Posts tagged con ‘culture e atteggiamenti sociali’

  • Una Comunità del Mezzogiorno

    Con Staff su 1 Gennaio 2014
    0

    Gli studi sul sottosviluppo cominciano a essere piuttosto numerosi, quantunque ancora non si sia giunti a una coerente sistematizzazione teorica della materia. E anche sotto il profilo strettamente sociologico non mancano indagini serie, seppure orientate in senso molto spesso analitico, tendenti a una mera rilevazione e catalogazione dei dati empirici. È ovvio come a studi del genere non possa non riconoscersi una fondamentale importanza; ma è pure incontestabile come i tentativi volti a caratterizzare il fenomeno su un piano più propriamente teorico, mediante la individuazione di strutture sociali ad alto grado di generalità, debbano essere accolti con molta maggiore soddisfazione e suscitino un più largo interesse.

    Leggi tutto
  • Contro gli incendi (estratto 12)

    Con Staff su 28 Marzo 2014
    0

    «Due sono gli aspetti peculiari del tipo di cultura (cioè dei modi di vita istituzionalizzati) esistente nelle zone agro-pastorali, che sono quelle, come si è visto, in cui si manifesta con maggiore intensità il fenomeno degli incendi. Un primo aspetto concerne il fatto che la interazione sociale è normalmente limitata al gruppo primario, quale quello della famiglia estesa e in

    Leggi tutto
  • Contro gli incendi (estratto 11)

    Con Staff su 28 Marzo 2014
    0

    «A parte gli interventi sulle istituzioni sociali, mediante i quali si può ottenere una compatibilità degli stimoli informativi che influiscono sull’apprendimento rispetto agli obiettivi di una campagna promozionale volta allo sviluppo o alla modificazione degli atteggiamenti, si deve osservare che i metodi per modificare questi ultimi sono abbastanza complessi; a questo proposito si può dire, in linea di principio, che

    Leggi tutto
  • Contro gli incendi (estratto 9)

    Con Staff su 28 Marzo 2014
    0

    «Il fanciullo è al centro di un complesso processo di stimolazioni che gli provengono dai gruppi coi quali egli interagisce; i flussi di stimolazioni provenienti dai vari gruppi possono essere continui o segmentati, possono avere maggiore o minore forza di incidenza, a seconda che il gruppo venga assunto o meno come gruppo di riferimento. L’elemento temporale e l’elemento della forza

    Leggi tutto
  • Contro gli incendi (estratto 8)

    Con Staff su 28 Marzo 2014
    0

    «Gli atteggiamenti sono essenziali nell’orientare il comportamento dei soggetti in quanto fissano le modalità e le direttrici entro cui il comportamento si sviluppa. Dagli atteggiamenti dipendono i giudizi e le percezioni sugli altri soggetti, i valori ai quali si uniformano i comportamenti, il carattere conflittuale o non conflittuale dei rapporti intersoggettivi, la aggressività, la frustrazione; in sintesi, il modo di

    Leggi tutto
  • Contro gli incendi (estratto 7)

    Con Staff su 28 Marzo 2014
    0

    «Gli atteggiamenti si sviluppano durante il processo di socializzazione che ha luogo soprattutto nell’età evolutiva; quando il soggetto ha stabilizzato la propria personalità, il suo campo psicologico tende a divenire rigido e gli atteggiamenti acquisiti durante il processo di socializzazione si cristallizzano ed acquistano la caratteristica di stereotipi culturali. Questi ultimi non sono altro che atteggiamenti stabilizzati nel campo psicologico

    Leggi tutto
  • Contro gli incendi (estratto 6)

    Con Staff su 28 Marzo 2014
    0

    «La predisposizione generale di base di cui si è parlato sinora è un concetto che corrisponde a quello di propensione o atteggiamento usato nel campo della psicologia sociale; in questa prospettiva, il discorso che è stato formulato in precedenza può essere espresso dicendo che la pubblicità opera tentando di modificare gli interessi del soggetto (comportamenti specifici) e presuppone l’esistenza di

    Leggi tutto
  • Contro gli incendi (estratto 5)

    Con Staff su 28 Marzo 2014
    0

    «Nella maggior parte dei casi in cui si deve realizzare una campagna promozionale di tipo sociale, l’approccio persuasivo volto a ottenere da un gruppo di soggetti risposte funzionali rispetto agli obiettivi della campagna promozionale è radicalmente diverso dall’approccio pubblicitario di mercato. Ci si trova infatti di fronte a gruppi di soggetti che in linea di principio non hanno una predisposizione

    Leggi tutto
  • Contro gli incendi (estratto 4)

    Con Staff su 28 Marzo 2014
    0

    «Il senso di una campagna promozionale sociale concerne il fatto che la campagna è diretta verso un gruppo sociale che non ha alcuna predisposizione generale di base; non si tratta in questa ipotesi di persuadere un gruppo di soggetti già orientati verso l’acquisto di una lavatrice o di un televisore a comprare l’elettrodomestico X piuttosto che l’elettrodomestico Z; è come

    Leggi tutto
  • Gli interessi comuni della borghesia

    Con Staff su 2 Maggio 2014
    0

    Resterebbe ora da dire degli interessi e dei valori borghesi; su alcuni di tali valori si sono particolarmente soffermati Sombart e Groethuysen i quali, se si prescinde dalle prese di posizione metafisiche talora implicite nelle loro impostazioni, hanno certo fornito un contributo decisivo alla esatta determinazione della sfera di interessi economici e religiosi propri della borghesia.

    Leggi tutto
  • Il sequestro come fatto sociale (estratto 47)

    Con Staff su 22 Maggio 2014
    0

    «Il tentativo di riscrivere la storia (sarda e italiana) fondandola su un concetto formalistico-giuridico di stato realizza un’arbitraria separazione tra forma-stato e cultura-stato. In Sardegna la forma-stato non è mai stata collegata a una cultura-stato endogena, ma sempre a culture-stato esogene. Per questo motivo il Regno di Sardegna del 1324 e, più recentemente, il Regno d’Italia non esprimono fasi evolutive

    Leggi tutto
  • Il sequestro come fatto sociale (estratto 46)

    Con Staff su 22 Maggio 2014
    0

    «Se l’ordinamento istituzionalizza l’etica socializzante deve per coerenza dare realmente a ciascun soggetto un ruolo sociale ed economico. Di solito ciò non avviene, in quanto le modalità di acquisizione dei ruoli, legittimate (o istituzionalizzate) nel contesto sociale, non garantiscono situazioni paritetiche tra tutti i soggetti, data la diseguaglianza nella distribuzione delle risorse determinata dal sistema proprietario e dalla dinamica dell’accumulazione

    Leggi tutto
  • Il sequestro come fatto sociale (estratto 45)

    Con Staff su 22 Maggio 2014
    0

    «In breve, la storia (sociologica e antropologica) della cultura endogena (che non è storia di res gestae, di fatti direttamente o indirettamente istituzionalizzati, che hanno nella forma organizzativa statuale il proprio punto di riferimento, non è storia concernente l’evoluzione di modelli di interazione sociale) mostra che questa cultura, non solo non è mai riuscita ad esprimersi autonomamente, ma si è

    Leggi tutto
  • Il sequestro come fatto sociale (estratto 44)

    Con Staff su 22 Maggio 2014
    0

    «La storia passata, che qui viene presa in considerazione con riferimento alla dinamica strutturale (rispetto alla quale è considerata come parametro) e non alla dinamica evolutiva, è stata caratterizzata non solo dal persistente coinvolgimento negativo tra gli interessi della cultura endogena e quelli delle culture statuali esogene (di potere), ma anche dal contestuale atteggiamento di totale acquiescenza al dominio esterno da

    Leggi tutto
  • Il sequestro come fatto sociale (estratto 41)

    Con Staff su 22 Maggio 2014
    0

    «Il relativismo culturale costituisce uno degli aspetti più rappresentativi della società attuale. Di fronte alla pluralità degli atteggiamenti e dei valori, che rendono diversi i gruppi sociali e ne specificano i modelli di comportamento e di organizzazione generalizzati, bisognerebbe porsi il problema della integrazione dei molteplici sistemi di interazione sociale in una prospettiva di reciproco rispetto; che è poi la

    Leggi tutto
error: Protetto © Giulio Bolacchi