazione e tende a creare una comunione istituzionalizzata fondata sul potere (istituzionale) tramite una comunione non istituzionalizzata fondata sul potere (deviante)

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 156)

  • 51/66«Dovrebbe ormai essere evidente che la classe non opera nell’ambito di società in cui i valori istituzionalizzati siano totalmente internalizzati; in tal caso, infatti, non potrebbe postularsi alcun interesse al mutamento delle strutture e, tanto meno, all’acceleramento o al rallentamento della dinamica sociale.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 157)

  • 52/66«Un antagonismo tra due gruppi, totalmente distinti e non sottoposti ad alcun rapporto di integrazione, non può essere qualificato in termini di classe sociale o di relazioni antagonistiche tra classi sociali; per lo meno se – stando alle caratterizzazioni date – si limita il momento del conflitto in senso proprio a una azione sociale che si esplichi al di fuori di un sistema organizzato e, come tale, fondi la propria dinamica sulla mera forza fisica. È necessario, pertanto, che l’antagonismo poggi su una matrice strutturale che rispecchi un insieme di rapporti coordinati e integrati tra i membri di un sistema sociale.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, pp. 158-159)

  • 53/66«Concludendo, possiamo affermare che l’azione della classe sociale appare caratterizzata e individuata nell’ambito della dinamica volta all’acceleramento o al rallentamento dei processi del sistema; risulta, quindi, ulteriormente confermata la impossibilità di identificare la dinamica sociale in senso proprio con la particolare dinamica tipica dell’antagonismo di classe, esplicantesi in termini di potere deviante.

    Questa presunta e più volte tentata identificazione che, nelle sue manifestazioni meno critiche poggia su evidenti presupposti metafisici, e nelle più recenti formulazioni si pone in termini logicamente inconsistenti, deve essere respinta, in quanto non tiene conto dei molteplici aspetti in cui si strutturano i complessi fenomeni sociali che, se possono estrinsecarsi in termini di potere condizionante, debbono anche, per ciò stesso, necessariamente presentarsi sotto l’aspetto della comunione internalizzata di interessi, senza la quale lo stesso potere verrebbe ad essere privato della sua forza sociale; e neppure tiene conto del fatto che il potere deve essere considerato come uno strumento volto a creare ed attuare artificialmente una comunione di interessi

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, pp. 164-165)

  • 54/66«Ciò premesso, può ben dirsi come – per Schumpeter – l’elemento centrale su cui poggia il concetto di “democrazia”, sia dato da una effettiva, stabile e sistematica possibilità di lotta in concorrenza per il comando politico. Di conseguenza, il fatto che la lotta in concorrenza per il comando politico debba comportare la possibilità di essere esercitata stabilmente e sistematicamente (nei modi e nelle forme sanzionati dall’ordinamento istituzionale entro cui si svolge) ci dà una prima generale differenziazione tra i regimi democratici e quelli che tali non sono. Ma la legittimità istituzionale delle forme e dei modi in cui la lotta politica deve essere esercitata differenzia la democrazia dal fenomeno del conflitto di classe in senso proprio.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 199)

  • 55/66«Il termine “democrazia” – nella accezione che qui si discute [quella formulata da Schumpeter] – sta a indicare nient’altro che un metodo, cioè una operazione o una serie di operazioni consistenti nella lotta in concorrenza sul piano politico, analogamente a quanto avviene per la concorrenza nella sfera economica.

    Ma la concorrenza, come del resto qualsiasi altra operazione, acquista rilevanza e valore pratico solo ove la si inquadri entro i fini determinati o determinabili in vista dei quali si svolge la condotta degli individui in rapporto al gruppo cui appartengono. Sorge quindi la necessità di un’ulteriore precisazione, che qualifichi il concetto di “democrazia” mediante l’inquadramento della operazione concorrenza entro uno schema mezzo-fine che ne chiarisca l’effettivo valore concreto. Occorre, cioè, individuare il fine cui la lotta concorrenziale, come mezzo, deve essere diretta: fine consistente nella direzione politica, cioè nel comando su un dato gruppo sociale

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 200)

  • 56/66«Influenzare politicamente l’elettorato, nient’altro significa che prospettargli diversi interessi collettivi, individuati tra quelli maggiormente sentiti in una data società, indicandogli, nel contempo, i diversi possibili modi di soddisfacimento di detti interessi.

    Una tale lotta per influenzare l’elettorato in tanto ha senso, in quanto poggi su una sfera di libertà intesa come adeguazione degli interessi pubblici agli interessi dei singoli (libertà positiva). Questa possibilità può aversi tanto nel caso in cui il sistema sociale si traduca in una comunione interrelata fondata sulla internalizzazione (ed è questa l’ipotesi tipica in cui la libertà positiva si realizza), quanto nel caso in cui il sistema si ponga in termini di comunione interrelata fondata sul potere. Pertanto, la libertà di influenzare l’elettorato che – entro una comunione fondata sul potere – si traduce in antagonismo per influenzare l’elettorato, non ci dà ancora una caratterizzazione tipica del metodo democratico, per quanto ne costituisca il necessario presupposto.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 202)

  • 57/66«Il fatto che la teoria della volontà popolare sia suscettibile di critiche che ne colpiscono soprattutto l’aspetto metafisico insito in quasi tutte le formulazioni della medesima, non toglie che la stessa contenga un elemento di verità; analizzando in sede sociologica il presunto fenomeno della volontà popolare, si è visto, infatti, che la stessa esiste nell’ambito di qualsiasi gruppo sociale politicamente organizzato, il quale abbia al centro uno o più interessi comuni agli individui che lo costituiscono, di cui la classe politica si faccia portatrice; si avrà quindi una somma di interessi interrelati e generalissimi, una convergenza di volontà tendenti al soddisfacimento degli interessi, tramite la classe politica che li abbia posti alla collettività come base di azione.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 204)

  • 58/66«Il capovolgimento di prospettive operato da Schumpeter, non solo non riesce a superare la dottrina della volontà popolare nella sua formulazione più ristretta e più propriamente sociologica, ma non spiega in che modo il procedimento elettorale possa essere suscettibile di una considerazione esclusiva, che prescinda da una sia pure generalissima decisione di problemi da parte dell’elettorato. Al contrario, la elezione degli individui facenti parte del governo o del corpo intermedio che a sua volta genererà l’esecutivo, in tanto può avvenire in quanto tali individui formulino un piano o base programmatica da proporre all’elettorato al fine di raccoglierne l’adesione; non essendo l’elezione che un mezzo il quale consente all’elettorato di provvedere, in via mediata, al soddisfacimento degli interessi pubblici di cui i candidati alle elezioni si facciano portatori.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 206)

  • 59/66«Riassumendo, una volta negata la esistenza di una volontà popolare razionale e definita, per via della considerazione secondo cui il giudizio razionale circa la adeguatezza dei mezzi utili al soddisfacimento degli interessi pubblici non è di solito posto in essere dal cittadino medio, la volontà popolare dovrebbe consistere nella rappresentazione di un insieme di interessi comuni tanto al singolo quanto alla collettività.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 208)

  • 60/66«È evidente come al soddisfacimento di un interesse finale non si giunga che attraverso il soddisfacimento di una serie di interessi interposti via via meno generali, cioè aventi un grado di mediazione progressivamente più elevato. Ora, un primo dato di fatto risulta certo: che, cioè, gli interessi finali non possono essere soddisfatti in modo diretto dai membri della collettività cui si riferiscono. Né può dirsi che costoro, nel manifestare la propria volontà politica in ordine a quegli interessi, pongano in essere un giudizio razionale di comparazione tra questi ultimi e gli interessi interposti; giudizio che comporterebbe una analisi circa la idoneità dei mezzi e presupporrebbe, ovviamente, la possibilità di una libera scelta dei mezzi che si ritenessero più confacenti al soddisfacimento degli interessi finali.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 209)

  • 61/66«Alla luce di quanto si è detto, l’istituto della rappresentanza politica risulta, pertanto, un fenomeno complesso alla cui costituzione concorrono tre distinti e autonomi fattori che, nell’ambito di una data organizzazione sociale, potrebbero sussistere anche singolarmente e che solo lo sviluppo storico dell’istituto e le circostanza varie che lo hanno determinato hanno contribuito a tenere uniti, rendendone difficile la individuazione. Tali fattori sono: (1) l’operazione di sondaggio degli interessi comuni effettuata in modo diretto; (2) la valutazione della capacità e attitudine, alle funzioni che dovranno esercitare, degli individui facenti parte del corpo rappresentativo, e la effettiva scelta di costoro da parte dell’elettorato; (3) la qualificazione politica del corpo rappresentativo, mediante la rappresentanza, da parte di quest’ultimo, degli interessi delle classi sociali che compongono la collettività

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, pp. 211-212)

  • 62/66«Le più importanti esplicazioni che della rappresentanza politica siano state fornite si svolgono, come si è visto, in termini di volontà popolare e di lotta in concorrenza per il comando politico; ma il loro difetto fondamentale consiste nel fatto che le stesse caratterizzano il fenomeno in esame in modo autonomo e prescindendo da un suo inquadramento entro una teoria generale dei fenomeni sociali. Utilizzando, ai fini di una corretta esplicazione dell’istituto della rappresentanza politica, gli schemi teorici prospettati nella presente indagine, l’explicatum della stessa, cioè la “democrazia”, deve essere inteso come commisurazione istituzionalizzata, in termini di forza sociale, tra le varie manifestazioni di potere condizionante (istituzionale o deviante) poste in essere dalle classi antagoniste entro un determinato ordinamento sociale.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 213)

  • 63/66«Per concludere, l’elemento fondamentale che caratterizza la forza sociale del potere di un gruppo è dato non già dal numero di individui che condividono i valori comuni del gruppo, bensì dal grado di mediazione degli interessi comuni e quindi dal grado di organizzazione del gruppo. L’elemento numerico si presenta quindi, nell’ambito della democrazia, esclusivamente come un espediente storicamente determinato, meglio un indice sintomatico, che consente una più immediata rilevazione della forza sociale del potere. Si suppone ovviamente, in tal caso, che a forza sociale più elevata corrisponda una più elevata possibilità di condizionamento dei soggetti estranei al gruppo. Il che significa che la maggioranza espressa tramite la rappresentanza politica è composta dai soggetti che hanno internalizzati i valori del gruppo che esercita il potere deviante, più i soggetti che vengono condizionati dai primi mediante l’esercizio di quest’ultimo.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 214)

  • 64/66«Se ora riconsideriamo, alla luce delle formalizzazioni di cui sopra, i concetti di “libertà” cui si riferisce la corrente dottrina sulla democrazia, cioè la “libertà negativa” (libertà dallo stato o garantismo) e la “libertà positiva” (libertà per mezzo dello stato), vediamo subito come il primo concetto possa tradursi in quello di libertà come sfera di possibili azioni di condizionamento, mentre il secondo debba riportarsi alla libertà come adeguazione degli interessi comuni agli interessi dei singoli. Può dirsi, cioè, che il garantismo o libertà dallo stato è tanto maggiore, quanto minore è l’incidenza del potere istituzionale nei confronti del potere deviante, cioè quanto più ampio è l’ambito di esplicazione di quest’ultimo entro un dato contesto sociale; la sfera delle possibilità di condizionamento deviante, appartenente a un soggetto, commisura il suo grado di libertà dallo stato; cioè il grado della ingerenza di quest’ultimo, in termini di potere istituzionale, nei confronti del comportamento del singolo.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 217)

  • 65/66«Considerati i concetti di “libertà” come nettamente distinti da quello di “democrazia”, resta da chiarire quali rapporti esistano tra gli stessi. In particolare, possiamo dire subito che in una comunità interrelata fondata sulla internalizzazione, cioè in una società dove sia massimo il grado di libertà intesa come adeguazione degli interessi comuni agli interessi dei singoli, non ha alcun senso parlare di democrazia.

    Più interessante si presenta, invece, il rapporto tra democrazia e comunione interrelata fondata sul potere, cioè tra democrazia e libertà negativa intesa come sfera di azioni di condizionamento, in termini di potere deviante, connessa alla autonomia del singolo.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 218)

  • 66/66«L'importanza della democrazia, ai fini della dinamica sociale, risulta in tal modo connessa al fatto che la democrazia consente di istituzionalizzare una certa sfera di esplicazione del potere deviante, non già nel senso di tradurre quest'ultimo da potere deviante in potere istituzionale, ma nel senso di commisurare o comparare, a determinate scadenze, la forza sociale del potere deviante (teso all'acceleramento della dinamica del sistema), con la forza sociale del potere deviante contrapposto (volto al mantenimento del sistema); e quindi, in ultima analisi, nel senso di commisurare o comparare il potere istituzionale connesso alle strutture del sistema con il potere deviante volto alla modificazione di quelle strutture.»

    (G. Bolacchi, Teoria delle classi sociali, p. 219)

G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, Edizioni Ricerche, Roma, 1963

  • 1/43«Eliminando dall’ambito della ricerca scientifica uno studio del significato e considerando quest’ultimo alla stregua di un presupposto metodologico distinto dal fatto e, come tale, posto a fondamento della prospettiva psicologica e di quella prasseologica, resta una terza importante prospettiva anch’essa connessa direttamente al significato e che su quest’ultimo si fonda: la prospettiva semantica, che consiste nella individuazione e caratterizzazione dei segni e dei sistemi linguistici. Questo terzo tipo di struttura significante si traduce nella logica in senso proprio (studio semantico e sintattico dei segni e del linguaggio).

    A proposito di quest’ultima caratterizzazione del significato, potrebbe parlarsi di analisi semantica interna al linguaggio, per distinguerla da un’analisi del processo segnico che dovrebbe tener conto del rapporto interprete-simbolo-significato su un piano extralinguistico. Occorre precisare, a questo punto, che, in realtà, tutte le indagini semantiche sono sempre, come sopra si è detto, interne al linguaggio, nel senso che il così detto momento pragmatico esula in effetti dal campo strettamente semantico e appartiene allo schema disposizionale o operativo che caratterizza una differente dimensione del significato.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 6)

  • 2/43«Alla luce di questa precisazione, è evidente come la prospettiva semantica sia stata esplicata nel modo più completo e coerente da Carnap, anche se quest’ultimo mostra talvolta di indulgere a una presunta considerazione pragmatica del rapporto segnico, che, peraltro, resta totalmente ed esattamente al di fuori del suo sistema teorico volto a caratterizzare l’aspetto logico (semantico e sintattico) del linguaggio.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 6)

  • 3/43«La considerazione del momento pragmatico o operativo come momento semantico del significato, si trova ampiamente sviluppata nelle indagini di Morris; a proposito di tali indagini è necessario solo ribadire, a questo punto, che le stesse non riguardano il momento semantico in senso stretto del significato, bensì più propriamente il momento operativo o disposizionale del significato, tanto che il concetto di “disposizione a rispondere”, utilizzato da Morris quale postulato fondamentale della semantica, in realtà costituisce una esplicazione del concetto di “interesse” e come tale appartiene al campo dell’azione (operazione), quindi alla logica del comportamento. Sotto tale profilo, le indagini di Morris vanno, pertanto, inquadrate entro la teoria generale del comportamento.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 6)

  • 4/43«Un'ultima osservazione deve farsi in relazione al concetto di "significatum" di Morris, inteso come indicante le "condizioni tali che qualsiasi cosa le soddisfa è un denotatum di un dato segno"; una analisi più approfondita, alla luce delle distinzioni sopra prospettate, mostra come anche questo concetto di Morris debba essere riguardato come appartenente alla scienza del comportamento, non già alla scienza dei segni. Il concetto di "significatum", infatti, rinvia a quello di "denotatum", ma quest'ultimo è palesemente un concetto d'ordine comportamentistico e, come tale, viene utilizzato dallo stesso Morris in funzione dei concetti di "verità", "credenza" e "adeguatezza".»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 7)

  • 5/43«Nel rapporto tra più schemi operativi, a differenza di quello fra schemi operativi e schemi fattuali, non sempre si attua la traducibilità operativa dei comportamenti. Questi ultimi possono infatti essere caratterizzati in termini di regolarità sociali, nel qual caso la interazione poggia su una struttura normativa che consente la traducibilità operativa; ma possono anche non essere suscettibili di inquadramento entro schemi normativi, nel qual caso la traducibilità operativa resta esclusa in conseguenza della diversità strutturale (nella identità, nell’ordine, nel grado di mediazione degli interessi) dei campi disposizionali dei soggetti.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, pp. 15-16)

  • 6/43«Lo studio delle scienze sociali non può prescindere da una analisi del rapporto semantico, la quale è giustificata non solo dal fatto che la prospettiva semantica costituisce, come si è visto, uno dei tre momenti fondamentali del significato considerato sotto un profilo metodologico, ma anche dalla esigenza di apprestare strumenti concettuali adeguati al fine della esplicazione del concetto di “struttura teorica”.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 37)

  • 7/43«Il processo semantico, analizzato nella sua dimensione empirica, considera il segno come fatto significante in relazione agli individui che lo adoperano e ai fenomeni che ne vengono denotati: una tale indagine implica, pertanto, una considerazione unitaria di questo processo sotto un profilo scientifico ed è chiaro come alla stessa non debba essere necessariamente collegata una problematica filosofica, connessa soprattutto alla non osservatività del segno. Ma specialmente in relazione ai linguaggi, siano essi fattuali o convenzionali, assiomatici o no, può darsi una ulteriore considerazione dei segni in funzione delle sole regole semantiche esistenti nell’ambito dei sistemi linguistici; in tal caso, non potendo essere prese in considerazione le circostanze empiriche che condizionano il sorgere e la esistenza del processo semantico, l’indagine appare come interna al processo semantico, nel senso che nessun riferimento extra-linguistico (cioè ad elementi differenti dalle regole del sistema) può essere ammesso.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, pp. 43-44)

  • 8/43«Il principio di convenzionalità, il quale stabilisce che la costruzione di un linguaggio e la scelta dei suoi tratti caratteristici sono materia di convenzione, è stato anzitutto applicato ai sistemi assiomatici. Ma poiché un qualsiasi sistema assiomatico formalizzato, per non essere privo di significato deve potersi fondare direttamente su un corrispondente sistema semantico dal quale possa ricavarsi una adeguata interpretazione logica dei termini, in particolare delle regole di formazione, deduzione e trasformazione, ne consegue che la convenzionalità di un calcolo o sistema assiomatico è strettamente connessa al sistema semantico che ne interpreta le regole formali.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 48)

  • 9/43«La distinzione tra sistemi semantici e sistemi assiomatici si fonda su una caratterizzazione d’ordine strutturale. Nell’ambito dei sistemi assiomatici, infatti, è possibile dedurre le asserzioni da una serie di proposizioni ammesse senza prova, non prive di significato, mediante le quali, attraverso appropriate regole, tutto il sistema può essere normalmente provato. Per quanto riguarda invece la distinzione tra sistemi logici e sistemi descrittivi, occorre precisare che gli stessi posseggono entrambi regole di formazione che stabiliscono, in forma di definizioni, quali specie di segni appartengono al sistema considerato e come le frasi possono essere costruite utilizzando i segni del sistema.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 51)

  • 10/43«La affermazione secondo la quale il significato di un termine è determinato dalle regole che ne stabiliscono l’uso entro un dato sistema linguistico, si riferisce alle regole di formazione, di designazione, di verità e alle regole degli ambiti di significatività, nonché, nei sistemi assiomatici (sistemi sintattici o calcoli), alle regole di deduzione o trasformazione; tale punto di vista non deve pertanto essere confuso con l’operativismo in senso proprio, per cui il significato di un termine è dato da un gruppo di operazioni, nel senso che il termine significa e denota un insieme di operazioni; questa prospettiva è ammissibile sempre che non la si renda esclusiva, non avendo senso alcuno negare la possibilità di linguaggi i cui termini posseggano intensioni ed estensioni non riconducibili in alcun modo ad operazioni.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, pp. 54-55)

  • 11/43«Uno dei principali problemi che Carnap si propone di affrontare è quello relativo al criterio di significatività per il linguaggio teorico, quello, cioè, della individuazione delle condizioni che termini e frasi del linguaggio teorico debbono soddisfare ai fini della spiegazione e della predizione di eventi osservabili e, quindi, del suo significato empirico. Naturalmente il problema del linguaggio teorico è molto complesso, soprattutto in quanto vi sono profonde incertezze circa la linea di confine tra significatività e non significatività del medesimo. Quantunque al giorno d’oggi generalmente vi sia accordo fra gli empiristi nel respingere come troppo ristretti certi criteri precedentemente proposti, quale il requisito secondo cui tutti i termini teorici dovrebbero essere definibili sulla base di quelli del linguaggio osservativo e tutte le frasi teoriche dovrebbero essere traducibili entro quest’ultimo. Questo perché le regole che connettono il linguaggio teorico e quello osservativo (regole di corrispondenza) possono dare solo una parziale interpretazione del primo.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 71)

  • 12/43«Tra l’altro, non è detto che l’assiomatizzazione non possa operare a tutti i livelli linguistici, né si devono confondere i concetti di “assiomatizzazione” e di “linguaggio teorico”. Questo punto è piuttosto importante anche perché richiama la distinzione fondamentale tra sistema sintattico e sistema semantico; se è vero infatti che un calcolo è caratterizzato non tanto dalla formalizzazione – intesa come astrazione dei significati – quanto dalla classificazione dei segni, dalle regole di formazione, dalle regole di deduzione o trasformazione (che ne costituiscono la parte centrale) e dalle definizioni, allora potrà darsi sistema sintattico (formale) non tradotto esplicitamente in calcolo, cioè non assiomatizzato.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 78)

  • 13/43«La “astrazione” è invece un concetto metodologico relativo alla introduzione di predicati di vario livello entro preesistenti linguaggi, che possono anche essere linguaggi concretamente individualizzati, cioè contenenti predicati descrittivi relativi a oggetti estesi nello spazio e nel tempo; essa riflette la distinzione tra fenomeno individualizzato in tutti i suoi molteplici aspetti e fenomeno considerato in funzione di uno o più aspetti determinati (trascelti e isolati dal contesto della esplicazione totale); ciò porta a considerare i predicati osservabili o le serie operative come interpretazioni teoriche.

    In questo modo la distinzione tra linguaggi teorici e linguaggi osservativi non viene eliminata ma viene al contrario riproposta, non già su un piano fattuale ma su un piano metodologico.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 82)

  • 14/43«Tanto il livello di astrazione quanto la identità nel livello di astrazione sono elementi che debbono necessariamente essere stabiliti – in modo convenzionale – mediante le regole di designazione del sistema linguistico cui ci si riferisce, le quali interpretano le costanti individuali e i predicati primitivi del sistema; è appunto questa interpretazione che caratterizza il livello di astrazione nel momento stesso in cui si pongono i significati dei termini e ad essa è connessa quella che potrebbe dirsi la omogeneità semantica del sistema, la quale caratterizza la identità nel livello di astrazione.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, pp. 82-83)

  • 15/43«La distinzione tra linguaggio astratto e linguaggio concreto, nonché l’altra corrispondente tra linguaggio osservativo e linguaggio teorico, non possono quindi essere poste in modo così radicale; potendosi solo parlare di differenti livelli linguistici connessi a differenti livelli di astrazione delle costanti individuali e dei predicati interpretativi nel sistema. D’altra parte, qualsiasi livello linguistico può essere caratterizzato come livello teorico rispetto ai livelli inferiori di astrazione ai quali risulti connesso, e in questo senso, considerato nel suo insieme, costituisce una interpretazione teorica caratterizzabile in termini puramente semantici o in termini sintattici (assiomatica); in quest’ultimo caso la formalizzazione del sistema viene resa esplicita nel modo più completo.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 83)

  • 16/43«Il problema della verificabilità empirica o osservativa delle strutture si risolve nel problema della distinzione tra linguaggio con predicati osservativi e linguaggio con predicati non osservativi (teorico o astratto). Questa distinzione si riferisce a una caratterizzazione delle strutture linguistiche diversa da quella relativa ai livelli di astrazione. Il problema della astrazione, infatti, è un problema interno al linguaggio, mentre quello della osservatività, al quale è connesso l’altro della verificabilità empirica delle strutture, è un problema esterno al linguaggio che si risolve in una analisi relativa alla individuazione del denotatum delle espressioni linguistiche.

    In altre parole, mentre il livello di astrazione delle strutture linguistiche può essere caratterizzato mediante le sole regole semantiche, il problema relativo alla osservatività e alla verificabilità delle strutture linguistiche postula il ricorso ad elementi extra-linguistici. Nel primo caso il problema può essere formalizzato in termini di condizioni di verità, mentre nel secondo si ha riguardo alla esistenza o meno di valori di verità

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, pp. 83-84)

  • 17/43«Poiché la introduzione e la costruzione di nuove strutture linguistiche si ottengono mediante la determinazione di un predicato di più alto livello che qualifica le espressioni individuali appartenenti alle nuove strutture (costanti e variabili di nuovo tipo di cui le costanti sono valori), risulta evidente come il restringimento o l’ampliamento dell’ambito delle strutture si identifichi con il restringimento o l’ampliamento dell’ambito di significatività dei predicati fondamentali del sistema e delle costanti individuali primitive qualificate dai predicati (costituenti valori delle variabili di nuovo tipo introdotte).

    In tal modo il concetto di “struttura”, considerato nel suo aspetto basilare, viene esplicato in termini di ambito di significatività dei predicati primitivi e delle costanti individuali di un sistema.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, pp. 92-93)

  • 18/43«Il problema della caratterizzazione del concetto di “verità logica” e della distinzione tra “verità logica” e “verità fattuale” non ha alcuna rilevanza sul piano metodologico, ma solo sul piano filosofico. L’unica distinzione che può porsi all’interno di un dato sistema tra le frasi significanti appartenenti allo stesso, riguarda la differenziazione degli ambiti di significatività delle frasi in relazione al maggiore o minore livello di astrazione dei predicati che le qualificano. In tal modo può parlarsi di ambiti di significatività sempre più astratti e, in ultima analisi, sempre in relazione al sistema, dell’ambito più astratto corrispondente alla validità della frase in ogni descrizione di stato del sistema.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 101)

  • 19/43«Riassumendo, su un piano metodologico, con riferimento alle strutture linguistiche, rilevano esclusivamente i predicati significatività e livello di astrazione, non il predicato verità. Non ha senso, pertanto, definire la L-verità come distinta dalla F-verità. Tutti i significati possono essere formulati all’interno del linguaggio, in quanto le regole del sistema, ove siano poste esplicitamente in modo formale o assiomatizzato, li determinino esattamente. Si ha quindi un continuum che va dai significati a più basso livello di astrazione ai significati aventi il massimo livello di astrazione. In questo senso appare evidente come tanto il problema della verità fattuale (F-vero) quanto quello della verità logica (L-vero), con riferimento a un dato sistema, siano entrambi problemi che esulano dalla considerazione interna delle strutture semantiche (punto di vista metodologico interno al linguaggio). In altre parole occorre una considerazione esterna al linguaggio, cioè una conoscenza relativa a qualcosa che sta al di fuori del linguaggio, non solo per quanto si riferisce alla verità fattuale, ma anche con riferimento alla verità logica.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 102)

  • 20/43«La esplicazione della "struttura" mediante i concetti di "predicato" e di "costante individuale", intesi come elementi basilari, non esaurisce l'ambito di significatività della struttura. Quest'ultima può essere vista anche con riferimento ai rapporti che possono collegare gli elementi basilari. Le interconnessioni tra questi ultimi caratterizzano la struttura come sistema.

    Le interconnessioni tra gli elementi basilari della struttura debbono essere ulteriormente specificate, poiché non tutte le interconnessioni tra gli elementi basilari individuano la struttura del sistema. Quest'ultima deve essere caratterizzata con riferimento all'ambito di significatività dei predicati del sistema, il quale determina il livello di astrazione degli stessi.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 103)

  • 21/43«Ogni intervallo di tempo per poter essere percepito deve essere connesso a qualche processo. La misura del tempo è quindi fondata su una assunzione relativa al funzionamento di certi meccanismi fisici. Ma questa assunzione non può essere provata, in quanto non esistono mezzi per raffrontare due successivi periodi di un orologio; noi non possiamo trasportare indietro l'intervallo di tempo posteriore e sovrapporlo all'intervallo anteriore.

    Secondo Reichenbach una soluzione di questo problema può essere ottenuta, come nel caso della congruenza spaziale, solo introducendo una definizione coordinativa per la misura del tempo.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 107)

  • 22/43«Riassumendo, le proprietà quantitative (metriche) del tempo dipendono, per Reichenbach, da tre definizioni coordinative: la prima, relativa alla unità di tempo, determina il valore numerico di un intervallo di tempo; la seconda, relativa alla uniformità del tempo, si riferisce alla comparazione di successivi intervalli di tempo; la terza, relativa alla simultaneità, si riferisce alla comparazione di intervalli di tempo paralleli in differenti punti dello spazio. Queste tre definizioni rendono possibile una misura del tempo, la quale senza le stesse risulterebbe indeterminata in linea logica.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, pp. 108-109)

  • 23/43«La distinzione tra ordine del tempo e direzione del tempo è formulata da Reichenbach anche in relazione ai due concetti di “reversibilità” e “irreversibilità”. Egli fa osservare a questo proposito che non è esatto affermare, come avviene nelle discussioni correnti sul problema del tempo, che solo i processi irreversibili individuino una relazione asimmetrica della causalità, mentre i processi reversibili individuerebbero una relazione causale simmetrica. Al contrario, per Reichenbach, solo i processi irreversibili possono definire una direzione del tempo, mentre i processi reversibili definiscono un ordine del tempo e quindi individuano una relazione asimmetrica di causalità.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 112)

  • 24/43«Lo schema di Reichenbach poggia sul concetto fondamentale di “ordine seriale”. Questo concetto non è utilizzato da Reichenbach quale presupposto suscettibile di ulteriori specificazioni mediante predicati di livello meno elevato; al contrario esso costituisce una esplicazione diretta del tempo come ordine e quindi delle strutture causali (in quanto l’ordine del tempo è definito in termini causali). Da ciò consegue che la relazione causale viene identificata con la relazione d’ordine intesa in senso logico. I concetti di “tempo come ordine” e di “ordine seriale” posseggono, quindi, il medesimo ambito di significatività.

    Una tale esplicazione risulta inadeguata in quanto formulata al livello di astrazione che caratterizza il linguaggio logico. La formalizzazione di concetti di “tempo come ordine” e “tempo come direzione”, pur dovendo necessariamente partire dal concetto logico di “relazione asimmetrica, connessa e transitiva”, postula infatti l’introduzione di predicati aventi un livello di astrazione meno elevato di quello che caratterizza i termini logici.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 121)

  • 25/43«Una ulteriore specificazione in senso dinamico delle strutture ordinate, cioè delle serie fondate sulla relazione d'ordine, viene ottenuta mediante la introduzione dei predicati reversibilità irreversibilità, i quali indicano rispettivamente, con riferimento a un insieme ordinato di stati, che l'ordine è indeterminato rispetto ai mutamenti nel contenuto degli stati, per cui si ha identità strutturale tra descrizione nel senso della relazione originaria e descrizione inversa; ovvero che l'ordine degli stati è determinato rispetto ai mutamenti nel contenuto degli stessi, per cui la descrizione nel senso della relazione originaria è strutturalmente differente dalla descrizione inversa.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, pp. 125-126)

  • 26/43«La reversibilità prescinde dal fatto che gli insiemi ordinati costituiscano strutture aperte o chiuse, in quanto la stessa deve essere considerata come una specificazione che si riallaccia direttamente all'ordine logico; mentre il predicato irreversibilità può applicarsi solo a serie ordinate aperte. In altre parole, la reversibilità può qualificare strutture ordinate aperte o chiuse anche se, di fatto, si riferisce sempre alle prime, in quanto, su un piano empirico, non si riscontrano serie ordinate chiuse; mentre la irreversibilità può qualificare solo serie ordinate aperte, in quanto l'ordine degli stati è determinato rispetto ai mutamenti nel contenuto degli stessi e quindi presuppone necessariamente una serie aperta.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze socialip. 126)

  • 27/43«L’esplicazione della causalità in termini di serie ordinata aperta possiede un ambito di significatività più ristretto rispetto alla esplicazione della causalità definita mediante la relazione tra che Reichenbach chiama relazione causale tra (causality between relation). La definizione della causalità in termini di relazione causale tra  ha natura logica, cioè appartiene al livello di astrazione dell’ordine seriale; essa costituisce, quindi, solo un presupposto della caratterizzazione dell’ordine in termini di apertura o chiusura della serie.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 131)

  • 28/43«L'esplicazione della causalità in termini di serie aperta (ordine causale) costituisce la caratterizzazione più astratta di questo concetto. Una esplicazione a un livello di astrazione meno elevato può ottenersi utilizzando il predicato irreversibilità. In questo caso la serie causale è determinata in funzione della modificazione nel contenuto degli stati. Le due esplicazioni non si escludono in quanto posseggono un differente livello di astrazione; ed entrambe neppure escludono che, a livelli di astrazione meno elevati purché compatibili coi livelli primitivi, possano darsi ulteriori esplicazioni del concetto di "causalità".»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, pp. 131-132)

  • 29/43«Il concetto di “irreversibilità” può essere utilizzato non solo ai fini della esplicazione del concetto di “tempo come direzione”, ma anche ai fini della esplicazione di un tipo di causalità denominabile causalità unidirezionale. Si tratta di una caratterizzazione astratta valida per entrambi i concetti, la quale non esclude in linea logica che i concetti di “direzione del tempo” e di “causalità unidirezionale”, a livelli di astrazione meno elevati, possano essere qualificati mediante predicati differenti.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 132)

  • 30/43«Riesaminiamo ora i problemi sopra prospettati partendo da una considerazione dei predicati dinamici di reversibilità e irreversibilità che specificano l’ordine logico. Con riferimento a quest’ultimo, al livello di astrazione tipico del discorso logico, non può porsi alcuna differenziazione strutturale tra descrizione nel senso della relazione originaria e descrizione nel senso della relazione inversa.

    Sul piano della specificazione della serie ordinata, e quindi a un livello di astrazione inferiore qualificato da un differente predicato, può ipotizzarsi invece un caso in cui si ha diversità strutturale tra le due descrizioni e un caso in cui si ha identità strutturale tra le stesse.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, pp. 132-133)

  • 31/43«La diversità e la identità strutturale tra descrizione nel senso della relazione originaria e descrizione nel senso della relazione inversa debbono essere esplicate a un livello di astrazione meno elevato dell’ordine logico. In particolare, la distinzione tra le due prospettive poggia sul presupposto che l’ordine degli stati sia determinato o indeterminato rispetto al mutamento nel contenuto degli stati. Nel caso della reversibilità, essendo l’ordine degli stati indeterminato rispetto al loro mutamento, si ha identità strutturale tra descrizione nel senso originario e descrizione nel senso inverso, mentre nel caso della irreversibilità, essendo l’ordine degli stati determinato con riferimento alla modificazione degli stessi, la descrizione del processo nel senso inverso è strutturalmente differente dalla descrizione nel senso originario.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 135)

  • 32/43«L’indeterminatezza rispetto all’ordine degli stati porta a una caratterizzazione indipendente della reversibilità nei confronti della irreversibilità. In relazione a quest’ultima può ipotizzarsi una modificazione degli stati molto prossima a zero o nulla; questo caso descrive lo stato stazionario, il quale non deve essere confuso con la indeterminatezza rispetto alla modificazione degli stati, cioè con la reversibilità.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 135)

  • 33/43«Dalla caratterizzazione del concetto di “scienza” come insieme di strutture teoriche interconnesse fondate sulla relazione d’ordine originante serie aperte, può trarsi un secondo concetto di metodologia. Il termine “metodologia” può essere cioè utilizzato per significare un discorso intorno ai predicati che caratterizzano il linguaggio scientifico e alle condizioni di adeguatezza (o di validità) di questi predicati sulla base delle regole del linguaggio della scienza. Metodologia della scienza significa, in questa seconda accezione, discorso intorno al discorso scientifico. In tal modo può dirsi appartenga alla metodologia della scienza l’analisi relativa alla struttura del linguaggio della scienza, nonché alla caratterizzazione del concetto stesso di “scienza”.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 153)

  • 34/43«L’elemento fondamentale che rende possibile il progresso scientifico è costituito dalla considerazione della struttura. Il problema della struttura si riconnette a quello della individuazione dei predicati primitivi e delle costanti individuali del sistema. Analizzare un fenomeno sotto il profilo della struttura, significa inoltre determinare il livello di astrazione del linguaggio che ad esso si riferisce.

    Il concetto metodologico di “struttura” e la considerazione delle costanti individuali e dei predicati che lo qualificano risultano estremamente chiari ove il sistema teorico ci si presenti ordinato sulla base di schemi deduttivi (sistema assiomatizzato), ma sono evidenti anche in quei sistemi scientifici che non sono stati ancora assiomatizzati. È importante invece che i sistemi scientifici siano formalizzati, cioè che le strutture fondamentali (predicati primitivi e costanti individuali) siano caratterizzate univocamente.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 156)

  • 35/43«Stando a queste considerazioni, appare evidente come siano da respingersi i tentativi di coloro che vorrebbero ridurre il metodo delle scienze sociali a una mera rilevazione ed elaborazione di dati statistici. Ciò non significa che i metodi statistici, o comunque quelli direttamente connessi ai predicati osservabili, debbano essere sottovalutati. Al contrario la prospettica teorica e quella statistica risultano interconnesse, in quanto il linguaggio osservativo presuppone sempre un inquadramento teorico e, per converso, il linguaggio teorico è tanto più fecondo quanto più può essere specificato e arricchito mediante l’intersezione di postulati limitativi appartenenti a strutture linguistiche con livello di astrazione sempre meno elevato.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, pp. 157-158)

  • 36/43«Riassumendo, può dirsi che la arretratezza della metodologia delle scienze sociali deve riportarsi a due principali difficoltà: una d’ordine teorico, l’altra d’ordine pratico. La prima si riferisce a quelle prospettive metodologiche che negano la possibilità di tradurre il linguaggio della scienza in un sistema ad alto livello di astrazione; alle prospettiche che ammettono la possibilità di una sistemazione teorica per le scienze naturali, ma che non la estendono alle scienze sociali che considerano esclusivamente come scienze stocastiche; e, infine, alle prospettive che negano la possibilità di un progresso cumulativo nella conoscenza scientifica.

    La seconda difficoltà, quella d’ordine pratico, può riportarsi alla mancata formalizzazione dei predicati primitivi e, quindi, alla carenza di una struttura teorica univocamente definita.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 159)

  • 37/43«Su un piano metodologico come non può parlarsi di verità e falsità logica o fattuale, non si può neppure parlare di unificazione del linguaggio della scienza, in quanto l’unica unificazione ammessa è quella riferibile alla considerazione dei concetti metodologici fondamentali tipici del linguaggio totale della scienza e caratterizzanti quest’ultimo non già nel senso della derivabilità delle leggi appartenenti a campi specifici della scienza da leggi generali della scienza fisica; bensì nel senso della individuazione dei predicati appartenenti a un livello massimo di astrazione in relazione ai sistemi considerati. In tal modo possono essere definiti come appartenenti alla metodologia della scienza i concetti di:

    a) “predicato” e “costante individuale”, intesi come elementi basilari della struttura; b) “sistema”, inteso in termini di interconnessione tra gli elementi basilari; c) “livello di astrazione dei predicati del sistema”, fondato sull’ambito di significatività degli stessi; d) “struttura”, esplicata in funzione dei predicati del sistema aventi il massimo livello di astrazione; e) “ordine seriale”, inteso come predicato costituente un presupposto delle strutture dinamiche; f) “serie ordinata aperta”, esplicante i concetti di “ordine causale” e di “tempo come ordine”; g) “reversibilità”; h) “irreversibilità”, esplicante i concetti di “causalità unidirezionale” e di “direzione del tempo”.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 173)

  • 38/43«I sistemi scientifici si differenziano tra loro per la presenza, in aggiunta ai predicati metodologici, di predicati fondamentali tipici, aventi un livello di astrazione immediatamente inferiore, che qualificano i singoli discorsi scientifici. Per quanto concerne questi ultimi predicati deve osservarsi che, allo stato attuale della conoscenza scientifica, essi appaiono del tutto irriducibili tra loro.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 174)

  • 39/43«La utilizzazione dei metodi statistici nell’ambito delle scienze sociali ha originato diversi tentativi volti a caratterizzare i fenomeni sociali in termini indeterministici, e quindi le scienze sociali come scienze stocastiche, analogamente a quanto è avvenuto nella teoria fisica e, in particolare, nella microfisica.

    Il problema dell’indeterminismo è stato in tal modo riproposto anche nel campo delle scienze sociali e ciò ha portato a una considerazione dell’indeterminismo e del determinismo come predicati metodologici caratterizzanti, al livello di astrazione tipico del discorso metodologico, tanto le scienze naturalistiche quanto le scienze comportamentistiche. […]

    Analizzando il modo in cui tali predicati sono utilizzati nella teoria fisica e nelle scienze sociali si perviene, però, alla conclusione che il significato agli stessi attribuito entro la teoria fisica è troppo specifico per poter costituire una caratterizzazione metodologica comune alle due scienze; il senso in cui tali predicati vengono adoperati sul piano metodologico è radicalmente diverso.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 179)

  • 40/43«La interpretazione indeterministica e quella deterministica confondono il problema della causalità come azione per contatto col problema della caratterizzazione dei fenomeni in termini di ordine (inquadramento entro uno schema teorico). La impossibilità di una descrizione continua degli eventi atomici nello spazio-tempo, cioè di una descrizione degli stessi mediante il principio di azione per contatto, non esclude che questi eventi possano essere inquadrati entro una teoria e siano quindi suscettibili di traducibilità operativa. Pertanto, il principio di azione per contatto non può essere considerato come un predicato adeguato a caratterizzare la traducibilità operativa; quest’ultima può essere spiegata solo a un livello metodologico mediante il predicato serie ordinata aperta

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 185)

  • 41/43«Quando ci si riferisce, nell’ambito delle scienze sociali, alla possibilità o meno di una descrizione causale degli eventi e quindi alla qualificazione degli stessi in termini deterministici o indeterministici, è necessario tener presente che determinismo e indeterminismo non possono essere esplicati in termini di azione per contatto (tipici del determinismo della macrofisica), ma debbono essere esplicati in termini di serie ordinate aperte, cioè utilizzando non già un predicato tipico della fisica, ma un predicato tipico della metodologia avente un livello di astrazione tanto elevato da consentirne l’applicazione non solo nell’ambito delle scienze sociali, ma anche nell’ambito delle scienze fisiche. Si tratta di un secondo concetto di “determinismo” designabile, per distinguerlo dal determinismo fisico, come “determinismo metodologico”.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, pp. 187-188)

  • 42/43«Il passaggio dal linguaggio più astratto al linguaggio osservativo si attua mediante l’inserzione, a vari livelli, di postulati limitativi i quali circoscrivono il significato dei postulati appartenenti a livelli più astratti in funzione della applicabilità degli stessi a contesti meno astratti. In questo senso i postulati limitativi possono essere considerati come esprimenti condizioni di adeguatezza (condizioni che delimitano gli ambiti di applicabilità e inapplicabilità della teoria) le quali consentono l’applicazione dei predicati più astratti ai fenomeni concreti, cioè il passaggio da sistemi aventi un massimo livello di astrazione, a sistemi aventi un livello di astrazione inferiore. In questi ultimi sono presenti i predicati più astratti, ma la loro adeguatezza al fine della caratterizzazione dei fenomeni concreti è determinata dai postulati limitativi.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, pp. 192-193)

  • 43/43«La prospettiva che caratterizza il discorso scientifico sulla base dei predicati fondamentali che lo qualificano, a vari livelli di astrazione, deve essere intesa in senso strettamente metodologico, non in senso ontologico e quindi non nel senso metafisico di una fondazione di categorie qualificate da valori di verità.

    Le distinzioni tra le varie scienze vengono, in tal modo, considerate sotto un profilo neutrale, in quanto la metodologia non stabilisce asserzioni circa i valori di verità dei predicati fondamentali, ma esplica unicamente le condizioni di adeguatezza degli stessi, cioè la adeguatezza dei predicati agli scopi (scientifici) per i quali vengono adoperati.»

    (G. Bolacchi, Metodologia delle scienze sociali, p. 233)

G. Bolacchi, Potere e strutture sociali, Edizioni Ricerche, Roma, 1963

  • 1/14«La limitazione convenzionale delle strutture sociali al momento della integrazione esclude una considerazione delle strutture di potere, lo studio delle quali, per via di questa limitazione, è stato impropriamente associato a quello della dinamica, mentre, come si vedrà, tanto il momento conflittuale quanto quello dell'integrazione presentano entrambi un aspetto strutturale e un aspetto dinamico.»

    (G. Bolacchi, Potere e strutture sociali, p. 3)

  • 2/14«I problemi della statica e della dinamica, così come sono stati impostati dalla scienza economica e più in generale nell’ambito delle scienze sociali, presuppongono, come si è fatto osservare all’inizio a proposito del collegamento del concetto di “classe” con i problemi della stratificazione sociale, una considerazione dell’ordinamento economico e in senso lato dell’ordine sociale in termini di organizzazione e integrazione. Questa reiezione della primitiva impostazione marxiana si riscontra in modo evidente nell'opera di J. B. Clark, il quale stabilisce una precisa connessione tra scambio, organizzazione e statica economico-sociale.»

    (G. Bolacchi, Potere e strutture sociali, p. 9)

  • 3/14«In una società nella quale tutti i soggetti abbiano internalizzati i valori comuni ed i cui interessi sociali siano relativi esclusivamente all’esercizio dei ruoli istituzionalizzati, l’unica possibilità di isolare differenti gruppi entro la stessa è data dalla considerazione degli status-ruoli in cui i soggetti si trovano.

    Il punto di arrivo di questa linea di pensiero è costituito dall’opera di Parsons, per il quale la prospettiva fondamentale è data dal problema dell’ordine, cioè dall’analisi delle condizioni che tengono assieme una struttura sociale.»

    (G. Bolacchi, Potere e strutture sociali, p. 10)

  • 4/14«Naturalmente, in una comunità interrelata fondata sulla accettazione, il processo di interazione, oltre che in termini di internalizzazione di valori comuni, può essere visto sotto un profilo strutturale e cioè in termini di dinamica pendolare qualificata dal rapporto deviamento-irrilevanza. La critica che si può muovere a Parsons a questo proposito, è che egli pur utilizzando concetti quali quelli di "omeostasi", "equilibrio meccanico", "internalizzazione", non distingue chiaramente, sotto un profilo metodologico, tra processo di internalizzazione inteso come dinamica cumulativa e processo di interazione inteso come dinamica pendolare.»

    (G. Bolacchi, Potere e strutture sociali, p. 11)

  • 5/14«Riassumendo, per Dahrendorf nelle strutture sociali sussisterebbero elementi o forze qualificabili come parti costitutive e quindi funzionali all’interno delle stesse (questa ipotesi sarebbe appunto quella presa in considerazione dal Parsons e da lui svolta in termini strutturali-funzionali); ed esisterebbero impulsi operanti nel senso del superamento e del mutamento delle strutture, cioè come variabili non subordinate alla categoria della struttura e, quindi, non entro il sistema sotto un profilo strutturale-funzionale, ma entro il sistema con riferimento a una prospettiva dinamica in senso stretto (questa ipotesi non sarebbe stata considerata dal Parsons in quanto egli avrebbe inteso queste forze o fattori come elementi esterni al sistema, a somiglianza delle strutture organiche, e non invece generati dalla struttura).»

    (G. Bolacchi, Potere e strutture sociali, pp. 15-16)

  • 6/14«Senonché, il concetto di "autorità", che deve essere formalizzato in termini di "potere", appartiene a quello stadio di considerazione delle strutture sociali che studia i mutamenti che si verificano all'interno delle stesse e che si traducono in processi di auto-riequilibramento; questi processi consistono in movimenti pendolari, per cui rompendosi l'equilibrio strutturale intervengono forze interne alla struttura che riequilibrano il sistema riportandolo nella condizione iniziale (dinamica pendolare). A questo livello di considerazione della struttura non rileva alcun processo di dinamica cumulativa, per cui la individuazione di possibili elementi di conflitto all'interno di una struttura autoritativa si risolve nell'individuazione delle forze mediante le quali la struttura si mantiene stabile ponendo in essere i propri meccanismo riequilibratori. La fondamentale contraddizione di Dahrendorf consiste quindi nel fatto che egli tenta di esplicare in termini di dinamica cumulativa fenomeni che sono invece tipici della dinamica pendolare, intrinseca alle strutture coercitive, volta a reintegrare in continuazione il sistema contro ogni azione che violi le norme istituzionalizzate.»

    (G. Bolacchi, Potere e strutture sociali, p. 17)

  • 7/14«In conseguenza, tanto il fenomeno della dinamica cumulativa quanto quello della dinamica pendolare, se correttamente intesi, risultano del tutto estranei alla prospettiva teorizzata da Dahrendorf, la quale, se proprio la si vuole configurare in termini in qualche modo dinamici (usando il concetto di "dinamica" in modo traslato e al di fuori delle formalizzazioni date), non può non ridursi alla considerazione di un mero passaggio dei soggetti dai ruoli di subordinazione ai ruoli di comando e viceversa. Si arriva, insomma, alla incoerente conclusione di una presunta dinamica cumulativa che si esaurisce in un mero mutamento di personale nei ruoli di comando.»

    (G. Bolacchi, Potere e strutture sociali, pp. 17-18)

  • 8/14«Una analisi delle strutture sociali in termini di conflitto si traduce necessariamente in una formalizzazione delle componenti strutturali che si ritrovano nel processo di conflitto, prima fra tutte la componente del potere e quindi l’elemento della coercizione. Ma se si scompone il conflitto sociale (che non deve confondersi con il conflitto fondato sulla mera forza fisica) nei suoi momenti strutturali, dati dalle situazioni di potere, appare chiaro come tali situazioni siano subordinate alla categoria primaria della azione sociale di accettazione. In tal modo, formalizzando il fenomeno del conflitto in termini di "potere", quest'ultimo appare non già come un momento irriducibilmente distinto da quello della integrazione sociale, bensì come un momento direttamente connesso a quest'ultimo, tramite l'elemento della forza sociale

    (G. Bolacchi, Potere e strutture sociali, pp. 18-19)

  • 9/14«L'elemento più generale che caratterizza in senso proprio le interazioni sociali deve essere individuato nella comunione di interessi fondata sulla interrelazione. Questa interrelazione poggia sul fenomeno della integrazione degli interessi, che qualifica strutturalmente i gruppi sociali ed è la risultante dei due complessi e interdipendenti fattori della comunione degli interessi (per cui gli interessi possono avere oggetti comuni) e della interrelazione degli interessi (per cui gli interessi possono essere oggetto l'uno dell'altro), e costituisce l'elemento fondamentale di coesione di tutti i gruppi sociali.»

    (G. Bolacchi, Potere e strutture sociali, p. 21)

  • 10/14«La esplicazione del “potere” fornita da Parsons risente ovviamente dei presupposti che stanno alla base del suo sistema teorico. All’interno di tale sistema non ha alcun senso parlare di azione deviante, inquadrabile in termini di dinamica pendolare intesa come deviamento-reintegrazione. [...]

    In altre parole, se i soggetti non accettano totalmente o parzialmente i valori del gruppo, essi non possono essere obbligati a conformarsi a tali valori, proprio perché il gruppo è fondato sulla accettazione (internalizzazione). In questo caso, pertanto, i meccanismi di controllo debbono avere natura diversa da quella dei meccanismi tipici delle strutture di potere (azione di condizionamento).»

    (G. Bolacchi, Potere e strutture sociali, pp. 26-27)

  • 11/14«Il potere, come azione sociale condizionante, può assumere due fondamentali caratterizzazioni: quella di potere istituzionale e quella di potere deviante. La distinzione delle due forme di potere può individuarsi, anzitutto, non in ordine alla posizione di alternative di azione in termini di deviamento-reintegrazione, propria di ogni tipo di potere, bensì sotto un profilo funzionale. In tal senso può dirsi che la funzione del potere istituzionale si manifesta come una attuazione dei valori tipici dell’intero gruppo sociale cui il potere si riferisce; mentre la funzione del potere deviante si presenta come creazione di valori sociali nuovi rispetto a quelli istituzionalizzati nel sistema.»

    (G. Bolacchi, Potere e strutture sociali, pp. 27-28)

  • 12/14«L’antagonismo tra posizioni contrapposte di potere deviante è suscettibile di caratterizzazione in termini di dinamica cumulativa; quest’ultima concerne infatti tanto il mutamento in senso evolutivo degli interessi comuni e interrelati sui quali si fonda la forza sociale dei gruppi antagonistici, quanto le transizioni emergenti dalle interazioni tra gruppi di potere, cioè i mutamenti, in senso evolutivo, nel contenuto delle strutture istituzionalizzate di potere.»

    (G. Bolacchi, Potere e strutture sociali, p. 30)

  • 13/14«Delle due prospettive, quella della interrelazione è certamente la più generale in quanto, come si è detto, può essere relativa non solo a un insieme di interessi comuni, ma anche a due o più insiemi di interessi contrapposti (interessi disgiunti). Il momento della interrelazione, per cui un soggetto ha interesse a che un interesse di un altro soggetto venga soddisfatto o sacrificato, caratterizza sotto il profilo strutturale i rapporti sociali, siano essi di accettazione o di condizionamento, e costituisce il presupposto su cui si fonda lo status-ruolo (situazione sociale) come dimensione tipica della organizzazione sociale.»

    (G. Bolacchi, Potere e strutture sociali, p. 32)

  • 14/14La caratterizzazione della “classe” in termini di potere deviante esclude una caratterizzazione della stessa in termini di situazioni comuni di potere. Il ruolo di uno status di potere consiste, infatti, nell’esercizio del potere, non già nell’azione rivolta a mantenere o modificare una struttura istituzionalizzata di potere.»

    (G. Bolacchi, Potere e strutture sociali, p. 34)

G. Bolacchi, Osservazioni sul concetto di borghesia, in: Rassegna di Diritto Pubblico, fascicolo I, 1958

  • 1/17«Da questi brevi cenni sembra potersi concludere che – per il prof. Capurso – anzitutto non è isolabile con precisione, entro l’odierna società, una classe con contorni netti e definiti la quale possa qualificarsi come borghese, in secondo luogo che tale termine è, oggi, impropriamente adoperato ad indicare una serie di valori in qualche modo connessi con gli svolgimenti storici del fenomeno in esame ma che, da quest’ultimo, come da ogni realtà sociale, dovrebbero andare distinti, rappresentando essi la più elevata espressione del pensiero moderno, nel suo progressivo sviluppo razionalistico.»

    (G. Bolacchi, Osservazioni sul concetto di borghesia, p. 5)

  • 2/17«Un qualsiasi contributo alla impostazione e chiarificazione di questi problemi non può prescindere dallo studio degli svolgimenti storici che della borghesia caratterizzarono la progressiva ascesa; e, per far ciò, è indispensabile prendere le mosse, oltre che dalle situazioni di fatto che quella ascesa condizionarono, anche e soprattutto dalle correnti di pensiero a quella ascesa connesse. Se non si ripensano e non si comprendono queste ultime, il valore della Rivoluzione dell’89 e degli sconvolgimenti politico-sociali a questa susseguitesi fino ai nostri giorni, restano, per molti versi, inesplicabili.»

    (G. Bolacchi, Osservazioni sul concetto di borghesia, p. 5)

  • 3/17«Il significato della Rivoluzione appare così in tutta la sua profonda e decisiva portata: non si tratta, con la dichiarazione di sovranità del Terzo Stato, di colpire i privilegi nel loro aspetto meramente economico (che tali potevano anche essere quelli della borghesia), ma soprattutto di eliminare le ragioni giuridico-politiche su cui quelli si fondavano, cosa profondamente diversa, come balza chiaro ed evidente dalla polemica antiborghese dei legittimisti. Non contano, insomma, le situazioni di privilegio come tali, ma le ragioni e le giustificazioni su cui esse si fondano. Il 17 giugno non crollarono solo le particolari esenzioni o gli emolumenti di alcune centinaia di migliaia di persone, crollò un mondo; un insieme di valori e di miti che informava l’ordinamento giuridico di quella società venne sommerso e soppiantato da un nuovo ordinamento e, quindi, da nuovi valori e da nuovi miti e la giustificazione giuridico-politica del potere subì un radicale mutamento, che si tradusse nell’abbattimento di un vecchio ordine e nel sorgere di una nuova organizzazione sociale.»

    (G. Bolacchi, Osservazioni sul concetto di borghesia, p. 7)

  • 4/17«La esigenza a carattere rivoluzionario cui si è sopra accennato non deve però far credere che alla base della visione politico-sociale del Sieyes siano da ritrovarsi moventi di natura meramente economica: niente sarebbe più lontano dalla storica realtà dei fatti, di tale interpretazione. Molto probabilmente, i francesi del XVII e XVIII secolo non riuscivano neanche a immaginare, in via ipotetica, una società in cui i rapporti fra le classi potessero commisurarsi in termini di istanze sociali, quali quelle che vennero manifestandosi nei secoli seguenti. E se anche parlavano di ingiustizie sociali, non si riferivano certo a possibili ridistribuzioni della ricchezza, ma avevano di mira esclusivamente la abolizione dei privilegi giuridici dei due Stati superiori, intesa come eliminazione dell’ordine esistente per far posto a un nuovo ordine dal quale, in via mediata, sarebbe scaturita anche una più razionale ripartizione del peso fiscale tra i singoli cittadini e una maggiore oculatezza nelle spese della pubblica amministrazione. Lo stesso Sieyes parla sempre di privilegio per legge: “chiunque è privilegiato dalla legge, in qualunque maniera lo sia, esce dall’ordine comune, fa eccezione alla legge comune e, per conseguenza, non appartiene punto al Terzo Stato”.»

    (G. Bolacchi, Osservazioni sul concetto di borghesia, pp. 7-8)

  • 5/17«Solitamente si afferma che, in una prima fase, il movimento rivoluzionario è stato nelle mani della borghesia, per poi passare in quelle del popolo e, quindi, ritornare di nuovo in quelle della borghesia. Ora, è indubbio ed ovvio che, nella Francia dell’epoca, esistessero dei ceti sociali inferiori, ma tali strati più bassi della collettività non potrebbero certo dirsi popolari o proletari nel senso in cui oggi vengono adoperati i due termini: essi erano, al contrario, genuinamente borghesi in quanto avevano in comune, anche con coloro che stavano al vertice del Terzo Stato, gli stessi interessi alla eliminazione dell’antico regime se non gli stessi miti e gli stessi valori di democrazia e libertà. Un proletariato che fondasse istanze proprie di rivendicazione sociale era, ripetiamo, inconcepibile in questo periodo.»

    (G. Bolacchi, Osservazioni sul concetto di borghesia, p. 8)

  • 6/17«In tutta la analisi, peraltro, e durante tutto il corso del lavoro, la attenzione del prof. Capurso sembra si soffermi particolarmente su due punti fondamentali: la mancanza di partecipazione, da parte degli scrittori legittimisti, alle esigenze razionali della età moderna e, quindi, il completo disconoscimento, da parte loro, di quei principi e valori che caratterizzano la nostra cultura; e, di conseguenza, la tendenza a restringere questo insieme di ideali e di valori alla classe borghese da essi combattuta, non essendo possibile ai legittimisti medesimi, inquadrare quegli ideali e quei valori entro il più generale processo di espansione della ragione umana, tipico dell’età moderna, al di là dei limiti angusti che le erano stati assegnati durante il Medioevo.»

    (G. Bolacchi, Osservazioni sul concetto di borghesia, p. 12)

  • 7/17«Questa esigenza della età moderna, di sottoporre al giudizio della ragione tutte le sfere della attività umana, questo riportare e riporre tutto l’umano operare sul principio cartesiano della evidenza chiara e distinta non erano, dunque avvertiti dai legittimisti se non in funzione della Rivoluzione borghese; non erano da inquadrarsi in una più vasta prospettiva di sviluppo della moderna razionalità, ma costituivano solo uno degli assetti che avevano caratterizzato la azione politica della borghesia.»

    (G. Bolacchi, Osservazioni sul concetto di borghesia, p. 13)

  • 8/17«I confini giuridici della borghesia prima dell’89, non erano indubbiamente idonei a caratterizzare quest’ultima come classe sociale, proprio perché tra il piano giuridico e quello politico si era venuta a creare una evidente e grave mancanza di corrispondenza che aveva nel privilegio da una parte e nella sua assenza dall’altra il tratto più caratteristico. Donde l’affermazione del prof. Capurso per cui, in quella vigilia, la borghesia era “interiormente divisa per interessi, per ideali, per disposizioni politiche”.»

    (G. Bolacchi, Osservazioni sul concetto di borghesia, p. 16)

  • 9/17«Certo, se consideriamo in modo più unitario e sintetico la Rivoluzione dell’89, inquadrandola entro una prospettiva più vasta e completa, appare chiaro come quei fenomeni storici riassumano in sé il crollo e la conseguente disgregazione di tutta una civiltà. Il Toynbee fa consistere in tre punti la natura di un crollo: mancamento di potenza creatrice nella minoranza (cioè nella classe politica che detiene il potere) la quale diventa, perciò, una semplice minoranza dominante; corrispondente venir meno dei fenomeni di “fedeltà” e “mimesi” da parte della maggioranza governata; conseguente perdita di unità sociale entro la società considerata. In virtù del confluire di tali fattori, il corpo sociale si dissocia in due frazioni, date dalla minoranza dominante e dal c.d. proletariato interno.»

    (G. Bolacchi, Osservazioni sul concetto di borghesia, p. 23)

  • 10/17«Una minoranza dominante è, infatti, per Toynbee, “una classe governante che ha cessato di guidare e riesce oppressiva. A questa sfida, i proletari interni ed esterni della civiltà in declino rispondono secessionando e mettendo così le fondamenta di una nuova civiltà”.

    Ma questo proletariato borghese che, proprio in quanto tale e in rapporto alla classe dominante, costituiva un blocco sociale piuttosto compatto e omogeneo, a giudicare dalla polemica dell’abate Sieyes, possedeva esso stesso una propria forza sociale che gli veniva da una minoranza creatrice che ne stava al vertice e che ne aveva provocato il poderoso risveglio, agitando valori e idee le quali, con la loro vitale capacità propulsiva, avrebbero sommerso i miti dell’antico regime che andava disgregandosi: erano, questi, i valori fondati sulle esigenze di razionalità e libertà cui sopra abbiamo accennato.»

    (G. Bolacchi, Osservazioni sul concetto di borghesia, p. 24)

  • 11/17«Le idee e i valori dei singoli o di pochi che non siano diventate idee e valori di molti, non hanno mai creato o distrutto le civiltà; e queste ultime, per converso, hanno sempre poggiato su una comunione e interrelazione di interessi e valori, proprio perché qualsiasi gruppo sociale non può non essere qualificato, come tale, da un insieme di istanze generalissime, che del gruppo medesimo costituiscono fondamento e ragione. Da queste istanze e questi valori, la classe politica che ha il comando effettivo deriva direttamente il proprio potere che si fonda, pertanto, non già e non solo sulle peculiari capacità e attitudini di quella classe, bensì, soprattutto, sulla circostanza che quest’ultima si fa portatrice di quegli interessi che la collettività sottostante riconosce come propri e, quindi, si pone come mezzo, nei confronti di questa collettività, al fine del soddisfacimento degli interessi medesimi, cioè al fine della realizzazione dei valori comuni.»

    (G. Bolacchi, Osservazioni sul concetto di borghesia, pp. 24-25)

  • 12/17«È possibile che non pochi equivoci sul concetto di borghesia siano stati originati anche dalla identificazione, che spesso se ne è fatto, con il c.d. ceto medio. E, forse, la polemica dei legittimisti contro i borghesi, in uno dei suoi aspetti meno fondati e più discutibili, quello della apparente mediocrità di quei tempi e di quella società borghese, che tendeva ad assicurare al medio un predominio quasi incontrastato, ha dato l’avvio a questa erronea identificazione. Ma il concetto di classe media è così radicalmente diverso da quello di borghesia e, in generale, di classe o gruppo sociale, quanto un concetto quantitativo può esserlo nei confronti di uno qualitativo; sì che, quando si disconosce la effettiva omogeneità sociale ed ideologica della borghesia e si tenta, consciamente o inconsciamente, di definire questa con quel concetto di medio, i risultati non possono non essere approssimativi e confusi, il concetto di borghesia svanisce e si dissolve: diventa sinonimo di un aggregato di individui raggruppabili solo sulla base di una differenziazione meramente quantitativa tra i vari strati sociali.»

    (G. Bolacchi, Osservazioni sul concetto di borghesia, p. 26)

  • 13/17«La questione del proletariato ci si presenta così in tutta la sua portata e viene riallacciata, come già si è avuto modo di osservare, non solo a quel fenomeno sovvertitore che fu la rivoluzione industriale, ma anche a quell’enorme aumento della popolazione verificatosi negli ultimi secoli, in circostanze del tutto sfavorevoli ed in ceti assolutamente inadatti a curare la assimilazione culturale dei sopraggiunti. Venuta a mancare la possibilità di un dosato e progressivo inserimento di questo enorme gruppo di individui entro una preesistente struttura sociale caratterizzata in modo netto da una serie concreta di valori e, quindi, di interessi in senso lato filosofici, politici ed economici, è chiaro come tale insieme di sopraggiunti si sia ritrovato alla fine del tutto privo di qualsiasi elemento di coesione che sul piano della cultura e nell’ambito di una preesistente tradizione ne rendesse omogenea la funzionalità sociale; totalmente isolato da quella classe borghese ai cui valori non poteva ammettere partecipazione di sorta, ridotto a massa, cioè ridotto a puro e semplice aggregato di individui abbandonati a sé stessi, per usare una immagine suggerita da Röpke; la quale, peraltro, se pure logicamente coerente con le premesse da cui si è partiti, non tiene conto di un dato fondamentale: che cioè in qualsiasi aggregato sociale, di qualsiasi natura, deve necessariamente e in qualche modo sussistere un comune sistema di interessi e valori, non essendo concepibile un insieme di soggetti le cui reciproche interazioni possano esser compatibili con una massa sistematica di fini individuali tra loro divergenti. Ed è appunto questo l’elemento che spiega come il vuoto culturale derivato dalla mancata assimilazione dei valori borghesi da parte di quelli strati della popolazione che maggiormente risentirono dell’aumento demografico degli ultimi due secoli, sia stato automaticamente colmato dai valori e dai miti che il comunismo, in via immediata e storicamente necessaria, propose a quelle classi ed elaborò in compiuta costruzione teorica.»

    (G. Bolacchi, Osservazioni sul concetto di borghesia, p. 29)

  • 14/17«L’individuazione e la caratterizzazione della borghesia come classe sociale comporta, quindi, la individuazione di tutti gli interessi e non soltanto degli interessi meramente economici, che ne condizionarono, sotto un profilo sociologico, la omogeneità, la coerenza e la esistenza. È da respingere, pertanto, seppur non privo di utilità in sede storica, quel concetto economico di borghesia che, trasferito sul piano della storia economica (ove rappresenta un punto di vista metodologico dello studioso, utile ai fini di agevolargli la selezione del materiale da analizzare e di permettergli di volgere la propria attenzione solo all’approfondito esame, ai fini pratici, di parte di quel materiale), sul piano della concreta realtà sociale e della scienza sociologica, non può servire di per sé solo a qualificare la classe borghese in generale in quanto prescinde dalla considerazione degli altri interessi propri di questa classe a quell’interesse economico necessariamente e concretamente connessi e con esso in rapporti di stretta interdipendenza.»

    (G. Bolacchi, Osservazioni sul concetto di borghesia, pp. 32-33)

  • 15/17«Occorre, pertanto, ricercare una nozione formale di comportamento che ci dia del fenomeno considerato una caratterizzazione generalissima, applicabile a tutti i possibili tipi di azione e che quindi investa e chiarisca non solo il concetto di classe ma anche lo stesso concetto di azione sociale; e noi già sappiamo – come abbiamo avuto modo di osservare riassumendo le conclusioni del Perry – che una tale nozione non può prescindere da una considerazione dell’interesse come fondamentale dimensione pragmatica: è infatti l’interesse che sta alla base della azione e la qualifica in senso formale attribuendole quella natura e quella significazione che le sono proprie. Che vuol dire, infatti, azione che tiene conto del comportamento altrui e verso quest’ultimo risulta orientata, se non azione che pone a proprio fondamento un interesse, un particolare tipo di interesse, il cui sorgere è strettamente collegato alla dinamica dei rapporti inter-individuali? Si può anzi dire che la “social action theory” riceve il necessario completamento proprio da una adeguata teoria dell’interesse sulla quale non può non fondarsi: senza una esatta considerazione dell’interesse, come dimensione fondamentale del comportamento umano, ci resta infatti preclusa la comprensione dei fenomeni sociali nella loro effettiva portata.»

    (G. Bolacchi, Osservazioni sul concetto di borghesia, p. 35)

  • 16/17«Ora, ove si prescinda dal problema se il capitalismo sia causa oppur no di un accentuato ed estremo razionalismo, è indubbio che i due fenomeni appaiono correlati e interconnessi, e che tale correlatività e interconnessione si ritrovi anche fra razionalità da un lato e politica, religione, morale, diritto, filosofia e situazioni sociali in generale dall’altro lato; cioè fra l’interesse immediato comune proprio della classe borghese, così come sopra è stato delineato, e tutti gli interessi mediati nei confronti del primo, che in vario modo caratterizzano la classe medesima.»

    (G. Bolacchi, Osservazioni sul concetto di borghesia, p. 50)

  • 17/17«Posto che la appartenenza di un individuo a un gruppo sociale è determinata dalla effettiva adesione del medesimo ai valori e alle istanze su cui il gruppo stesso si fonda, è chiaro come i borghesi di ieri siano anche i borghesi di oggi, come la civiltà moderna sia civiltà borghese, le strutture di governo moderne siano strutture borghesi. Semmai, potrebbe dirsi che a quelle istanze dell’89 i borghesi di oggi abbiano aggiunto altre istanze quali quella cosiddetta sociale e, sotto certi aspetti, quella democratica; ma sol per questo, costoro potrebbero dirsi meno borghesi? Una sola differenza tra i vecchi e i nuovi borghesi esiste ed è questa: che gli antichi, prima della Rivoluzione, erano proletari nel senso del Toynbee, cioè componenti ma non partecipi della società cui appartenevano.

    Che la nuova società borghese sorta dopo il crollo e la disgregazione dell’antico regime, così come oggi si presenta nel mondo occidentale, contenga anch’essa in sé i germi della disgregazione oppur no, è cosa troppo attuale e difficile perché se ne possa discutere in questa sede; una tale disgregazione presupporrebbe in ogni caso – come si è visto – l’isterilimento di quelle idee e di quei valori che tanta parte hanno avuto e hanno nella nostra civiltà, nonché una degenerazione della élite portatrice di quelle istanze e interessi in maggioranza dominante tesa a conservare con la forza, in una con gli ideali borghesi, una posizione che non potrebbe più meritare.»

    (G. Bolacchi, Osservazioni sul concetto di borghesia, p. 51)

error: Protetto © Giulio Bolacchi