Posts tagged con ‘teoria e metodologia economica’

  • Conflitto di classe e stratificazione sociale

    Con Staff su 2 Marzo 2014
    0

    Dahrendorf, nell’introduzione alla sua opera Classi e conflitto di classe nella società industriale, ha fatto osservare come la maggioranza dei sociologi, a partire da Sombart e da Weber, abbia collegato il concetto di “classe” con i problemi della stratificazione sociale.

    Leggi tutto
  • Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici (estratto 18)

    Con Staff su 5 Giugno 2014
    0

    «La prima tipologia di vincoli è data dal fatto che le attività che determinano benefici sociali indotti eccedenti i benefici privati (esternalità) vengono sottodimensionate dal mercato, in termini di allocazione di risorse, rispetto al livello socialmente desiderabile (corrispondente alla massimizzazione del tasso di rendimento sociale). Il caso limite è quello della produzione dei beni pubblici, i cui benefici (sociali) sono

    Leggi tutto
  • Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici (estratto 17)

    Con Staff su 5 Giugno 2014
    0

    «La logica del mercato può essere esplicata in termini elementari rendendo endogena al linguaggio economico la variabile innovazione. In questo caso l’innovazione è espressa dalle scelte di investimento in ricerca e sviluppo che l’imprenditore realizza in funzione del rapporto costi/benefici privati di tale investimento e si diffonde primariamente mediante l’insieme di relazioni di concorrenza tra imprese, fondate su un apprendimento

    Leggi tutto
  • Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici (estratto 10)

    Con Staff su 5 Giugno 2014
    0

    «Nelle componenti operative della tecnologia inserite nel processo produttivo si manifesta il carattere di continuità che caratterizza l’innovazione imprenditoriale. Conseguentemente non ha senso postulare, secondo la prospettiva schumpeteriana spesso acriticamente recepita, solo un progresso tecnologico discontinuo. La continuità del processo innovativo si manifesta primariamente nella logica della produzione, in quanto ogni specifico atto produttivo e ogni specifico fattore del processo

    Leggi tutto
  • Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici (estratto 6)

    Con Staff su 6 Giugno 2014
    0

    «Come si vede, lo schema di riferimento di Hirschman, pur essendo in questo libro più ampio, resta ambiguo e generico, in quanto i fatti sociali sono definiti come forze esterne al mercato, cioè come completamento dell’insieme delle forze di mercato. Una prospettiva del genere, molto radicata e diffusa, non è compatibile con le politiche pubbliche di intervento nel sociale in

    Leggi tutto
  • Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici (estratto 5)

    Con Staff su 6 Giugno 2014
    0

    «L’idea che la dinamica dell’equilibrio possa essere estesa ai fattori umani, cioè alle variabili culturali (esogene rispetto alle variabili economiche), espressa da Clark, è tuttora molto comune anche se è fondata su una falsa generalizzazione, che non distingue tra le interazioni di scambio e di mercato oggetto dell’analisi economica e le altre e diverse tipologie di interazione sociale.» (G. Bolacchi,

    Leggi tutto
  • Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici (estratto 3)

    Con Staff su 6 Giugno 2014
    0

    «In questo senso, ad esempio, il concetto di progresso tecnico usato nell’ambito delle “scienze” sociali è del tutto diverso da quello usato nei modelli economici. Nel primo caso esso esprime l’innovazione tecnologica, è funzione di certe variabili sociali (quali tipologie di apprendimento e insegnamento, processi educativi, rinforzatori scientifici generalizzati nella società, gruppi di riferimento, mezzi di comunicazione orientati alla scienza)

    Leggi tutto
  • Politiche di sviluppo, innovazione, parchi scientifici e tecnologici (estratto 2)

    Con Staff su 6 Giugno 2014
    0

    «A differenza dei modelli di crescita economica, quelle che genericamente vengono chiamate teorie dello sviluppo contengono un amalgama di variabili sociali ed economiche, nel quale incide negativamente il presupposto latente di una presunta relazione causale, o più spesso il presupposto di una interdipendenza non meglio precisata, tra i due tipi di variabili. Più correttamente, i modelli di crescita economica tentano

    Leggi tutto
  • Oligopolio e crescita economica (estratto 27)

    Con Staff su 12 Giugno 2014
    0

    «Il sistema regionale si presenta pertanto come anomalo rispetto agli schemi esplicativi utilizzati con riferimento alle aree economiche sviluppate. Questa anomalia non può essere intesa nel senso che le leggi economiche non sono applicabili alle aree sottosviluppate, ma nel senso che l’ambito di significatività delle leggi economiche deve essere di volta in volta precisato mediante l’inserimento di predicati limitativi corrispondenti

    Leggi tutto
  • Oligopolio e crescita economica (estratto 8)

    Con Staff su 12 Giugno 2014
    0

    «Queste considerazioni debbono essere inquadrate nel contesto del linguaggio economico, il quale presenta, come tutti i linguaggi, un aspetto logico-sintattico e un aspetto semantico. Nel campo dell’economia questa distinzione è particolarmente importante dal punto di vista metodologico. Il discorso logico-sintattico è espresso in termini matematici e si traduce, con riferimento all’ipotesi neoclassica, nelle equazioni generali dell’equilibrio economico. Il discorso semantico

    Leggi tutto
  • Oligopolio e crescita economica (estratto 7)

    Con Staff su 12 Giugno 2014
    0

    «La configurazione di equilibrio nella teoria neoclassica viene realizzata mediante un insieme di relazioni di tipo logico-matematico, prive di connotazione storico-temporale. A tal fine si richiama l’idea – abbastanza rozza sotto il profilo metodologico – del cosiddetto “banditore walrasiano” o “mano invisibile”, cioè di una specie di meccanismo attraverso il quale possa ipoteticamente realizzarsi un flusso di informazioni tale da

    Leggi tutto
  • Oligopolio e crescita economica (estratto 6)

    Con Staff su 12 Giugno 2014
    0

    «Poiché il discorso keynesiano è assunto spesso come punto di riferimento da coloro che si occupano di problemi del sottosviluppo, è opportuno precisarne la corretta dimensione metodologica, al fine di evitare fraintendimenti concernenti la capacità esplicativa della scienza economica. Come si è visto Hirschman parla della rivoluzione keynesiana in termini di nuova economia e fonda questa affermazione sulla premessa, che

    Leggi tutto
  • Oligopolio e crescita economica (estratto 5)

    Con Staff su 12 Giugno 2014
    0

    «Tutti i tentativi di analisi “economica” che si fondano sul concetto di scambio ineguale e che da questo concetto traggono i corollari della diversità strutturale, in termini socio-economici, del paese periferico rispetto a quello centrale e della diversità delle leggi di sviluppo del paese periferico rispetto a quello centrale fanno ricorso a postulati anomali, sia rispetto ai postulati della scienza

    Leggi tutto
  • A new paradigm for the integration of the social sciences (estratto 7)

    Con Staff su 21 Giugno 2014
    0

    «Although economists tend to undervalue the set of other social behaviors that lie outside the language of economics, it is plain that if the assumption that all behaviors are in principle economic behaviors is rejected, then it is necessary to conclude that the set of factors distorting economic equilibrium is by definition exogenous to the economic system. It therefore becomes

    Leggi tutto
  • A new paradigm for the integration of the social sciences (estratto 5)

    Con Staff su 21 Giugno 2014
    0

    «In spite of this axiomatization (now a basic reference point for which all other social sciences should aim), within economics many problems referable to the uniqueness and global stability of equilibrium remain unsolved. But even more critical problems (perhaps including the first two) exist. They concern the semantic interpretation of the theory and are closely associated with the exclusion of

    Leggi tutto
error: Protetto © Giulio Bolacchi