Posts tagged con ‘fatti sociali’

  • Il sequestro come fatto sociale (estratto 39)

    Con Staff su 22 Maggio 2014
    0

    «Purtroppo non si riesce ancora a capire che ogni fenomeno sociale non nasce dal nulla, quasi fosse una manifestazione estemporanea di personalità isolate, ma è l’effetto di cause che bisogna ricercare nei processi interattivi; in breve, ogni comportamento umano è l’effetto diretto o indiretto di variabili sociali che lo determinano, cioè di altri comportamenti coi quali coesiste e interagisce. L’idea

    Leggi tutto
  • Il sequestro come fatto sociale (estratto 36)

    Con Staff su 22 Maggio 2014
    0

    «La storia studia i fatti passati nella loro irreversibilità individualizzata. La scienza sociale assume i fatti sociali come parametri o come variabili dipendenti o indipendenti e li inserisce nel proprio modello esplicativo (caratterizzato da una logica strutturale riferita a relazioni funzionali tra comportamenti), supponendo che le variabili (e a maggior ragione i parametri) si configurino nel contesto sociale considerato in

    Leggi tutto
  • Il sequestro come fatto sociale (estratto 33)

    Con Staff su 22 Maggio 2014
    0

    «Determinare cambiamenti nelle culture intervenendo sulle stesse mediante variabili esogene che non siano di tipo normativo-punitivo non è facile, soprattutto quando l’ordinamento politico è pluralistico e democratico; la classe politica tende infatti ad adeguarsi agli interessi della base del consenso, escludendo dal repertorio degli interessi pubblici qualsiasi atto che possa modificare le situazioni sociali esistenti. Anche in questo caso il

    Leggi tutto
  • Il sequestro come fatto sociale (estratto 32)

    Con Staff su 22 Maggio 2014
    0

    «La norma penale serve limitatamente (data la incerta rilevanza della punizione in presenza di interessi devianti aventi alti livelli di intensità) entro una cultura in cui non esiste deviamento sociale, ma solo deviamento singolo; non serve se si tenta di imporla a una cultura ad essa eterogenea, in cui la norma venga usata contro il deviamento sociale.» (G. Bolacchi, Il

    Leggi tutto
  • Il sequestro come fatto sociale (estratto 27)

    Con Staff su 22 Maggio 2014
    0

    «I conflitti fra diverse culture non si risolvono e non si possono risolvere usando solo gli strumenti del potere (in particolare del potere penale). Al massimo col potere penale si può risolvere (male) un conflitto tra stato e deviamento singolo; ma quando il deviamento è radicato profondamente in un contesto sociale, sarebbe opportuno chiedersi perché mai il deviamento sia tale solo

    Leggi tutto
  • Il sequestro come fatto sociale (estratto 24)

    Con Staff su 22 Maggio 2014
    0

    «Se il coinvolgimento positivo si realizza con riferimento a interessi devianti che hanno alto livello di intensità (come, ad esempio, nel caso in cui un gruppo sociale sia particolarmente sensibile a criteri di equità o giustizia distributiva definiti ovviamente secondo i paradigmi culturali tipici del gruppo), se gli interessi istituzionalizzati definiti dall’élite del potere non si modificano conformemente alle istanze

    Leggi tutto
  • Il sequestro come fatto sociale (estratto 15)

    Con Staff su 22 Maggio 2014
    0

    «I fatti sociali coinvolgono tutti, perché ciascun soggetto è un loro prodotto; coinvolgono perché nella personalità di ciascuno possono permanere atteggiamenti e propensioni difficilmente percepibili, che costituiscono aspetti residuali di una cultura endogena marginalizzata dalle stratificazioni di successive culture, ma pur sempre presente in qualche misura nell’ambiente sociale.» (G. Bolacchi, Il sequestro come fatto sociale, pp. 39-40)

    Leggi tutto
  • Il sequestro come fatto sociale (estratto 14)

    Con Staff su 22 Maggio 2014
    0

    «In una prospettiva scientifica non ha alcun senso postulare un unico schema di riferimento, quello normativo, da applicare in modo generalizzato a tutti i comportamenti devianti, dalla droga alle tangenti, dalla mafia alla devianza minorile, dal sequestro ad altre forme di deviamento socialmente rilevanti. Lo schema normativo (per definizione statico) unifica e uniforma tutte le tipologie di deviamento, differenziandole solo

    Leggi tutto
  • Il sequestro come fatto sociale (estratto 13)

    Con Staff su 22 Maggio 2014
    0

    «Se esiste una sub-cultura di sostegno (che trova nell’omertà diffusa un indicatore sociale importante) è difficile che una azione normativa istituzionalizzata orientata alla prevenzione possa realizzare effetti dissuasivi generalizzati; ed è altrettanto difficile che possano aversi effetti dissuasivi derivanti dalla pena annunciata. Uno schema di riferimento sociale è quindi essenziale per l’esplicazione del sequestro, perché consente di definire le varie tipologie (tra

    Leggi tutto
  • Il sequestro come fatto sociale (estratto 12)

    Con Staff su 22 Maggio 2014
    0

    «Nel caso della cooperazione tra una cultura istituzionalizzata e una sub-cultura di contrapposizione al deviamento si ha un coinvolgimento positivo di interessi tra le due culture, che ha ad oggetto azioni di prevenzione o di repressione nei confronti di comportamenti devianti compiuti da individui o da gruppi più o meno numerosi; per cui gli interessi di questi ultimi non solo

    Leggi tutto
  • Il sequestro come fatto sociale (estratto 10)

    Con Staff su 22 Maggio 2014
    0

    «Le forme di deviamento che si manifestano come fatti sociali (deviamenti sociali) presuppongono quindi sempre un rapporto di conflitto tra una cultura (normalmente istituzionalizzata) e una o più sub-culture che operano al suo interno. In questi casi, il deviamento può suscitare forti reazioni collettive (sotto forme di manifestazioni e proteste, come avviene per il sequestro in Sardegna o, estendendo in

    Leggi tutto
  • Il sequestro come fatto sociale (estratto 9)

    Con Staff su 23 Maggio 2014
    0

    «Il deviamento (sia esso un fatto sociale o non lo sia) implica sempre il riferimento a un gruppo più vasto, normalmente istituzionalizzato. Tuttavia la caratterizzazione del deviamento come fatto sociale (deviamento sociale) non si riferisce alla implicita presenza dell’organizzazione istituzionalizzata (che sanziona appunto il deviamento), ma si riferisce all’esistenza nel contesto sociale istituzionalizzato di sub-gruppi più o meno ampi di

    Leggi tutto
  • Il sequestro come fatto sociale (estratto 8)

    Con Staff su 23 Maggio 2014
    0

    «I fatti sociali devono essere definiti con riferimento alle relazioni tra ordinamento giuridico istituzionale e ordinamento sociale; ciò posto occorre tener presente che i due ordinamenti possono essere tra loro compatibili o non esserlo. In entrambi i casi può darsi che si abbiano gradi differenti di compatibilità (o incompatibilità), i quali determinano la misura della cooperazione (coinvolgimento positivo) o del

    Leggi tutto
  • Il sequestro come fatto sociale (estratto 7)

    Con Staff su 23 Maggio 2014
    0

    «Esistono almeno tre prospettive di riferimento, che possono essere utilizzate per spiegare il sequestro: una prospettiva prescrittiva (fondata sul paradigma valutativo-normativo) di tipo penalistico, la quale considera e analizza il sequestro, dal punto di vista dell’ordinamento giuridico, come elemento di una relazione istituzionalizzata del tipo: se deviamento, allora punizione; una prospettiva esplicativa (fondata sul paradigma scientifico), che considera e analizza

    Leggi tutto
  • Il sequestro come fatto sociale (estratto 6)

    Con Staff su 23 Maggio 2014
    0

    «A parte le situazioni emotive, gli atteggiamenti di insicurezza o di sfiducia, i comportamenti di fuga  o di difesa che il deviamento determina, quest’ultimo può generare o esprimere coinvolgimenti positivi di interessi riferiti a gruppi sociali più o meno vasti. In questi caso il deviamento diventa un fatto sociale. Ogni comportamento deviante compiuto da individui o da gruppi più o

    Leggi tutto
error: Protetto © Giulio Bolacchi