Posts tagged con ‘prospettive sociologiche’

  • Teoria delle classi sociali (estratto 11)

    Con Staff su 12 Agosto 2014
    0

    «Vedremo nel corso della presente indagine come la prospettiva della lotta di classe e quella del potere, visto come momento dinamico non riconducibile a un tipo determinato di situazione sociale, vengano fuse da Dahrendorf, il quale tenta appunto di fondare la dinamica del conflitto in termini di potere e il potere in termini di struttura di autorità in associazioni coordinate

    Leggi tutto
  • Teoria delle classi sociali (estratto 10)

    Con Staff su 12 Agosto 2014
    0

    «In altre parole, mentre Marx individua quel particolare momento della dinamica sociale che si traduce nella lotta di classe, ma non ne esplica la struttura in termini scientifici, in quanto non isola la categoria del potere, Weber fonda, al contrario, la sua teoria della stratificazione sociale su una esplicazione del “potere” come categoria sociologica, quantunque non riesca a vederne l’aspetto

    Leggi tutto
  • La struttura del potere (estratto 9)

    Con Staff su 4 Novembre 2014
    0

    «La coercizione è vista di solito in termini di impedimento o di costrizione mediante la assegnazione di una pena. Su questo punto Dahl si discosta dagli altri autori affermando che la coercizione può essere negativa o positiva: la prima si fonda sulla minaccia di una grave punizione, la seconda sulla prospettiva di vantaggi molto grandi. Per Dahl tanto la coercizione

    Leggi tutto
  • La struttura del potere (estratto 7)

    Con Staff su 4 Novembre 2014
    0

    «L’errore fondamentale che vizia l’analisi di Oppenheim è dato dal fatto che essa è svolta con metodo tassonomico, mediante una catalogazione dei diversi usi che i termini “controllo”, “influenza”, “impedimento”, “non-libertà”, “preclusione”, “punibilità”, “potere”, “libertà”, hanno nel linguaggio comune, senza neppure tentare di esplicare gli stessi sulla base di uno schema teorico unitario. La sua analisi presenta quindi le medesime

    Leggi tutto
  • Potere e strutture sociali (estratto 10)

    Con Staff su 5 Novembre 2014
    0

    «La esplicazione del “potere” fornita da Parsons risente ovviamente dei presupposti che stanno alla base del suo sistema teorico. All’interno di tale sistema non ha alcun senso parlare di azione deviante, inquadrabile in termini di dinamica pendolare intesa come deviamento-reintegrazione. In altre parole, se i soggetti non accettano totalmente o parzialmente i valori del gruppo, essi non possono essere

    Leggi tutto
  • Potere e strutture sociali (estratto 7)

    Con Staff su 5 Novembre 2014
    0

    «In conseguenza, tanto il fenomeno della dinamica cumulativa quanto quello della dinamica pendolare, se correttamente intesi, risultano del tutto estranei alla prospettiva teorizzata da Dahrendorf, la quale, se proprio la si vuole configurare in termini in qualche modo dinamici (usando il concetto di “dinamica” in modo traslato e al di fuori delle formalizzazioni date), non può non ridursi alla considerazione

    Leggi tutto
  • Potere e strutture sociali (estratto 6)

    Con Staff su 5 Novembre 2014
    0

    «Senonché, il concetto di “autorità”, che deve essere formalizzato in termini di “potere”, appartiene a quello stadio di considerazione delle strutture sociali che studia i mutamenti che si verificano all’interno delle stesse e che si traducono in processi di auto-riequilibramento; questi processi consistono in movimenti pendolari, per cui rompendosi l’equilibrio strutturale intervengono forze interne alla struttura che riequilibrano il sistema riportandolo

    Leggi tutto
  • Potere e strutture sociali (estratto 5)

    Con Staff su 5 Novembre 2014
    0

    «Riassumendo, per Dahrendorf nelle strutture sociali sussisterebbero elementi o forze qualificabili come parti costitutive e quindi funzionali all’interno delle stesse (questa ipotesi sarebbe appunto quella presa in considerazione dal Parsons e da lui svolta in termini strutturali-funzionali); ed esisterebbero impulsi operanti nel senso del superamento e del mutamento delle strutture, cioè come variabili non subordinate alla categoria della struttura e,

    Leggi tutto
  • Potere e strutture sociali (estratto 4)

    Con Staff su 5 Novembre 2014
    0

    «Naturalmente, in una comunità interrelata fondata sulla accettazione, il processo di interazione, oltre che in termini di internalizzazione di valori comuni, può essere visto sotto un profilo strutturale e cioè in termini di dinamica pendolare qualificata dal rapporto deviamento-irrilevanza. La critica che si può muovere a Parsons a questo proposito, è che egli pur utilizzando concetti quali quelli di “omeostasi”,

    Leggi tutto
  • Potere e strutture sociali (estratto 3)

    Con Staff su 5 Novembre 2014
    0

    «In una società nella quale tutti i soggetti abbiano internalizzati i valori comuni ed i cui interessi sociali siano relativi esclusivamente all’esercizio dei ruoli istituzionalizzati, l’unica possibilità di isolare differenti gruppi entro la stessa è data dalla considerazione degli status-ruoli in cui i soggetti si trovano. Il punto di arrivo di questa linea di pensiero è costituito dall’opera di Parsons,

    Leggi tutto
  • Potere e strutture sociali (estratto 2)

    Con Staff su 5 Novembre 2014
    0

    «I problemi della statica e della dinamica, così come sono stati impostati dalla scienza economica e più in generale nell’ambito delle scienze sociali, presuppongono, come si è fatto osservare all’inizio a proposito del collegamento del concetto di “classe” con i problemi della stratificazione sociale, una considerazione dell’ordinamento economico e in senso lato dell’ordine sociale in termini di organizzazione e integrazione.

    Leggi tutto
  • Considerazioni riassuntive sul problema della legittimità del potere in Ferrero e in Weber

    Con Staff su 10 Novembre 2014
    0

    Il problema centrale che emerge dalle indagini di Weber e di Ferrero è quello della legittimità del potere. Legittimità intesa come giustificazione del potere, cioè del diritto a comandare.

    Leggi tutto
  • Osservazioni sul concetto di borghesia (estratto 15)

    Con Staff su 13 Novembre 2014
    0

    «Occorre, pertanto, ricercare una nozione formale di comportamento che ci dia del fenomeno considerato una caratterizzazione generalissima, applicabile a tutti i possibili tipi di azione e che quindi investa e chiarisca non solo il concetto di classe ma anche lo stesso concetto di azione sociale; e noi già sappiamo – come abbiamo avuto modo di osservare riassumendo le conclusioni del

    Leggi tutto
  • Osservazioni sul concetto di borghesia (estratto 8)

    Con Staff su 13 Novembre 2014
    0

    «I confini giuridici della borghesia prima dell’89, non erano indubbiamente idonei a caratterizzare quest’ultima come classe sociale, proprio perché tra il piano giuridico e quello politico si era venuta a creare una evidente e grave mancanza di corrispondenza che aveva nel privilegio da una parte e nella sua assenza dall’altra il tratto più caratteristico. Donde l’affermazione del prof. Capurso per

    Leggi tutto
  • Osservazioni sul concetto di borghesia (estratto 6)

    Con Staff su 13 Novembre 2014
    0

    «In tutta la analisi, peraltro, e durante tutto il corso del lavoro, la attenzione del prof. Capurso sembra si soffermi particolarmente su due punti fondamentali: la mancanza di partecipazione, da parte degli scrittori legittimisti, alle esigenze razionali della età moderna e, quindi, il completo disconoscimento, da parte loro, di quei principi e valori che caratterizzano la nostra cultura; e, di

    Leggi tutto
error: Protetto © Giulio Bolacchi