Posts tagged con ‘pluralismo’

  • Il sequestro come fatto sociale (estratto 41)

    Con Staff su 22 Maggio 2014
    0

    «Il relativismo culturale costituisce uno degli aspetti più rappresentativi della società attuale. Di fronte alla pluralità degli atteggiamenti e dei valori, che rendono diversi i gruppi sociali e ne specificano i modelli di comportamento e di organizzazione generalizzati, bisognerebbe porsi il problema della integrazione dei molteplici sistemi di interazione sociale in una prospettiva di reciproco rispetto; che è poi la

    Leggi tutto
  • Il sequestro come fatto sociale (estratto 4)

    Con Staff su 23 Maggio 2014
    0

    «Nei sistemi pluralistici le norme potenzialmente incompatibili con quelle istituzionalizzate possono esprimersi sul piano politico, in quanto la dinamica sociale è essa stessa istituzionalizzata e opera nello spazio sociale pre-istituzionale. Quando una cultura sub-statuale potenzialmente deviante varca i confini dello spazio sociale pre-istituzionale per realizzare un deviamento attuale, essa ha un livello di accettazione sociale molto elevato; in tal caso

    Leggi tutto
  • Processo di apprendimento e strutture ideologiche (estratto 14)

    Con Staff su 27 Giugno 2014
    0

    «Il fatto che in una società pluralistica le strutture sociali siano caratterizzate in termini ideologici implica che il consenso su cui si fondano gli status-ruoli istituzionalizzati, risultante da interessi interrelati in modo congiunto, sia un consenso ideologico. Ma gli interessi istituzionalizzati possono essere in conflitto con gli interessi, anch’essi di natura ideologica, di gruppi di soggetti che operano nello spazio

    Leggi tutto
  • Processo di apprendimento e strutture ideologiche (estratto 3)

    Con Staff su 27 Giugno 2014
    0

    «Nel sistema pluralistico l’interesse deviante del soggetto può essere soddisfatto in modo indiretto nell’ambito dello spazio sociale pre-istituzionale entro cui il soggetto può agire tentando di modificare le strutture del sistema. Il regime democratico costituisce un esempio di istituzionalizzazione del mutamento che consente agli interessi in conflitto con quelli istituzionalizzati di esprimersi nell’ambito del pre-istituzionale al fine di una modificazione

    Leggi tutto
  • È possibile la società non ideologica fondata sulla scienza sociale?

    Con Staff su 1 Maggio 2015
    0

    L’eliminazione dei rapporti di tipo corporativo consente di ottenere il maximum di funzionalità delle strutture didattiche con riferimento alla possibilità dei soggetti socializzati in modi diversi di soddisfare i propri interessi nell’ambito di un sistema ideologico pluralistico. Tuttavia rimane il limite fondamentale della pluralità delle ideologie; tale limite implica l’esistenza di società fondate sul conflitto e sulla competizione e quindi la rinuncia a utilizzare la scienza sociale per la soluzione dei problemi dell’uomo.

    Leggi tutto
  • Strutture didattiche e strutture di potere

    Con Staff su 2 Maggio 2015
    0

    Il fenomeno del potere caratterizza le strutture sociali fondate su base ideologica (siano esse pluralistiche o collettivistiche), cioè le strutture sociali fondate sul conflitto di valori (interrelazione disgiunta tra interessi non compatibili col discorso scientifico). Il potere è infatti il mezzo attraverso il quale una ideologia prevale su un’altra, in quanto l’unico modo per risolvere il conflitto di valori è quello di confrontare la forza sociale delle ideologie in conflitto, non essendo possibile utilizzare criteri obiettivi (intersoggettivi).

    Leggi tutto
  • Il processo di apprendimento nelle strutture sociali di tipo ideologico

    Con Staff su 4 Maggio 2015
    0

    Il processo di apprendimento scolastico implica tre fattori fondamentali: (a) un interesse alla conoscenza (interesse alla soluzione dei problemi) acquisito durante il processo di socializzazione; (b) un insieme di comportamenti strumentali volti al soddisfacimento dell’interesse alla conoscenza, collegati a un insieme di informazioni da apprendere le quali operano come rinforzatori secondari; (c) un insieme di rinforzatori primari positivi collegati all’interesse alla conoscenza, che operano mediante la programmazione dell’insegnamento (consistente in una successione di rinforzamenti primari).

    Leggi tutto
  • Il mutamento sociale nel pluralismo e nel collettivismo

    Con Staff su 8 Maggio 2015
    0

    Fatte queste precisazioni possiamo analizzare il modo in cui opera il cambiamento sociale nel due tipi di sistemi. Dal punto di vista del cambiamento le società pluralistiche presentano un alto grado di dinamismo, cioè una elevata possibilità di modificazione dei fini sociali istituzionalizzati.

    Leggi tutto
  • Sistemi pluralistici e sistemi collettivistici

    Con Staff su 9 Maggio 2015
    0

    Occorre innanzi tutto distinguere tra gruppi di soggetti i cui interessi siano tutti interrelati in modo congiunto e gruppi di soggetti i cui interessi siano tutti interrelati in modo disgiunto. Il primo caso corrisponde alla società collettivistica, mentre il secondo corrisponde alla società atomistica fondata sul conflitto (società pluralistica).

    Leggi tutto
  • Impresa e mercato. I vincoli all’operare in Italia

    Con Staff su 1 Novembre 2015
    0

    L’analisi dei vincoli all’operare delle imprese è molto importante. Credo però che questo convegno debba fare non tanto un lavoro di analisi quanto di sintesi, nella quale i vincoli possano essere compiutamente esplicati in una dimensione teorica.

    Leggi tutto
  • Pluralismo e innovazione

    Con Staff su 1 Gennaio 2016
    0

    Il concetto di pluralismo pone l’accento non già sul garantismo come libertà negativa, né sulla partecipazione come libertà positiva; sono queste, dimensioni ormai acquisite alla prassi e al pensiero politico delle moderne società occidentali. Esso pone piuttosto l’accento sul fatto che la società moderna si articola e si ristruttura in un insieme di gruppi e sub-gruppi, ciascuno dei quali tenta di diversificarsi perché porta avanti, in un settore più o meno specifico, un proprio autonomo discorso culturale.

    Leggi tutto
  • Egemonia o pluralismo?

    Con Staff su 2 Gennaio 2016
    0

    Da che cosa sorge l’esigenza del pluralismo? Dal fatto che, allo stato attuale, non esistono criteri che consentano di stabilire in modo intersoggettivo un ordine tra gli interessi delle varie classi che competono per gestire il potere politico. L’unico criterio d’ordine finora accettato e istituzionalizzato è quello codificato nel metodo pluralistico.

    Leggi tutto
  • Definiamo il pluralismo

    Con Staff su 3 Gennaio 2016
    0

    Il pluralismo è un tipo di sistema sociale mediante il quale il conflitto tra gruppi non viene eliminato, ma viene solo istituzionalizzato, cioè viene reso compatibile con la presenza di una società più vasta entro cui i gruppi in conflitto operano. Il pluralismo serve a rendere compatibile la coesistenza di gruppi in conflitto. Esso quindi non elimina il conflitto ma lo regola.

    Leggi tutto
error: Protetto © Giulio Bolacchi